235 Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio seriec1 | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

logo di seriec1.ilcannocchiale.it rassegna stampa della lega pro prima divisione
Blog letto 1 volte












div>

Tim Cup 2009/2010, Risultati completi,
Tabellone, Regolamento

Coppa Italia 2009/2010
Risultati e Calendario
Siti Ufficiali


prima pagina della Gazzetta dello Sport

prima pagina del Corriere dello Sport

prima pagina di Tuttosport

il cirotano



Verdetti 2010-2011
Retrocesse dalla serie B
Frosinone Portogruaro
Triestina Piacenza
Promosse dalla 2a Div
Tritium Carpi
Latina FeralpiSalò
Carrarese Trapani
Retrocesse in 2a Div
Paganese Cavese
Monza Sudtirol
Ternana Cosenza
Promosse in serie B
Gubbio Nocerina
H.Verona Juve Stabia


Supercoppa 2010-2011
22 - 26 maggio
Gubbio Nocerina 1 - 1
Nocerina Gubbio 0 - 1
Vincente: Nocerina


Play Off Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Verona Sorrento 2 - 0
Salernitana Alessandria 1 - 1
Girone "B"
Juve Stabia Benevento 1 - 0
Taranto A. Roma 0 - 1
5 giugno 2011
Girone "A"
Sorrento Verona 1 - 1
Alessandria Salernitana 1 - 3
Girone "B"
Benevento Juve Stabia 1 - 1
A. Roma Taranto 2 - 3
Finali Play Off 2011
Andata 12 giugno
Verona Salernitana 2 - 0
Juve Stabia A. Roma 0 - 0
Ritorno 19 giugno
Salernitana Verona 1 - 0
A. Roma Juve Stabia 0 - 2


Play Out Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Sudtirol Ravenna 1 - 0
Monza Pergocrema 1 - 0
Girone "B"
Viareggio Cosenza 3 - 1
Foligno Ternana 1 - 0
5 giugno 2011
Girone "A"
Ravenna Sudtirol 2 - 1
Pergocrema Monza 1 - 0
Girone "B"
Cosenza Viareggio 0 - 1
Ternana Foligno 1 - 1


Lega Pro 1a Div - Girone A
10a giornata - 25 ott 09
Alessandria Viareggio 0 - 0
Como Arezzo 0 - 0
Classifica - 10a giornata
 1  Novara 24   
 2  Cremonese 22

Serie C1 Rassegna Web Prima Divisione Lega Pro





































sfoglia    gennaio        marzo


3 febbraio 2008

A Pescara ottimo pari delle vespe

A Pescara ottimo pari delle vespe

RedazioneUn grande Prisco para un rigore a Packer. Passo avanti in classifica in attesa degli acquisti. Magliocco ammonito, salterà la Massese.

Ottimo 0-0 conquistato dalla Juve Stabia sul difficilissimo campo di Pescara. All’Adriatico, dove hanno abdicato quasi tutte le prime della classe, la squadra di Capuano ha saputo difendersi bene senza concedere troppo all’avversario, tranne che per qualche sortita pericolosa imbastita dall’ottima squadra abruzzese. Il brivido più grosso lo si è vissuto, però, sul finale del primo tempo, dove un rigore concesso ai biancoazzurri è stato neutralizzato da un Prisco in grande spolvero. In mezzo qualche ghiotta occasione (quella di Baclet su tutte) sprecata dagli avanti stabiesi, ma le vespe, come comprensibilmente ci si attendeva, hanno badato prima di tutto a portare a casa un risultato fondamentale alla vigilia dell’ingresso ufficiale in rosa dei nuovi acquisti. In classifica il turno in trasferta dei gialloblù non ha portato danni, anzi si è rosicchiato un punto sul Martina, sconfitto a Crotone, e sulla Pistoiese, subissata tra le proprie mura dal Gallipoli


 FILIPPI: «LA FIDEIUSSIONE? SEMPLICE BUROCRAZIA»
IntervisteCapuano: «Combatterò fino alla salvezza»
De Rosa: «Abbiamo voglia di salvarci»


De Rosa: "Partita difficile, ma siamo contenti di questo ottimo risultato. Abbiamo voglia di salvarci e continueremo a giocare per questo. I nuovi compagni sono ottimi elementi che ci daranno una grossa mano".
Clemente Filippi: "Peluso non ha giocato perchè considerato come nuovo acquisto dopo il riscatto dal Pisa. Magliocco era diffidato e non giocherà la prossima gara con la Massese. Il pagamento della fideiussione è una normale prassi burocratica, non ci saranno problemi per il pagamento. La squadra è in salute e ha dimostrato di potersela giocare con tutti. Grande Prisco, che con una grande parata ha neutralizzato il rigore di Packer, ed ottima prova della squadra e di Baclet in particolare, che ha giocato con quattro punti di sutura. Sulla questione societaria non so rispondere, ma posso dire che le parti stanno lavorando per il bene ed il futuro dello Stabia.
Capuano:"Una partita interpretata nella maniera più minuziosa, un punto dedicato a tutta Castellammare. Anche oggi purtroppo non abbiamo segnato due goal impossibili da sbagliare. Eziolino Capuano fa sacrifici da due anni per portare avanti il discorso Juve Stabia e crede in questo progetto. Non devo dimostrare nulla, sono solo orgoglioso di essere il Mister della Juventus Stabia. Abbiamo conquistato un grande risultato che da la risposta a tutti i pseudoscienziati che ci attaccano in continuazione. Oggi meritavamo la vittoria. Io combatterò fino alla salvezza, non mi arrenderò mai e se riuscirò a salvare la Juve Stabia, dopo le bombe atomiche che la mia persona ha dovuto subire in questa stagione, alla fine potrei anche smettere di fare l'allenatore".
http://www.stabia1907.it/centenario/index.php


facebook

3 febbraio 2008

Un'attenta Juve Stabia strappa un prezioso punto al Pescara


Un'attenta Juve Stabia strappa un prezioso punto al Pescara. IL VIDEO


Domani al via il processo del passaggio delle quote da Cesarano ai nuovi soci

Autore: Umberto N.
Fonte: StabiaChannel.it
 

La Juve Stabia di mister Capuano conquista un pareggio importantissimo in quel di Pescara che assume una valenza significativa in chiave salvezza se rapportato alle polemiche innescate, nel corso della settimana, dall'uscente azionista di maggioranza signor Cesarano.Non era facile uscire indenni dallo stadio Adriatico di Pescara e la squadra del buon Ezio non solo ha portato a casa un risultato positivo, difendendosi con ordine e determinazione, ma in diverse occasioni e' andata vicino al meritato vantaggio con Magliocco, Baclet e Rizza. La squadra e' apparsa subito vogliosa di fare bene dimostrando grande maturita' e abnegazione nell'intento di contribuire al pronto riscatto dopo la debacle in terra potentina. Ottima e'stata la prestazione di Prisco che parando il calcio di rigore e' stato determinante, cosi' come lo e' stata quelle di tutti gli altri difensori. I migliori in campo sono stati senza dubbio De Rosa ed Affattigato. Un plauso particolare va rivolto allo stoico Baclet che, nonostante tre punti di sutura rimediati in un contrasto areo, ha continuato a giocare fino all'ultimo. In sintesi la Juve Stabia ha voluto ed ottenuto un risultato positivo che da' onore e merito a questi uomini ed a chi li guida sulla campo a dispetto delle gratuite illazioni. La parola passa al signor Cesarano ed al trio Feola-De Rosa-Gregorio affinche' possano formalizzare al piu'presto le intese gia' raggiunte anche a livello mediatico, senza colpi di coda: a buon intenditor poche parole. Il tutto diventa importantissimo visto che nelle prossime ore dovranno essere fornite in Lega le necessarie garanzie per ottenere il tesseramento di Minadeo e Panini.

Clicca qui per visualizzare il video della gara.

Clicca qui per visualizzare le foto del match.

Pubblicata il 03/02/2008 18.49.16
http://www.stabiachannel.it/news/index.asp?idnews=2229


facebook

3 febbraio 2008

Galderisi: "play off? meglio non farsi illusioni"

GALDERISI: 'PLAY OFF? MEGLIO NON FARSI ILLUSIONI'

Galderisi: "play off? meglio non farsi illusioni"

03/02/2008

di Carmine Troisi

Buona la prima. E’ proprio il caso di dirlo. Galderisi brinda all’esordio sulla panchina del Foggia con i tre punti.
E con una prestazione che ha strappato applausi, come lui stesso aveva chiesto alla vigilia.
“Abbiamo giocato una grande partita. Sono felice della risposta che i miei giocatori hanno dato.
Giocavamo contro una signora squadra, che nella ripresa ci ha creato qualche grattacapo, come è normale che sia”,
dice l’allenatore del Foggia.
Modulo nuovo, 4-2-3-1, promosso?
“Ho avuto delle buone indicazioni, aldilà dei numeri. In settimana abbiamo lavorato tanto ed oggi sul campo siamo riusciti a mettere in pratica quanto fatto”.
Ora in classifica si intravede la luce. I play off, almeno fino a domani, distano solo tre punti…
“La classifica? Io non la guardo. Ci sono troppe squadre in lotta, inutile pensarci, meglio essere realisti.
Certo, anche a me piacerebbe arrivare lassù, ci mancherebbe…
L’invito che faccio a tutti, comunque, è quello di lasciar perdere questi discorsi”.

Soddisfazione mista ad amarezza, invece, quella manifestata dal capitano Ignoffo. Il cartellino giallo rimediato lo esclude dalla trasferta in programma lunedì sera a Cittadella.
“Sono molto dispiaciuto, quella di Cittadella è una gara importante ed io volevo esserci. Peccato.
Posso però consolarmi con questi tre punti importantissimi, che credo abbiamo ampiamente meritato”,
afferma il difensore.
In casa Foggia è tornata la serenità…
“Quella non ci è mai mancata. Ora però pensiamo a continuare il cammino ed a sbloccarci fuori casa”.

FOGGIA, COMINCIA BENE IL NUOVO CORSO

FOGGIA, COMINCIA BENE IL NUOVO CORSO

03/02/2008

di Carmine Troisi


Un successo griffato dal nuovo corso. Guidato da Galderisi, che in due settimane ha già dato impronta, fisionomia e serenità.
Funziona la terapia del sorriso e delle pacche sulle spalle. Funziona anche il 4-2-3-1 del tecnico. Che presenta i suoi con un modulo inedito, che prevede una sola punta pura e due mazzolatori in mezzo al campo.
Si parte all’insegna dell’”unione fa la forza”. Tutti stretti attorno a Nanù. Comincia la nuova avventura.
E comincia nel migliore dei modi. Il tecnico aveva chiesto applausi. Accontentato.
E’ il suo Foggia a trascinare il proprio pubblico. Parte a spron battuto e lotta su ogni pallone. Costruisce occasioni a non finire.
Del Core in apertura centra un palo clamoroso.
Al 12’ è invece Colombaretti a costringere Anania al salvataggio. E’ il preludio del gol. Che trasforma Mancino, uno dei volti nuovi, bravo ad anticipare tutti di testa e mettere dentro.
Continua a premere sull’acceleratore la squadra di Galderisi. De Paula fa le prove del gol, sfera a fil di palo.
E la Pro Patria? Si vede solo con Dalla Bona, che tenta la furbata e con la mano mette dentro. Gol annullato.
Al 36’ ecco l’acuto è del centravanti brasiliano. Mancino crossa, De Paula scavalca Anania e fa 2-0.
Nemmeno il tempo d’esultare che i bustocchi tornano in partita. Gasparello la mette lì, nell’incrocio, dove Agazzi non può arrivare.
Nella ripresa il Foggia riparte. E dopo appena 6 minuti fa tris. Colombaretti viene steso in area da Imburgia, l’arbitro accorda il calcio di rigore che Del Core trasforma.
I rossoneri controllano. E provano a fare poker in contropiede.
Il piatto di Giordano è degno di miglior fortuna.
Ma gli ospiti riaprono il match: è ancora Gasparello, questa volta su punizione, a riaprire i giochi.
Per il Foggia c’è ancora da soffrire.
Brividi nei minuti finali, quando prima Imburgia colpisce di testa debole sotto porta e poi Rinaldi ed Agazzi mettono a serio rischio le coronarie del popolo rossonero.
Dopo cinque minuti di recupero, il direttore di gara dice che è finita.
Almeno per 24 ore i play off sono tornati a portata di mano.

Il tabellino:

Foggia: Agazzi, Colombaretti, Russo (31’st Arno), Giordano, Ignoffo, Rinaldi, Di Roberto (25’st Mounard), Coletti, De Paula, Mancino (37’st D’Amico), Del Core.
A disp. Castelli, Lisuzzo, Agostinone, Groppi. All. Galderisi.
Pro Patria: Anania, Candrina (17’pt Nossa), Imburgia, Giani, Citterio, Pessotto, Rosso, Dalla Bona (26’st Ardemagni), Gasparello, Castellazzi (13’st Vecchio), Trezzi.
A disp. Cappelletti, Francioso, Ceriani, Iaconis. All. M. Rossi.
Arbitro: sig. Spadaccini di Vasto ( Leonetti, Quadrano).
Reti: 12’pt Mancino, 36’pt De Paula, 37’pt Gasparello, 6’st Del Core (rig.), 32’st Gasparello.
Note: spettatori 4500 circa. Angoli 6-2 per il Foggia. Ammoniti Giordano, Giani, Dalla Bona, Ignoffo, Imburgia, Agazzi, Del Core. Minuti recuperati: 3’pt, 5’st.

http://www.capitanatasport.it/default.asp

facebook

3 febbraio 2008

Hellas Verona-Cavese 0-1

Hellas Verona-Cavese 0-1
03/02/2008 - 14:30
Segnala questa notizia   Versione stampabile
Allo stadio "Bentegodi" decide una rete di Giampaolo nel primo tempo

VERONA - Ritorna il pubblico al "Bentegodi" dopo la gara col Sassuolo, disputata a porte chiuse. Maurizio Sarri ritrova dal primo minuto Giovanni Morabito, a tre settimane di distanza dall’infortunio patito con la Pro Sesto, e lancia subito Antonio Bellavista a metà campo. Aldo Papagni risponde con il trio avanzato Giampaolo-De Giorgio-Tarantino.

Inizio in salita per la squadra di casa già dal 10’: Giampaolo posizionato all’interno dell’area di rigore prende palla su una corta respinta di Sibilano, e di sinistro insacca alle spalle di Rafael. Vigna vicino al pareggio al minuto 23 su calcio di punizione: il pallone scagliato dai venti metri colpisce la traversa e termina alto.

Un minuto dopo ci prova il brasiliano Da Silva da fuori area, Criscuolo blocca senza affanni. Catalano primo ammonito del match al 28’ per un fallo su Minetti, pronto a ripartire in contropiede dalla propria area di rigore. Cavese vicina al raddoppio al 36 con Tarantino che scende sulla sinistra e viene servito da Giampaolo tagliando la difesa scaligera, il tiro termina a lato.

Al 43’ ammonito anche Nocerino per proteste. Ghiotta occasione per Vigna nel recupero su assist di Da Silva, il centrocampista aretino conclude su Criscuolo che respinge.

Dopo un minuto dall’inizio della seconda frazione cartellino giallo per Minetti per un fallo di gioco. Al 60’ seconda traversa per la formazione di Maurizio Sarri, ancora su calcio da fermo: Da Silva calcia a girare da fuori area, pallone che si stampa nuovamente sulla traversa. Primo cambio per Papagni al 61’: Sorrentino prende il posto di Giampaolo, match-winner sino a questo momento.

Al 66’ De Giorgio viene sostituito da Favasuli. Subito il neo-entrato scocca il destro angolato, Rafael devia a lato. Stamilla sostituisce Minetti al minuto 72, primo cambio per Sarri. Al 74’ entra anche Morante al posto di Altinier, autore di una prestazione più che buona.

Espulsi all’80’ Bellavista e Sorrentino per reciproche scorrettezze. Ammonito Morabito subito dopo per proteste. Lo stesso terzino viene sostituito all’82’ col compagno Stefano Garzon. Esauriti i cambi per l’Hellas Verona, a pochi minuti dal termine. Espulso anche Nocerino (doppia ammonizione) all’85’ dopo aver trattenuto Vigna.

Catalano viene sostituito subito dopo da Cipriani. Allo scadere Morante prova l’acrobazia su assist di Vigna, ma senza inquadrare lo specchio della porta. Al quarto minuto di recupero Stamilla di testa non riesce nel tap-in vincente su cross di Vigna.

HELLAS VERONA F.C. - S.S. CAVESE 1919 0-1 (0-1)

Reti: 10’ Giampaolo

HELLAS VERONA F.C.

Rafael; Comazzi, Sibilano, Gonnella, Morabito (82’ Garzon); Vigna, Bellavista, Corrent, Minetti (72’ Stamilla); Da Silva, Altinier (74’ Morante). (Franzese, Orfei, Pastrello, Politti). All. Sarri

S.S. CAVESE 1919

Criscuolo; Pierotti, Nocerino, Catalano (85’ Cipriani), Geraldi; Frezza, Alfano; Giampaolo (61’ Sorrentino), De Giorgio (66’ Favasuli), Tarantino. (Petrazzuolo, Rossi, Cipriani, Riccio, Porro). All. Papagni 

Arbitro:  Tasso di La Spezia

Assistenti: Piovera, Marengo

Ammoniti: Catalano, Nocerino, Minetti

Espulsi: all’80’ Bellavista e Sorrentino per reciproche scorrettezze, 85’ Nocerino per gioco scorretto

Recupero: 4’ - 4’

Spettatori: 11.550

 

I contenuti sono liberamente riproducibili, salvo l’obbligo di citare la fonte, hellasverona.it

Sarri: "Continuare ad avere fiducia"
03/02/2008 - 18:22
Segnala questa notizia   Versione stampabile
"Proseguendo su questa strada, forse anche la sfortuna finirà"

VERONA - Al termine della gara di campionato tra Hellas Verona e Cavese, decisa da una rete di Federico Giampaolo nella prima frazione di gioco, il tecnico Maurizio Sarri ha incontrato i giornalisti presso la sala stampa del "Bentegodi".

Gli scaligeri hanno avuto molte occasioni per cambiare le sorti del match, colpendo tra l’altro due traverse: "Queste sono partite che ti possono segnare, perchè abbiamo giocato bene senza raccogliere nulla. Bisogna continuare ad avere fiducia nei propri mezzi, se la squadra continua a crescere come ha fatto in questi dieci giorni possiamo raggiungere il nostro obiettivo."

L’Hellas non sta vivendo un periodo felice anche sotto il punto di vista arbitrale: "Quando un difensore si disinteressa della palla per ostacolare l’avversario, per me è rigore. Il direttore di gara non ha fischiato, ne prendiamo atto continuando a lavorare. Per un’ora sono rimasto soddisfatto, poi le distanze tra i reparti si sono un pò allungate. Proseguendo su questa strada, forse anche la sfortuna finirà. A livello di moduli possiamo discutere infinitamente, ma quello che conta è la giusta applicazione."


I contenuti sono liberamente riproducibili, salvo l’obbligo di citare la fonte, hellasverona.it

Rafael: "Possiamo ancora farcela"
03/02/2008 - 18:20
Segnala questa notizia   Versione stampabile
"Dispiace per come è andata la partita, il risultato ci penalizza eccessivamente"

VERONA - Nella ventiduesima giornata di campionato l’Hellas è stato sconfitto allo stadio "Bentegodi" dalla Cavese, subendo l’undicesimo ko stagionale. La squadra gialloblù ha tenuto le redini del gioco durante la maggior parte del match, senza però riuscire a recuperare la rete di svantaggio.

A fine partita il portiere brasiliano Rafael De Andrade ha rilasciato le proprie impressioni agli organi di stampa: "Dispiace profondamente per come è andata la partita, il risultato ci penalizza più di quanto non sia stato in realtà. Bisogna proseguire nel lavoro, anche oggi le occasioni per ribaltare il risultato non ci sono mancate. Tra di noi c’è comunque la sicurezza di poter uscire da questa situazione."

Un episodio in particolare sarà da rivedere alla moviola, con Altinier atterrato all’interno dell’area di rigore campana: "Forse in quell’azione il difensore è entrato con troppa foga, ostacolando il mio compagno. Non piangiamoci comunque addosso, la Serie C è dura e ce ne stiamo rendendo conto. Può capitare di concedere una sola palla gol, e poi pagarla. Il nostro atteggiamento è quello di una squadra compatta, è importante vedere qualcosa di positivo anche in match come quello di oggi. Rialziamo la testa, possiamo ancora farcela".

 

I contenuti sono liberamente riproducibili, salvo l’obbligo di citare la fonte, hellasverona.it



facebook

3 febbraio 2008

Lucchese, solo un pareggio in casa con la Sangio

Lucchese, solo un pareggio in casa con la Sangio

Continua il momento no dei rossoneri, che quest'oggi ospitavano la Sangiovannese di mister Tedino, impantanata nei bassifondi della classifica. La Lucchese, che prima passa in svantaggio per il gol di Gerardi al 20' del primo tempo, riesce a pareggiare il conto con Masini al 39', autore si una splendida girata in area avversaria. (Foto Daniele Zichella)



LUCCA - Chiamata a riscattarsi dopo le non brillanti prestazioni a Martina Franca e Crotone, la Lucchese scendeva in campo, quest’oggi, contro il fanalino di coda Sangiovannese. Squadra alla disperata ricerca di punti salvezza, la Sangio inizia subito ad aggredire i giocatori rossoneri, che con difficoltà riescono a rendersi pericolosi in zona gol. Al 12’ è comunque la Lucchese a provare l’affondo, con un lancio dalle retrovie di Nocentini per lo sgusciante Bertolini. Il piccolo attaccante controlla la sfera, entra in area, ma, tenuto a bada dal centrale azzurro, scocca una debole conclusione che il portiere para con facilità. Al 20’ la buona volontà della squadra ospite si concretizza con il gol del momentaneo vantaggio. L’esterno di sinistra Staffolani lancia sulla propria fascia Rebecca che arriva a tu per tu col portiere rossonero Castelli. Il numero uno, in scivolata fuori dall’area, riesce momentaneamente a sventare il pericolo. La palla carambola sui piedi di Gerardi, appostato al limite che, da posizione centrale, non ha difficoltà ad insaccare nella porta sguarnita. La Lucchese si scuote e, sostenuta dal proprio pubblico, si riversa in avanti col solito Masini, al 23’. La punta rossonera controlla la sfera sul vertice destro, si accentra e di mancino impegna centralmente il portiere ospite Barberis. I rossoneri si fanno sempre più pericolosi, schiacciando la Sangio nella propria area di rigore. Al 33’, Renzetti sfonda sulla sinistra, entra in area e scodella sul secondo palo un pallone comodo comodo per Scalise. In corsa, l’esterno destro colpisce a botta sicura, ma, questa volta, il portiere Barberis compie il miracolo respingendo d’istinto. La porta azzurra sembra stregata, la partita si fa anche, a tratti, nervosa e l’arbitro Taverna sventola a destra e a manca cartellini gialli a ripetizione. Il match si sblocca a favore dei rossoneri al minuti 39. Scalise mette al centro per Bertolini che, in prima battuta, prova la rovesciata ciccando il pallone. La sfera rimbalza una volta in direzione di Masini che non ci pensa su due volte. Sforbiciata e conclusione potentissima che non lascia scampo all’esterrefatto Barberis.

La ripresa offre sicuramente meno emozioni. La Sangiovannese si chiude in difesa, mentre i rossoneri non riescono a scardinare il fortino eretto da mister Tedino, oggi squalificato e quindi seduto in tribuna. Al 18’ la Lucchese trova il corridoio giusto, sulla sinistra, affidato a Renzetti che scodella al centro un traversone basso per Masini. L’attaccante non calcia di prima, ma temporeggia, trovando sulla propria strada ben due ribattute della difesa ospite. Al 31’, ancora la Lucchese si getta in avanti. Il cross del solito Scalise chiama alla respinta coi pugni il portiere, che scaraventa la palla dalle parti di Guidi. Il difensore, appostato al limite, prova la botta di prima facendosi neutralizzare la conclusione dalla selva di gambe in area valdarnese. L’ultima occasione si registra al 38’ quando Bono, servito ancora una volta dall’inesauribile Scalise, in tuffo colpisce male la sfera che va fuori.

LUCCHESE – SANGIOVANNESE 1-1 (1-1)
LUCCHESE (3-4-3):
Castelli 6; Nocentini 6, Chiarini 5.5 (st 1’ Azizou 6), Guidi 5.5; Scalise 6.5, Bono 6, De Simone 5, Renzetti 6; Bertolini 5.5 (st 26’ Nielsen 6), Giglio 5 (st 34’ Guariniello ng), Masini 7. A disp.: Moreau, Briano, Bolzan, Cesaretti. All.: Braglia.
SANGIOVANNESE (4-4-2): Barberis 6; Vannini 5.5, Di Bari 6, Ferrando 6, Ferracuti 5; Zanoletti 6.5, Minopoli 5.5, Mondini 5.5 (st 20’ Caleri 6), Rebecca 6 (st 25’ Rulli 6); Staffolani 6, Gerardi 6.5 (st 34’ Baiano ng). A disp.: Cascella, Mauri, Arrigoni, Goretti. All.: Simoni.
ARBITRO: sig. Taverna di Taurianova 5.5.
MARCATORI: pt 20’ Gerardi (S), 39’ Masini (L).
NOTE: Ammoniti: Nocentini, Guidi, Chiarini, Guidi, Scalise (L); Mondini, Gerardi, Barberis, Ferrando (S). Angoli: 6 a 3 per la Lucchese. Espulso al 27’ st il medico della Sangiovannese. Recupero: pt 2’, st 3’. Spettatori: 2.644 per un incasso di 21.453 euro. Giornata nuvolosa, terreno appesantito dalla pioggia e gara giocata sotto i riflettori.

Aggiornato 03/02/2008 17:43   Scritto da Daniele Zichella
http://www.calciotoscano.it/modules.php?op=modload&name=PagEd&file=index&page_id=20919


facebook

3 febbraio 2008

Il Foggia riaccende i motori

Il Foggia riaccende i motori


Esordio okay di Galderisi sulla panchina del Foggia, rivitalizzato ed ormai quasi imbattibile tra le mura amiche. A uscire sconfitta dallo Zaccheria la Pro Patria, squadra arcigna ma al di sotto dei propri standard oggi.

I tifosi rossoneri hanno ritrovato l'entusiasmo perduto

Curiosità ed entusiasmo allo “Zaccheria” per l’esordio di Nanù Galderisi sulla panchina rossonera contro l’ostica Pro Patria, un punto in più in classifica rispetto al Foggia che, per mantenere vive le speranze di agganciare la zona playoff, deve solo vincere e sperare in qualche passo falso.

 

Partenza arrembante dei padroni di casa, schierati con un 4-2-3-1, che dimostrano di voler vincere sin dalle prime battute. Al 3’ Del Core, di testa, colpisce il palo interno, servito da Coletti ed all’11’ passano in vantaggio; cross dalla destra di Colombaretti per la testa di Mancino, si distende Anania in angolo. Batte Coletti che pennella in mezzo ed è ancora la testa di Mancino a svettare più in alto e trafiggere l’estremo difensore bustocco. 1-0, inizia il nuovo corso.

 

Gioca bene il Foggia: la velocità di Mancino e Di Roberto viene sfruttata a dovere sulle fasce e la diga centrale formata da Giordano e Coletti non perde un colpo. Al 16’ spunto di De Paula, gran rasoiata a filo d’erba e palla di poco a lato.

 

Break bustocco al 31’: punizione di Dalla Bona, Nossa è lesto a svettare ed insaccare in rete, ma con la mano. Ma l’assistente del signor Spadaccini è attento nel segnalare l’irregolarità ed il gol viene giustamente annullato, con tanto di ammonizione a Dalla Bona per le vibrate proteste, quanto mai inopportune.

 

La Pro è pericolosa e al 36’ il Foggia raddoppia. De Paula pulisce la sua area spazzando via a campanile un pallone insidioso e si lancia in profondità, Di Roberto (in gran spolvero) segue l’azione e, sfruttando una grave indecisione di Pessotto, serve Mancino; cross basso per il brasiliano che scavalca il portiere, gli frana addosso e gonfia la rete. 2-0, felicità brasiliana.

 

Nemmeno il tempo di esultare però che i bustocchi riaprono immediatamente il match in contropiede, sfruttando una sbavatura difensiva dei padroni di casa con Gasparello, che sotto misura beffa Agazzi con un gran gol. 2-1, è tutta da giocare.

 

Nel secondo tempo Rossi inverte le fasce, spostando Rosso a sinistra e Trezzi a destra ma, dopo soli 4’, arriva il terzo gol del Foggia. Stavolta è un regalo dell’arbitro che giudica da rigore un tuffo di Colombaretti in piena area, servito da Del Core nello stretto; sul dischetto lo stesso Del Core, che spiazza Anania. 3-1, torna il sereno.

 

I biancoblu non ci stanno e provano a riaprire per l’ennesima volta la partita, cercando di accelerare la manovra affidandosi a lanci lunghi per il solo Gasparello, quasi sempre anticipato da Ignoffo e Rinaldi; al 10’ un brivido percuote la schiena di Galderisi: punizione dal limite sinistro di Dalla Bona sul primo palo ma la manona di Agazzi arriva nell’angolino basso, dicendo no.

 

Le due squadre non si risparmiano, i ritmi si mantengono alti ed il pubblico sugli spalti trattiene il fiato fino al 25’ un piattone destro di Giordano (gladiatorio) dal limite sfiora il quarto gol. La Pro Patria, dal canto suo, non molla ed al 33’ riapre ancora una volta i giochi sfruttando al meglio una punizione dal limite di Gasparello: gran rasoiata a pelo d’erba e palla che si insacca nell’angolino. 3-2, che partita.

 

La paura e la stanchezza fanno soffrire il Foggia e, al 41’, va in scena il festival dello spreco: punizione dalla destra per la Pro Patria e palla a Trezzi che di testa, tutto solo, sciupa tutto tirando in braccio ad Agazzi. Contropiede immediato dei rossoneri, numero di Colombaretti che, a tu per tu con Anania, spara addosso al portiere. Le ultime emozioni prima del triplice fischio.

 

FOGGIA (4-2-3-1): Agazzi; Colombaretti, Rinaldi, Ignoffo, Russo (dal 31’st Arno); Giordano, Coletti; Di Roberto (dal 25’st Mounard), Del Core, Mancino (dal 36’st D’Amico); De Paula. A disp.: Castelli, Lisuzzo, Agostinone, Groppi. All. G. Galderisi

 

PRO PATRIA (4-1-4-1): Anania; Candrina (dal 16’pt Nossa), Citterio, Giani, Imburgia; Pessotto; Rosso, Dalla Bona (dal 26’st Ardemagni), Castellazzi (dal 12’st Vecchio), Trezzi; Gasparello. A disp.: Capelletti, Francioso, Ceriani, Iaconis. All. M. Rossi

 

ARBITRO: Sig. Spadaccini di Vasto

  

MARCATORI: 11’pt Mancino (F), 36’pt De Paula (F), 37’pt Gasparello (P); 4’st rig. Del Core (F), 33’st Gasparello (P)


AMMONITI:
Giordano, Ignoffo, Del Core, Agazzi (F); Giani, Dalla Bona, Imburgia, Nossa (P). 

NOTE: Cielo grigio, terreno in ottime condizioni. Spettatori 4.318 (con 12 tifosi ospiti), incasso € 46.898. Angoli 5-1 per il Foggia. Recupero: 3’ pt, 5’ st.

 

 

Mario Ciampi  - www.calciopress.net
 

facebook

3 febbraio 2008

Sorrento e Samb fanno pari

Sorrento e Samb fanno pari


In vantaggio gli ospiti su calcio di rigore trasformato da Morini. Pareggia lo spagnolo Casals, arrivato a gennaio e da poco subentrato a D'Isanto.

Lo spagnolo Casals esulta dopo il gol del pareggio

Dopo l’importante vittoria conseguita contro il Perugia, il Sorrento affronta la Sambenedettese. Mister Morgia schiera Brunner in porta dietro a Maury, Braca e Radi, a centrocampo Vanin, Ottobre, Nicodemo e Pezzella e sulla trequarti Rastelli e il neoacquisto D’Isanto a supporto di Ripa, unica punta. D’Isanto si mette in evidenza già al 4’ raccogliendo di testa su cross da destra di Rastelli ma la palla finisce fuori. Al 7’ è la volta della Sambenedettese di portarsi in avanti con un colpo di testa ravvicinato di Morini che però mette la palla alta sopra la traversa. Al 19’ci prova Ripa di testa ma colpisce la palla debolmente e Visi non ha problemi nel bloccare la palla.

 

Il ritmo di gioco è calato rispetto ai primi minuti di gioco durante i quali le due squadre erano decisamente più reattive. Al 34’ il Sorrento si porta nuovamente in avanti: Rastelli imbecca Vanin che si porta all’altezza del vertice dell’area di rigore e scodella al centro ma Ripa viene fermato in fuorigioco dall’arbitro Ballo di Trapani. È un buon momento per la squadra di casa che si rende pericolosamente in diverse occasioni nel finale di tempo: ci prova Maury su calcio piazzato prima al 36’ e poi al 41’ e poi Ripa al 43’ batte in velocità il suo marcatore e batte a rete ma Visi riesce a respingere.

 

Ma è la Samb a trovare il gol del vantaggio grazie ad un rigore rimediato da Morini su un presunto fallo di Nicodemo: è lo stesso Morini ad incaricarsi della battuta, Brunner riesce a toccare ma non riesce ad evitare che la palla si insacchi alle sue spalle. Il secondo tempo si apre con il Sorrento che ancora recrimina contro le decisioni dell’arbitro: all’8’st Ripa viene atterrato in area ma il signor Ballo lascia proseguire. All’11st Maury su punizione imbecca Ripa che però di testa manda la palla alta; al 16st i rossoneri protestano ancora: Rastelli diretto in area viene travolto da Visi ma ancora una volta l’arbitro non riscontra alcuna irregolarità. Al 24st Curiale approfitta di un’indecisione di Braca, s’invola sulla destra e lascia partire un tiro in diagonale che finisce a lato della porta difesa da Brunner.

 

Al 22’st Morgia effettua due sostituzioni:dentro Maiorano per Nicodemo e Casals per D’Isanto. È proprio lo spagnolo, neoacquisto della squadra costiera, a trovare il gol del pareggio sugli sviluppi di una splendida azione corale: Ripa si inserisce al centro, effettua un assist sulla destra per Vanin il quale a sua volta serve Casals che batte a rete. Al 40’st la Samb si fa pericolosissima con una punizione dal limite calciata da Villa entrato al posto di Curiale ma Brunner manda in angolo. Finisce quindi 1 a 1 tra Sorrento e Sambenedettese: la strada per una salvezza sicura è ancora lunga ma comunque oggi il Sorrento ha disputato una buona gara con i neoacquisti che hanno dimostrato di essersi già ben inseriti nella squadra.

 

SORRENTO: Brunner, Vanin, Radi, Nicodemo (22' st Maiorano), Maury, Braca, Rastelli (30' st Taormina), Ottobre, Ripa, D'Isanto (22' st Casals), Pezzella. A disposizione: Doardo, Maraucci, Iorio, Fragiello. All. Morgia.

SAMBENEDETTESE: Visi, Tinazzi, Santoni, Palladini, Moi, Camisa, Cia, Ferrini, Curiale (35' st Villa), Giorgino, Morini (14' st Vitiello). A disposizione: Bartoletti, Servi, Pistillo, Forò, Tulli. All. Piccioni.


ARBITRO:
Ballo di Trapani

MARCATORI: 44'  Morini (Sam, rig.), 30' st Casals (So)

AMMONITI: Moi (Sam) Rastelli (So), Radi (So), Brunner (So), Ferrini (Sam), Ripa (So)

RECUPERO:  1' p.t.,  5' s.t .

NOTE:  spettatori 1500. Angoli 1-1 

 

Franco Romano – www.calciopress.net

facebook

3 febbraio 2008

Salernitana, esonerato Agostinelli

Salernitana, esonerato Agostinelli


Dopo la debacle di Taranto, la società granata ha esonerato il tecnico Andrea Agostinelli. Oddo o Brini i possibili successori.

Andrea Agostinelli

Le strade di Andrea Agostinelli e della Salernitana si dividono. A Taranto, per sempre.

L’ormai ex allenatore della squadra granata è stato esonerato subito dopo l’amara e umiliante sconfitta subita in Puglia da un gruppo che ormai non lo seguiva più. Il divorzio è stato inevitabile e immediato.

I numeri, impietosi, la dicono lunga sulle responsabilità del tecnico marchigiano. Che, al di là del risultato pesantissimo patito allo Jacovone, paga perché non è mai riuscito a dare un’identità concreta alla squadra. Spaesata, impaurita e troppo votata alla difensiva.

Insomma, una Salernitana ombra di sé stessa, con un fardello pesante da portare sulle spalle, quei 41 punti che oggi sembrano troppo pochi con le seconde in classifica che tengono il fiato sul collo alla capolista.

Dicevamo dei numeri. Nelle ultime quattro partite contro Gallipoli, Arezzo, Crotone e Taranto la Salernitana ha conquistato soltanto due punti su dodici a disposizione. Evidente il cambio di passo in classifica tanto da ridurre il vantaggio sulle inseguitrici, ad oggi, a solo quattro punti.

Insomma, impietosi i calcoli matematici che condannano il tecnico mettendolo di fronte alle sue evidenti responsabilità. Se a questo si aggiunge la perseveranza di giocare sempre e comunque “sulla difensiva”, il gioco è fatto.

Il face to face nel chiuso dello spogliatoio, dopo il triplice fischio che ha sancito la sconfitta amara e umiliante della Salernitana a Taranto, e il silenzio stampa imposto a tutti i tesserati sono apparsi da subito un segnale.

La Salernitana volta pagina, immediatamente. E impazza, intanto, il toto allenatore. Anche se nelle ultime ore la lista dei nomi si è ristretta a due tecnici, Francesco Oddo e Fabio Brini.

Carla Polverino – www.calciopress.net

facebook

3 febbraio 2008

Taranto-Salernitana. Sala stampa

Taranto-Salernitana. Sala stampa


In sala stampa palpabile la soddisfazione quasi euforica nell’ entourage jonico. Bocche cucite in casa granata, dove viene indetto il silenzio stampa. Agostinelli esonerato poco dopo.

Mister Agostinelli, esonerato nel dopo gara di Taranto-Salernitana

Blasi (presidente Taranto): “Abbiamo giocato una bellissima partita, dimostrando di avere una grande squadra cosa che avremmo dovuto dimostrare già da settembre; ora ci siamo rinforzati con l’innesto di Plasmati, con il quale abbiamo visto qualcosa di diverso nel reparto avanzato. In ogni caso vedremo un Taranto diverso dopo l’ultimo mercato, in quanto siamo riusciti a rinforzare la squadra sugli innesti giusti. Oggi abbiamo solo vinto una partita; comunque non è giusto che la Salernitana sia al primo posto e noi così distanti dalla vetta. Ritengo che la partita odierna lo abbia dimostrato, abbiamo disputato un grande primo tempo. Mister Cari ha schierato un ottima formazione, avremmo potuto anche realizzare altre reti nella ripresa. In questo momento è importante che la squadra sia carica; da parte nostra dobbiamo cercare di ottenere il massimo risultato possibile. Nella gara odierna mi aspettavo una reazione sotto l’aspetto caratteriale da parte dei ragazzi. Ora bisogna ricompattarsi e sostenere la squadra anche nei momenti critici. Abbiamo bisogno dell’apporto di tutti quanti per ottenere un risultato importante. Credo sia facile buttare fango quando le cose non vanno bene; bisogna comprendere che il Taranto non è di Blasi, ma di tutta la città; io sono un tifoso come gli altri. Per il prossimo futuro posso dire che abbiamo buoni margini di crescita soprattutto con gli innesti di Emerson, Carrozza e Mancini. Ci attendono 12 finali, oggi non abbiamo fatto nulla, ma perlomeno ci siamo presi la rivincita della gara d’andata, nella quale abbiamo perso giocando bene. Dobbiamo continuare così e scendere in campo sempre concentrati”. Un bilancio del mercato? “Blasi non ha smantellato la squadra, ma l’ha puntellata aggiungendo gli elementi giusti e sfoltendo la rosa di quegli elementi in esubero. Cammarata? “E’ stata una parentesi del Taranto. Ora abbiamo preso strade diverse”.


La Salernitana? “Io pensavo prima della partita che venissero a giocarsela a viso aperto. Invece sono venuti qui per strappare il pareggio. Comunque la vittoria di oggi è soprattutto merito del Taranto. In ogni caso se la Salernitana è lì al primo posto significa che è una grande squadra”. Il presidente sottolinea nuovamente l’unione d’intenti: “Tutte le vicissitudini che abbiamo avuto da luglio sino ad oggi le conoscete tutti. Dico solo che per vincere un campionato bisogna unirsi. Non ho rimpianti per tutto quello che ho fatto da settembre fino ad oggi. Io non  mi esalto per avere vinto una partita; in ogni caso chiedo una cortesia a tutti, mi auguro che tutto l’ambiente del Taranto dai tifosi fino ai giornalisti pensino al bene del Taranto. Domenica prossima ospiteremo l’Arezzo, io desidererei una partita come questa ed un’altra vittoria. Infine mi pare doveroso ringraziare tutti i calciatori che sono stati ceduti nel corso dell’ultimo mercato per il contributo che hanno offerto durante la loro permanenza a Taranto”.

 

Galigani (D.G. Taranto): “Volevo ringraziare Prosperi, Plasmati, Emerson  e Carrozza per aver creduto a questo progetto”.

 

Plasmati (attaccante Taranto): “Sicuramente una partenza di gara così ce l’ha saremmo augurati tutti. Sappiamo qual è il nostro percorso e non dobbiamo esaltarci troppo per questa vittoria, ma rimanere con i piedi ben piantati per terra. La rete iniziale ci ha aiutato; ma noi siamo stati bravi ad essere più forti delle polemiche. Mancano 12 partite fino al termine del torneo; vi dico solo che i cavalli buoni si vedono alla fine. Per quanto mi riguarda posso affermare che i miei nuovi compagni mi stanno dando una grossa mano; ma è tutto l’ambiente che mi stà caricando. Nel corso della gara odierna abbiamo espresso un grande calcio disputato un primo tempo perfetto nel quale siamo riusciti a rimanere alti; mentre loro sono stati più accorti sulle fasce, dove hanno sostanzialmente rinunciato a giocare. Io sono agevolato dal gioco di Cutolo e Zito sugli esterni in quanto sono entrambi calciatori che riescono a saltare l’uomo e creare superiorità. Ad ogni modo dobbiamo ancora trovare certi equilibri ed io in particolare devo entrare meglio in certi meccanismi di gioco”  Cosa è cambiato da Foggia a Taranto? “A Foggia ritengo ci siano maggiori pressioni ed aspettative  rispetto a quelle che ci sono a Taranto. Poi essere sempre sulla graticola non è bello e per me questa è una piccola rivincita”. Il mister Baldini del Catania l’ammira molto, pensa alla serie A? “ Lo so e la cosa mi lusinga; ma ora sono un calciatore di serie C come tutti i miei compagni. Non dobbiamo esaltarci troppo per questa vittoria”.

 

Pastore (capitano Taranto): “Abbiamo lavorato in prospettiva di questa partita, sapevamo che sarebbe stata una gara carica di tensioni. Forse il segreto sono state le giuste motivazioni che ci hanno fornito stimoli per dare più del 100%. Il Taranto ha giocato da Taranto”  La Salernitana? “Forse senza Ciarcià e Piccioni sulle fasce, loro si sentivano più coperti anche considerando il modulo iniziale. Quando una formazione imposta la partita in un certo modo e poi prende la rete dopo trenta secondi, diventa difficile anche per il tecnico, che non può subito mutare l’assetto tattico, altrimenti screditerebbe se stesso”.  Cammarata? “Per Fabrizio era una partita particolare. Conoscendolo sarà stato condizionato dall’ambiente ostile”. La nostra gara? “Una squadra anche quando vince 4-0 deve sempre tenere la concentrazione alta. La gara di oggi nè costituisce la prova;in quanto appena cali in quel senso puoi essere punito”. Su chi dobbiamo fare la corsa per raggiungere i play-off? “Non è semplice trovare un’antagonista sulla quale fare la corsa per i play-off. Noi dobbiamo fare più punti possibile e poi faremo i conti a fine campionato”. L’Arezzo? “conoscendo mister Cuoghi verrà a giocarsi la partita a viso aperto; spero sia una bella partita giocata a viso aperto fra le due squadre”. Un bilancio sul nostro mercato? “La società ha operato abbastanza bene in sede di calciomercato. Sapete bene che Vincenzo (De Liguori) non poteva rientrare per problemi personali, ma al suo posto è stato ingaggiato un grande calciatore come Emerson. Poi è arrivato Plasmati che si è presentato con due reti e Carrozza. Certo ora i problemi di abbondanza sono del mister”.

 

De Falco (centrocampista Taranto): “Siamo stati bravi a leggere bene la gara. Abbiamo dato il massimo e siamo riusciti a fare una partita perfetta. Speriamo di ripeterci con l’Arezzo; gara che ritengo ancora più difficile di quella odierna. In questo momento la condizione ci aiuta ed abbiamo più fiducia dei nostri mezzi”. La mia prestazione? “Sono contento che il mister mi ha dato altre opportunità dopo alcune prove non brillantissime”. 


Enrico Losito - www.calciopress.net

facebook

3 febbraio 2008

Massese – Ancona 1-1

                                                 Massese – Ancona 1-1

RETI: 1T 45' Mastronunzio (Ancona), 2T 36' Falco (Massese)

Massese: Sciarrone, Melara (2T 26' Bongiovanni), Piccinni, Binchi (2T 21' Cremona), Diagouraga, Russo, Campisi (2T 34' Zaccagnini), Billio, Falco, Artistico, Carrara. All.  Giannini

Ancona: Guarna, Di Fausto, Rizzato, Anderson, Olivieri (2T 1'Baldanzeddu), Fanucci, Cazzola, Caremi (2T 14'Schiattarella), Mastronunzio, Fialdini, Nassi (2T 40' Lacrimini). All. Monaco.

NOTE: Espulso Anderson (Ancona) al 15' del secondo tempo per somma di ammonizioni, ammoniti Binchi e Carrara (Massese), Di Fausto, Carrmi, Baldanzeddu (Ancona). Recupero: 3' e 5'. Spettatori: paganti + abbonati 916.

                       

MASSA - La Massese, rivoluzionata (probabilmente indebolita) dal mercato, sfodera una prestazione di grande carattere e impone  il pareggio all'Ancona, una delle squadre più attrezzate del girone e al contrario rafforzata dal mercato di gennaio. La Massese inoltre non poteva schierare gran parte dei giocatori acquistati perchè in attesa del trasferimento, esordio del massese Fialdini nell'Ancona. L'inizio di gara non è molto entusiasmante, ma si capisce che al contrario delle previsioni sarà la Massese a fare la partita. Al 15' uno scatenato Melara prova un tiro-cross dalla destra che chiama Guarna alla difficile deviazione in angolo, e il duello si ripete al 34' quando Melara da dentro l'area calcia sul primo palo e chiama il portiere dorico al secondo grande intervento. Una bella sforbiciata di Fanucci al 40' è il primo segnale in attacco dell'Ancona, che al 45' capitalizza quando dopo un colpo di testa di Di Fusto terminato sul palo Mastronnzio realizza il tap-in vincente. A inizio ripresa è la Massese a farsi vedere al 10' con un colpo di testa di Falco che termina sulla traversa dopo un cross di Campisi, ma è tra il 14' e il 15' che si decide l'incontro: prima Nassi liscia clamorosamente da posizione favorevole la rete del possibile 2-0, poi Anderson riceve la seconda ammonizioni, per proteste, e la squadra di Mister Monaco è costretta in dieci per l'ultima mezz'ora. La Massese ci crede ma non riesce a creare occasioni degne di nota, fino al 36' quando Diagouraga dopo una percussione sulla destra mette al centro un raso terra  e Falco appostato sul secondo palo realizza il più che meritato pareggio. Nel finale ci crede di più la Massese ma non sfrutta ulteriormente la superiorità numerica.  Bella prestazione delle zebre, che forse meritavano anche qualcosa di più di un punto, l'Ancona invece deve risolvere diversi problemi, ma Mister Monaco dalla prossima partita (atteso derby interno contro il Pescara) potrà contare sugli ultimi colpi di mercato. 

Francesco Rolla http://www.tuttalac.it/societa.htm

  

facebook

sfoglia    gennaio        marzo

Cerca, Rss, Atom e Counter
Ricerca personalizzata
Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0   Feed ATOM di questo blog  Atom


Link
A
ac-perugia.com
acmonzabrianza.it
acspezia.com
agenfax.it
alessandriacalcio.it
allvideo
amarantomagazine.it
arezzonotizie.it
asandriabat.it
B
beneventocalcio.it
bettiamo.net
blog.football.it
blunote.it
bondolasmarsa
br73.net Pistoia
bustocco.it
C
calciatori.com
calciocampano2009
calciocomo190
calciofoggia.it
calcioland.forumfree
calciomatto
calciomercato.com
calcionapoletano
calciopiu.net
calciopress.net
calcioscommesse.myblog.it
calcioseriec.blogspot.com
calciotoscano.it
cavese
cavanotizie.it
click4soccer.com
coni.it
corrierediarezzo.it
corrieredicomo.it
cremonaweb.it
D
datasport.it
diretta.it
direttagol.it
E
e-cremonaweb.it
esperiaviareggio.it
eurosport.yahoo.com
F
fccrotone.blogspot.com
febbrea90.com
figc.it
foggiacalciomania.com
foggialandia.it
foggiaweb.it
folignocalcio.com
folignocalcio.it
forzacavese.net
forzalucchese.net
forzanovara.net
forzapescara.com
forzaspal
G
gazzettalucchese.it
goal.com
H
hellastory.net
hellasverona.it
hellasweb.it
I
ilgrecale.it
ilpallonaro.com
ilquotidianodellabasilicata.it
ilquotidianodellacalabria.it
ilsatanello.it
ioamoilcalcio.myblog.it
infobetting.com
italiadelcalcio.it
L
la_c1.ilcannocchiale.it
lanciano.it
larena.it
leccosportweb.it
lega-calcio.it
lega-calcio-serie-c.it
legaproprimadivisione
leggonline.it
livescore.com
Live score
loschermo.it
lospallino.com
lostregone.net
lumezzanecalcio.it
M
madeinandria.it
mondorossoblu.it
N-O
noitv.it
P
paganese.it
paganesecalcio.com
pescaracalcio.com
portogruarosummaga.it
primadanoi.it
primadivisionew
primadivisione
pronostici1x2
pronostici serie A
prosestonews
Q
qn.quotidiano.net
R
radioemme.it
raisport.rai.it
ravennanotizie.it
realsports.it
reggianacalcio.it
reggianasupporters.it
resport.it
riminicalcio.com
S
salernonotizie.it
sanniocalcio.it
scommesse.betfair.it
seriec1.ilcannocchiale.it
seriec1.wordpress.com
soccerpuglia.it
socialcalcio.com
solocalcio.com
solopescara.com
sorrentocalcio.com
sportal.it
sportcity-ricio
sportedintorni.blogspot.com
sporterni.it
sportevai.it
sportitalia.com
sportoggi.com
sportpeople.net
sportvintage.blogspot.com
ssjuvestabia.it
sslanciano.it
stabia1907.it
stabiachannel.it
stampasud.it
T
tarantosera.com
tarantosupporters.com
teleradioerre.it
ternanacalcio.com
terninrete.it
terzaserie.myblog.it
tifo-e-amicizia.it
tifogrifo.com
tifosigallipoli
tifosiportogruaro
tuttalac.it
tuttocalciatori.net
tuttocalcio.it
tuttolegapro.com
tuttomercatoweb.com
tuttosport.com
tuttosporttaranto
tvgratisnet.iobloggo.com
tvoggisalerno.it
U
ultrassamb
uscremonese.it
usfoggia.it
V
varese1910.it
varesenews.it
vascellocr.it
vastocalcio
viaroma100.net
virtuslanciano
Z
zonacalcio.it

Siti rimossi

Gossip&sport

Cinema italiano
cinemaitaliano.info
trovacinema.repubblica.it
Nuovi
bg vs fq pr dago
notiziariocalcio
ilnuovocorriere
asgubbio1910
forzanocerina
piacenzacalcio
triestinacalcio
comunicatemi
chi ho dimenticato
e sarà inserito,
o rimosso per chi vuol essere cancellato

....ed è naturalmente gradito
un link a questo blog
nei vostri siti o blog
grazie



Meteo











 
 
fai.informazione.it Wikio - Top dei blog Wikio - Top dei blog Add to Google intopic.it Blog360gradi - 

L’aggregatore di notizie a 360°  provenienti dal mondo dei blog! who's online Sito ottimizzato con 

TuttoWebMaster TOP 100 

SOCCER SITES TopSportSites.com :: A 

Sports Discussion Community Top Italia Registra 

il tuo sito nei motori di ricerca liquida.it social network Notizie, immagini e video dai blog italiani su Liquida top 100 sports sites My BlogCatalog 

BlogRank urltrends reports BlogNews Questo Blog e' 

Strabello! e il tuo?

Cynegi Network
linkto.org

  Powered by  MyPagerank.Net
 

seriec1

↑ Grab this Headline Animator

  View blog authority
   
 


blinko jonny groove
rcsmobile belen

lastminute
musicbox

edreams

better
blinko grandi sorelle


Rubbrica telefonica


Elenco per nome


Elenco per ruolo