235 Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio seriec1 | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

logo di seriec1.ilcannocchiale.it rassegna stampa della lega pro prima divisione
Blog letto 1 volte












div>

Tim Cup 2009/2010, Risultati completi,
Tabellone, Regolamento

Coppa Italia 2009/2010
Risultati e Calendario
Siti Ufficiali


prima pagina della Gazzetta dello Sport

prima pagina del Corriere dello Sport

prima pagina di Tuttosport

il cirotano



Verdetti 2010-2011
Retrocesse dalla serie B
Frosinone Portogruaro
Triestina Piacenza
Promosse dalla 2a Div
Tritium Carpi
Latina FeralpiSalò
Carrarese Trapani
Retrocesse in 2a Div
Paganese Cavese
Monza Sudtirol
Ternana Cosenza
Promosse in serie B
Gubbio Nocerina
H.Verona Juve Stabia


Supercoppa 2010-2011
22 - 26 maggio
Gubbio Nocerina 1 - 1
Nocerina Gubbio 0 - 1
Vincente: Nocerina


Play Off Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Verona Sorrento 2 - 0
Salernitana Alessandria 1 - 1
Girone "B"
Juve Stabia Benevento 1 - 0
Taranto A. Roma 0 - 1
5 giugno 2011
Girone "A"
Sorrento Verona 1 - 1
Alessandria Salernitana 1 - 3
Girone "B"
Benevento Juve Stabia 1 - 1
A. Roma Taranto 2 - 3
Finali Play Off 2011
Andata 12 giugno
Verona Salernitana 2 - 0
Juve Stabia A. Roma 0 - 0
Ritorno 19 giugno
Salernitana Verona 1 - 0
A. Roma Juve Stabia 0 - 2


Play Out Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Sudtirol Ravenna 1 - 0
Monza Pergocrema 1 - 0
Girone "B"
Viareggio Cosenza 3 - 1
Foligno Ternana 1 - 0
5 giugno 2011
Girone "A"
Ravenna Sudtirol 2 - 1
Pergocrema Monza 1 - 0
Girone "B"
Cosenza Viareggio 0 - 1
Ternana Foligno 1 - 1


Lega Pro 1a Div - Girone A
10a giornata - 25 ott 09
Alessandria Viareggio 0 - 0
Como Arezzo 0 - 0
Classifica - 10a giornata
 1  Novara 24   
 2  Cremonese 22

Serie C1 Rassegna Web Prima Divisione Lega Pro





































sfoglia    novembre        gennaio


28 dicembre 2008

Calciomercato Benevento, Sansone, Villani, Zito,Mancini, Castaldo, Sgambato

L’esterno del Siena arriverebbe in prestito. Zito e Mancini restano in Toscana ...continua a leggere >>

facebook

5 marzo 2008

Taranto:Zito si prepara per il sogno serie A

Esclusiva Goal.com, Zito si prepara per il sogno serie A: "Non è ora per il Napoli. Iezzo tra i tre big del massimo campionato"

L'attaccante è passato al Siena dove giocherà dalla prossima stagione.


21 anni, attaccante, napoletano. Antonio Zito sta per approdare al grande calcio: dal Taranto in C1 direttamente al Siena in serie A. Le sue caratteristiche? Genio e sregolatezza. Tutto rigorosamente made in Napoli. Dopo aver vinto il campionato nazionale dilettanti con il Sorrento, Antonio passa al Taranto in C1. In Puglia il presidente Blasi lo coccola e lo protegge fino al grande salto. Quest’anno rimarrà a giocare il resto della stagione in terza serie, ma da luglio il suo destino è cercare il confronto con i suoi idoli di sempre: Ibra e Del Piero.

Antonio, cominciamo dalla domanda più semplice e scontata. Cos’è per te il calcio? "Ti dico solo che da bambino sognavo di fare il calciatore. Il gioco del pallone è una cosa serie ed è importantissima. Ora che sono cresciuto ne posso fare il lavoro della mia vita. E non dimentico di quando sognavo di poterlo fare".

Come hai cominciato? "Credo come tutti gli scugnizzi napoletani come me. In strada, giusto a qualche centinaio di metri dallo stadio San Paolo, dove giocava il più grande di tutti con la maglia del Napoli".

Sarà scontato, ma noi te lo chiediamo lo stesso. Per chi tifi? "Ovviamente Napoli. Da sempre e per sempre. Però prima che tu me lo chieda, ti dico che se dovessi incontrare un giorno gli azzurri mi impegnerò al massimo per onorare la maglia che indosso. Noi napoletani, a differenza di quanto qualcuno dice in giro, ci teniamo sempre a fare bella figura e non molliamo mai".

Questo vuol dire che se dovessi segnare contro il Napoli esulteresti? "No. Questo no. Non potrei proprio farlo, amo troppo quella maglia, ma dare il 100% per la squadra che rappresento. Beh quello te lo posso assicurare".

Dopo Livorno-Napoli di quest’anno, rivolgendosi a Borriello, napoletano del Genoa, il presidente De Laurentiis ha dichiarato che per i napoletani che giocano a calcio ci sarà sempre un posto in casa sua, cioè al Napoli. Che ne pensi? Ti piacerebbe se un giorno te lo chiedesse?
"Che vuoi che ti dica, una bugia? Come tutti i ragazzi napoletani credo che andrei di corsa. Questa però non è la mia storia, almeno per il momento. Ora voglio pensare al Siena ed a fare bene con la mia nuova squadra, per meritare la conferma in serie A".

Cosa rappresenta quindi per te una piazza come Napoli? "Un’avventura incredibile, affascinante e davvero difficile. Le pressioni sono tante e a tratti sembrano pesantissime. Specialmente per chi è napoletano. Però giocare con quella maglia, davanti al pubblico meraviglioso di Fuorigrotta è qualcosa di indescrivibile".

La serie A la conosci? "Dalla televisione si che la conosco! Lo vedo come un mondo speciale e affascinate. Un ambiente bellissimo ma immagino non facile. A luglio vado a conoscerla, ma ci vado con la voglia di rimanerci a lungo. La mia idea è rimanere umile e imparare tutto da tutti. Il mio sogno è far si che sia un punto di partenza e non certo un punto di arrivo".

I grandi campioni che ci giocano? "Te ne dico tre su tutti: Ibra, Del Piero e Gennaro Iezzo".

Perché questi tre nomi? "Ibra è un fenomeno, il mio idolo. Unisce tecnica e potenza come pochi. Che belli sarebbe sfidarlo sulla fascia. Mi sa che al primo scontro potrei rimetterci una gamba, tanto lo immagino forte fisicamente. Ma che grande cosa potergli giocare contro! Del Piero è un mito. È riuscito a fare gol a tutti i migliori e in tutte le partite che contano davvero. Non lo conosco ancora  personalmente, ma me lo descrivono come una grande persona. E poi se è ancora lì tra i cannonieri della serie A, da bandiera della Juventus, un motivo deve pur esserci. Gennaro Iezzo è il giocatore con il quale sogno di scambiare la maglia  dopo una partita con il Napoli. Lo ammiro tanto. So quanto è difficile  per un napoletano giocare al San Paolo con tutta la pressione che gli piomba addosso. Sì, da attaccante vorrei proprio la maglia del portiere del Napoli".

Il calcio, un gioco che per i bambini è anche il sogno da realizzare, ha sempre maggiori problemi che si traducono in stadi sempre meno pieni. Tu da appassionato e calciatori come risolveresti la situazione? "Questo gioco lo vedo come lo vedono i piccoli che sognano di diventare calciatori. Mi sembra assurdo che la gente vada allo stadio per fare danni. A questa gente vorrei ricordare che i bambini ci guardano e ci imitano. Giochiamo perché ci piace e giochiamo per loro che si divertono. Lo sport è divertimento ma va fatto e vissuto da sportivi".

Il caffè lo abbiamo bevuto e Antonio è stato riconosciuto da vecchi amici che lo ricordano al Sorrento. Chiudiamo l’intervista con una domanda un po’ particolare. Lo spingiamo a raccontarci il suo sogno proibito, quello che a volte si ha persino timore a tirar fuori dal cassetto.Antonio, da professionista e tifoso allo stesso tempo, cosa vorresti portare via dopo la sfida con la tua squadra del cuore? "Te lo dico, ma solo perché abbiamo parlato di sogni. Vorrei la maglia numero 10 del Napoli. Sì, proprio quella che non si mette più…".

Salvatore Siviero
http://www.goal.com/it/Articolo.aspx?ContenutoId=610137

facebook

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. goal.com taranto zito

permalink | inviato da ipse dixit il 5/3/2008 alle 17:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


29 gennaio 2008

Taranto, Zito al Siena

Taranto, Zito al Siena


La società toscana ingaggia il promettente centrocampista jonico, che comunque vestirà la casacca rossoblu fino al termine della stagione.

Antonio Zito

Attraverso un breve comunicato stampa apparso sul sito ufficiale della Taranto Sport, la società jonica annuncia di avere ceduto a titolo definitivo Antonio Zito, ventunenne centrocampista,  al Siena. Nel comunicato viene precisato che il forte calciatore resterà in casacca rossoblu sino al termine dell’attuale stagione. E’ dunque la società toscana a spuntarla su altre pretendenti di massima serie (tra cui il Torino Calcio) che da  tempo seguivano il giovane talento rossoblu ormai lanciato verso il “calcio che conta”.

Oltre a Zito, la novità della giornata riguarda la rescissione del prestito con il giovane difensore Gaetano Ungaro, che torna alla Reggina, società detentrice del cartellino.


Intanto domani il presidente rossoblu Luigi Blasi, accompagnato dal D.G. Galigani, si recherà a Milano per chiudere le ultime trattative di mercato che da una parte riguarderanno lo sfoltimento dell’attuale rosa con la cessione di quei calciatori che hanno trovato poco spazio nella stagione agonistica in corso di svolgimento, mentre dall’altra si cercherà di ingaggiare una punta ed un centrocampista. A tal proposito, oltre ai nomi circolati negli giorni scorsi, non escludiamo colpi a sorpresa dell’ultim’ora.

Enrico Losito www.calciopress.net

facebook

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Taranto Zito

permalink | inviato da ipse dixit il 29/1/2008 alle 21:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 gennaio 2008

Blasi tutto in un giorno

Blasi tutto in un giorno

 di Redazione (22-1-2008) 
QUESTIONE CAF - Siamo alla vigilia del ricorso alla CAF contro la decisione del giudice sportivo di infliggere lo 0-3 a tavolino in occasione di Taranto-Massese.
L’Avv. Chiacchio sta preparando tutta la documentazione e da via Umbria lasciano trasparire un cauto ottimismo. Anche Blasi sarà a Roma per seguire in prima linea tutta la vicenda.
Se la Caf dovesse ribaltare la sentenza del giudice Marino (e fare davvero giustizia…) il campionato assumerebbe immediatamente un sapore diverso.
Con una partita da recuperare, con una concorrente (l’antisportiva Massese) senza tre punti e una successiva vittoria, la griglia play off non sarebbe più un miraggio. Troppe variabili indipendenti, comunque. Atteniamoci ai fatti.
Dalla sentenza di domani dipende tanto del futuro rossoblu. Gallipoli è stata una tappa importante, il match di carte bollate da giocare a Roma sarà decisiva. Per questo il mercato è ancora in stand by, con nomi che circolano ma poco o nulla di ufficiale se escludiamo gli ormai arcinoti Plasmati e D’Acol.

QUESTIONE IACOVONE – Apprendiamo dalle colonne del Corriere del Giorno che stamani è prevista una riunione tecnica al Comune per fare il punto sulla calendarizzazione dei lavori imposti dal prefetto.
Galeotta fu l’intervista a Masucci dell’Osservatorio… Inevitabilmente si aprirà la discussione (molto tardiva e, immaginiamo, molto accesa… sigh) sulla competenza delle spese della messa a norma dell'impianto (per la Legge Pisanu spetta alle società di calcio che usufruiscono delle strutture). A palazzo di città, nel leggere la notizia, gli si sono strabuzzati gli occhi a dimostrazione che si naviga davvero a vista. Possibile che il comune chieda al prefetto di convocare di nuovo le parti per le competenze delle spese di messa a norma dello Iacovone. Da parte di via Umbria tutto tace e non possiamo escludere altri giorni di forte tensione.
Proprio in virtù dei ritardi accumulati e in virtù dello spessore dei contendenti di questa infinita querelle, l’intervento del prefetto urge più che mai per restituire chiarezza e ordine.
http://www.tarantosupporters.com/homepage.htm

Taranto, bello e impossibile

 di Redazione (21-1-2008) 
Troppo brutto il Taranto visto contro la Samb e contro la Pistoiese, bello cazzuto quello visto contro il Gallipoli.
Niente da dire: quando il Taranto decide di fare il Taranto non c'è nessuna squadra che ci può mettere sotto. E' successo contro la Salernitana (questa sera gioca contro il Crotone nel posticipo serale di Raisat), contro il Crotone, contro l'Ancona e C.
Chissà come sarebbe stato il campionato se non ci fosse stato un avvio di stagione balordo e una società senza crisi di rigetto. Una stagione che si può ancora acchiappare per i capelli dato lo spessore e il livello assolutamente basso del girone e la dimostrazione è nelle due promosse della scorsa stagione che arrancano in cadetteria e le finaliste play off che sono finite nel girone settentrionale che boccheggiano anch'esse.
Una stagione che si deve recuperare già da mercoledi quando verrà discusso il ricorso di Taranto-Massese e relativi strascichi. Ottenere un pò di giustizia significherebbe recuperare di prima botta tre punti contro la Massese e, in caso di vittoria, ritornare prepotentemente in zona play off che, attualmente, ci è preclusa per soli tre punti. Che Gallipoli fosse decisiva lo abbiamo scritto in tempi non sospetti e le nostre misere elucubrazioni hanno avuto riscontro. Una prova di forza e uno scatto d’orgoglio era il minimo che si potesse chiedere dopo una settimana travagliata in cui, come sempre, non ci siamo fatti mancare proprio niente. Cari rimane in panca nonostante una partita nuovamente sbagliata. Con il senno di poi è facile parlare, ce ne rendiamo contro, ma mortificare la costante crescita di Faraon per far posto ai malumori di Barasso… beh, la bontà della scelta è sotto gli occhi di tutti. Inoltre, lasciare fuori Cejas ci può pure stare ma ieri, con il Gallipoli che portava avanti il disordinato assalto all’arma bianca l’argentino avrebbe potuto fare molto più comodo rispetto a Tesser chiamato a rivestire un ruolo non suo. E che dire di un primo tempo assolutamente timoroso e di un secondo che ha vissuto più sulle “genialate” dei singoli che su un vero piano tattico. Cari è lo specchio di questa stagione così contraddittoria. Una tara che ci porteremo fino alla fine salvo colpi di testa di Blasi.
Questo Taranto non può prescindere da Manuel Mancini. Privarsi del talentuoso romano significherebbe togliere alla squadra il faro. Ieri Mancini ha deciso di caricarsi sulle spalle la squadra e a Gallipoli hanno cominciato a vedere i sorci verdi. Un vero e proprio patrimonio che va valorizzato e che può tornare molto utile se Blasi decidesse di dare una svolta e investire per riacciuffare la stagione.
Si parte con Plasmati, poi il brasiliano D’Acol. Poi sotto con Docente e il ritorno di Properi. Poi trovare un degno sostituto per il latitante De Liguori. Un mercato mirato, senza fronzoli ma deciso porterebbe una sana ventata d’ entusiasmo all’ambiente che è ancora riottoso e asfittico. Poi, a ruota, l’entusiasmo viene da solo. Cova sotto la cenere, bisogna solo soffiarci sopra.

http://www.tarantosupporters.com/homepage.htm


facebook

22 gennaio 2008

Taranto: Il dopo Gallipoli

Il dopo Gallipoli

di Enrico Losito - 22/01/2008
DIFESA: opposta al migliore attacco del girone il reparto a tratti va in affanno, ma non è solo la indubbia bravura degli avversari a creare problemi. Le antiche amnesie difensive riaffiorano come in occasione della prima marcatura gallipolina, dove le omissioni di D’Alterio, Migliaccio e Barasso (tempistica difettosa nell’uscita) risultano decisive. Anche nella circostanza della seconda marcatura (punizione di Molinari) l’estremo jonico (al rientro dal primo minuto) non risulta completamente esente da colpe. Lo stesso Pastore in alcune circostanze pare spaesato. In ogni caso è l’out destro ad essere maggiormente impegnato dalle incursioni dei giallorossi che agiscono con le ficcanti sovrapposizioni di Vastola e Di Miceli; soprattutto il primo fa il bello ed cattivo tempo per l’intera gara senza incontrare una valida opposizione da parte degli jonici. Bene Colombini, unico ad essere in controtendenza rispetto alla prova complessiva del settore, il terzino toscano mostra solidità in difesa e generosità in fase propulsiva.
 
CENTROCAMPO: mister Cari innerva il reparto schierando un uomo in più in mediana. La mossa sortisce gli effetti desiderati solo a metà. Il reparto soffre nella prima frazione le articolate ed insistite trame della formazione di mister Bonetti. Va decisamente meglio nei primi venti minuti del secondo tempo, quando l’intera squadra alza il suo baricentro. Non si può negare che al reparto manchino le geometrie di Cejas e la corsa di De Liguori; questo senza nulla togliere alle capacità in fase di interdizione dei vari Cavallo, Marsili e De Falco, quest’ultimo autore di un lancio smarcante in occasione della prima rete dei rossoblu siglata da Mancini. Insomma il reparto schierato nella gara di Gallipoli agisce bene nella fase di contenimento, ma pecca nella costruzione del gioco. Viste le caratteristiche degli uomini schierati non si poteva davvero chiedere di più.
 
ATTACCO: il modulo senza punte di ruolo, proposto per gran parte della gara, sortisce buoni risultati in versione esterna grazie alla velocità ed alle qualità tecnico-atletiche di Cutolo, Mancini e Zito. In particolare la manovra jonica non può assolutamente prescindere dalla presenza del genio di Ostia, che non solo è diventato letale in fase realizzativa (6 centri per lui in questa stagione) ma riesce a fornire imprevedibilità alla manovra rossoblu. L’inserimento di Ascenzi (unica punta arruolabile) non cambia il volto della contesa, ma almeno fornisce una presenza fisica al reparto. Con l’ingaggio di Plasmati e della punta brasiliana D’Acol, entrambi disponibili per la prossima gara con la Salernitana, si spalancheranno nuovi scenari tattici ad un reparto che fino ad oggi è stato povero di alternative.
http://www.febbrea90.com/site/index.php?page=articolo&idxxmnu=3&idxxsec=-1&idxxart=538

Buoni & Cattivi - Il migliore: Zito - Il peggiore: Cari

di Mauro Bonomo - 21/01/2008

10 – NEL SEGNO DI ZITO – Al giocatore del Taranto Antonio Zito, perché  il suo gol al Gallipoli è un’autentica perla ti talento e astuzia. Si riscatta con un solo gesto dopo i fischi e la prova opaca di sette giorni fa contro la Pistoiese.

9 – COLPI MANCINI – Al fantasista del Taranto Manuel Mancini, che firma con astuzia il primo gol della squadra rossoblu e mette il piede anche nell’azione del raddoppio. E’ il capocannoniere del Taranto con 6 reti.

8 – ENTUSIASMO RITROVATO – Al presidente del Taranto Luigi Blasi, perché finalmente riporta all’ambiente un po’ d’entusiasmo grazie all’ingaggio di Plasmati e D’Acol, oltre a qualche altro innesto che arriverà a stretto giro.

7 – BOTTA VINCENTE – Al giocatore del Gallipoli Molinari, che con una lodevole conclusione da lunga distanza, realizza la rete del pareggio salentino se pur con la complicità di Barasso.

6 – VITTORIA INATTESA – Al Sorrento, che grazie ad un gol del bomber Ripa espugna il Renato Curi di Perugia e porta a casa tre punti preziosi mandando in crisi gli umbri.

5 – TRENO PERSO – All’Ancona, che dopo un inizio di stagione lodevole, continua a confezionare prestazione altalenanti come quella dello scorso turno contro il Lanciano.

4 – NON BASTA ERCOLANO – Al Perugia, perché nonostante i vari innesti non riesce a dimostrare sul campo il reale valore, sintomo che diversi ingranaggi non girano.

3 – MEGLIO IL SILENZIO – Al proprietario del Martina Cassano, che contestato dalla propria tifoseria, risponde aspramente agli stessi a mezzo stampa. Un gesto del tutto fuori luogo.

2 – COLPO MANCATO – Al bomber del Gallipoli Di Gennaro, che in un derby ricco di gol, manca proprio la firma del capocannoniere del campionato.

1 – BRUTTO RIENTRO – Al portiere del Taranto Nicola Barasso, che rientrato dopo un lungo periodo d’assenza, subisce due gol non risultando esente da responsabilità.

0 – SCELTE SBAGLIATE – Al tecnico del Taranto Marco Cari, perché ancora una volta sono tante le scelte sbagliate. Faraon meritava la riconferma ed a centrocampo l’apporto di Cejas avrebbe dato più idee e qualità ad una squadra che si basa solamente sulle prodezze individuali.

Le pagelle dei rossoblù di Gallipoli Taranto

di Paolo Inno - 21/01/2008

Barasso, voto 5: Torna tra i pali dopo l’esilio ma non sfodera certo una prestazione da numero uno. Sul primo gol è colpevole, sbaglia il tempo dell’uscita, specialità in cui il suo collega Faraon è di certo maestro. Si conferma vittima sacrificale prediletta da Ginestra che, col gol di ieri, ha bucato la sua rete per tre volte in questa stagione. Per fermare il bomber gallipolino, in futuro, meglio affidarsi a una macumba.

D’Alterio, voto 6: Una gara diligente. Due gol incassati possono forse sembrare un pessimo biglietto da visita per la difesa ma D’Alterio, assieme a Colombini, è oggi il tratto rassicurante del reparto arretrato. Non è altrettanto efficace a chiudere la diagonale sul gol di Ginestra ma, nell’occasione, più che ricercarle a destra, le colpe stanno al centro.

Colombini, voto 6: Nel primo tempo resta troppo schiacciato dalla manovra del Gallipoli che impone stile e ritmo al gioco. Nella ripresa si sgancia più spesso, finalmente si propone. L’impressione è che il suo apporto alla squadra sia fondamentale soprattutto in fase offensiva. Quando spinge è come una Ferrari: è un vero peccato tenerla in garage.

Migliaccio, voto 5,5: Al rientro dopo la squalifica, deve fare i conti con Di Gennaro e Ginestra. Non si può dire che demeriti, ma l’ingenuità sul primo gol è madornale. Si fa scavalcare, complice l’abilità di Di Gennaro, da un lancio lungo tutt’altro che irresistibile proveniente dalla linea mediana del campo. La “buca” costa un gol al Taranto.

Pastore, voto 5: Domenica dai due volti. Primo tempo sconcertante, non è ben piazzato sul primo gol dei giallorossi. Ripresa in crescendo, anche se alle volte sembra in debito d’ossigeno.

Marsili, voto 6: Ancora una chance da titolare per il buon mediano scuola Roma. Preferito a Cejas e chiamato a redigere le trame del centrocampo ionico, conduce una buona gara, specie in fase di chiusura degli spazi e di impostazione del gioco. Ha qualità da vendere e potrebbe essere più presente anche in fase di finalizzazione.

De Falco, voto 5,5: Dieci minuti disastrosi domenica scorsa, ecco l’opportunità per riscattarsi. La gara è delicata. Non parte benissimo, ma poi riesce ad entrare nel vivo del gioco. Quasi sufficiente.

Tesser (dall’ 82’ ), s.v.

Cavallo, voto 6: Forse è il più affidabile dei mediani in termini di continuità: ogni prestazione è lodevole, specie dal punto di vista quantitativo. Polmoni e muscoli d’acciaio, non si fa stendere nemmeno da una manata accidentale che lo centra in pieno volto durante l’esultanza per il primo gol dei rossoblu.

Mancini, voto 8: Mezza serie B gli corre appresso e dopo la gara di oggi non si fatica ad intuirne il perché. La sua forza sta nel mettere la tecnica al servizio della concretezza. Mai eccessivo, è il genio della lampada che realizza i progetti di gioco e di gol della squadra. Capocannoniere dei rossoblu, si fa perdonare la parentesi amara di domenica scorsa quando, scosso dalle voci del mercato, preferì non scendere in campo.Fenomeno.

Cutolo, voto 5,5: Non è mai davvero coinvolto nel vivo della manovra rossoblu. Il fatto è che il suo gioco presuppone la presenza di una punta vera che gli porti via l’uomo e gli apra più spazi.

Zito, voto 7: Nella prima frazione di gioco lavora nell’ombra, Cari gli dà compiti tattici che lo imbrigliano eccessivamente. Fatica un po’ a trovare la chiave per leggere l’incontro. Quando la trova, però, diventa una spina nel fianco per la difesa gallipolina. Nel gol racchiude tutto il meglio del suo stile: palla al piede salta l’uomo, converge, tira. L’esultanza eccentrica gli vale mezzo voto in più.

Ascenzi (dal 70’), s.v.

Mister Cari, voto 5: Il Taranto del primo tempo è inguardabile: rinuncia a giocare, non ha spunti, fa la figura dell’agnello di fronte a un Gallipoli che, in fondo, non approfitta pienamente della pochezza dei rossoblu. Le scelte tecnico-tattiche del mister di Ciampino sono discutibili: manda in campo Barasso senza una buona ragione per sfiduciare Faraon e proprio mentre opta per un mediano in più, rinuncia a Cejas, fondamentale per l’economia della squadra. Nel secondo tempo il Taranto cambia volto ma l’impressione è che questo accada più per merito dei singoli che per un disegno tattico. L’arrivo di Plasmati e D’Acol chiarirà se la mancanza di una punta è stato, fino ad oggi, soltanto un alibi.

Gallipoli, voto 6: Non si può certo dire che il Gallipoli non sia stato pensato per un campionato di vertice. Completo in ogni reparto, gioca un calcio semplice ma concreto. Mister Bonetti dà forma e sostanza ad una squadra in grado di costruire importanti occasioni da gol e capace di rischiare poco. Primo tempo vigoroso, avvio di ripresa meno brillante. Manca il guizzo decisivo ed il pareggio, tutto sommato, ci può anche stare.

http://www.febbrea90.com/site/index.php


facebook

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Taranto Gallipoli pagelle Cari Zito

permalink | inviato da ipse dixit il 22/1/2008 alle 15:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia    novembre        gennaio

Cerca, Rss, Atom e Counter
Ricerca personalizzata
Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0   Feed ATOM di questo blog  Atom


Link
A
ac-perugia.com
acmonzabrianza.it
acspezia.com
agenfax.it
alessandriacalcio.it
allvideo
amarantomagazine.it
arezzonotizie.it
asandriabat.it
B
beneventocalcio.it
bettiamo.net
blog.football.it
blunote.it
bondolasmarsa
br73.net Pistoia
bustocco.it
C
calciatori.com
calciocampano2009
calciocomo190
calciofoggia.it
calcioland.forumfree
calciomatto
calciomercato.com
calcionapoletano
calciopiu.net
calciopress.net
calcioscommesse.myblog.it
calcioseriec.blogspot.com
calciotoscano.it
cavese
cavanotizie.it
click4soccer.com
coni.it
corrierediarezzo.it
corrieredicomo.it
cremonaweb.it
D
datasport.it
diretta.it
direttagol.it
E
e-cremonaweb.it
esperiaviareggio.it
eurosport.yahoo.com
F
fccrotone.blogspot.com
febbrea90.com
figc.it
foggiacalciomania.com
foggialandia.it
foggiaweb.it
folignocalcio.com
folignocalcio.it
forzacavese.net
forzalucchese.net
forzanovara.net
forzapescara.com
forzaspal
G
gazzettalucchese.it
goal.com
H
hellastory.net
hellasverona.it
hellasweb.it
I
ilgrecale.it
ilpallonaro.com
ilquotidianodellabasilicata.it
ilquotidianodellacalabria.it
ilsatanello.it
ioamoilcalcio.myblog.it
infobetting.com
italiadelcalcio.it
L
la_c1.ilcannocchiale.it
lanciano.it
larena.it
leccosportweb.it
lega-calcio.it
lega-calcio-serie-c.it
legaproprimadivisione
leggonline.it
livescore.com
Live score
loschermo.it
lospallino.com
lostregone.net
lumezzanecalcio.it
M
madeinandria.it
mondorossoblu.it
N-O
noitv.it
P
paganese.it
paganesecalcio.com
pescaracalcio.com
portogruarosummaga.it
primadanoi.it
primadivisionew
primadivisione
pronostici1x2
pronostici serie A
prosestonews
Q
qn.quotidiano.net
R
radioemme.it
raisport.rai.it
ravennanotizie.it
realsports.it
reggianacalcio.it
reggianasupporters.it
resport.it
riminicalcio.com
S
salernonotizie.it
sanniocalcio.it
scommesse.betfair.it
seriec1.ilcannocchiale.it
seriec1.wordpress.com
soccerpuglia.it
socialcalcio.com
solocalcio.com
solopescara.com
sorrentocalcio.com
sportal.it
sportcity-ricio
sportedintorni.blogspot.com
sporterni.it
sportevai.it
sportitalia.com
sportoggi.com
sportpeople.net
sportvintage.blogspot.com
ssjuvestabia.it
sslanciano.it
stabia1907.it
stabiachannel.it
stampasud.it
T
tarantosera.com
tarantosupporters.com
teleradioerre.it
ternanacalcio.com
terninrete.it
terzaserie.myblog.it
tifo-e-amicizia.it
tifogrifo.com
tifosigallipoli
tifosiportogruaro
tuttalac.it
tuttocalciatori.net
tuttocalcio.it
tuttolegapro.com
tuttomercatoweb.com
tuttosport.com
tuttosporttaranto
tvgratisnet.iobloggo.com
tvoggisalerno.it
U
ultrassamb
uscremonese.it
usfoggia.it
V
varese1910.it
varesenews.it
vascellocr.it
vastocalcio
viaroma100.net
virtuslanciano
Z
zonacalcio.it

Siti rimossi

Gossip&sport

Cinema italiano
cinemaitaliano.info
trovacinema.repubblica.it
Nuovi
bg vs fq pr dago
notiziariocalcio
ilnuovocorriere
asgubbio1910
forzanocerina
piacenzacalcio
triestinacalcio
comunicatemi
chi ho dimenticato
e sarà inserito,
o rimosso per chi vuol essere cancellato

....ed è naturalmente gradito
un link a questo blog
nei vostri siti o blog
grazie



Meteo











 
 
fai.informazione.it Wikio - Top dei blog Wikio - Top dei blog Add to Google intopic.it Blog360gradi - 

L’aggregatore di notizie a 360°  provenienti dal mondo dei blog! who's online Sito ottimizzato con 

TuttoWebMaster TOP 100 

SOCCER SITES TopSportSites.com :: A 

Sports Discussion Community Top Italia Registra 

il tuo sito nei motori di ricerca liquida.it social network Notizie, immagini e video dai blog italiani su Liquida top 100 sports sites My BlogCatalog 

BlogRank urltrends reports BlogNews Questo Blog e' 

Strabello! e il tuo?

Cynegi Network
linkto.org

  Powered by  MyPagerank.Net
 

seriec1

↑ Grab this Headline Animator

  View blog authority
   
 


blinko jonny groove
rcsmobile belen

lastminute
musicbox

edreams

better
blinko grandi sorelle


Rubbrica telefonica


Elenco per nome


Elenco per ruolo