235 Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio La Cremonese chiude vittoriosa - vascellocr.it | seriec1 | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

logo di seriec1.ilcannocchiale.it rassegna stampa della lega pro prima divisione
Blog letto 1 volte












div>

Tim Cup 2009/2010, Risultati completi,
Tabellone, Regolamento

Coppa Italia 2009/2010
Risultati e Calendario
Siti Ufficiali


prima pagina della Gazzetta dello Sport

prima pagina del Corriere dello Sport

prima pagina di Tuttosport

il cirotano



Verdetti 2010-2011
Retrocesse dalla serie B
Frosinone Portogruaro
Triestina Piacenza
Promosse dalla 2a Div
Tritium Carpi
Latina FeralpiSalò
Carrarese Trapani
Retrocesse in 2a Div
Paganese Cavese
Monza Sudtirol
Ternana Cosenza
Promosse in serie B
Gubbio Nocerina
H.Verona Juve Stabia


Supercoppa 2010-2011
22 - 26 maggio
Gubbio Nocerina 1 - 1
Nocerina Gubbio 0 - 1
Vincente: Nocerina


Play Off Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Verona Sorrento 2 - 0
Salernitana Alessandria 1 - 1
Girone "B"
Juve Stabia Benevento 1 - 0
Taranto A. Roma 0 - 1
5 giugno 2011
Girone "A"
Sorrento Verona 1 - 1
Alessandria Salernitana 1 - 3
Girone "B"
Benevento Juve Stabia 1 - 1
A. Roma Taranto 2 - 3
Finali Play Off 2011
Andata 12 giugno
Verona Salernitana 2 - 0
Juve Stabia A. Roma 0 - 0
Ritorno 19 giugno
Salernitana Verona 1 - 0
A. Roma Juve Stabia 0 - 2


Play Out Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Sudtirol Ravenna 1 - 0
Monza Pergocrema 1 - 0
Girone "B"
Viareggio Cosenza 3 - 1
Foligno Ternana 1 - 0
5 giugno 2011
Girone "A"
Ravenna Sudtirol 2 - 1
Pergocrema Monza 1 - 0
Girone "B"
Cosenza Viareggio 0 - 1
Ternana Foligno 1 - 1


Lega Pro 1a Div - Girone A
10a giornata - 25 ott 09
Alessandria Viareggio 0 - 0
Como Arezzo 0 - 0
Classifica - 10a giornata
 1  Novara 24   
 2  Cremonese 22

Serie C1 Rassegna Web Prima Divisione Lega Pro





































sfoglia    aprile        giugno


18 maggio 2009

La Cremonese chiude vittoriosa - vascellocr.it

Argilli, il ritiro non è ancora del tutto scontato, ma di sicuro lascerà Cremona

di Alexandro Everet


Al quarantatresimo del secondo tempo, giustamente, Venturato ha fatto esordire il giovane Dell'Anna togliendo Argilli. Una scelta che ha permesso ad Argilli di raccogliere gli applausi del pubblico grigiorosso, il premio a due anni (a Cremona) e a una carriera all'insegna della professionalità. Uscendo Argilli ha fatto chiari segnali con le braccia per dire "basta così".

Negli spogliatoi però ha spiegato che il suo ritiro dal calcio professionistico non è ancora scontato. In compenso è sicuro che lascerà Cremona.
"Ci sto pensando, non ho ancora deciso., Sono comunque contento di aver concluso i due anni a Cremona ricevendo applausi dal pubblico. E' importante. Ora devo vedere cosa mi dicono la testa e anche mia moglie. Io però sono uno che si lascia convincere perciò se si presentasse un dirigente determinato a farmi continuare penso che ce la potrei fare ad andare avanti. E' anche vero che è giusto chiudere senza raschiare il barile, meglio finire con gli applausi che con i fischi.

Mi dispiace solo non essere riusciti a centrare l'obiettivo della serie B in questi due anni a Cremona, questo è appunto un dispiacere e un obiettivo mancato a livello personale e di squadra. Oggi abbiamo giocato bene senza pressione? Sì ma negli ultimi tempi abbiamo giocato bene anche con la pressione addosso. La squadra ha finalmente uno spirito diverso e il merito è dell'allenatore che merita di continuare nel calcio che conta e che spero lo faccia qui perchè ci tiene. Sono contento dei suoi buoni risultati perchè nel calcio di C contano le motivazioni e lui le ha".


Antony Dell'Anna, l'esordiente di Cremonese - Novara (foto Mauro Gaimarri)

Venturato: "Andiamo al futuro, lasciando con questo 2 a 0 un messaggio positivo"

di Andrea Rossi


Con la vittoria sul Novara Roberto Venturato chiude la sua parentesi sulla panchina con 13 punti in 8 partite frutto di 4 vittorie, 1 pareggio e 3 sconfitte. Un bilancio non disprezzabile, dato anche il calendario non facile. Venturato ottiene così una media-punti di 1,62 a partita, la migliore del lotto rispetto a Iaconi (1,37 con 22 punti in 16 giornate) e Mondonico (1 punto a partita con 10 punti in 10 gare).
Una media-punti discreta che peraltro sia pure di poco non sarebbe bastata a centrare i playoff: se mantenuta per tutto il campionato i grigiorossi avrebbero infatti ottenuto 53 punti, restando esclusi dai playoff sia pure per un solo punto. Bisogna però aggiungere che grazie alla vittoria sul Novara la classifica parziale della gestione Venturato (cioè delle 8 giornate in cui sulla panchina grigiorossa c'era appunto Venturato) è migliorata e la Cremonese chiude in questa speciale graduatoria al terzo-sesto posto ex-aequo, cioè in zona playoff.
Diciamo quindi che Venturato ha centrato la sua missione. Il che suona però a ulteriore condanna per i giocatori (e i dirigenti che li hanno scelti) che per molte giornate sia con Iaconi che con Mondonico hanno avuto un rendimento insufficiente (e gli allenatori avranno avuto le loro colpe ma i giocatori ci hanno messo parecchio di proprio). Per darvi un'idea pubblichiamo la classifica parziale solo delle ultime 23 partite (cioè dall'inizio della crisi grigiorossa: nella prime 11 giornate pur senza brillare i grigiorossi avevano ottenuto 19 punti piazzandosi al quarto posto a soli 4 punti dalla vetta della classifica):

CESENA 47
RAVENNA 45
REGGIANA 38
PADOVA 36
PRO PATRIA 36
HELLAS VERONA 36
PORTOGRUARO 36
SPAL 33
PERGOCREMA 32
LUMEZZANE 31
CREMONESE 26
NOVARA 26
PRO SESTO 26
VENEZIA 25
MONZA 25
LECCO 22
SAMBENEDETTESE 22
LEGNAN=17

Roberto Venturato: “Oggi era importante lasciare un segnale positivo, un sorriso dopo una stagione così sofferta; era importante soprattutto per noi stessi, per la gente che crede nel lavoro che abbiamo fatto. Aver lasciato un segnale positivo è importante anche per il futuro. In questo finale di stagione abbiamo fatto buone prestazioni, non abbiamo mollato, i ragazzi hanno dimostrato professionalità: ci sono qualità che nel corso dell’anno non sempre siamo riusciti a far vedere, ma in quanto a professionalità ed impegno non siamo mai mancati.

Rimpianti? Tanti, a cominciare dal non essere riusciti a portare a casa la Coppa Italia pur avendone l’occasione: avrebbe potuto dare una gratificazione al Presidente, ai ragazzi; ci rimane l’aspetto di aver in qualche modo salvato la stagione nell’ultimo periodo con prestazioni buone. E questo, ripeto, è un segnale importante per cercare di fare meglio in futuro.

Come giudico il mio mandato? Quando si subentra dopo delle problematiche non si fa mai un vero e proprio cambio; ho grande rispetto per il lavoro che ha svolto chi mi ha preceduto. Nello sport bisogna accettare anche di non riuscire a fare ciò che ci si prefigge.

La gara di oggi? Abbiamo giocato bene, non a grandi ritmi in una giornata molto calda. Come distribuzione ed equilibrio in campo abbiamo fatto molto bene: ci tenevamo a finire con un risultato positivo. Argilli col numero 8? Argilli ha caratteristiche per giocare in mezzo al campo: alla fine non ne aveva più, il passo in mezzo al campo è diverso da quello che si tiene giocando dietro. In generale c’è stato l’atteggiamento giusto: questo sorriso finale, nel senso della vittoria conquistata davanti al nostro pubblico, ci fa piacere”.


Marco Gori: “Sono soddisfatto per la vittoria, la soddisfazione personale del gol è rimasta sui piedi del loro portiere. Pazienza. L’azione del secondo gol? Willi mi ha dato un gran pallone, l’ho controllato bene, ho messo in mezzo, poi Teme è stato bravo a girarlo in rete. E’stato un anno sfortunato, un anno caratterizzato da un doppio infortunio che mai prima d’ora avevo avuto: ma quando l’annata va in questo modo, non è solo colpa della sfortuna. Mi prendo le mie responsabilità. Guardo al futuro con l’idea di migliorare: ho un altro anno di contratto con la Cremonese. Oggi? Il campionato non aveva più nulla da dire, però chiudere con una vittoria era l’obiettivo minimo. L’abbiamo centrato”.

Massimo Coda: “Personalmente sono soddisfatto della mia stagione: sono arrivato da quarta punta, mi sono ritagliato spazio, ho segnato 6 gol. Meno soddisfatto, ovviamente, per quanto riguarda il discorso di squadra. Non abbiamo centrato gli obiettivi che ci eravamo prefissati, abbiamo cambiato ben 3 allenatori, abbiamo mancato la Coppa Italia per un soffio. Il futuro? Sono del Bologna, vedremo. E la Cremonese? Mai dire mai”.

Dell’Anna: “E’ stata una grande emozione; non me l’aspettavo ad inizio stagione di poter un giorno esordire. E’ stata davvero una grande emozione, non so manca spiegarla a parole. Mi metto a disposizione: se un giorno il mister mi vorrà dare altre occasioni, mi farò trovare pronto. Cosa mi ha detto il mister? Di stare da parte a Carotti e di giocare come sapevo”.

Col Novara quarta vittoria consecutiva allo "Zini"

La vittoria col Novara permette ai grigiorossi di migliorare il bilancio coi piemontesi che resta peraltro negativo: 8 vittorie a 15 (con 15 pareggi) in assoluto e 5 vittorie a 7 (con 7 pareggi) allo Zini. In compenso il trend degli ultimi anni è molto positivo: i grigiorossi hanno vinto consecutivamente le ultime 4 partite di campionato giocate allo Zini col Novara e non perdono con gli azzurri dal 2003. Quest'anno inoltre fra campionato e Coppa Italia i grigiorossi hanno ottenuto 2 vittorie e 2 pareggi restando imbattuti coi novaresi.

Un debutto, quello di Antony dell'Anna

La partita col Novara ha segnato la prima volta del grigiorosso Antony Dell'Anna, entrato in campo nel finale e al debutto. Non era al debutto invece Stefano Fanfoni, già titolare con Mondonico a Legnano. In panchina infine i giovani Andrea Favalli e Matteo Marchesi.

I verdetti dell'ultima giornata di Lega Pro

Cesena subito in B, playoff per Pro Patria, Ravenna, Padova e Reggiana, la Cremonese (2-0 sul Novara) mantiene il primato del calcio provinciale

Il Pergocrema sconfitto 2-1 a Ferrara - Nel girone A retrocede il Legnano, ai playout Pro Sesto, Lecco, Sambenedettese, Venezia - Nel girone B direttamente in B il Gallipoli, retrocede il Potenza, ai play off Benevento, Crotone, Arezzo e Foggia - Il Pizzighettone lascia i professionisti (ed era già noto), in testa alla pari Alessandria e Varese, salgono i lombardi. Le reti grigiorosse realizzate agli estremi della gara, da Coda all'inizio e Temelin nel finale

La rete di Coda, sono trascorsi solo 7' dall'inizio (foto Ivano Frittoli)


di Alexandro Everet


Missione compiuta, per una volta. La Cremonese chiude con dignità il suo campionato battendo meritatamente il Novara 2-0 con gol di Coda e Temelin. Una vittoria meritatissima, sicuramente ottenuta contro un avversario demotivato ma altrettanto ottenuta mettendo in campo senza remore la giusta professionalità (a differenza di altre occasioni..). Un risultato che permette ai grigiorossi di chiudere al nono posto, superando il Pergocrema ed evitando l'onta di perdere la supremazia provinciale.
Sulla partita davvero poco da dire. Le due squadre avevano molti assenti ma a fare la differenza sono state le motivazioni che la Cremonese ha esibito in più. Non c'è stata praticamente storia con i grigiorossi sempre all'attacco e financo un po' spreconi, complice la bravura del portiere ospite Brichetto.
Resta comunque la delusione di un campionato fallimentare, manifestata dal pubblico con cori inequivocabili contro i giocatori e Turotti. In compenso ci sono stati cori convinti per il presidente Arvedi. E proprio da Arvedi bisognerà ripartire. Il presidente è la certezza più solida della Cremonese per costruirle un futuro. Dopo due anni di delusioni sarebbe ora che anche Arvedi provasse qualche gioia.



Nove tiri in porta a zero

I numeri di Cremonese-Novara confermano il netto dominio dei grigiorossi. Sono davvero eloquenti: 9 tiri in porta a 0. E abbiamo detto tutto. Eccoli nel dettaglio:
TIRI TOTALI Cremonese 15 (4 Guidetti 2 Gori 2 Temelin 2 Coda 2 A. Bianchi 1 Argilli 1 Vitofrancesco 1 Viali) Novara 3 (1 Evola 1 Rubino 1 Porcari)
TIRI IN PORTA Cremonese 9 (2 Guidetti 2 Gori 2 Temelin 1 Coda 1 Viali 1 A. Bianchi) Novara 0
TIRI FUORI Cremonese 6 (2 Guidetti 1 Argilli 1 A. Bianchi 1 Coda 1 Vitofrancesco) Novara 3 (1 Evola 1 Rubino 1 Porcari)
FALLI COMMESSI Cremonese 20 (4 Guidetti 4 Fanfoni 3 Carotti 2 A. Bianchi 2 Argilli 2 Gori 1 Viali 1 Coda 1 Dell'Anna) Novara 16 (6 Legati 4 Porcari 2 Ludi 2 Brizzi 1 Lanteri 1 Bertani)
FALLI SUBITI Cremonese 14 (4 Gori 3 Carotti 2 Argilli 2 Viali 1 Guidetti 1 A. Bianchi 1 Temelin) Novara 20 (3 Chiappara 3 Porcari 3 Brizzi 2 Legati 2 Morganti 2 Centurioni 2 Lanteri 1 Bertani 1 Ludi 1 Evola)
FUORIGIOCO Cremonese 1 (1 Guidetti) Novara 2 (1 Bertani 1 Legati)

CREMONESE 4-4-2 G. Bianchi; A. Bianchi, Viali, Anzalone, Pesaresi; Gori, Argilli, Carotti, Vitofrancesco; Coda, Guidetti.
A disposizione: Marchesi, Cremonesi, Favalli, Ferrarese. All.: Venturato.
NOVARA 4-3-3 Brichetto; Morganti, Centurioni, Ludi, Legati; Porcari, Brizzi, Evola; Lanteri, Rubino, Bertani.
A disposizione: Berti, Perego, Agnesina, Viscomi. All.: Notaristefano.
SOSTITUZIONI 1' st Fanfoni per Pesaresi 1' st Chiappara per Rubino 31' st Brivio per Porcari 34' st Piraccini per Morganti 40' st Temelin per Guidetti 43' st Dell'Anna per Argilli.
RETI 7' Coda 42' st Temelin.
NOTE Spettatori 3254 di cui 521 paganti e 2733 abbonati (presenti 3 tifosi novaresi in curva Nord). Incasso 17782,52 Euro di cui 15345,38 in quota abbonati. Angoli 2-3. Recupero: pt 1' st 30''. Ammoniti A. Bianchi, Legati, Brizzi e Chiappara per gioco falloso; Argilli per proteste.
Giornata di sole, temperatura mite, campo in buone condizioni. Porcari del Novara esce per infortunio.


PRIMO TEMPO


C'è il sole allo Zini ad accogliere Cremonese e Novara. Forse anche per questo i tifosi sugli spalti sono davvero pochi (i novaresi sono addirittura solo in tre). Le due squadre partono entrambe con formazioni rimaneggiate, nella Cremonese Argilli gioca la sua ultima gara da professionista da titolare ma impiegato come centrocampista centrale.
La partita ovviamente è giocata su ritmi bassi. Fra le due squadre è però la Cremonese a essere più intraprendente e infatti dopo 7 minuti i grigiorossi trovano subito la via del gol: Guidetti serve Coda in area, la punta manca lo stop ma complice un errore di Ludi recupera la palla e con un preciso destro rasoterra beffa Brichetto (palla nell'angolo alla destra del portiere).

Il Novara risponde al 9' con una sponda di Rubino per Evola ma il tiro dal limite è da dimenticare.
Al 10' Alberto Bianchi si fa ammonire per un brutto fallo da dietro ai danni di Porcari.
Il Novara si fa vedere ancora al 12' con un bel cross dalla destra di Lanteri ma nessun piemontese riesce ad arrivare sul pallone.
Al 16' è la Cremonese che torna a farsi viva con un bel tiro dalla distanza di Viali salvato in angolo con fatica da Brichetto. Il pubblico applaude la prodezza balistica del difensore.
La partita si trascina stancamente. Al 29' Legati si fa ammonire per un duro intervento su Gori. Al 32' bella azione grigiorossa con cross di Pesaresi dalla sinistra, Coda stacca solo a centro area ma di testa mette alto. Al 33' ammonizione anche per Argilli: forse nervoso per l'addio al calcio giocato, Stefano si arrabbia dopo un dubbio fallo a centrocampo e calcia via la palla meritandosi il cartellino.
Al 39' un fallo di Gori su Legati provoca una reazione piccata del novarese, che sembra piuttosto nervoso.
Al 42' bella occasione per il Novara: Porcari lancia Rubino che si libera di forza di Pesaresi ma una volta in area con Bianchi in uscita calcia clamorosamente a lato.
Dopo un minuto di recupero l'arbitro manda le squadre al riposo. Il pubblico fischia: ingenerosamente per la prestazione odierna (sicuramente meglio la Cremonese del Novara), ma i fischi nascono da una stagione più che deludente.




Dal tiro fulmineo (nel riquadro) al gol: il 2 a 0 di Temelin (Foto di Mauro Gaimarri)


SECONDO TEMPO


La ripresa inizia con due cambi. Nella Cremonese esce Pesaresi ed entra Fanfoni (giovane che aveva già esordito da titolare a Legnano). Vitofrancesco arretra terzino sinistro. Nel Novara entra Chiappara ed esce bomber Rubino.
Al 9' Coda mette una bella palla per Gori che entra in area ma Legati lo ferma. Gori, già beccato dal pubblico in precedenza, si prende una sonora bordata di fischi. Al 10' ci prova Alberto Bianchi dalla distanza ma Brichetto para a terra.
Al 12' Brizzi si fa ammonire per un duro fallo su Carotti. Nonostante il clima spensierato i falli duri non mancano. Al 15' una bella ripartenza della Cremonese si conclude con un pericoloso cross di Guidetti sul quale però nessuno è pronto alla deviazione. Al 17' Porcari lancia nello spazio Bertani, Giorgio Bianchi esce e lo anticipa di piede fuori area.
Al 21' Bertani reclama rigore per un presunto fallo di Viali su azione d'angolo ma l'arbitro fa giustamente proseguire. Al 22' un angolo battuto malissimo dal Novara favorisce una pericolosa ripartenza grigiorossa ma l'azione viene gestita male e termina nel nulla. L'arbitro però ammonisce Chiappara per un fallo commesso su Guidetti nel corso dell'azione (e non fischiato per la regola del vantaggio). Lo stesso Chiappara, innervosito, con un gesto di stizza su un fallo laterale calcia la palla nello stomaco di Fanfoni. Anche questo un segnale di nervosismo presente in alcuni giocatori in campo. Al 24' ci prova Guidetti dalla distanza, il tiro è bello e Brichetto deve superarsi per mettere in angolo.
Al 25' su angolo di Gori la palla perviene a centro area dove Coda di testa insacca centralmente. L'arbitro annulla però per un fallo di Coda ai danni di Ludi. Lo speaker non se ne accorge e annuncia lo stesso il gol beccandosi gli improperi del pubblico grigiorosso (con immediate scuse).
Al 28' Coda ha la palla buona sui 20 metri ma tergiversa troppo e Porcari lo anticipa al momento del tiro.
Al 31' Vitofrancesco crossa dalla sinistra per Gori, la palla filtra ed è invitante ma sul tiro dell'esterno è bravissimo Brichetto. Subito dopo Porcari, infortunatosi nell'azione in cui aveva fermato Coda, esce lasciando il posto a Brivio. Al 33' ancora Vitofrancesco se ne va sulla sinistra, il cross ancora per Gori è bello, la girata di testa dell'esterno è precisa ma Brichetto fa il miracolo e salva. Al 34' Piraccini entra per Morganti.
Nel finale il Novara non c'è più e la Cremonese dilaga. Al 39' Coda serve Guidetti ma l'azione sfuma. Al 40' entra Temelin per Guidetti (che corre subito negli spogliatoi).
Al 42' il meritato raddoppio: Gori se ne va sulla destra e mette in mezzo per Temelin che in girata beffa Brichetto. Bel gol.
Al 43' entra anche il giovane Dell'Anna per Argilli che raccoglie l'applauso del pubblico dopo l'ultima gara della sua carriera.
Al 45' ancora Alberto Bianchi lancia lungo per Temelin il cui tiro è bello ma facile da parare per Brichetto.
Dopo 30'' di recupero l'arbitra fischia. La Cremonese ha vinto meritatamente ma il campionato si conclude comunque mestamente.

Argilli saluta e forse chiude come calciatore

Professionista serio e uomo per bene. Da ricordare come "il grande di Foggia". Quel giorno nei playoff giocò davvero in modo splendido.

Argilli saluta il pubblico e chiude la sua carriera da calciatore?. Forse diventerà allenatore dei giovani

(foto Ivano Frittoli)


Stefano Argilli va al ritiro agonistico e quella con i piemontesi è stata l'ultima gara ufficiale di una lunga e onorata carriera. Stefano ha iniziato la sua carriera nel Rimini, squadra della sua città, in serie C2, per poi passare al Siena in C1. Con i toscani ha vissuto tutta la scalata fino alla serie A, con la fascia da capitano. Quando lasciò il Siena, nel 2005, la sua maglia fu ritirata in segno di rispetto (ma poi il gesto fu cancellato a causa di alcune dichiarazioni di Argilli contro la Gea che indispettirono la dirigenza senese). Da ricordare anche una bellissima lettera scritta di suo pugno e pubblicata dai giornali senesi per ringraziare i tifosi che lo avevano sostenuto negli anni.
Nelle ultime stagioni Argilli ha militato in A col Livorno e in B con Modena e Frosinone prima di approdare alla Cremonese nell'estate 2007. In due anni in grigiorosso Argilli ha collezionato 39 presenze in campionato senza trovare la via della rete (in compenso ha segnato 2 gol in Coppa Italia: lo scorso anno a Pavia e quest'anno a Novara).
Il suo percorso in grigiorosso non è stato semplice: all'inizio dello scorsa stagione collezionò una serie di prove deludenti soffrendo soprattutto gli attaccanti veloci. Ha saputo però riprendersi giocando da protagonista le quattro partite dei playoff, in particolare quella di Foggia, dove fu di gran lunga il migliore in campo (col Cittadella in finale fu un suo fallo di mano a procurare invece il rigore poi parato da Sirigu a Coralli).
Quest'anno ha fatto da riserva facendosi però sempre trovare pronto e a parte un errore a Reggio Emilia (punito dal gol di Dall'Acqua) se l'è sempre cavata bene.
Ora a 36 anni sta pensando di lasciare il calcio giocato per diventare poi tecnico, a livello giovanile (è con i ragazzi che vuole lavorare).
Stefano chiude con 403 presenze (non contando quella col Novara) fra i professionisti di cui 48 in serie A e 91 in serie B. Ha segnato 15 gol in carriera di cui 4 in A e 4 in B.
Soprattutto, lascia l'immagine di un professionista serissimo e di una persona davvero molto per bene. Cosa purtroppo parecchio rara nel mondo del calcio.

Bilancio di una stagione

38 i gol segnati, Guidetti leader, nessuno in doppia cifra

Sono 38 i gol segnati dalla Cremonese quest'anno. Un bottino non eccezionale ma neppure disprezzabile che colloca l'attacco grigiorosso al quinto posto nella speciale graduatoria del girone a pari merito con Spal e Hellas Verona. Quello che è mancato è però un bomber. Nessun giocatore ha raggiunto la doppia cifra, il primatista della squadra è Guidetti che si è fermato a soli 7 gol. Peraltro l'ultimo gol di Guidetti risale alla diciottesima giornata con la Pro Sesto, poi non ha più segnato. E col capocannoniere a soli 7 gol non si possono cullare sogni di gloria.
In generale gli attaccanti hanno reso poco con 20 gol realizzati in sei (contando anche Morfeo che è rimasto a secco). Lo scorso anno Temelin e Graziani avevano segnato 33 gol in due. Da sottolineare il buon contributo di Saverino con 6 gol. In generale i centrocampisti hanno garantito 10 gol in tre. Tra i difensori spiccano i 4 gol di Pesaresi. I difensori andati a segno sono in tutto 4 per un totale di 7 gol. In totale sono quindi 12 i giocatori grigiorossi ad avere segnato almeno un gol.
Da notare che sui 38 gol solo 21 sono stati segnati allo Zini (nono-decimo posto nel girone) contro i 17 segnati in trasferta (quarto attacco esterno del girone).

L'anno scorso

l 4 maggio 2008 il campionato finì così : SASSUOLO promosso in serie B con 63 punti ; Cremonese 60, Cittadella 58, Foligno 57 e Foggia 56 ammessi ai play-off. Retrocesso il MANFREDONIA 31 punti ; PRO PATRIA 38, PAGANESE 32, LECCO 32 e VERONA 31 ammessi ai play-out. Ai vertici della classifica il Cittadella conquistò la Serie B ai danni della Cremonese. Foligno e Foggia furono inserite nel girone B. In coda la Pro Patria e il Lecco finirono in 2^ Divisione e poi ripescate. Verona salvo proprio ai danni della Pro Patria.

Quanto alle modalità di realizzazione, la Cremonese ha segnato su rigore 3 gol (2 Saverino e 1 Temelin), su punizione 5 gol (3 Pesaresi e 2 Saverino) e direttamente su angolo 1 gol (Pesaresi). Sugli sviluppi degli angoli sono arrivati altri 5 gol per un totale di 14 gol su palla inattiva. Una cifra troppo bassa per i canoni del calcio moderno.

Ecco comunque la classifica cannonieri grigiorossa:
7 Guidetti
6 Coda - Saverino
5 Temelin
4 Pesaresi
2 Gori - Vitofrancesco
1 Riganò - Viali - A. Bianchi - Graziani - Cremonesi
AUTORETI A FAVORE 1 Apuzzo (Monza)



Dopo l'esordio col Legnano, Fanfoni torna in campo nella ripresa. Fa il suo (foto Mauro Gaimarri)

Quasi tutti bene, col Novara, però, demotivato


G. Bianchi 6 - Il Novara non lo impensierisce quasi mai. Lui si mostra comunque sempre sicuro.
A. Bianchi 6,5 - Sicuramente una buona prova dopo tante deludenti. Dietro tiene a bada facilmente gli attaccanti novaresi, non sempre preciso in avanti ma fa la sua partita. Potrebbe risparmiarsi il duro fallo che lo porta al giallo.
Viali 6,5 - Partita piuttosto facile condotta in porto senza problemi. Sfiora il gol con un tiro da fuori, il Novara reclama un rigore per un suo fallo su Bertani che però non c'è.
Anzalone 6,5 - Anche per lui compito agevole eseguito senza sbavature. Il prestito dal Ravenna è finito, sarebbe un peccato non riverdelo più in grigiorosso.
Pesaresi 5,5 - L'unico grigiorosso che gioca sotto tono, poco motivato. Non fa comunque disastri anche se non riesce a fermare Rubino lanciato a rete nell'unica occasione novarese del primo tempo. Resta negli spogliatoi nell'intervallo.
Gori 6,5 - Il pubblico è molto arrabbiato con lui e lo becca. Lui dimostra di soffrire la contestazione (non deve in effetti essere facile giocare in queste condizioni) e sbaglia molto ma si riscatta nella ripresa sfiorando il gol due volte e sopratutto costruendo l'assist per il 2-0 di Temelin. Speriamo che il suo buon finale di partita possa essere di buon auspicio per una stagione migliore l'anno prossimo.
Argilli 6,5 - Chiude sicuramente la sua avventura a Cremona (e forse anche quella nel calcio giocato) uscendo fra gli applausi del pubblico. Impiegato da centrocampista da ordine alla squadra. Ammonito per un gesto di nervosismo (calcia via la palla per protesta) a dimostrazione del fatto che sente la partita.
Carotti 6,5 - Partita diligente, giocata più che dignitosamente.
Vitofrancesco 6 - Inizia male ma anche lui si riscatta nel finale servendo due palle d'oro a Gori. Anche per lui speriamo in un futuro migliore: quest'anno ci ha deluso parecchio, date anche le sue grandi potenzialità.
Coda 6,5 - Segna un bel gol, un altro glielo annulla l'arbitro. Però sbaglia anche parecchio. Resta un giocatore di talento ma ancora molto acerbo, deve crescere sia nella difesa della palla che nella lettura delle situazioni di gioco. I suoi 6 gol restano però il bottino migliore degli attaccanti, date le attese di partenza.
Guidetti 6 - Ce la mette propria tutta per segnare e ci va anche vicino ma Brichetto gli dice no. Resta il fatto che non segna da gennaio, incredibile per un giocatore come lui. E senza gol un attaccante non può stare bene.
Fanfoni 6 - Dopo la partita col Legnano torna in campo nella ripresa. Fa il suo. Qualche screzio con Chiappara.
Temelin 6,5 - Pochi minuti ma trova lo stesso la via del gol con una bella girata e anche dopo si dimostra vispo. Una volta di più ci domandiamo però dove fosse tutta questa voglia di giocare durante il campionato. Il passato non si dimentica, nel bene e nel male.
Dell'Anna 6 - Pochi minuti, giusto per togliersi la gioia di esordire allo Zini.

Venturato 7 - La Cremonese trova un Novara demotivato ma fa il suo dovere dominando la partita e vincendo con merito. Giusti i cambi (bene togliere Pesaresi, doveroso omaggiare Argilli e giusto anche far esordire il ragazzino). Oggettivamente la sua gestione si chiude con un bilancio positivo, con la pecca se vogliamo della finale di Coppa Italia persa.

NOVARA Brichetto 8 (tante belle parate); Morganti 5.5; Centurioni 5.5; Ludi 5; Legati 5; Porcari 6; Brizzi 5.5; Evola 5.5; Lanteri 5; Rubino 5; Bertani 5; Chiappara 5 (nervoso); Brivio 6; Piraccini 5.5. All.: Notaristefano 5 (non riesce a motivare i suoi giocatori).

ARBITRO 7 - La gara è facile ma non facilissima quanto potrebbe sembrare a prima vista (qualche novarese era piuttosto nervosetto). Russo di Milano dirige bene e tiene sempre in pugno il match. Bravo.

Poca gente allo Zini, ovviamente...

Il sole, la mancanza di motivazioni e la delusione per una stagione fallimentare hanno tenuto lontani i tifosi dallo Zini. In tutto lo stadio non erano presenti più di 2000 spettatori (e i novaresi in curva Nord erano addirittura solo 3!). Il pubblico ha seguito la partita per larghi tratti in silenzio, con applausi qui e là sulle belle giocate dei grigiorossi e con qualche manifestazione di disappunto nei confronti di alcuni giocatori (beccatissimo Gori).
Sul finire però sono partiti alcuni cori significativi dalla curva, applauditi anche dalla tribuna: prima un coro per Arvedi, apparso quasi allìimprovviso, poi un coro contro i giocatori ("Arvedi non li pagare"), poi un coro per Favalli, infine un coro contro Turotti. Applausi sentiti al momento dell'uscita di Argilli che potrebbe chiudere qui la sua carriera. A fine gara invece qualche applauso ma anche una certa freddezza con la squadra corsa quasi subito negli spogliatoi.


La Cremonese 45ª nella classifica di tutti i tempi del calcio italiano

di Umberto Onofri


La classifica perpetua, detta anche all-time, è una speciale classifica che raggruppa i risultati complessivi di tutte le squadre che hanno disputato almeno una stagione in Serie A a girone unico a partire da la sua istituzione nel 1929.

Ha valore statistico ma può essere utile per confrontare le prestazioni delle diverse squadre in diifferenti periodi. Ai fini del calcolo sono stati assegnati 2 punti per ogni vittoria fino alla stagione 1993/94 e 3 punti per vittoria a partire dal 1994/95 ; ovviamente un punto per ogni pareggio e zero per ogni sconfitta. La classifica perpetua, aggiornata al Giugno 2008 vede la Cremonese al 45° posto con 7 stagioni in Serie A e 174 punti.
I grigiorossi, con riferimento all'attuale campionato, sono preceduti dal Padova e dalla Spal rispettivamente al 22° e 24° posto, dal Novara 31°, Pro Patria 32°, Venezia 34°, Cesena 41°. Seguono il Lecco al 54° posto, la Reggiana 55° e Legnano 56°. Dieci nobili decadute a conferma che il calcio di oggi ha sepolto il pionierismo per l'affarismo. La classifica perpetua chiude con la Pistoiese 60 ^ nel gruppo delle squadre con i requisiti per farne parte. Per gli amanti della statistica la Juventus è prima seguita dall' Inter, dal Milan, dalla Roma e dalla Fiorentina.

Inquietudine sul silenzio riguardo al futuro della Cremonese

Arvedi resta. Parola sua, già nota


Lo staff tecnco di Arvedi quasi al completo. Manca solo Fogliazza. Da sinistra, Venturato, Arvedi, Calcinoni, Turotti (Foto Ivano Frittoli)

Piaccia o no , il futuro dirigenziale della Cremonese è già scritto. Lo abbiamo affermato rispondendo a una lettera di un tifoso appassionatissimo. Sono i documenti e le lettere ufficiali, le prese di posizione del presidente Arvedi che configurano la Cremonese del domani (restando ovviamente ai vertici della società,. Una notizia è confortante.Il lettore si domandava se il cavalier Arvedi è intenzionato a proseguire. Nella lettera ai tifosi che ha seguito le dimissioni di Emiliano Mondonico, nel successivo comunicato sulla ipotesi Mondonico alla guida della USC con Arvedi patron, l'attuale presidente ha smentito seccamente quanto teme il nostro lettore. Arvedi non è uomo da rimangiarsi la parola. Punto uno, Arvedi rimane.
Punto due. Anche riguardo all'assetto attuale basato sul dg Turotti e sul vice Fogliazza, Arvedi ha espresso una entusiastica fiducia nei loro confronti. Se non sono loro che se ne vanno (e non ci sono neppure indiscrezioni in questo senso), la Cremonese anche a livello dirigenziale resta quella che conosciamo.E' sempre la parola di Arvedi che vale. Non si cambiano i dirigenti brillanti - così li definisce entusiasticamente il presidentissimo. Turotti e Fogliazza sono collocati in una botte di ferro dallo stesso Presidente. D'altronde, la Cremonese ha fatto meglio nel finale di campionato, non è intervenuta nessuna ragione per modificare il dieci a lode espresso a suo tempo nei confronti di Turotti e Fogliazza.Dal che si deduce che sono loro che lavorano per il futuro. I precedenti non depongono certamente a loro favore, ma vuolsi così colà dosi puote ciò che si vuole. Arvedi non parla a vanvera o opportunisticamente, dunque non vale neppure il promoveatur ut amoveatur. Giusto, sbagliato? Si potrebbe avere un parere diverso, noi rispondendo al lettore non potevamo fare altro che attenerci alle dichiarazioni ufficiali, mai smentite.
Stando così le cose, la strategia generale (ovviamente non i nomi dei giocatori ai quali si punta) potrebbe essere essere resa nota, senza danni alle eventuali trattative in corso.

In questo senso, il lettore aveva ragione di lamentarsi. Un commento del nostro Alexandro Everet ha chiarito molto bene la normalità , anzi a nostro avviso il dovere della richiesta di chiarimenti in questo senso. Il campionato per la Cremonese è finito. Non farebbe male a nessuno riferirsi a quale fisionomia di squadra si punta e con quali obiettivi: 1- tentare di nuovo la promozione subito, 2- puntare a una prima squadra con una paio di chiocce, 3- costruire una formazione di giovani di valore, accollandosi qualche rischio. Non farebbe male, anzi incentiverebbe anche nell' ultime partita i giocatori che puntano a una riconferma.
Arvedi resta con un socio? Calzaferri, la voce circola. No crediamo. a questa soluzione. Ormai da anni vola infallibilmente Calzaferri in questi frangenti. Lo stesso Calzaferri ha affermato che va dove ci sono affari in vista .
Va però ricordato che a gennaio di quest'anno, in pratica....ieri, Arvedi si è rifiutato di prendere in considerazione una ben più sostanziosa proposta di cessione della società. Dunque Arvedi intende continuare e, se tutto ha un senso, continuare da solo. Tornare indietro dopo tante dichiarazioni impegnative, sarebbe clamoroso. Certo, resta una domanda? Perché Arvedi si è cacciato in un vicolo cieco a rischio di perdere la faccia se si contraddice? Una società di calcio è troppo soggetta al vento di fattori esterni perchè non si lascino aperte vie d'uscita. Mah!

La tifoseria però non demorde, un po' spazientata. E domanda allora una soluzione anche a livello dirigenziale. Per molti Turonni e Fogliazza dovrebbero dimettersi.

Ecco una delle tante lettere in proposito. Per continuità daremo ampi stralci di quella che ci ha scritto lo stesso lettore che ha provocato la esplorazione nel futuro grigiorosso.

"Turotti e Fogliazza non si sono dimostrati all'altezza"
Caro direttore, bisogna che la Cremonese riveda alcune posizioni dirigenziali. Dieci buoni motivi perché il Sig.Turotti e il Sig.Fogliazza debbano lasciare la società.
1)Alla presentazione del ds, il cav. Arvedi, affermò che SAREBBE STATO COLUI CHE CI AVREBBE RILANCIATO. Non mi pare siandata così. Ecco un buon motivo per rassegnare le dimissioni
2)La campagna acquisti d’agosto è stata un vero disastro con la venuta di giocatori “pitturati”come gente motivata, felice di essere a Cremona. Saverino quando venne presentato alla stampa, affermò che eravenuto alla Cremonese non per i soldi. Cosa direbbe adesso il grande Totò?
3)19 Luglio 2008: Colucci non lascerà la Cremonese. Di li a poco lascerà la Cremonese per poi ritornarci, come tutti sappiamo a gennaio. Che motivo c’era di lasciarlo andare? Forse sforava il tetto dei 18 giocatori veterani? Oppure occupava il posto di qualche giocatore più simpatico?
4)La mala gestione del caso Temelin,rilevatosi una “palla al piede”. Era da vendere ai primi mugugni. Una squadra vive sull’entusiasmo di ognuno orgoglioso di farne parte, in ogni caso (si ricordi la sfuriata con lancio del pallone verso Jaconi)
5)Acquisto di giocatori come Pradolin, Pesaresi ad agosto , di Morfeo , Riganò a Gennaio sono da censurare sotto ogni punto di vista (mi fermo qui perché è più facile ricordare chi ha giocato bene, pochi, rispetto ai “brocchi”la maggioranza)
6)Parlando del Sig Fogliazza, mi dispiace ma non vale nemmeno l’ombra del compianto Erminio,a Pizzighettone. In primo piano solo nei primi giorni d’agosto, poi è sparito insieme al MEMORIAL LUZZARA-FAVALLI che stiamo aspettando ancora adesso, nonostante le reiterate promesse.
7)Il caso del povero Jaconi,colpito da qualche cosa che va oltre ai problemi della Cremonese,è stato sollevato in ritardo, dopo la sconfitta col Cesena in casa, già a Lecco si era visto che non saremmo andati lontano
8) Ciliegina sulla torta la richiamata di Mondonico a dicembre, incapace di tirarsi “dietro”la squadra, giocatori che hanno rivisto il film dell’anno prima:C arotti relegato in panchina e per dare un po’ di brio l’acquisto di un “gatto di marmo” come Riganò , relegato fuori rosa Graziani. La vendita di Gherardi al Lecco tenendo in squadra nullità come Ferrarese e Gori.
9)La perdita da parte della Lega del Bonus per la “politica” dei giovani.
10)Aver accusato noi tifosi di vivere ancora col ricordo della partita con il Cittadella e causa delle partite perse con il Portogruaro ed il Lecco.
Fallito ogni pur minimo obiettivo(Ah dimenticavo la mitica Coppa di Lega,miseramente persa pure quella). Non basta una bilancio così per tirare le conclusioni doverose? Paolo Anselmi
Importanti novità preannunciate per la 1ª e 2ª divisione

Forse il prossimo campionato partirà il 23 agosto

Si è riunito, questo lunedì, a Firenze il direttivo della Lega Pro per esaminare vari argomenti. Il primo ha riguardato le possibili date d'inizio della prossima stagione. Per far terminare i campionati di prima e seconda divisione prima dei Mondiali 2010 ( che sono in programma in Sud Africa dall'11 giugno all'11 luglio ) le due competizioni potrebbero partire il 23 agosto, una settimana prima rispetto al campionato in corso, e finire il 9 maggio con play-off e play-out dal 23 maggio al 13 giugno. Le date della prima fase della Coppa Italia potrebbero essere quelle de 9, 12, 16, e 26 agosto ma la questione è subordinata all'eventuale partecipazione di squadre di Lega Pro alla Tim Cup della Lega Professionisti. L'ufficialità si avrà nella prossima riunione del Consiglio Direttivo. Lo stesso Consiglio ha discusso i particolari della tessera del tifoso : tutti i biglietti, l'anno venturo, dovranno essere nominativi in applicazione della determina assunta dal Viminale. Per chi sarà ritenuto " abile " ad essere titolare della tessera del tifoso , una volta acquisito il biglietto o l'abbonamento, non ci saranno mai stadi con settori a porte chiuse neanche in trasferta. Macalli ha confermato che la " missione " della Lega è di valorizzare quanti più giovani è possibile. Il Vicepresidente Pitrolo ha illustrato qualche possibile novità nel regolamento per la distribuzione dei contributi nella prossima stagione alle società che schiereranno giovani nati dall' 86 in poi. Su questo argomento la decisione definitiva verrà presa dal Consiglio Federale il 28 giugno prossimo previa consultazione con l'Associazione Calciatori e Allenatori. Ci potrà essere qualche limatura rispetto al passato ma il concetto rimarrà quello di sempre : i contributi di Lega andranno a premiare, con consistenza crescente, chi schiererà in campionato giocatori nati dall'86 in poi. Più saranno i giovani e più pesante sarà il contributo a favore delle società. Altri particolari sulle fideiussioni e su tutti gli adempimenti necessari per l'iscrizione al prossimo campionato saranno messi a punto dopo che il Consiglio Federale del 28 maggio avrà approvato a Roma le normative generali per tutte le categorie.

Macalli, nuove regole per i giovani in rosa e la Lega vuol diventare la banca del settore

In una intervista al " Corriere dello Sport Stadio " a firma di Antonio Maglie, Mario Macalli annuncia nuove regole per il tesseramento di giovani giocatori nella Leg Pro di Prima e Seconda Divisione.

Macalli riferisce di un incontro avuto a Milano con i responsabili dell'Associazione Italiana Calciatori, AIC , che hanno paventato, con l'obbligo dell'inserimento di giovani nelle rose, un taglio di posti di lavoro per i calciatori anziani. Macalli riferisce che si è raggiunto un accordo in questo senso : le squadre di Prima Divisione dovranno inserire nelle proprie rose otto Under 23 mentre per quelle di Seconda Divisione la quota sale a 10.

" Personalmente sono contento " ha affermato Macalli "E poi a ventidue anni un calciatore non è vecchio. Siamo andati incontro all'AIC ma io credo che siamo andati incontro alle società. Proseguiamo sulla linea che abbiamo scelto che è quella della valorizzazione dei giovani e del contenimento dei costi ".

Il presidente ha annunciato la creazione della Cooperativa Fidi con il fattivo appoggio della Banca Popolare di Milano. L'Istituto bancario ha concesso una garanzia fideiussoria di 18 milioni di euro alla Lega : verranno eliminate le fideiussioni da 207 mila euro che ogni club deve garantire al momento dell'iscrizione al campionato. La Cooperativa Fidi è dotata di un capitale di quattro milioni di euro " Abbiamo la possibità di diventare la banca del settore " dice Macalli.

É stata istituita ufficialmente la tessera del tifoso (ha in più le funzioni della carta di credito tradizionale: ci si domanda, quanto ci ricava la Lega dalla convenzione con il circuito VISA?)

Dal comunicato ufficiale della Lega Pro:

Il Consiglio Direttivo della Lega Pro, al fine di agevolare la partecipazione dei tifosi alle gare calcistiche in tutti i campi di 1^ e 2^ Divisione, ha deliberato l’istituzione della “Tessera del Tifoso di Lega Pro”: la stessa verrà ad assumere la duplice funzione di tessera del tifoso e dicarta di credito ricaricabile (prepagata) nel circuito Visa e conterrà, nella grafica, la personalizzazione termografica del nome della squadra.
Quanto sopra nel rispetto delle normative amministrative e regolamentari vigenti e dei criteri
stabiliti dall’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive.
Ai possessori della Tessera sarà consentito - previo acquisto di idoneo titolo – l’accesso a tutti gli impianti sportivi a livello nazionale, e nelle more della messa a norma degli impianti, per come stabilito dalla suddetta Determina n. 17/2009, e nelle gare per le quali siano state adottate interdizioni e limitazioni.
L’iniziativa comporta il coinvolgimento delle società di Ticketing e di controllo accessi, con le quali Lega Pro ha programmato riunioni tecniche informative per l’adeguamento delle proprie procedure in funzione dell’introduzione della Tessera del Tifoso.
La tessera, per come già detto, oltre alla sua funzione primaria, può essere utilizzata come una normale carta di credito prepagata presso i negozi convenzionati Visa:
per gli acquisti su internet;
per prelevare contanti;
per ricaricare una Sim GSM prepagata;
per il pagamento di bollettini, ricariche telefoniche etc.
Può essere caricata in banca, presso uno sportello postale, da un’altra carta di credito o
da un bancomat.
E’ predisposta anche per: sviluppare programmi di fidelizzazione;
creare un proprio circuito offrendo a dipendenti, clienti e rivenditori in genere uno strumento di community, oltre ad essere un mezzo per avere accesso ad offerte esclusive.
La Tessera del Tifoso di Lega Pro sarà operativa a partire dalla stagione sportiva 2009/2010.
Le Società di Lega Pro sono invitate ad aderire al Progetto “Tessera del Tifoso di Lega Pro” e
a comunicare il nominativo del Responsabile dello stesso.
Si rappresenta che non saranno consentite iniziative autonome per la sola “Tessera del Tifoso”, mentre le Società potranno, comunque, utilizzare proprie società di ticketing e di controllo accessi che rispettino le specifiche proprie della “Tessera del Tifoso di Lega Pro” e dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive.

fonte: vascellocr.it


facebook

sfoglia    aprile        giugno

Cerca, Rss, Atom e Counter
Ricerca personalizzata
Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0   Feed ATOM di questo blog  Atom


Link
A
ac-perugia.com
acmonzabrianza.it
acspezia.com
agenfax.it
alessandriacalcio.it
allvideo
amarantomagazine.it
arezzonotizie.it
asandriabat.it
B
beneventocalcio.it
bettiamo.net
blog.football.it
blunote.it
bondolasmarsa
br73.net Pistoia
bustocco.it
C
calciatori.com
calciocampano2009
calciocomo190
calciofoggia.it
calcioland.forumfree
calciomatto
calciomercato.com
calcionapoletano
calciopiu.net
calciopress.net
calcioscommesse.myblog.it
calcioseriec.blogspot.com
calciotoscano.it
cavese
cavanotizie.it
click4soccer.com
coni.it
corrierediarezzo.it
corrieredicomo.it
cremonaweb.it
D
datasport.it
diretta.it
direttagol.it
E
e-cremonaweb.it
esperiaviareggio.it
eurosport.yahoo.com
F
fccrotone.blogspot.com
febbrea90.com
figc.it
foggiacalciomania.com
foggialandia.it
foggiaweb.it
folignocalcio.com
folignocalcio.it
forzacavese.net
forzalucchese.net
forzanovara.net
forzapescara.com
forzaspal
G
gazzettalucchese.it
goal.com
H
hellastory.net
hellasverona.it
hellasweb.it
I
ilgrecale.it
ilpallonaro.com
ilquotidianodellabasilicata.it
ilquotidianodellacalabria.it
ilsatanello.it
ioamoilcalcio.myblog.it
infobetting.com
italiadelcalcio.it
L
la_c1.ilcannocchiale.it
lanciano.it
larena.it
leccosportweb.it
lega-calcio.it
lega-calcio-serie-c.it
legaproprimadivisione
leggonline.it
livescore.com
Live score
loschermo.it
lospallino.com
lostregone.net
lumezzanecalcio.it
M
madeinandria.it
mondorossoblu.it
N-O
noitv.it
P
paganese.it
paganesecalcio.com
pescaracalcio.com
portogruarosummaga.it
primadanoi.it
primadivisionew
primadivisione
pronostici1x2
pronostici serie A
prosestonews
Q
qn.quotidiano.net
R
radioemme.it
raisport.rai.it
ravennanotizie.it
realsports.it
reggianacalcio.it
reggianasupporters.it
resport.it
riminicalcio.com
S
salernonotizie.it
sanniocalcio.it
scommesse.betfair.it
seriec1.ilcannocchiale.it
seriec1.wordpress.com
soccerpuglia.it
socialcalcio.com
solocalcio.com
solopescara.com
sorrentocalcio.com
sportal.it
sportcity-ricio
sportedintorni.blogspot.com
sporterni.it
sportevai.it
sportitalia.com
sportoggi.com
sportpeople.net
sportvintage.blogspot.com
ssjuvestabia.it
sslanciano.it
stabia1907.it
stabiachannel.it
stampasud.it
T
tarantosera.com
tarantosupporters.com
teleradioerre.it
ternanacalcio.com
terninrete.it
terzaserie.myblog.it
tifo-e-amicizia.it
tifogrifo.com
tifosigallipoli
tifosiportogruaro
tuttalac.it
tuttocalciatori.net
tuttocalcio.it
tuttolegapro.com
tuttomercatoweb.com
tuttosport.com
tuttosporttaranto
tvgratisnet.iobloggo.com
tvoggisalerno.it
U
ultrassamb
uscremonese.it
usfoggia.it
V
varese1910.it
varesenews.it
vascellocr.it
vastocalcio
viaroma100.net
virtuslanciano
Z
zonacalcio.it

Siti rimossi

Gossip&sport

Cinema italiano
cinemaitaliano.info
trovacinema.repubblica.it
Nuovi
bg vs fq pr dago
notiziariocalcio
ilnuovocorriere
asgubbio1910
forzanocerina
piacenzacalcio
triestinacalcio
comunicatemi
chi ho dimenticato
e sarà inserito,
o rimosso per chi vuol essere cancellato

....ed è naturalmente gradito
un link a questo blog
nei vostri siti o blog
grazie



Meteo











 
 
fai.informazione.it Wikio - Top dei blog Wikio - Top dei blog Add to Google intopic.it Blog360gradi - 

L’aggregatore di notizie a 360°  provenienti dal mondo dei blog! who's online Sito ottimizzato con 

TuttoWebMaster TOP 100 

SOCCER SITES TopSportSites.com :: A 

Sports Discussion Community Top Italia Registra 

il tuo sito nei motori di ricerca liquida.it social network Notizie, immagini e video dai blog italiani su Liquida top 100 sports sites My BlogCatalog 

BlogRank urltrends reports BlogNews Questo Blog e' 

Strabello! e il tuo?

Cynegi Network
linkto.org

  Powered by  MyPagerank.Net
 

seriec1

↑ Grab this Headline Animator

  View blog authority
   
 


blinko jonny groove
rcsmobile belen

lastminute
musicbox

edreams

better
blinko grandi sorelle


Rubbrica telefonica


Elenco per nome


Elenco per ruolo