235 Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio seriec1 | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

logo di seriec1.ilcannocchiale.it rassegna stampa della lega pro prima divisione
Blog letto 1 volte












div>

Tim Cup 2009/2010, Risultati completi,
Tabellone, Regolamento

Coppa Italia 2009/2010
Risultati e Calendario
Siti Ufficiali


prima pagina della Gazzetta dello Sport

prima pagina del Corriere dello Sport

prima pagina di Tuttosport

il cirotano



Verdetti 2010-2011
Retrocesse dalla serie B
Frosinone Portogruaro
Triestina Piacenza
Promosse dalla 2a Div
Tritium Carpi
Latina FeralpiSalò
Carrarese Trapani
Retrocesse in 2a Div
Paganese Cavese
Monza Sudtirol
Ternana Cosenza
Promosse in serie B
Gubbio Nocerina
H.Verona Juve Stabia


Supercoppa 2010-2011
22 - 26 maggio
Gubbio Nocerina 1 - 1
Nocerina Gubbio 0 - 1
Vincente: Nocerina


Play Off Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Verona Sorrento 2 - 0
Salernitana Alessandria 1 - 1
Girone "B"
Juve Stabia Benevento 1 - 0
Taranto A. Roma 0 - 1
5 giugno 2011
Girone "A"
Sorrento Verona 1 - 1
Alessandria Salernitana 1 - 3
Girone "B"
Benevento Juve Stabia 1 - 1
A. Roma Taranto 2 - 3
Finali Play Off 2011
Andata 12 giugno
Verona Salernitana 2 - 0
Juve Stabia A. Roma 0 - 0
Ritorno 19 giugno
Salernitana Verona 1 - 0
A. Roma Juve Stabia 0 - 2


Play Out Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Sudtirol Ravenna 1 - 0
Monza Pergocrema 1 - 0
Girone "B"
Viareggio Cosenza 3 - 1
Foligno Ternana 1 - 0
5 giugno 2011
Girone "A"
Ravenna Sudtirol 2 - 1
Pergocrema Monza 1 - 0
Girone "B"
Cosenza Viareggio 0 - 1
Ternana Foligno 1 - 1


Lega Pro 1a Div - Girone A
10a giornata - 25 ott 09
Alessandria Viareggio 0 - 0
Como Arezzo 0 - 0
Classifica - 10a giornata
 1  Novara 24   
 2  Cremonese 22

Serie C1 Rassegna Web Prima Divisione Lega Pro





































sfoglia    gennaio        marzo


8 febbraio 2008

Perugia, Del Nevo è ancora sotto osservazione

Perugia, Del Nevo è ancora sotto osservazione

E' ancora sotto osservazione nel reparto di Neurochirurgia di Perugia Loris Del Nevo, il giocatore del Perugia che, durante il derby di Arezzo, fu trasportato al San Donato dall'ambulanza. Il giocatore rimase svenuto in campo dopo uno scontro a centrocampo con Togni.
Al giocatore i migliori auguri da parte di tutta la redazione di Calciotoscano.

Aggiornato 08/02/2008 15:36   Scritto da Alessandro Veltroni
http://www.calciotoscano.it/modules.php?op=modload&name=PagEd&file=index&page_id=21035


facebook

4 febbraio 2008

Perugia esce sconfitto da Arezzo

Perugia esce sconfitto da Arezzo

 

Cristina Biondi - 03/02/2008

Perugia esce sconfitto da Arezzo
Il tanto atteso derby si chiude con il risultato negativo di 1-0 per l’Arezzo.
Il Perugia di Totò Matrecano deve probabilmente ancora ingranare, dieci giorni sono pochi per preparare una squadra e renderla vincente.
Infatti con un organico assai rinnovato, ma di tutto rispetto, pareggiare o ancor meglio vincere sarebbe stata un’impresa difficile.
I nostri grifoni pareva ci credessero, ma poi oggi in campo si sono dimostrati un po’ sottotono, si capiva che avevano paura di perdere e forse non ci hanno creduto abbastanza.
Un vero peccato perché se il Perugia si fosse dimostrato meno rinunciatario ma più aggressivo, forse avrebbe anche potuto spuntarla.
Puggioni dal canto suo ha fatto del suo meglio, parando due belle azioni: un colpo di testa di Bondi e un altro tiro di Martinetti.
Ma nel secondo tempo, precisamente al ’53, la palla di Miglietta è entrata nello specchio della porta e il nostro portiere l’ha solo toccata non riuscendo a trattenerla.
Tra l’altro per l’Arezzo una partita che ha confermato le buone scelte di mercato fatte, infatti Miglietta era oggi al suo esordio con la squadra toscana, essendo uno degli ultimi acquisti.
Lo schema del 4-3-3 che per tutti questi giorni, era stato il cavallo di battaglia dell’allenatore Matrecano è stato cambiato all’ultimo minuto in un 3-5-2.
La scelta del tecnico è stata obbligata anche dal fatto che a centro campo, solo tre centrocampisti non bastavano.
“Ho parlato con i ragazzi negli spogliatoi – ha detto Matrecano – e ci siamo resi conti che era necessario cambiare lo schema, anche se in questi giorni ci eravamo allenati provando il 4-3-3.
Purtroppo era una scelta che si doveva fare perché a centrocampo tre centrocampisti non bastavano.
Abbiamo avuto varie occasioni e abbiamo spinto su quelle, ma purtroppo ci sono stati degli errori sulla doppia fascia e sul centro area che non dovevamo fare.
La squadra in fase di costruzione ha lottato, non ha mollato mai, anche se la prestazione di Quadri è stata sottotono.
Purtroppo era difficile prima, e lo è adesso.
Sapevamo di incontrare una squadra che voleva far bene, combattevamo contro un avversario che voleva ottenere un risultato.
Quanta rabbia c’è? Tanta, se avessi potuto sarei entrato anch’io in campo”.
A dodici giornate dalla fine del campionato ancora possiamo certo sperare, visti anche i risultati di oggi delle altre squadre.
La Salernitana ha infatti rallentantato la sua corsa subendo una sconfitta contro il Taranto.
Lucchese, Ancona, Massese e Lanciano hanno invece pareggiato, mentre l’unico a svettare in classifica è stato il Gallipoli, vincendo a Pistoia e portandosi in seconda posizione a pari merito con il Crotone, rimasto fermo per questo turno.
Come si dice la speranza è sempre l’ultima a morire…

Perugia…Crocefisso,da un Arezzo non irresistibile

 

L'Artiglio del Grifo - 03/02/2008

Perugia… Crocefisso, da un Arezzo non irresistibile

Arezzo-Perugia 1-0 (0-0)

Per la serie è ora che i Silvestrini se ne vadano e se ne vadano presto.
Questa è la volontà del Vero Tifoso del Grifo.
La gestione del Perugia calcio della Famiglia Silvestrini è stata disastrosa e ha segnato il primato estremamente negativo delle umiliazioni subite:
4 indecorose sconfitte consecutive in casa, un’ennesima disfatta nella straregionale che si aggiunge all’onta patita a Terni lo scorso anno.
Questo è il triste esito di una politica aziendale disorganizzata, priva di concretezza e senso del limite, che mira al risparmio e al mero vantaggio.
Colpa anche di chi li ha portati a Perugia e si è fatto loro garante.
Quando i risultati non ci sono, le promesse non sono mantenute, parte degli abbonati non viene più alla partita, quando molti perugini disertano il Curi, alcuni gruppi di tifosi contestano pesantemente la società sarebbe anche dignitoso prendere atto della situazione e cedere la società.
Ora che la consueta batosta (l’ottava) è arrivata, e il tempo stringe, non si può capire nemmeno quale siano i reali obiettivi del Perugia: siamo decimi con 30 punti, a 5 punti dalla zona degli spareggi promozione, ma anche a 6 da quella della retrocessione.
Al di là della solita passività agonistica, anche l’impostazione tattica adottata è stata estremamente deludente e ci risulta tutt’ora inspiegabile il repentino stravolgimento del modulo di gioco.
Per ispirarsi ai grandi allenatori ci vuole preparazione e coraggio: lo fece Castagner prendendo a riferimento l’Ajax… Non vi è riuscito il tecnico dei grifoni ispirandosi al vecchio Parma di Nevio Scala, ma del resto Mazzeo e Quadri non sono sicuramente Zola e Asprilla.
Come si può ipotizzare un proseguio di campionato positivo se nemmeno la superiorità numerica ha consentito al Perugia di pareggiare contro un Arezzo non irresistibile?
Completamente privi di grinta e determinazione agonistica, i grifoni hanno ostentato la solita impalpabile ed indisponente prestazione.

Dichiarazioni post gara di Matrecano:

“Complimenti all’Arezzo.
Non è questo Il Perugia che volevo. Otto giorni troppo pochi per cambiare il volto tattico alla squadra.
I problemi si risolvono con il dialogo e con i giocatori.
Tuttavia commettiamo troppi errori e le partite le vince chi ne fa di meno, in particolar modo nella rete subita abbiamo commesso 2 gravi errori, uno sulle fascia e uno al centro della nostra area.
Tuttavia da questi sbagli bisogna costruire le nostre future fortune.
Abbiamo altre 12 partite per risalire la china”.

Delusione

 

Marco Mariuccini - 03/02/2008

Delusione: Per aver visto una squadra che ha rinunciato a giocare
Delusione: Per un allenatore che fa del 4-3-3 il suo credo calcistico…e poi mette in campo una squadra improvvisata,nei ruoli e soprattutto tatticamente….
Delusione: Per aver perso un derby….e per averlo perso in questa maniera
Delusione: Perche’ comunque sia,mi aspettavo qualcosa di piu,indipendentemente dal risultato….invece,non e’ cambiato nulla…Anzi ,e’ sempre …il nulla…
Delusione:Perche’ avrei ardentemente voluto,che le parole di Matrecano a fine partita fossero state altre….La sua semplice RABBIA,sinceramente,non ci tocca molto…Serve altro,oltre quella.
Delusione:Perche’ adesso che la Salernitana sbanda vistosamente e noi dovremmo correre…stiamo prendendo una strada pericolosa che ci deve far riflettere sui veri obiettivi di questa squadra…

Insomma,da questa trasferta che doveva segnare il nostro rilancio,ne usciamo con le ossa rotte,perche’ forse ci siamo definitivamente resi conto che questa squadra (Societa’..Tecnici…atleti)hanno ancora una volta tradito le nostre attese….

http://www.tifogrifo.com/index.asp


facebook

4 febbraio 2008

Matrecano deluso : "basta con questi errori in fase difensiva"

Matrecano deluso : "basta con questi errori in fase difensiva" - Agostinelli esonerato dalla Salernitana
 03/02/2008 - 18:32

E' un Salvatore Matrecano decisamente rabbuiato quello che si presenta in sala stampa al termine della gara persa dai grifoni al "Comunale" di Arezzo: "Non è questo l'esordio che mi aspettavo e non è certo questo che volevo - attacca il nuovo tecnico dei grifoni - abbiamo lavorato in questo periodo sugli errori difensivi che puntualmente si sono verificati anche oggi. Bisogna decisamente cambiare perchè per vincere le partite bisogna fare meno errori degli altri. Certo in otto giorni e in una squadra che ha problemi non si può pensare di cambiare radicalmente modulo anche perchè i tre di centrocampo, e lo si era intuito, non possono ancora affrontare il 4-3-3 e allora ho preferito schierare questo modulo anche per le caratteristiche degli avanti avversari, in particolare Martinetti che è uno che tende a portar fuori l'uomo. C'è mancato Quadri in fase di costruzione mentre Catinali e Delnevo hanno fatto bene. A proposito di Loris, fortunatamente sta meglio, ha parlato al telefono anche con i ragazzi ed è cosciente. Ha subito un grosso taglio in testa, adesso è in ospedale con il d.s Martino che lo ha accompagnato ma penso che con qualche ora di degenza tutto possa risolversi per il meglio e rimarrà solo un grosso spavento anche se il pericolo c'è stato. Tornando alla squadra e alla classifica la situazione era difficile prima ed è ancora più difficile oggi - conclude Matrecano - però i numeri ci danno spazio e possiamo risollevarci ma dovremo assolutamente ripartire costruendo sugli errori commessi". Intanto Andrea Agostinelli, tecnico della Salernitana capolista, è stato prontamente esonerato dalla società campana dopo il pesante 4-2, ma alla fine del primo tempo era 4-0, subito dai granata ad opera del  Taranto di Marco Cari, con il nuovo acquisto Gianvito Plasmati autore di una doppietta all'esordio. Tra Oddo, Brini, Bolchi o Cabrini il nome del probabile sostituto di Agostinelli che colleziona l'ennesimo esonero della sua carriera, il sesto negli ultimi sette anni!  Danilo Tedeschini
http://www.ac-perugia.com/news.cfm?sez=41&id=1753

facebook

3 febbraio 2008

L'Arezzo vince e fa il sorpasso

L'Arezzo vince e fa il sorpasso
Scritto da: Andrea Avato, domenica 03 febbraio 2008
Visto: 247 volte.

Image
Ercolano in area amaranto
Che gol che ha fatto Miglietta! Un'acrobazia imperiosa in apertura di ripresa ha regalato i tre punti all'Arezzo, che così ha scavalcato il Perugia in classifica, riducendo a 4 punti il ritardo dai play-off. Dopo 21 anni il derby è tornato a far sorridere il popolo amaranto, plaudente e soddisfatto a fine match. L'Arezzo ha vinto con merito, ha fatto la partita, ha creato più occasioni, è sembrato più convinto dei propri mezzi rispetto agli avversari, inaspettatamente timidi e impacciati. Facendo leva su un reparto arretrato di straordinaria solidità (Marconato è arrivato a 675 minuti d'imbattibilità), la squadra ha preso in mano il pallino del gioco fin dall'inizio, nonostante la giornata opaca di Togni e il modulo molto coperto del Perugia. Dopo aver provato per dieci giorni un propositivo 4-3-3, Matrecano all'ultimo momento ha rinunciato a un attaccante per inserire un difensore in più e passare al 3-5-2. E pure Cuoghi, almeno all'inizio, ha variato la disposizione tattica dei suoi, piazzando Miglietta alle spalle di Martinetti, con Bondi e Rivas larghi e la coppia Togni-Beati a proteggere la difesa. Era un 4-2-3-1 a tutti gli effetti. Insomma, un po' di pretattica non guasta mai. L'Arezzo ha creato subito una palla gol con Bondi (colpo di testa messo in corner da Puggioni), poi però ha smarrito la fantasia e il gioco ha cominciato a ristagnare a centrocampo, dove quelli del Perugia facevano un gran pressing. Trascorsa una mezz'oretta Cuoghi ha ridisegnato il 4-3-3 e l'Arezzo ha avuto una bella fiammata, grazie anche al fatto che Rivas veniva a prendere palla in posizione più arretrata e puntava la metà campo biancorossa. Il finale di tempo è stato tutto dell'Arezzo, vicino al gol con Martinetti (bravo Puggioni) e Mezzanotti. Il grifone si è fatto vedere una volta sola, quando Ercolano ha girato di testa un cross di Cherubini da sinistra. Marconato ha detto no con sicurezza. In avvio di ripresa è arrivato il gol che ha interrotto dopo 506 minuti il lungo digiuno amaranto. Bondi e Grillo hanno costruito una grande azione a sinistra, il terzino l'ha messa splendidamente in mezzo all'area e Miglietta si è avvitato per andare a impattare di destro. Puggioni l'ha solo toccata, ma la palla è rotolata dentro. Impeccabile costruzione di manovra, gol da cineteca.
Image
lo splendido gol di Miglietta
A rendere più intenso il finale è arrivata l'espulsione di Beati, punito dal direttore di gara per un'entrata da tergo su Catinali. Il rosso è stato un provvedimento inatteso vista la grande correttezza in campo, e però giusto a termini di regolamento. Cuoghi ha tolto Rivas (buon debutto) per inserire Cazzola e passare al 4-4-1. Matrecano invece ha fatto entrare Califano e Anaclerio, ma il Perugia ha avuto una sola, vera palla gol, quando il Califfo ha incornato una parabola di Rizzo, mettendola sul fondo. L'Arezzo ha tenuto, Martinetti ha fatto reparto da solo in avanti e dopo un lungo recupero, Cuoghi ha potuto riassaporare lo zucchero della vittoria che mancava dal 9 dicembre. Festa grande in campo e sugli spalti per un successo che riporta gli amaranto in corsa per i play-off. Il derby potrebbe essere il trampolino di lancio per un girone di ritorno da fare a tutto gas. La vittoria di oggi, oltre che sul terreno di gioco, è nata a Milano durante il calcio mercato. Decisivo Miglietta, bravo Rivas, domenica prossima toccherà anche a Chianese, in attesa che Falsini si rimetta in forma. Il futuro dell'Arezzo sembra decisamente più roseo.

Le pagelle di Arezzo-Perugia
Scritto da: Andrea Avato, domenica 03 febbraio 2008
Visto: 127 volte.

Image
grande prova per Fabrizio Grillo
Le pagelle di Arezzo-Perugia (senza insufficienze perché la vittoria del derby cancella tutte le magagne).
Grillo 7.5. Una prestazione magistrale per l’esterno sinistro. Impeccabile in fase difensiva, generoso nella spinta, ispirato nel cross. L’assist per il gol di Miglietta è semplicemente perfetto, così come il duetto con Bondi che innesca l’azione. Straripante.
Miglietta 7.5. Esordire e realizzare un gol decisivo nel derby non è roba da tutti. Lui al Perugia aveva segnato con l’Ancona, ha pensato bene di concedere il bis. Un po’ a disagio all’inizio, ma era fisiologico. Pian piano ha trovato la posizione, ha trovato i tempi per gli inserimenti e la misura del fraseggio. Il gol, poi, è da favola. Ottimo nel finale, quando ha fatto il mediano puro. Che acquisto, ragazzi! Determinante.
Marconato 7. Ercolano è uno spauracchio che però si materializza di rado. Intorno alla mezz’ora del primo tempo, il colosso del Perugia gira in porta un cross da sinistra e il nostro numero uno ci mette la mano, ben piazzato come sempre. Di lì in avanti è solo ordinaria amministrazione. Non prende gol da 675 minuti. Se non è un record, poco ci manca. Imbattibile.
Mezzanotti 7. Si incarta solo una volta, quando gli battono in fretta una punizione e lui cincischia con la palla tra i piedi, rischiando di dare il via al contropiede perugino. Altrimenti non sbaglia niente, né un rinvio né una chiusura. Un partitone. Muraglia.
Ranocchia 7. Ercolano è grande, grosso e pure cattivo, ma Rano è veramente forte. In avvio di gara piazza due o tre anticipi secchi per mettere le cose in chiaro, tiene botta fisicamente, non smarrisce mai la lucidità e trova il tempo per andare a subire un fallo da rigore che l’arbitro non vede. Superato un altro test probante. Qualcuno aveva dubbi? Da serie A.
Conte 7. Tra i migliori in campo a Pistoia, tra i migliori nel derby. Nel primo tempo butta via qualche pallone di troppo, anche se non sempre per colpa sua. Nella ripresa tira su il muro e dalla sua parte non passa nessuno. Chi accolse con scetticismo il suo spostamento a destra, dovrà ricredersi. Gladiatorio.
Rivas 6.5. Un buon debutto, tenuto conto del fatto che per lui era nuovo lo stadio, il campo, il derby e il tipo di calcio. Ci ha messo venticinque minuti per carburare, svariando su tutto il fronte d’attacco. Si vede che la palla non gli scotta, cerca sempre l’uno contro uno. La curva ha apprezzato alcune serpentine che hanno aperto la difesa perugina. Fuori per scelta tattica dopo l’espulsione di Beati. Funambolico.
Martinetti 6.5. Solo soletto contro i tre centrali del Perugia, lotta e si arrabatta come può. Puggioni gli nega il gol deviando in angolo un suo bel colpo di testa. Il meglio di sé lo dà quando l’Arezzo resta in dieci: salta di testa, tiene palla, rientra a centrocampo, affonda in contropiede. Una prestazione tatticamente perfetta. Intelligente.
Bondi 6.5. A sprazzi, ma decisamente meglio di altre volte. Va per primo vicino al gol, mette un bel pallone sulla testa di Mezzanotti, costruisce con Grillo l’azione del vantaggio e nel finale sale in cattedra accoppiando corsa e tecnica. Sostanzioso.
Savi 6.5. Entra a mezz’ora dalla fine al posto di Togni e si fa apprezzare per l’animus pugnandi. Contrasta, ruba palla, fa fallo, imposta e riparte con ardore inconsueto. Gagliardo.
Cazzola 6.5. Vedi Savi. Gioca cinque minuti di meno ma l’impressione è la stessa. Nella foga, entra duro su Cherubini rischiando il cartellino e costringe l’avversario a uscire. Gagliardo pure lui.
Beati 6. Giudizioso in avvio, più intraprendente nel finale di primo tempo, avventato quando falcia Catinali sotto gli occhi dell’arbitro. Il rosso è severo ma non scandaloso. Imprudente.
Togni 6. Meno preciso del solito, sbaglia appoggi elementari e porta troppo palla. Prevedibile un suo calo dopo tre mesi di assenza e un rientro intenso. Esce dopo la terribile testata con Del Nevo.
Lanzara ng.

Ambulanza in campo, brutta botta per Del Nevo
Scritto da: Andrea Avato, domenica 03 febbraio 2008
Visto: 146 volte.

Image
ambulanza in campo per Del Nevo
Poco dopo il gol di Miglietta, Togni e Del Nevo si sono scontrati per contendersi un pallone vagante sulla tre quarti del Perugia. I due si sono dati una testata molto forte e sono franati a terra. Dai gesti dei calciatori accorsi sul punto dell'impatto, si è capito subito che si trattava di una cosa grave. Ad avere la peggio è stato Del Nevo, che ha riportato una ferita lacero contusa nella zona parietale e, soprattutto, ha perso conoscenza per alcuni, lunghissimi minuti. Privo di sensi, il giocatore è stato soccorso dai sanitari di entrambe le squadre, mentre l'ambulanza tardava ad entrare sul terreno di gioco. Sono stati attimi drammatici, perché c'era la percezione che l'incidente di Del Nevo fosse veramente grave. L'ambulanza poi è arrivata e lo sfortunato calciatore del Perugia è stato trasportato al San Donato, dove si è sottoposto agli esami clinici. Per fortuna le sue condizioni sono migliorate e a Del Nevo, oltre allo spavento, resterà solo il ricordo di una ferita che ha richiesto diversi punti di sutura.

Duemila paganti per il derby: tanti o pochi?
Scritto da: Andrea Avato, domenica 03 febbraio 2008
Visto: 26 volte.

Image
la Minghelli contro il Perugia
A pagare il biglietto per assistere ad Arezzo-Perugia sono state 2.407 persone. 407, più o meno, erano di Perugia. Ciò significa che duemila aretini tondi tondi hanno ceduto al richiamo del derby, frugandosi in tasca per andare, o tornare, allo stadio. Se duemila paganti siano una quantità proporzionata oppure no all’importanza della sfida, dipende dalle valutazioni soggettive. Su un piatto della bilancia c’erano una campagna acquisti obiettivamente sontuosa, una partita sentita contro un avversario di grido, l’esordio di due nuovi giocatori e la possibilità di conquistare una vittoria che mancava da oltre vent’anni. Sull’altro piatto pesavano il tempo non proprio clemente, la disaffezione alle sorti della squadra, la bruttezza della serie C e anche la diffidenza nei confronti di un Arezzo che finora ha viaggiato a corrente alternata. Risultato: duemila paganti. Tanti? Pochi? Giusti? Ognuno può pensarla come vuole. Tifo ce n’è stato e anche i perugini in curva ospiti sono sembrati belli animosi, a testimonianza del fatto che non è vero che il derby sia più sentito di qua dal Trasimeno piuttosto che di là. La Minghelli, nonostante i larghi vuoti, è stata compatta e calorosa. Simpatico l’intervallo del match, con le vecchie glorie in tribuna a dispensare sorrisi e bei ricordi. Meritata anche la passerella pre gara per la Berretti amaranto, capolista nel suo girone e lanciata verso le finali nazionali. A cornice di tutto ciò, forse qualche pagante in più rispetto ai duemila ufficiali non avrebbe guastato.

http://www.amarantomagazine.it/

facebook

3 febbraio 2008

Arezzo - Perugia 1-0, la strada giusta è stata imboccata

Arezzo - Perugia 1-0, la strada giusta è stata imboccata

Arezzo - Perugia 1-0, la strada giusta è stata imboccata
Miglietta esulta dopo il gol
A volte anche nel calcio 1+1 fa due. L’Arezzo ha acquistato Miglietta per poter disporre di un centrocampista che si sappia inserire in attacco e mettere a segno qualche gol. Cris ripaga l’Arezzo con un gol al debutto, un debutto importantissimo.

Come avevamo anticipato, la partita contro il Perugia era un bivio importante, dove la squadra di Cuoghi doveva prendere la direzione giusta; lo era perché l’avversaria aveva due punti in più in classifica, ma anche perché l’Arezzo non poteva disporre di Goretti, Bricca, Myrtaj Chianese e Falsini.
Una sconfitta (ma anche un pareggio) avrebbero avuto il sapore dell’ultima spiaggia fallita ed invece è arrivata una vittoria meritata e sofferta.
Gli amaranto hanno cominciato la partita con una gran voglia di passare in vantaggio, ma con poca lucidità. La manovra d’attacco era affidata alle giocate estemporanee dei singoli e mancava di quella coralità che speravamo di vedere. Rivas e Miglietta lasciavano intuire le loro notevoli capacità, ma apparivano spaesati, alla ricerca di una collocazione in campo che non trovavano. Così il Perugia resisteva e le occasioni da gol latitavano; poi pian piano l’Arezzo ha cominciato a macinare gioco, a scambiare palle basse giocate di prima e la seconda parte del primo tempo non ha fruttato gol per puro caso.
Al rientro dall’intervallo gli amaranto sono apparsi di nuovo confusi e, pur mantenendo il comando del gioco, non sembravano in condizione di offendere efficacemente. E’ stato proprio quando la manovra offensiva faticava a distendersi che Miglietta ha compiuto il miracolo. Lo ha fatto proprio sfruttando la sua caratteristica migliore, l’inserimento da dietro.
Il pubblico del Città di Arezzo (stavolta numeroso, anche se meno di quanto avrebbe meritato l’impegno della squadra) ha compreso lo sforzo dei ragazzi di Cuoghi e li ha sostenuti con calore, accompagnandoli verso la meritata vittoria, nonostante la mezzora finale giocata in inferiorità numerica.
Il Perugia è ora superato e molte altre squadre avvicinate; ma soprattutto dalla prossima partita l’Arezzo potrà contare su Bricca, Goretti, Chianese e forse anche Falsini. Ora i Play Off  sono lì a quattro punti e dodici partite, che possono bastare per recuperarli.
Confessiamo che prima della partita abbiamo fatto ricorso a tutti gli espedienti scaramantici del caso; a buon intenditor poche parole…

Le pagelle amaranto:

Marconato 7 – Una sola parata eclatante, ma decisiva. Per il resto ordinaria amministrazione
Conte 6,5 – Molto bravo e decisivo in alcuni interventi, qualche svista rischiosa
Ranocchia 7 – Ottima partita con due piccole sbavature.
Mezzanotti 6 – Per buona parte dell’incontro è apparso in difficoltà, ma con i minuti la sua prestazione è decollata.
Grillo 7 – Ottimo.
Beati 6  – Prestazione non appariscente, con qualche apertura intelligente. Espulso per fallo da dietro.
Togni 6 – Nessun guizzo, complessivamente una prestazione ordinaria
(Savi 7 – Ottimo in copertura con la squadra in inferiorità numerica. Aggressivo)
Miglietta 7 – Qualche incertezza nell’individuare la posizione giusta, ma il ragazzo ha mostrato tutte le sue qualità. Bravo davvero, al di là del gol.
Rivas 6,5 – Ottimi numeri, che hanno mostrato le sue importanti potenzialità. Deve ancora integrarsi bene tatticamente nel gruppo. E’ apparso leggermente carente quanto a brillantezza, ma potrà essere decisivo.
(Cazzola 6,5 – Ha messo in mostra la sua grinta e la forza fisica non indifferente, ma ha sbagliato il possibile gol della sicurezza calciando da difensore…)
Bondi 6,5 – Prestazione migliore delle ultime (deludenti), ma ancora manca di continuità nei novanta minuti. In crescendo.
(Lanzara s.v. – Subentra all’ultimo minuto, per guadagnare tempo)
Martinetti 6 – Ha sfiorato il gol nel primo tempo, ma da unica punta vera non ha inciso quanto si sperava. Poco grintoso.

Cuoghi 7 – Con una formazione incompleta ha avuto ragione del Perugia; questo per oggi basta e avanza. In inferiorità numerica ha saputo gestire l’incontro nel modo migliore.

DOMENICA 03 FEBBRAIO 2008 18:07 - Gianni Brunacci
http://www.arezzonotizie.it/index.php?option=com_content&task=view&id=53947&Itemid=2

facebook

3 febbraio 2008

Arezzo - Perugia 1-0

                                                AREZZO - PERUGIA 1-0

AREZZO (4-3-3): Marconato 6,5; Conte 6 Mezzanotti 6,5 Ranocchia 6,5 Grillo 6,5; Togni 6,5 (18' st Savi 6)  Miglietta 7  Beati 6; Bondi 6,5 (52' st Lanzara sv) Martinetti 7 Rivas 6,5 (23' st Cazzola 6). A disp. Nicoletti, Mateo, Cavagna, Russo. All. Cuoghi 7.

PERUGIA (3-5-2): Puggioni 5,5; De Martis 6 (27' st  Califano 6,5 ) D'Andrea 5,5 Accursi 5,5; Rizzo 6,5 Catinali 6 Quadri 5,5 Del Nevo 6 (18' st La Vista 6)  Cherubini 6,5 (44' st Anaclerio sv); Ercolano 6,5  Mazzeo 6. A disp. Bianchi, Angeli, Ungaro, Sy. All. Matrecano 5.

ARBITRO: Corletto di Castelfranco Veneto 6
Collaboratori: Lanza-Martini

MARCATORI: 9' st Miglietta (A)

NOTE: Spettatori 3500 circa, circa 300 i tifosi perugini presenti in curva ospite. Giornata nuvolosa, terreno allentato dalla pioggia. Ammoniti: Grillo (A). Espulso al 22' Beati per l'Arezzo.
Angoli: 5-0 per l'Arezzo. Recupero: 1'-8'.

Arezzo-  Una buona cornice di pubblico per un derby tra due squadre, Arezzo e Perugia,  che hanno reso fino ad oggi al di sotto delle aspettative,  ma che inseguono sempre un posto nei play-off.

Cuoghi presenta un Arezzo spregiudicato con un 4-3-3  in cui il neo-acquisto Miglietta gioca in appoggio al trio offensivo composto da Bondi-Martinetti-Rivas.
Matrecano al suo esordio nella panchina degli umbri schiera a sorpresa un prudente 3-5-2 scegliendo Mazzeo come partner d'attacco dell'ariete Ercolano.

La partita la fanno i padroni di casa, con gli ospiti chiusi nella propria metà campo e pronti a ripartire  in contropiede. Al 7' una rimessa laterale di Grillo serve Martinetti che prolunga per Bondi il cui colpo di testa si perde di poco a lato. Gli amaranto ci provano ancora al 25' con Martinetti servito da Conte, ma la mira non è delle migliori. I pericoli per Puggioni arrivano dalle palle inattive. Prima al 35' su  dal calcio d'angolo di Bondi, Mezzanotti incorna bene, ma alza troppo la mira, poi sempre su calcio d'angolo questa volta di Togni, è  Martinetti che costringe l'estremo ospite  al deviazione sul fondo. Occorre arrivare al 42' per annotare un'azione da rete del Perugia, che  si rende pericoloso con un bel colpo di testa di Ercolano, sui cui Marconato  è attento nel respingere in tuffo.

Ad inizio ripresa arriva il meritato vantaggio dei padroni di casa. Siamo al  9'quando Grillo pennella in area un invitante cross che trova al centro dell'area Miglietta, bravo in acrobazia a superare Puggioni, nell'occasione non impeccabile. Al 11' la partita è interrotta per 7' per uno duro scontro a centrocampo tra Togni e Del Nevo. Entrambi sono costretti a lasciare il campo, con il giocatore perugino che perde i sensi ed  è ricoverato in ospedale per accertamenti. Al loro posto entrano  in campo rispettivamente Savi e La Vista. L'Arezzo rimane in inferiorità numerica al 22', quando Beati si prende un discutibile cartellino rosso per un fallo a centrocampo. Cuoghi corre ai ripari, fuori Rivas per Cazzola. Matrecano prova a raddrizzare la partita inserendo un attaccante, Califano,  per  un difensore, De Martis, e passando al 4-3-3. Al 30' un traversone di Cherubini trova la testa di Ercolano, ma la palla è debole ed innocua per Marconato. Il Perugia ci prova ancora tre minuti dopo. Rizzo scende sul fondo e serve un bell'assist  sul secondo palo per Califano che schiaccia di testa, ma la palla rimbalza sulla linea di porta e si perde alta sopra la traversa.

L'Arezzo conquista così una vittoria che lo rilancia in classifica nella corsa play-off. Per il Perugia il cambio di allenatore non inverte il trend negativo delle ultime prestazioni che lo ha visto conquistare solo un misero pareggio negli ultimi sei incontri.

Andrea Amerighi  http://www.tuttalac.it/societa.htm


facebook

3 febbraio 2008

Arezzo-Perugia: le pagelle

Arezzo-Perugia: le pagelle

L’Arezzo ha un Miglietta in più nel motore, decisivo il centrocampista che all’ottavo della ripresa fa esplodere lo stadio. La vittoria sul derby è molto merito suo. Tutti positivi gli altri amaranto, partita di sacrificio per Martinetti stretto da solo in mezzo alla difesa umbra, Grillo ancora bene a sinistra, Rivas fa vedere buoni numeri. Beati punito oltremisura dal rosso diretto, fiscale l’arbitro che ha applicato il regolamento alla lettera.

Marconato: 6 Nel primo tempo ribatte un colpo di testa di Ercolano, mentre l’unica cosa che sbaglia è un’uscita al 30’ della ripresa quando per poco non favorisce l’intervento di Califano appostato sul secondo palo.

Conte: 6 Qualche disimpegno sbagliato di troppo per il capitano che si fa apprezzare di più in fase difensiva.

Ranocchia: 6 Qualche sbavatura negli anticipi, aveva un clientaccio come Ercolano e tutto sommato si guadagna la pagnotta.

Mezzanotti: 6,5 In settimana si è allenato poco per l’influenza, ma non fa rimpiangere lo squalificato Goretti. Puntuale di testa e deciso nelle chiusure, bravo.

Grillo: 6,5 Tatticamente è perfetto, ottima diagonale nel primo tempo, ha il gran merito di mettere dentro il cross che consente a Maglietta di segnare.

Beati: 6 Rimedia un rosso forse eccessivo da parte di Corletto che punisce va bene un entrata da dietro, ma a centrocampo, più da giallo che da espulsione diretta. Per il resto solito buon lavoro davanti alla difesa.

Miglietta: 7 Esordio con goal nel derby, di più non poteva chiedere il centrocampista che fa vedere subito buone giocate. Staziona più avanti del solito, contrasta bene e si inserisce benissimo come in occasione del goal.

Togni: 6 Sbaglia qualche passaggio di troppo, comunqueTutto sommato positiva la prova del brasiliano, costretto a lasciare il campo in seguito allo scontro con Del Nevo
Dal 17’ s.t. Savi 6: Cuoghi lo butta nella mischia nel momento più difficile e lui risponde presente.

Rivas: 6,5 Il fantasista argentino fa subito vedere che con la palla tra i piedi ci sa fare, riesce a incidere poco, per la lentezza della manovra, positivo, ma da rivedere.
Dal 21’ s.t. Cazzola: 6 Grinta e impegno nel finale.

Martinetti: 6 Partita difficile per l’attaccante stretto nella morsa di due a volte tre difensori del Perugia, pericoloso in un paio di contropiedi.

Bondi: 6 Ancora lontano dalla forma migliore, cerca soprattutto nel finale di tenere palla quando l’Arezzo è in inferiorità numerica. Può e deve dare di più.
Dal 49’ s.t. Lanzara: s.v.


All. Stefano Cuoghi 6,5 Aveva un solo attaccante a disposizione, Martinetti. Disegna un Arezzo con Miglietta più avanzato del previsto e il campo gli dà ragione. Ottimi la gara dell’ex anconetano che in occasione del goal fa vedere quanto è bravo a inserirsi, una soluzione in più per scardinare le difese avversarie. Dalla prossima settimana avrà a disposizione anche Chianese davanti e Falsini dietro, due rinforzi di qualità per una squadra che ora non può fallire l’obbiettivo play-off.

Arbitro: Andrea Corletto di Castelfranco Veneto: 6 Non commette grossi errori, sempre molto vicino all’azione, forse in occasione dell’espulsione di Beati è troppo severo, ma ha applicato il regolamento alla lettera e non gli si può dar torto.

Aggiornato 03/02/2008 17:17   Scritto da Marco Piga
http://www.calciotoscano.it/modules.php?op=modload&name=PagEd&file=index&page_id=20914


facebook

2 febbraio 2008

Arezzo, uno stadio amaranto al fianco di Martinetti e compagni. Myrtaj non ce la fa, Mezzanotti si’!

Arezzo, uno stadio amaranto al fianco di Martinetti e compagni. Myrtaj non ce la fa, Mezzanotti si’!

Meno uno al derby. I tifosi continuano a preparare le bandiere per il gran derby di domani e il Città di Arezzo sarà colorato di amaranto. Circa trecento i tifosi biancorossi al seguito dell’undici di Matrecano al battesimo sulla panchina umbra. Per quanto riguarda le formazioni, Arezzo senza Goretti e Bricca squalificati, Myrtaj infortunato (forse va in panchina) e i nuovi Chianese e Falsini ancora indisponibili per motivi burocratici. Il Perugia si dovrebbe schierare con il 4-3-3.



AREZZO - I tifosi di sicuro il derby lo hanno preparato alla grande, bandiere amaranto per tutti con le dimensioni del decreto Amato e gran tifo previsto per domani. La gara con il Perugia è particolare, non è una partita qualsiasi e i ragazzi della Curva Minghelli non hanno lasciato niente al caso. Dopo le ultime grandi mosse di mercato della Società è cresciuto in generale l’entusiasmo attorno a Cuoghi e i suoi. L’obbiettivo play-off ora sembra alla portata, ma bisogna cominciare a vincere, per farlo Cuoghi senza Myrtaj, acciaccato, con Falomi (passato al Pescara) e con il nuovo Chianese (indisponibile per motivi burocratici) deve fare di necessità virtù e in attacco schiera il solo Martinetti con Rivas e Bondi ai lati. In mezzo esordio per l’altro nuovo Maglietta con Togni e Beati. Dietro Mezzanotti che ha smaltito l’attacco influenzale giocherà in mezzo con Ranocchia, sule fasce conferma per Conte e Grillo. Il Perugia sarà molto rinnovato, Matrecano per la sua “prima” in panchina pensa al 4-3-3 con Ercolano davanti. Proprio l’ex centravanti della Cavese sarà fischiatissimo dai tifosi aretini, come tutti sapete ha preferito il Perugia all’Arezzo. Dal capoluogo umbro sono attesi circa quattrocento tifosi.

Aggiornato 02/02/2008 16:23   Scritto da Marco Piga
http://www.calciotoscano.it/modules.php?op=modload&name=PagEd&file=index&page_id=20895


facebook

1 febbraio 2008

Arezzo-Perugia: Sale la febbre per il derby

Sale la febbre per il derby
Scritto da: Andrea Avato, venerdì 01 febbraio 2008
Visto: 157 volte.

Image
Chianese in amaranto
La febbre per il derby sale di ora in ora. Arezzo-Perugia sembrava una partita in tono minore fra due squadre destinate a recitare un ruolo di comparsa nei prossimi cinque mesi, invece i botti di mercato, soprattutto in casa amaranto, hanno ridestato l'entusiasmo. Oggi un gruppo di sportivi più nutrito del solito si è assiepato di là dalla rete per assistere all'allenamento di Falsini e di Chianese, per dare un'altra occhiata a Miglietta e Rivas, per scrutare le movenze di un Martinetti che molti, adesso, pronosticano come il match winner della sfida (e qui una toccatina ci sta...). Erano mesi che non si palpava il brivido dell'attesa, segno che qualcosa si è mosso nelle coscienze dei tifosi. La sessione invernale della campagna trasferimenti ha avuto l'effetto di un toccasana, anche se dovrà essere il campo a stabilire quanti e quali progressi ha realmente compiuto la squadra. A guardarlo così, comunque, l'Arezzo è più forte. Un mese di trattative, di acquisti e di cessioni ha portato in dote a Cuoghi quattro rinforzi belli tosti e nessuna partenza eccellente. L'organico ha conservato i suoi punti di forza ma ha limato i punti deboli. Cosa volere di più? Forse non è nemmeno un caso che Arezzo-Perugia si giochi proprio dopodomani, a poche ore dalla chiusura dell'Ata Quark, contro i rivali di sempre e contro quell'Ercolano che ha scelto il grifo invece del cavallino. Nel primo pomeriggio, dietro la rete del "Mario Lebole", non ce n'era uno che rimpiangeva il colosso ex Cavese. Chianese riscuoteva consensi in quantità industriale e dopo il gol segnato in rovesciata davanti agli occhi di Cuoghi, quello in suo favore è diventato un autentico plebiscito. Quanto tempo era che non ci si divertiva a ipotizzare la composizione del reparto d'attacco? Bondi-Martinetti-Rivas, oppure Bondi-Martinetti-Chianese, oppure ancora Martinetti-Chianese con Bondi e Rivas sulle fasce, ma anche Martinetti-Chianese-Myrtaj perché c'è da vincerle tutte. All'antistadio le voci correvano e il tono era perentorio, perché ai tifosi basta poco per cambiare umore e vedere il bicchiere mezzo pieno, nonostante i 6 punti di distacco dai play-off restino sempre 6 punti. Vincere contro il Perugia dopo un mercato del genere, con un'adrenalina che viene a galla sempre più forte, sarebbe un colpo da novanta. Diciamolo sommessamente, perché il derby è infido per natura, ma tre punti domenica potrebbero valerne sei. Intanto la febbre sale.

Dolore al polpaccio, Myrtaj non ce la fa
Scritto da: Andrea Avato, venerdì 01 febbraio 2008
Visto: 149 volte.

Image
Florian Myrtaj salta il derby
Subito dopo la conferenza stampa, Chianese e Falsini si sono aggregati ai compagni e hanno preso parte al primo allenamento con la casacca amaranto. Cuoghi ha fatto giocare una partitella iniziale, con Chianese che ha rotto il ghiaccio con uno spettacolare gol in rovesciata. Né lui né Falsini saranno disponibili per il derby contro il Perugia, a cui quasi certamente dovrà rinunciare anche Florian Myrtaj, che in biancorosso ha giocato senza troppa fortuna nella stagione 2005-06. Il giocatore ha provato di nuovo a forzare la corsa ma non appena ha alzato il ritmo, il dolore al polpaccio lo ha costretto a fermarsi. Domattina Myrtaj si sottoporrà a una risonanza magnetica per cercare di capire l'origine precisa del malanno. Un suo recupero in extremis appare molto, molto difficile. Cuoghi contro il Perugia avrà così un solo attaccante di ruolo a disposizione, vale a dire Daniele Martinetti. Probabile, salvo sorprese, che domenica vada in panchina il bomber della Berretti Christian Russo, classe '90. Nella seduta odierna, provato di nuovo il 4-3-3 con Marconato, Conte, Ranocchia, Mezzanotti e Grillo in difesa, Beati, Togni e Miglietta a centrocampo, Bondi, Martinetti e Rivas in attacco.

Un mare di bandiere per colorare lo stadio
Scritto da: Andrea Avato, venerdì 01 febbraio 2008
Visto: 219 volte.

Image
maxi coreografia per il derby
I gruppi organizzati della curva Sud "Lauro Minghelli" informano tutti i tifosi amaranto che possono ritirare le bandiere ordinate in precedenza presso la sede di piazza Sant'Agostino e che lo possono fare sabato pomeriggio dalle ore 15 alle 18. Questo per chi ha aderito alla nostra iniziativa, attraverso la quale abbiamo distribuito gratuitamente diverse centinaia di bandiere. A tutti gli altri un invito a portare quelle che avete a casa (sperando che siano a "norma di legge" , quindi non più di 1,5 mt per 1,5 mt e con la sola scritta "Arezzo") oppure a comprare quelle fatte stampare appositamente dai gruppi. Il costo è di 5,00 € ciascuna e saranno in vendita sabato pomeriggio, sempre presso la sede di piazza Sant'Agostino, oppure domenica nel piazzale dello stadio fino a mezz'ora prima della partita. Colorare lo stadio, non solo la curva Sud, dipende da tutti i tifosi: orgoglio, fede, colore... bandiere al vento!!! ...con i colori del cuore!!! gruppi organizzati curva Sud "Lauro Minghelli"

Aspettando il derby - Numeri e statistiche (5)
Scritto da: Andrea Avato, venerdì 01 febbraio 2008
Visto: 60 volte.

Image
Kroupi in gol all'andata
Sono 45 i confronti diretti tra Arezzo e Perugia giocati nel dopoguerra in campionato, 48 se ci aggiungiamo anche quelli di Coppa Italia. Il bilancio globale è favorevole ai grifoni, ma di pochissimo: 14 vittorie biancorosse, 18 pareggi, 13 successi amaranto. L'Arezzo però è avanti nel computo dei gol: ne ha segnati 45 e ne ha incassati 41. Le due squadre si sono affrontate 22 volte in serie B (5 vittorie dell'Arezzo, 8 del Perugia, 9 pareggi) e 23 in serie C (8 vittorie dell'Arezzo, 6 del Perugia, 9 pareggi). Gli amaranto in casa, da oltre cinquant'anni a questa parte, hanno perso solo due partite, ma una di queste venne disputata sul neutro di Pistoia il 22 dicembre 1974: finì 3-2 per gli umbri, gol aretini di Tombolato e Fara. L'altro ko interno è più recente e doloroso: risale al 19 dicembre 2004, giorno in cui venne inaugurata la nuova curva Minghelli. Il Perugia vinse 2-1 grazie alle reti di Mascara e Do Prado, inutile il diagonale vincente di De Zerbi a metà ripresa. E meno male che stavolta non si gioca a dicembre... L'Arezzo non riesce a battere il Perugia dal 15 giugno 1986: 2-0 al Curi, gol di Facchini e Ugolotti. Gli amaranto si erano imposti pure all'andata grazie al sigillo di Ermini in pieno recupero. Il derby si è giocato ad Arezzo nel mese di febbraio altre quattro volte. Nel 1951 e nel 1961 finì 1-1 (gol di Pecchi e di Danova), nel 1962 e nel 1964 vinsero gli amaranto 1-0 (Mattioli) e 2-1 (Flaborea-Meroi). La vittoria col massimo scarto si è registrata in due circostanze. Il 12 dicembre 1948 e il 4 novembre 1973 l'Arezzo chiuse sul 4-1: tripletta di Magherini la prima volta, doppietta di Marmo la seconda. Quest'anno, nel match di andata al Curi, Perugia-Arezzo è finita 1-1: gol di Kroupi (che ha rescisso il contratto) e di Amore (ceduto ieri al Novara). Da ricordare i tre derby di Coppa Italia giocati nel mese di agosto del '72, dell'84 e del 2006: due vittorie amaranto per 1-0 e una qualificazione ai rigori.

Allenamenti a porte chiuse per il Perugia
Scritto da: Andrea Avato, venerdì 01 febbraio 2008
Visto: 102 volte.

Image
Giorgio La Vista
Il Perugia si sta allenando a Pian di Massiano a porte chiuse e con ogni probabilità anche la rifinitura di domattina si svolgerà al riparo da occhi indiscreti. Dopo dieci giorni trascorsi nel ritiro di Norcia, i biancorossi sono rientrati in città per preparare il derby di domenica. Matrecano, chiamato a sostituire l'esonerato Cuccureddu, in questo periodo ha dovuto lavorare sul campo con i giocatori, tenendo però un orecchio alle notizie provenienti dal calcio mercato di Milano. Dopo Ercolano e Quadri, già impiegati contro il Sorrento, il Perugia ha acquistato anche i centrocampisti Calzi dal Ravenna e Sacilotto dal Cesena, oltre ai difensori Ungaro e Conti, prelevati rispettivamente da Reggina e Pescara. Numerose le cessioni: Sorrentino e Porro sono finiti alla Cavese, capitan Bernini al Lecco, Morfù al Gallipoli, Taurino al Venezia e Amore, autore del gol all'Arezzo nel match di andata, al Novara. Mocarelli, un altro ex amaranto, ha rifiutato diversi trasferimenti ed è stato messo fuori rosa dalla società. Al Comunale il Perugia si schiererà con il 4-3-3, modulo provato con insistenza da Matrecano: Puggioni in porta, Rizzo e Cherubini esterni, Accursi e D'Andrea coppia centrale. In mediana giocherà Quadri nel ruolo di regista basso, con Catinali e Del Nevo ai fianchi. Davanti La Vista e Anaclerio appoggeranno Ercolano. Ad accompagnare la squadra ci saranno circa 300 tifosi, ai quali l'osservatorio del Viminale ha concesso solo ieri sera l'ok per la trasferta ad Arezzo, nonostante la prevendita dei biglietti fosse cominciata da un paio di giorni.

http://www.amarantomagazine.it/

facebook

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Arezzo derby Perugia Arezzo-Perugia

permalink | inviato da ipse dixit il 1/2/2008 alle 23:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


30 gennaio 2008

Arezzo, grande attesa per il derby contro il Perugia

Arezzo, grande attesa per il derby contro il Perugia

Si stanno mobilitando i tifosi dell'Arezzo in vista del derby contro il Perugia. Apprezzabile iniziativa degli Ultras (nella foto di Elia Cencini), che hanno fornito a molti sportivi della curva bandierine in regola con le vigenti norme. La Curva Minghelli, quindi, si tingerà d'amaranto. Nessuna novità, intanto, per ciò che riguarda il centravanti.



AREZZO - Si avvicina il gran giorno di Arezzo-Perugia e domenica prossima il "Città di Arezzo" tornerà ad avere una cornice da Serie B. La partita, infatti, è molto attesa da entrambe le tifoserie, dal momento che una rivalità storico-calcistica divide le due città, peraltro non molto lontane in termini chilometrici.
Apprezzabile l'iniziativa degli Ultras Arezzo, che in settimana hanno dotato molti sportivi di una bandiera in regola con le vigenti norme per l'ingresso allo stadio delle stesse. La Curva Minghelli (che speriamo possa far registrare un ottimo numero di presenze), quindi, vibrerà d'amaranto per spingere la squadra di Cuoghi alla vittoria. Dopo tanti 0-0 consecutivi, sarebbe bello che la formazione aretina regalasse una meritata gioia ai propri tifosi.
Per quanto riguarda l'aspetto prettamente tecnico, sarà l'attacco di sempre che sfiderà i grifoni. La regola dei cinque giorni, infatti, impone che, anche se dovesse essere tesserato in questi giorni, il famoso "cinghialone" che richiedeva Cuoghi non possa scendere in campo. Giocherà, invece, il sudamericano Rivas, ultimo arrivato in casa amaranto.

Aggiornato 30/01/2008 16:51   Scritto da Alessandro Veltroni
http://www.calciotoscano.it/modules.php?op=modload&name=PagEd&file=index&page_id=20838

  

facebook

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Arezzo derby Perugia Arezzo-Perugia

permalink | inviato da ipse dixit il 30/1/2008 alle 18:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia    gennaio        marzo

Cerca, Rss, Atom e Counter
Ricerca personalizzata
Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0   Feed ATOM di questo blog  Atom


Link
A
ac-perugia.com
acmonzabrianza.it
acspezia.com
agenfax.it
alessandriacalcio.it
allvideo
amarantomagazine.it
arezzonotizie.it
asandriabat.it
B
beneventocalcio.it
bettiamo.net
blog.football.it
blunote.it
bondolasmarsa
br73.net Pistoia
bustocco.it
C
calciatori.com
calciocampano2009
calciocomo190
calciofoggia.it
calcioland.forumfree
calciomatto
calciomercato.com
calcionapoletano
calciopiu.net
calciopress.net
calcioscommesse.myblog.it
calcioseriec.blogspot.com
calciotoscano.it
cavese
cavanotizie.it
click4soccer.com
coni.it
corrierediarezzo.it
corrieredicomo.it
cremonaweb.it
D
datasport.it
diretta.it
direttagol.it
E
e-cremonaweb.it
esperiaviareggio.it
eurosport.yahoo.com
F
fccrotone.blogspot.com
febbrea90.com
figc.it
foggiacalciomania.com
foggialandia.it
foggiaweb.it
folignocalcio.com
folignocalcio.it
forzacavese.net
forzalucchese.net
forzanovara.net
forzapescara.com
forzaspal
G
gazzettalucchese.it
goal.com
H
hellastory.net
hellasverona.it
hellasweb.it
I
ilgrecale.it
ilpallonaro.com
ilquotidianodellabasilicata.it
ilquotidianodellacalabria.it
ilsatanello.it
ioamoilcalcio.myblog.it
infobetting.com
italiadelcalcio.it
L
la_c1.ilcannocchiale.it
lanciano.it
larena.it
leccosportweb.it
lega-calcio.it
lega-calcio-serie-c.it
legaproprimadivisione
leggonline.it
livescore.com
Live score
loschermo.it
lospallino.com
lostregone.net
lumezzanecalcio.it
M
madeinandria.it
mondorossoblu.it
N-O
noitv.it
P
paganese.it
paganesecalcio.com
pescaracalcio.com
portogruarosummaga.it
primadanoi.it
primadivisionew
primadivisione
pronostici1x2
pronostici serie A
prosestonews
Q
qn.quotidiano.net
R
radioemme.it
raisport.rai.it
ravennanotizie.it
realsports.it
reggianacalcio.it
reggianasupporters.it
resport.it
riminicalcio.com
S
salernonotizie.it
sanniocalcio.it
scommesse.betfair.it
seriec1.ilcannocchiale.it
seriec1.wordpress.com
soccerpuglia.it
socialcalcio.com
solocalcio.com
solopescara.com
sorrentocalcio.com
sportal.it
sportcity-ricio
sportedintorni.blogspot.com
sporterni.it
sportevai.it
sportitalia.com
sportoggi.com
sportpeople.net
sportvintage.blogspot.com
ssjuvestabia.it
sslanciano.it
stabia1907.it
stabiachannel.it
stampasud.it
T
tarantosera.com
tarantosupporters.com
teleradioerre.it
ternanacalcio.com
terninrete.it
terzaserie.myblog.it
tifo-e-amicizia.it
tifogrifo.com
tifosigallipoli
tifosiportogruaro
tuttalac.it
tuttocalciatori.net
tuttocalcio.it
tuttolegapro.com
tuttomercatoweb.com
tuttosport.com
tuttosporttaranto
tvgratisnet.iobloggo.com
tvoggisalerno.it
U
ultrassamb
uscremonese.it
usfoggia.it
V
varese1910.it
varesenews.it
vascellocr.it
vastocalcio
viaroma100.net
virtuslanciano
Z
zonacalcio.it

Siti rimossi

Gossip&sport

Cinema italiano
cinemaitaliano.info
trovacinema.repubblica.it
Nuovi
bg vs fq pr dago
notiziariocalcio
ilnuovocorriere
asgubbio1910
forzanocerina
piacenzacalcio
triestinacalcio
comunicatemi
chi ho dimenticato
e sarà inserito,
o rimosso per chi vuol essere cancellato

....ed è naturalmente gradito
un link a questo blog
nei vostri siti o blog
grazie



Meteo











 
 
fai.informazione.it Wikio - Top dei blog Wikio - Top dei blog Add to Google intopic.it Blog360gradi - 

L’aggregatore di notizie a 360°  provenienti dal mondo dei blog! who's online Sito ottimizzato con 

TuttoWebMaster TOP 100 

SOCCER SITES TopSportSites.com :: A 

Sports Discussion Community Top Italia Registra 

il tuo sito nei motori di ricerca liquida.it social network Notizie, immagini e video dai blog italiani su Liquida top 100 sports sites My BlogCatalog 

BlogRank urltrends reports BlogNews Questo Blog e' 

Strabello! e il tuo?

Cynegi Network
linkto.org

  Powered by  MyPagerank.Net
 

seriec1

↑ Grab this Headline Animator

  View blog authority
   
 


blinko jonny groove
rcsmobile belen

lastminute
musicbox

edreams

better
blinko grandi sorelle


Rubbrica telefonica


Elenco per nome


Elenco per ruolo