235 Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio seriec1 | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

logo di seriec1.ilcannocchiale.it rassegna stampa della lega pro prima divisione
Blog letto 1 volte












div>

Tim Cup 2009/2010, Risultati completi,
Tabellone, Regolamento

Coppa Italia 2009/2010
Risultati e Calendario
Siti Ufficiali


prima pagina della Gazzetta dello Sport

prima pagina del Corriere dello Sport

prima pagina di Tuttosport

il cirotano



Verdetti 2010-2011
Retrocesse dalla serie B
Frosinone Portogruaro
Triestina Piacenza
Promosse dalla 2a Div
Tritium Carpi
Latina FeralpiSalò
Carrarese Trapani
Retrocesse in 2a Div
Paganese Cavese
Monza Sudtirol
Ternana Cosenza
Promosse in serie B
Gubbio Nocerina
H.Verona Juve Stabia


Supercoppa 2010-2011
22 - 26 maggio
Gubbio Nocerina 1 - 1
Nocerina Gubbio 0 - 1
Vincente: Nocerina


Play Off Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Verona Sorrento 2 - 0
Salernitana Alessandria 1 - 1
Girone "B"
Juve Stabia Benevento 1 - 0
Taranto A. Roma 0 - 1
5 giugno 2011
Girone "A"
Sorrento Verona 1 - 1
Alessandria Salernitana 1 - 3
Girone "B"
Benevento Juve Stabia 1 - 1
A. Roma Taranto 2 - 3
Finali Play Off 2011
Andata 12 giugno
Verona Salernitana 2 - 0
Juve Stabia A. Roma 0 - 0
Ritorno 19 giugno
Salernitana Verona 1 - 0
A. Roma Juve Stabia 0 - 2


Play Out Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Sudtirol Ravenna 1 - 0
Monza Pergocrema 1 - 0
Girone "B"
Viareggio Cosenza 3 - 1
Foligno Ternana 1 - 0
5 giugno 2011
Girone "A"
Ravenna Sudtirol 2 - 1
Pergocrema Monza 1 - 0
Girone "B"
Cosenza Viareggio 0 - 1
Ternana Foligno 1 - 1


Lega Pro 1a Div - Girone A
10a giornata - 25 ott 09
Alessandria Viareggio 0 - 0
Como Arezzo 0 - 0
Classifica - 10a giornata
 1  Novara 24   
 2  Cremonese 22

Serie C1 Rassegna Web Prima Divisione Lega Pro





































sfoglia    maggio        luglio


4 giugno 2009

Pescara, Cuccureddu firma per due anni, Lucchesi per il ruolo di Direttore Sportivo - forzapescara.com

Antonello Cuccureddu è ufficialmente il tecnico che guiderà il Pescara per le prossime due stagioni. Dopo la stretta di mano dei giorni scorsi, questa mattina, nella sede del Pescara, ...continua a leggere >>

facebook

26 maggio 2009

Antonello Cuccureddu guiderà il Pescara anche per le prossime due stagioni - cds

L'allenatore di Alghero ha firmato un contratto biennale con la società biancazzurra ...continua a leggere >>

facebook

30 marzo 2009

Pescara-Foligno 2-1. Grinta e volontà, parte bene la “cura” Cuccureddu - primadanoi.it

Cuore, orgoglio e tanto impegno ed il Pescara torna al successo 2-1 all'Aragona di Vasto contro il Foligno. ...continua a leggere >>

facebook

23 marzo 2009

Pescara, E' terminata da poche ore l'avventura di Nanu Galderisi. In riva all'Adriatico arriva Cuccureddu - forzapescara.com

Antonello Cuccureddu a Fp.com"Arrivo in una grande piazza, ci sarà da lavorare" ...continua a leggere >>

facebook

30 maggio 2008

Tra Crotone e Indiani è addio

Dopo un lungo incontro, avvenuto in mattinata, le parti hanno deciso di lasciarsi in maniera consensuale. Indiani saluta Crotone. Possibile l'arrivo di Cuccureddu, già come anticipato da Calciopress.
Paolo Indiani

“A seguito di un incontro svoltosi in mattinata fra la dirigenza dell'F.C. Crotone, presenti il presidente Raffaele Vrenna, il vice presidente Gianni Vrenna, l'amministratore delegato Giancarlo Martucci, il dirigente Raffaele Marino, il direttore sportivo Peppe Ursino, ed il tecnico Paolo Indiani, si è raggiunto consensualmente l'accordo di interrompere il rapporto fra le parti.

 

La società pertanto ringrazia Paolo Indiani, persona seria, uomo ed allenatore di indiscutibili valori umani e tecnici, per l'ottimo lavoro e per aver egregiamente guidato il Crotone attraverso un campionato di alto livello”.

 

Recita proprio con tali parole il comunicato reso pubblico dalla Società RossoBlù con il quale si annuncia il divorzio dal tecnico di Certaldo, Paolo Indiani. Una settimana travagliata, difficile e complicata da descrivere, quella fra le parti che ha partorito una decisione che sembrava scontata per come le cose si sono “trascinate” da un certo punto della Stagione in poi.

 

Restano tanti i dubbi e le perplessità a giustificare la rescissione contrattuale. Per la Società, seguita a stretta ruota anche da gran parte della Stampa Locale e da una fazione dei tifosi, Indiani, pur avendo riconosciuti enormi valori umani e grande abilità tecnico/tattiche, avrebbe avuto delle deficienze in relazione all’utilizzo di alcuni calciatori meno in forma di altri, in alcune partite cruciali del campionato, non ultima la partita Taranto-Crotone di Domenica scorsa.

 

L’altra parte della medaglia, costituita in primis dagli allenatori delle altre squadre del Girone B, dalla Stampa Nazionale ed anche da un’altra parte di tifosi Pitagorici, rattristati per la notizia, ha invece evidenziato e messo in risalto come per tutto l’anno, il Crotone, imbattuto in casa, abbia messo assoluta qualità e prestigio nel gioco, ma soprattutto come sia riuscito a raggiungere un obiettivo quanto mai difficile, ma importante, pur non potendo disporre di un organico all’altezza di corazzate come Salernitana, Perugia e lo stesso Taranto, che proprio nella semifinale Play-Off ha messo in evidenza uno strapotere tecnico prima ancora che tattico.

 

In casa Crotone, le indiscrezioni delle ultime ore portano a tre nomi. Primo fra tutti Antonello Cuccureddu, che con la Società di Raffaele Vrenna ha gà raggiunto la prima storica promozione in Serie B. Poi Roberto Cevoli ex-Squalo e secondo di Gregucci in quel di Vicenza. Infine si avvicinerebbe anche Checco Moriero che pur retrocedendo con il Lanciano a causa di una stagione travagliata e vessata dalla giustizia sportiva, ha espresso un gioco corale e sostanzialmente divertente.

 

Staremo a vedere, ma soprattutto ora è arrivato il tempo di fare un grosso, enorme in bocca al lupo a Mister Indiani e chissà che qualche altra Società di livello, ora non si lasci sfuggire l’occasione di accaparrarsi questa “persona seria, uomo ed allenatore di indiscutibili valori umani e tecnici”.

 

 

Andrea De Marco – www.calciopress.net

http://www.calciopress.net/news/118/ARTICLE/4804/2008-05-30.html

facebook

27 maggio 2008

Arezzo, Mancini: "Cari, Monaco o Moriero" Rivas: "Non so se rimango in amaranto"

Mancini: "Cari, Monaco o Moriero"
Scritto da: Andrea Avato, martedì 27 maggio 2008
Visto: 259 volte.

Image
il presidente Piero Mancini
“Spero di chiudere la trattativa con il nuovo allenatore entro domani”. Parole e musica di Piero Mancini, determinato e intraprendente come nessuno si aspettava. Il presidente dell’Arezzo, in una lunga e articolata intervista concessa alla trasmissione A tutto campo, andata in onda ieri sera su ArezzoTv, ha tracciato l’identikit del prossimo proprietario della panchina amaranto: “E’ uno che quest’anno ha lavorato nel girone B della C1, occupando a lungo la parte alta della classifica. Gioca col 4-4-2, ci sa fare con i giovani, propone un calcio divertente e ha ottenuto buoni risultati anche nelle stagioni precedenti”. Alla richiesta di ulteriori dettagli, Mancini ha aggiunto che “la squadra di questo allenatore è arrivata agli spareggi” e che il suo nome faceva parte della lista dei cinque papabili svelata la settimana scorsa. Se il presidente stia bluffando come un incallito frequentatore dei tavoli da poker o se invece sia sincero come un bambino, non si sa. Ad ogni modo, proviamo a stare al gioco. Innanzitutto la lista dei cinque. Essa comprendeva, in rigoroso ordine alfabetico, Braglia, Cari, Galderisi, Monaco e Papagni. Se è vero che il nuovo tecnico dell’Arezzo quest’anno ha allenato nel girone B, bisogna depennare Galderisi e Papagni, arrivati a stagione in corso al Foggia e alla Cavese. E se è vero che gioca col 4-4-2, va escluso anche Braglia, convinto assertore del 3-4-3. Restano in ballo Monaco e Cari, i quali si contenderanno la promozione nella doppia finale play-off. Proprio il fatto che debbano giocare due partite così importanti rende difficile credere che Mancini possa chiudere l’accordo nel giro di poche ore. E allora non è da scartare nemmeno l’ipotesi Moriero, uno che al presidente piace non da ieri, che gioca col 4-4-2, che è stato a lungo nella parte alta della classifica e che ha terminato la stagione con gli spareggi, cioè con i play-out persi contro la Juve Stabia. Il neo di Moriero è che quella di Lanciano è stata la sua prima esperienza da allenatore. Nel suo passato non ci sono altri buoni risultati, a meno che Mancini non si riferisca ai pochi mesi trascorsi alla guida dell’Africa Sports National, formazione del campionato ivoriano... Prendendo per buoni gli indizi declamati via etere, il ballottaggio è a tre: Cari, Monaco, Moriero (sempre in ordine alfabetico). Non scordiamo, per chiudere, che Mancini con Cari ebbe molti contatti la scorsa estate e ricavò impressioni positive dal mister romano, molto simile nella gestione dello spogliatoio all’indimenticato Gustinetti. Cari, oltretutto, è l’unico fra i tre a possedere un curriculum solido, visto che Moriero ha debuttato nel 2007 e Monaco nel 2005.
Image
Marco Cari, allenatore del Taranto
Al microfono di Fabio Frabetti, il presidente dell’Arezzo ha parlato anche d’altro. Di Fraschetti ha detto: “E’ un bravo allenatore e un’ottima persona. Ha ancora un anno di contratto con noi, ho pensato più volte di confermarlo ma poi ho preferito non rischiare. Se le cose non dovessero andare bene da subito, l’ambiente lo attaccherebbe e non mi va. Spero che trovi squadra, se lo merita”. Di Fioretti e Rondini: “Fioretti resterà, non ci sono turbolenze all’orizzonte. Certo, l’anno passato è stato un po’ latitante e la squadra ne ha risentito. Per questo a Fulvio Rondini, oltre all’incarico di responsabile del settore giovanile, ho affidato anche quello di team manager”. Di mercato: “Martinetti, Ranocchia, Rivas hanno richieste importanti e probabilmente partiranno. Anche Bondi ha molti estimatori in B, è un giocatore di grandi qualità ma non è cattivo, in C1 soffre di più mentre in categoria superiore farebbe bene. Chianese? Lui resta, mi ha detto che è contento, che si trova alla grande, che vuole vincere il campionato. Chi vuole rimanere è ben accetto. Ma non tratterrò nessuno contro la sua volontà”. Di calcio e normative: “Questo mondo ormai è invivibile, bisognerebbe intervenire col bisturi e asportare le parti malate, ma non è possibile. Fosse per me, cancellerei la legge Bosman e abolirei i procuratori. Allora le cose andrebbero meglio, non come oggi. I presidenti hanno solo doveri e nessun diritto, non è giusto”.
http://www.amarantomagazine.it/arezzocalcio/index.php?option=com_content&task=view&id=900&Itemid=0

Mancini, telefonata al Perugia: "Ercolano che dice?"
Scritto da: Andrea Avato, martedì 27 maggio 2008
Visto: 25 volte.

Image
il presidente al cellulare
La notizia sfiziosa è filtrata dalle segrete stanze dello stadio. Pare che ieri Piero Mancini, irritato per le dichiarazioni al vetriolo di Ercolano e Cuccureddu nei confronti dell'Arezzo, rilasciate alla stampa la scorsa settimana, abbia chiamato al cellulare il collega Pierangelo Silvestrini, presidente del Perugia. Il contenuto della telefonata, stando al racconto dei bene informati, è stato più o meno questo: "Caro Pierangelo, adesso Ercolano che dice? Ricorda a lui e al tuo allenatore che domenica prossima i play-off ce li guardiamo tutti insieme davanti alla tivù". A Mancini infatti non erano andate giù le stilettate del centravanti ex Cavese e le allusioni del tecnico sardo, apparse inutili e immotivate. Così, dopo la clamorosa eliminazione del Perugia per mano dell'Ancona, il presidente amaranto ha reso agli avversari pan per focaccia. Senza esagerare ma con un sarcasmo che ha sortito gli effetti sperati.
http://www.amarantomagazine.it/arezzocalcio/index.php?option=com_content&task=view&id=903&Itemid=0

Elio Gustinetti, il rimpianto dell'Arezzo
Scritto da: Andrea Avato, lunedì 26 maggio 2008
Visto: 519 volte.

Image
Elio Gustinetti, 53 anni
Il nome di Gustinetti ad Arezzo accende la passione e scalda i cuori. E' il riflesso condizionato che l'ambiente si porta dietro dalla stagione di gloria 2005-06, quella in cui vennero conquistati 66 punti in serie B, 66 punti che non valsero l'approdo ai play-off e nemmeno la conferma del mister coi baffi. Il Gus all'epoca aveva una città intera al suo fianco, che lo considerava un grande allenatore e una guida carismatica, quasi un papà, per lo spogliatoio. I detrattori, al contrario, lo ritenevano soltanto un papà. La lista di quelli che a Gustinetti non riconoscevano la bontà del lavoro svolto era corta ma comprendeva Pieroni, il quale chissà perché considerò i 66 punti un bottino insufficiente, convincendo Mancini a defenestrare il buon Elio. A distanza di due anni, il presidente si è reso conto dell'errore commesso a suo tempo e l'ha riconosciuto pubblicamente. Anche Pieroni pare abbia riscaldato i freddi rapporti che aveva col tecnico bergamasco, il quale si porta dietro una sventura singolare: è talmente bravo a tirare fuori il cento per cento dalle sue squadre che i dirigenti, di punto in bianco, perdono di vista la realtà. Gli accadde a Reggio Calabria, quando fu fatto fuori a poche giornate dal termine con la promozione in A in tasca. Gli è risuccesso ad Arezzo, dove per qualcuno un organico costruito per la salvezza avrebbe poi dovuto ammazzare il campionato. Gli sta capitando all'Albinoleffe, con un presidente abituato a mangiare pane e salame (calcisticamente parlando) e adesso preuntuoso al punto da pretendere caviale e champagne tutte le sere. Da questo punto di vista, non gliene va bene una.
Image
66 punti ad Arezzo nel 2005/06
Il nome e il carattere di Gustinetti, si diceva, a noi fanno venire i lucciconi agli occhi e il rimpianto per non averlo trattenuto a suo tempo è così grande che ce lo riprenderemmo subito. Il Gus non ha mai chiuso le porte in faccia all'Arezzo, ha sempre dichiarato che tornerebbe volentieri con un progetto serio, che con Mancini non c'è rancore. Mancini, da par suo, ieri sera ha rivelato alla Nazione che una telefonata al Gus la farà presto, visto che il tecnico all'Albino ha il contratto in scadenza. Non si sa se l'intenzione di metter su un Gustinetti-bis sia reale o solo una boutade, come accadde l'anno passato. Ciò che conta è che l'Arezzo ha bisogno di un allenatore e ne ha bisogno entro la fine del mese. Mettersi a inseguire sogni impossibili, soltanto per smorzare il dispiacere per ciò che poteva essere e non è stato, non va bene. Il Gus è troppo signore per dirlo, ma uno che ha fatto ciò che ha fatto lui in questo torneo, con una squadra normale trascinata dentro i play-off per la serie A, non verrebbe mai ad allenare in C1. Giustamente. Livorno e Mantova gli stanno facendo la corte da tempo con un progetto tecnico che prevede la promozione. Sul piatto della bilancia, cosa può mettere l'Arezzo, a parte il richiamo dei bei tempi andati e l'amore incondizionato del pubblico? E' vero che a volte la realtà supera la fantasia e certe storie si chiudono col sospirato lieto fine, ma il rischio è quello di perdere tempo prezioso dietro a una chimera, quando invece c'è necessità di confrontarsi con le asprezze della terza serie. Gustinetti resterà il grande rimpianto della nostra storia recente, forse ancora più di Somma, ma un club di calcio che vive con la testa e il cuore rivolti al passato non ha un grande futuro.
http://www.amarantomagazine.it/arezzocalcio/index.php?option=com_content&task=view&id=899&Itemid=0

Arezzo, parla Rivas: "Non so se rimango in amaranto"

"Se fossimo andati in B, sarei rimasto sicuramente": somigliano molto a quelle di Martinetti le parole di Rivas, il funambolico esterno dell'Arezzo. Al contrario dell'attaccante romano, però, il sudamericano lascia aperte le porte: "Le possibilità che rimanga in amaranto non sono nulle, vedremo. So che la società vorrebbe riscattare tutto il mio cartellino".

Foto Elia Cencini
Foto Elia Cencini

Le parole di Rivas: "Non ho ancora parlato con nessuno, so che la società ha intenzione di comprare l’altro 50% del mio cartellino ma no so ancora niente.
Qui mi sono trovato benissimo, ma come tutti i calciatori vorrei crescere e giocare in categorie superiori. Comunque mi piacerebbe rimanere i Italia.
Ho passato cinque mesi ottimi, sono arrivato senza fare il ritiro e con la squadra già formata, speravamo di andare in B e se ci fossimo riusciti sarei rimasto molto volentieri.
Ci sono alcune offerte dall’ Italia, Spagna e Grecia ma sinceramente preferisco le prime due opzioni.
Le possibilità che rimanga ad Arezzo non sono nulle, tutto è possibile, come ho detto mi piacerebbe crescere ma niente è escluso, qui mi sono trovato benissimo e vorrei ringraziare tutti".

da www.arezzocalcio.it

Aggiornato 27/05/2008 16:16   Scritto da Alessandro Veltroni

http://www.calciotoscano.it/modules.php?op=modload&name=PagEd&file=index&page_id=23404

facebook

23 maggio 2008

Ercolano e Cuccureddu, stilettate all'Arezzo

Ercolano e Cuccureddu, stilettate all'Arezzo
Scritto da: Andrea Avato, venerdì 23 maggio 2008
Visto: 165 volte.

Image
Antonello Cucureddu
L'aria del derby è sempre frizzante, anche adesso che ad Arezzo si sta mestamente aspettando l'arrivo delle vacanze e a Perugia, beati loro, sognano in grande in attesa della semifinale di ritorno dei play-off ad Ancona. Sulla Gazzetta dello Sport di stamattina c'è un'interessante intervista a Sergio Ercolano, possente centravanti che il Perugia ha acquistato a gennaio dalla Cavese, strappandolo alla concorrenza proprio dell'Arezzo. Fioretti aveva definito tutti i dettagli del trasferimento, aveva l'accordo con la società campana, ma Ercolano non sentì ragioni e preferì accasarsi in Umbria, con Fioretti che comunque portò a casa Vincenzo Chianese, non proprio l'ultimo arrivato. Ercolano, sulla rosea, ha rivelato: "L'Arezzo dava più soldi a me e più soldi alla Cavese, ma io avevo speso una parola con Pierangelo Silvestrini e non me la sono voluta rimangiare. Adesso l'Arezzo i play-off li guarda alla tivù". Prima lo zucchero, poi il veleno. Non male. Più sibillino, ma ugualmente caustico, Antonello Cuccureddu. In un'intervista rilasciata a Calciopress, il tecnico biancorosso ha dichiarato: "Le motivazioni del Perugia sono sempre state forti, magari siamo inciampati in casa; ma malgrado ciò siamo riusciti sempre a giocarcela in trasferta e alla fine abbiamo realizzato gli stessi punti dell’Arezzo, se non qualcuno in più". La chiosa finale di Cuccureddu va interpretata, perché al primo colpo non si capisce bene cosa voglia dire. Fatto sta che le stilettate sono due, arrivate a breve distanza l'una dall'altra. Il derby è sempre il derby.
http://www.amarantomagazine.it/arezzocalcio/index.php?option=com_content&task=view&id=891&Itemid=0

A cosa serve un mese senza far niente?
Scritto da: Andrea Avato, venerdì 23 maggio 2008
Visto: 213 volte.

Image
servono bandiere anche fuori città
Dal 4 di maggio, cioè dal giorno dell'inutile vittoria di Potenza, i giocatori dell'Arezzo si trovano nella situazione tutt'altro che simpatica di doversi allenare senza un perché. Sfumato l'obiettivo play-off, non gli è rimasto altro da fare che pascolare dentro al campo durante la settimana, mulinare le gambe con qualche corsetta, tirare due calci svogliati alla palla e starsene sotto la doccia più a lungo del solito. A qualcuno sta venendo un fegato grosso così perché avrebbe preferito fare la valigia e prendere un aereo per l'angolo più sperduto del mondo. Qualcun altro, come Marconato, ha invece ammesso che continuare ad allenarsi fino al 5 giugno è una giusta imposizione da parte della società. Che si tratti oppure no di una punizione inflitta da Mancini a un organico che ha fallito il traguardo, poco conta. C'è sempre chi sta peggio nella vita e se i calciatori dell'Arezzo pensassero ai colleghi della Lucchese, senza stipendio da mesi e mesi, forse si convincerebbero che due ore di partitella al dì non sono poi così frustranti. Al di là del sadismo, nemmeno troppo velato, con cui i tifosi hanno commentato il posticipo delle vacanze per Conte e company, c'è un altro particolare da mettere in evidenza. Sarà una punizione, sarà quel che volete, ma tenere la squadra a non fare assolutamente nulla per un mese, perché questo è, ha poco senso. Anzi, nessun senso.
Image
4 maggio, l'ultimo Arezzo di stagione
Molto meglio sarebbe stato organizzare un po' di amichevoli in giro per la provincia. Il Levane ha vinto il campionato di prima categoria: portiamo l'Arezzo a Levane e giochiamo una partita con cena annessa. Il Laterina è arrivato secondo, portiamo l'Arezzo a Laterina. In seconda categoria ha vinto l'Olmo, che è arrivato a pari punti con lo Spoiano. Nell'altro girone ha vinto il Foiano, andiamo a Foiano. Mettiamo su due amichevoli anche con le squadre di terza, perché no? Fratta e Rassina sono state promosse, di fare novanta minuti contro l'Arezzo non gli parrebbe vero. E' solo un'idea, ce ne potrebbero essere altre, ma avrebbe avuto l'effetto di colmare un periodo assurdamente vuoto e deprimente. Oltretutto, questo benedetto rapporto con la provincia va rinvigorito e rivitalizzato sotto tutti i punti di vista, in primis passando per un filo diretto da costruire con le società dilettantistiche delle vallate. Le amichevoli potevano rappresentare un prezioso contatto iniziale. In secondo luogo, ci sarebbe anche da fidelizzare i tifosi extra moenia, che paradossalmente vengono alla partita (e in trasferta) in buon numero, nonostante gli ostacoli che debbono superare. Fuori dalle mura cittadine non c'è un Amaranto point, non esiste un negozio dove acquistare maglie, bandiere e gadget in generale, non c'è un punto vendita dei biglietti. L'Arezzo di oggi sembra ricurvo su se stesso, mentre dovrebbe accadere l'esatto contrario. Ecco, questo mese di penitenza, oltre che per bastonare l'ego dei giocatori, poteva essere sfruttato per finalità ben più redditizie, se non altro dal punto di vista dell'immagine. Altrimenti a festeggiare la salvezza dietro il nostro stadio, ci verranno in tanti, non solo il Siena.
http://www.amarantomagazine.it/arezzocalcio/index.php?option=com_content&task=view&id=890&Itemid=0

Io a Goretti il contratto lo rifarei
Scritto da: Andrea Avato, venerdì 23 maggio 2008
Visto: 150 volte.

Image
Roberto Goretti, 32 anni
I congiuntivi utilizzati con cognizione di causa non sono di per sé requisito sufficiente per firmare un contratto da calciatore. Ma se uno è bravo col pallone e sa parlare rispettando la grammatica, esprimendo anche concetti condivisibili, non guasta. Roberto Goretti appartiene alla categoria degli oratori pallonari. Le sue conferenze stampa sono molto apprezzate e mai banali, come quella di ieri. Nella sezione web tv ne è stata riportata solo la prima parte, perché poi il microfono ha fatto le bizze e l'audio è saltato (capita anche nelle migliori famiglie). Goretti ha detto che fosse per lui, la squadra sarebbe già in vacanza; che era meglio cominciare una settimana prima il ritiro dell'anno prossimo piuttosto che trascinarsi ora fino a giugno; che ormai si considera un difensore a tutti gli effetti; che la squadra, soprattutto la squadra, ha fallito l'obiettivo stagionale; che le colpe sono in primis dei giocatori e poi di tutti gli altri; che le partite di Taranto e Crotone, pareggiate contro un avversario in dieci, sono state due atti di masochismo puro; che in serie C gli allenatori incidono più che in B e in A. Opinioni interessanti. Poi Goretti, scherzando ma non troppo, ha aggiunto che ha già prenotato una camera a Coverciano per il 20 luglio, quando inizieranno ad allenarsi i disoccupati. Il Goro infatti ha il contratto in scadenza e il suo futuro è incerto. Dall'Arezzo nessuno si è fatto vivo e lui si metterà alla finestra ad aspettare. Per quanto mi riguarda, non ci sarebbero troppi dubbi da sciogliere: Goretti è ancora giovane (compirà 32 anni tra pochi giorni), ha interpretato il ruolo di difensore centrale alla grande, è tecnicamente superiore alla C e intelligente tatticamente, è uno serio, ha saputo uscire da un periodo buio con carattere e professionalità. Non scordiamo che l'anno scorso Goretti iniziò la preparazione coi fuori rosa, corricchiando a Palazzo del Pero. Il suo contributo l'ha dato e lo darebbe pure nella stagione a venire. Non credo che dal punto di vista economico chiederebbe la luna. Fosse per me, il contratto a Goretti lo rifarei.
http://www.amarantomagazine.it/arezzocalcio/index.php?option=com_content&task=view&id=887&Itemid=0

facebook

20 maggio 2008

Cuccureddu, ora al Perugia, potrebbe sostituire Indiani

CROTONE: Per la panchina spunta Cuccureddu
20.05.2008
Il tecnico sardo, ora al Perugia, potrebbe sostituire Indiani
CORTEGGIATO Antonello Cuccureddu


A poco meno di un mese dalla conclusione dei playoff, si comincia a parlare di mercato.
Secondo una voce che rimbalza proprio dalla Calabria, nella prossima stagione Antonello Cuccureddu, allenatore del Perugia in piena corsa per la B, potrebbe sedere sulla panchina del Crotone per la prossima stagione. P
Sempre secondo le "voci", in Calabria Cuccureddu ritroverebbe come direttore sportivo quel Raffaele Auriemma con cui ha già lavorato ad Avellino e Sassari.
http://www.blunote.it/index.asp?sez=6&id=56061

facebook

13 febbraio 2008

Perugia: Cuccureddu torna il panchina

Perugia: Cuccureddu torna il panchina

Martedì 12 Febbraio 2008

Allontanato Salvatore Matrecano dopo solo due partite

Archiviato in: News
Commenti: Commenta
Letture: 68 letture
Antonello CuccuredduAntonello Cuccureddu

Al Perugia sembra che ci debba essere un colpo di scena al giorno: ieri si è assistiti alle dimissioni del presidente Silvestrini mentre oggi al ritorno in panchina di Antonello Cuccureddu.

Salvatore Matrecano, quindi, dopo sole due partite non è più l’allenatore del Perugia. Con il tecnico di Alghero tornano anche il suo secondo Giuseppe Salaris e il preparatore atletico prof. Simone Folletti che sarà affiancato dall’attuale preparatore prof. Simone Casarosa.

L’ufficialità è stata data dal sito ufficiale della società biancorossa ma il clamoroso cambio era nell’aria già da ieri sera dopo che in mattinata il presidente Pierangelo Silvestrini, massimo “sponsor” di Salvatore Matrecano aveva rassegnato le sue dimissioni. La carica di presidente del Perugia Calcio dovrebbe essere ora rivestita dal Professor Enzo Di Marzo, uno dei quattro soci, che nella giornata di giovedì dovrebbe sciogliere la sua riserva al Consiglio di Amministrazione del Perugia.

E nel primo pomeriggio Antonello Cuccureddu ha diretto all’interno del “Curi” il primo allenamento. Durante la seduta, alla quale hanno assistito un buon numero di tifosi, assiepati in curva Nord, sono partiti cori di contestazione verso tutti i giocatori, ad esclusione di Puggioni, a lungo applaudito e incoraggiato. Numerosi cori anche contro il Direttore Sportivo Gabriele Martino che assisteva all’allenamento dai bordi del campo. A

Al termine dell’allenamento Cuccureddu ha incontrato i giornalisti in sala stampa: “Eravamo rimasti a -2 e addesso siamo a -5 - ha esordito Cuccureddu - Perchè ho accettato di tornare? Perchè ritengo giusto continuare quest’avventura, io sono ottimista e ci credo. C’è gente nuova che bisogna amalgamare ma questo rimane un buon gruppo. Conto in pochi giorni di conoscere meglio i nuovi arrivi, a parte Ercolano e Quadri che già conosco. Certo è un momento anche sfortunato, ho visto la partita di domenica e la squadra all’inizio stava giocando, poi ci si sono messe le decisioni arbitrali e credo che se la squadra fosse rimasta in undici se la sarebbe giocata fino in fondo.

Certo mi lasciano dei dubbi tutte queste espulsioni sanzionate a nostro danno e i rigori fischiati contro in casa ma dobbiamo prenderne atto e guardare avanti. In questo momento c’è poco da parlare, io ho sempre parlato poco e fatto i fatti ed è quello che dovremo fare. In passato ci sono state delle incomprensioni nel gruppo, spesso strumentalizzate, che hanno creato qualche malumore ma ora possiamo e dobbiamo andare avanti con convinzione. I ragazzi hanno solo bisogno di ritrovare al più presto la fiducia in sè stessi e di cominciare a far punti. Adesso conta solo questo, dobbiamo pensare a fare più punti possibile, senza guardare nè avanti e nè indietro, poi alla fine tireremo le somme e vedremo dove staremo. Qualcosa che non rifarei? Se tornassi indietro - conclude Cuccureddu - forse non accetterei più alcune decisioni.

http://www.sambcalcio.it/2008/02/1581/perugia-cuccureddu-torna-il-panchina/

facebook

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Perugia Cuccureddu

permalink | inviato da ipse dixit il 13/2/2008 alle 16:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


13 febbraio 2008

Cuccureddu 2, ritorno a Perugia

Cuccureddu 2, ritorno a Perugia

13/02/2008

La telefonata del direttore sportivo Gabriele Martino è arrivata nella sua casa torinese nella notte tra lunedì e martedì. Antonello Cuccureddu ha risposto «ok». Ieri mattina, di buon´ora, si è infilato in macchina e ha ripreso la strada per l´Umbria: sostituirà Matrecano, promosso dalla Berretti a fine gennaio ed esonerato dopo due sconfitte in due partite. Nel primo pomeriggio era nuovamente sul campo a dirigere l´allenamento di un Perugia che, in gran parte, non è più quello disegnato in estate a sua immagine e somiglianza. Una squadra, per di più, disturbata dai tifosi, ieri tornati attorno allo stadio. Prima di ripescare il tecnico appena esonerato i dirigenti hanno sondato inutilmente anche la disponibilità di un navigatore di lungo corso come Gigi Simoni. Cuccureddu ha preferito evitare proclami e scelto un commento stringato: «Sono tornato anche perché credo ancora nella possibilità di agganciare i playoff. Ritrovo una squadra tecnicamente non indebolita dai recenti rimescolamenti e mi sento carico. Giocheremo un campionato nel campionato».

UN´ALTRA SQUADRA Il precipitare delle delusioni infatti aveva indotto i dirigenti a tuffarsi nel mercato di gennaio, smistando verso altre piazze Bernini, Morfù, Sorrentino, Amore, Campagnacci, Taurino, Porro, Mocarelli. Al contempo, nell´organico erano state inserite pedine prelevate qua e là per l´Italia: Ercolano, Quadri, Sacilotto, Calzi, Conti, Ungaro. Un´operazione da «piazza pulita» stranamente abbinata all´allontanamento di Cuccureddu, che si diceva non fosse più in sintonia con il gruppo degli epurati.

NUOVO PRESIDENTE Il ritorno dell´allenatore licenziato tre settimane fa dopo la quarta sconfitta consecutiva interna è stato deciso nel cda riunito d´urgenza a Roma nella tarda serata di lunedì per valutare le dimissioni del presidente Pierangelo Silvestrini, stroncato nel morale dai continui insuccessi che avevano trasformato la classifica della squadra da ambiziosa a pericolante. Rinuncia identica a quella del fratello Vincenzo che, meno di un anno fa, aveva pensato di superare la crisi di risultati passando il bastone del comando. Le nuove funzioni presidenziali saranno assegnate a Vincenzo Di Marzo, socio in affari dei Silvestrini e membro della società costituita tre anni fa dai due fratelli, imprenditori arrivati da Roma a raccogliere, con il lodo Petrucci, i cocci di un club precipitato in C1 dopo il rovinoso fallimento della famiglia Gaucci.

Gazzetta dello Sport - Gianfranco Ricci

[Foggiacalciomania.com /RG4]


facebook

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. gds Perugia Cuccureddu

permalink | inviato da ipse dixit il 13/2/2008 alle 15:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia    maggio        luglio

Cerca, Rss, Atom e Counter
Ricerca personalizzata
Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0   Feed ATOM di questo blog  Atom


Link
A
ac-perugia.com
acmonzabrianza.it
acspezia.com
agenfax.it
alessandriacalcio.it
allvideo
amarantomagazine.it
arezzonotizie.it
asandriabat.it
B
beneventocalcio.it
bettiamo.net
blog.football.it
blunote.it
bondolasmarsa
br73.net Pistoia
bustocco.it
C
calciatori.com
calciocampano2009
calciocomo190
calciofoggia.it
calcioland.forumfree
calciomatto
calciomercato.com
calcionapoletano
calciopiu.net
calciopress.net
calcioscommesse.myblog.it
calcioseriec.blogspot.com
calciotoscano.it
cavese
cavanotizie.it
click4soccer.com
coni.it
corrierediarezzo.it
corrieredicomo.it
cremonaweb.it
D
datasport.it
diretta.it
direttagol.it
E
e-cremonaweb.it
esperiaviareggio.it
eurosport.yahoo.com
F
fccrotone.blogspot.com
febbrea90.com
figc.it
foggiacalciomania.com
foggialandia.it
foggiaweb.it
folignocalcio.com
folignocalcio.it
forzacavese.net
forzalucchese.net
forzanovara.net
forzapescara.com
forzaspal
G
gazzettalucchese.it
goal.com
H
hellastory.net
hellasverona.it
hellasweb.it
I
ilgrecale.it
ilpallonaro.com
ilquotidianodellabasilicata.it
ilquotidianodellacalabria.it
ilsatanello.it
ioamoilcalcio.myblog.it
infobetting.com
italiadelcalcio.it
L
la_c1.ilcannocchiale.it
lanciano.it
larena.it
leccosportweb.it
lega-calcio.it
lega-calcio-serie-c.it
legaproprimadivisione
leggonline.it
livescore.com
Live score
loschermo.it
lospallino.com
lostregone.net
lumezzanecalcio.it
M
madeinandria.it
mondorossoblu.it
N-O
noitv.it
P
paganese.it
paganesecalcio.com
pescaracalcio.com
portogruarosummaga.it
primadanoi.it
primadivisionew
primadivisione
pronostici1x2
pronostici serie A
prosestonews
Q
qn.quotidiano.net
R
radioemme.it
raisport.rai.it
ravennanotizie.it
realsports.it
reggianacalcio.it
reggianasupporters.it
resport.it
riminicalcio.com
S
salernonotizie.it
sanniocalcio.it
scommesse.betfair.it
seriec1.ilcannocchiale.it
seriec1.wordpress.com
soccerpuglia.it
socialcalcio.com
solocalcio.com
solopescara.com
sorrentocalcio.com
sportal.it
sportcity-ricio
sportedintorni.blogspot.com
sporterni.it
sportevai.it
sportitalia.com
sportoggi.com
sportpeople.net
sportvintage.blogspot.com
ssjuvestabia.it
sslanciano.it
stabia1907.it
stabiachannel.it
stampasud.it
T
tarantosera.com
tarantosupporters.com
teleradioerre.it
ternanacalcio.com
terninrete.it
terzaserie.myblog.it
tifo-e-amicizia.it
tifogrifo.com
tifosigallipoli
tifosiportogruaro
tuttalac.it
tuttocalciatori.net
tuttocalcio.it
tuttolegapro.com
tuttomercatoweb.com
tuttosport.com
tuttosporttaranto
tvgratisnet.iobloggo.com
tvoggisalerno.it
U
ultrassamb
uscremonese.it
usfoggia.it
V
varese1910.it
varesenews.it
vascellocr.it
vastocalcio
viaroma100.net
virtuslanciano
Z
zonacalcio.it

Siti rimossi

Gossip&sport

Cinema italiano
cinemaitaliano.info
trovacinema.repubblica.it
Nuovi
bg vs fq pr dago
notiziariocalcio
ilnuovocorriere
asgubbio1910
forzanocerina
piacenzacalcio
triestinacalcio
comunicatemi
chi ho dimenticato
e sarà inserito,
o rimosso per chi vuol essere cancellato

....ed è naturalmente gradito
un link a questo blog
nei vostri siti o blog
grazie



Meteo











 
 
fai.informazione.it Wikio - Top dei blog Wikio - Top dei blog Add to Google intopic.it Blog360gradi - 

L’aggregatore di notizie a 360°  provenienti dal mondo dei blog! who's online Sito ottimizzato con 

TuttoWebMaster TOP 100 

SOCCER SITES TopSportSites.com :: A 

Sports Discussion Community Top Italia Registra 

il tuo sito nei motori di ricerca liquida.it social network Notizie, immagini e video dai blog italiani su Liquida top 100 sports sites My BlogCatalog 

BlogRank urltrends reports BlogNews Questo Blog e' 

Strabello! e il tuo?

Cynegi Network
linkto.org

  Powered by  MyPagerank.Net
 

seriec1

↑ Grab this Headline Animator

  View blog authority
   
 


blinko jonny groove
rcsmobile belen

lastminute
musicbox

edreams

better
blinko grandi sorelle


Rubbrica telefonica


Elenco per nome


Elenco per ruolo