235 Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio Giorgio Bianchi congela lo 0-0 di Lumezzane - Cremonese | seriec1 | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

logo di seriec1.ilcannocchiale.it rassegna stampa della lega pro prima divisione
Blog letto 1 volte












div>

Tim Cup 2009/2010, Risultati completi,
Tabellone, Regolamento

Coppa Italia 2009/2010
Risultati e Calendario
Siti Ufficiali


prima pagina della Gazzetta dello Sport

prima pagina del Corriere dello Sport

prima pagina di Tuttosport

il cirotano



Verdetti 2010-2011
Retrocesse dalla serie B
Frosinone Portogruaro
Triestina Piacenza
Promosse dalla 2a Div
Tritium Carpi
Latina FeralpiSalò
Carrarese Trapani
Retrocesse in 2a Div
Paganese Cavese
Monza Sudtirol
Ternana Cosenza
Promosse in serie B
Gubbio Nocerina
H.Verona Juve Stabia


Supercoppa 2010-2011
22 - 26 maggio
Gubbio Nocerina 1 - 1
Nocerina Gubbio 0 - 1
Vincente: Nocerina


Play Off Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Verona Sorrento 2 - 0
Salernitana Alessandria 1 - 1
Girone "B"
Juve Stabia Benevento 1 - 0
Taranto A. Roma 0 - 1
5 giugno 2011
Girone "A"
Sorrento Verona 1 - 1
Alessandria Salernitana 1 - 3
Girone "B"
Benevento Juve Stabia 1 - 1
A. Roma Taranto 2 - 3
Finali Play Off 2011
Andata 12 giugno
Verona Salernitana 2 - 0
Juve Stabia A. Roma 0 - 0
Ritorno 19 giugno
Salernitana Verona 1 - 0
A. Roma Juve Stabia 0 - 2


Play Out Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Sudtirol Ravenna 1 - 0
Monza Pergocrema 1 - 0
Girone "B"
Viareggio Cosenza 3 - 1
Foligno Ternana 1 - 0
5 giugno 2011
Girone "A"
Ravenna Sudtirol 2 - 1
Pergocrema Monza 1 - 0
Girone "B"
Cosenza Viareggio 0 - 1
Ternana Foligno 1 - 1


Lega Pro 1a Div - Girone A
10a giornata - 25 ott 09
Alessandria Viareggio 0 - 0
Como Arezzo 0 - 0
Classifica - 10a giornata
 1  Novara 24   
 2  Cremonese 22

Serie C1 Rassegna Web Prima Divisione Lega Pro





































sfoglia    ottobre        dicembre


3 novembre 2008

Giorgio Bianchi congela lo 0-0 di Lumezzane - Cremonese

fonte:  vascellocr.it

Lumezzane-Cremonese:0-0 e per il pari occorrono le prodezze di Giorgio Bianchi Però in grigiorossi sono in progresso...

La squadra di Iaconi non ha ancora trovato l'autorità della squadra destinata a vincere il campionato - Ha guidato il gioco soltanto per una ventina di minuti a metà di ripresa


Guidetti, difficoltà a mettersi in luce (foto Ivano Frittoli)

Dai nostro inviato

Alexandro Everet


LUMEZZANE - E' un po' dilemma tipico dei pareggi. Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto? Facciamo gli ottimisti e diciamo che è mezzo pieno ma con qualche riserva. Lo 0-0 di Lumezzane ha infatti evidenziato una Cremonese in progresso, sia pure molto lento e graduale, ma con ancora tanti problemi da risolvere.
Partiamo dalle cose positive. Innanzitutto il pareggio non è di per sè da disprezzare. Il Lumezzane quest'anno non ha mai perso e anche sul campo ha confermato di essere una squadra molto organizzata, compatta e dotata anche di alcune belle individualità. Pareggiare a Lumezzane non è quindi uno scandalo e tutto sommato anche il computo delle occasioni lo conferma, si sarebbe potuto anche perdere. La classifica inoltre pur non ottima resta buona, tutto sommato la Cremonese è a soli tre punti dalla vetta.
Inoltre sul piano del gioco si è visto qualche progresso. Innanzitutto abbiamo apprezzato la compattezza difensiva della squadra che al di là di un paio di fuorigioco non riusciti (e sui quali restano dubbi di errori arbitrali) è riuscita a limitare il temibile quartetto offensivo del Lumezzane e a non soffrire oltremodo il famoso "uomo tra le linee" che Menichini ha piazzato un po' sorpresa in campo (Silvestri), evidentemente dopo aver studiato i grigiorossi (nelle partite precedenti il giocatore fra le linee aveva spesso messo in croce la Cremonese).
Da apprezzare poi la voglia di verticalizzare da parte di Saverino. Il giocatore ci ha quantomeno provato e anche se non sempre ci è riuscito ha sicuramente iniettato più qualità nel match del solito. Insomma, ci sta provando e apprezziamo le intenzioni. Positiva anche la capacità di lettura del match da parte del mister (giustissimo il cambio Rizzo per Gori) e ottime le prove di alcuni singoli: Giorgio Bianchi su tutti ma anche Carotti, Vitofrancesco e Alberto Bianchi. Infine anche sul piano fisico la squadra sembra in lenta ma costante crescita dopo le fatiche delle prime giornate.
Insomma, una base su cui costruire c'è.
Ci sono però anche i lati negativi. Innanzitutto la monotonia del gioco grigiorosso. Si è giocato quasi sempre al centro, vuoi per scelta, vuoi per mancanza di esterni. Nè Gori nè Tacchinardi (che però non ha neanche le caratteristiche dell'esterno offensivo e si è adattato con abnegazione nel ruolo) infatti hanno la capacità di saltare l'uomo. Le cose sono andate un po' meglio con lo spostamento di Vitofrancesco più avanti, ma resta il fatto che sulle fasce si deve costruire di più e con più fantasia, specialmente se si considera che la Cremonese gioca col 4-4-2 (si è avvertita la mancanza di Ferrarese, in palla col Legnano, forse si poteva anche tentare la carta Gherardi, giocatore ancora da sgrezzare ma di indubbia qualità e in grado di creare superiorità numerica).
Sotto porta poi è mancato qualcosa: Guidetti in giornata no, Coda ha sprecato (sia pure con una certa dose di sfortuna) la ghiotta occasione avuta su assist di Carotti, Temelin non è riuscito a cambiare il match. In generale la squadra ha segnato 12 gol in 10 partite, troppo poco per una squadra di vertice (colpa peraltro non solo degli attaccanti ma anche della mancanza di creatività offensiva di tutta la squadra).
L'aspetto più preoccupante è che la Cremonese per ora non dà l'idea di avere la personalità di una squadra vincente.

Certo, la qualità non manca, c'è una certa organizzazione, però non sempre la squadra è padrona del match, ogni tanto si assenta, non sembra avere l'istinto del killer che "sente il sangue". Per fare un paragone, la Cremonese di Roselli aveva meno qualità di questa squadra ma scendeva in campo con rabbia agonistica e con la personalità di chi vuole dettare la sua legge sempre e comunque (e questo a prescindere dal gioco, parliamo sul piano mentale). Insomma, era una squadra con gli attributi. Questa invece anche quando si impegna al massimo sembra essere una squadra grigia. Forse manca un leader morale (oltre che sul piano del gioco) ma di certo è un problema che bisognerà risolvere per fare il salto di qualità.

Tabellino finale


LUMEZZANE 4-2-3-1 Gazzoli; Nicola, Pisacane, Chiecchi, Pini; Calliari, Ciasca; Pintori, Silvestri, Scaglia; Dal Rio.
A disposizione: Pea, Ghidini, Emerson, Lo Iacono, D'Attoma.
All.: Menichini.
CREMONESE 4-4-2 G. Bianchi; Vitofrancesco, Viali, A. Bianchi, Pesaresi; Gori, Carotti, Saverino, Tacchinardi; Coda, Guidetti.
A disposizione: Paoloni, Cremonesi, Gherardi, Graziani.
All.: Iaconi.
SOSTITUZIONI 19' st Rizzo per Gori 22' st Coletto per Silvestri 25' st Temelin per Guidetti 35' st Dal Bosco per Dal Rio 41' st Fietta per Tacchinardi.
ARBITRO Baratta di Salerno (assistenti di linea De Rosa di Belluno e Tronchin di Treviso).
NOTE Spettatori 900 (di cui abbonati 465, paganti 325, abbonamenti omaggio 40, tessere omaggio 70, presenti circa 200 tifosi grigiorossi). Incasso 6433,82 Euro di cui 1458,82 in quota abbonati. Angoli 4-5. Ammoniti Silvestri, Saverino, Scaglia e Pini tutti per gioco falloso.
Giornata di sole, temperatura mite, campo in buone condizioni. Presenti in tribuna l'ex dg grigiorosso Giacomo Randazzo, il presidente Arvedi, l'ex giocatore di Lumezzane e Cremonese Gilberto Zanoletti. Probabile multa in arrivo per la Cremonese a causa dell'accensione di un fumogeno.
Piccola contestazione al dg grigiorosso Turotti al momento del suo arrivo da parte dei tifosi cremonesi.


PRIMO TEMPO


C'è un bel sole oggi ad accogliere le squadre in campo a Lumezzane. I tifosi grigiorossi al seguito sono parecchi, anche sugli spalti della tribuna.
In campo Guidetti ce la fa, al suo fianco Iaconi ha scelto Coda mentre Tacchinardi sostituisce Ferrarese a sinistra.
Il Lumezzane invece recupera Silvestri che si piazza a centrocampo al posto dell'ex Coletto, relegato in panchina. Confermati i moduli: 4-3-3 per i bresciani, 4-4-2 per la Cremonese.

Sugli spalti dello stadio di Lumezzane abbiamo incontrato una vecchia conoscenza, il commendator Randazzo, che segue ancora da vicino le vicende grigiorosse. Oggi è presente anche il presidente Arvedi.

Cremonese in campo in maglia bianca, Lumezzane nella consueta maglia rossoblù.

Sorpresa nel Lumezzane: Silvestri gioca avanzato dietro le punte, niente 4-3-3 ma 4-2-3-1 per i bresciani.
Buon avvio della Cremonese che nei primi minuti mantiene il pallino del gioco e si piazza stabilmente in attacco.

All'8' si fa vivo il Lumezzane con una insistita azione sulla destra ma il cross di Silvestri non trova nessuno pronto all'intervento. Al 9' Saverino trova una bella verticalizzazione per Coda che dai 20 metri controlla e tira, palla alta ma non di molto. Bella iniziativa.

Al 15' grande occasione per il Lumezzane: Silvestri dalla destra crossa in mezzo dove Dal Rio compare solo alle spalle di tutta la difesa e schiaccia di testa, la palla è maliziosa e Bianchi deve smanacciare con difficoltà in angolo. Chance davvero ghiotta. In questa fase le azioni del Lumezzane nascono spesso sulla destra dove tende a decentrarsi Silvestri. Dopo un buon avvio grigiorosso è ora il Lumezzane ad attaccare.

Al 20' Silvestri viene ammonito per una trattenuta a centrocampo su Carotti. Al 23' invece Nicola si scontra con Alberto Bianchi e resta a terra. Il gioco si ferma per quasi un minuto.

Menichini inverte Pintori e Scaglia e al 26' Pintori si accentra da sinistra e tira obbligando Bianchi a una non semplice parata a terra.

Al 30' Saverino lancia bene lungo per Guidetti che entra in area pericolosamente ma viene fermato da Chiecchi prima e Pisacane poi.

L'arbitro inverte una rimessa laterale del Lumezzane. Non è la prima volta, Baratta ci pare essere molto fiscale anche se finora ha arbitrato tutto sommato bene.
Al 35' il Lumezzane si fa vivo con un tiro dalla distanza di Calliari fuori misura. Al 37' un tirocross di Pesaresi per poco non inganna Gazzoli che comunque abbranca.

Al 41' Saverino si fa ammonire per una trattenuta su Dal Rio. Al 44' invece un errore di Chiecchi favorisce Coda ma l'azione sfuma sul nascere grazie alla rapidità della difesa bresciana nel chiudersi. Il primo tempo finisce 0-0 dopo un minuto di recupero. E' una gara equilibrata fra due squadre organizzate, vivace ma senza grandi emozioni. La Cremonese aveva iniziato meglio, poi è uscito il Lumezzane.


SECONDO TEMPO


Nell'intervallo fa capolino in tribuna a salutare gli ex compagni Gilberto Zanoletti, ex grigiorosso nella scorsa stagione ed anche ex Lumezzane.

Il secondo tempo inizia senza sostituzioni. Al 2' Viali e Ciasca zuccano pesantemente a centrocampo e restano a terra ma per fortuna si rialzano entrambi.

Al 6' su angolo da sinistra Carotti dribbla elegantemente al limite Pintori e poi scarica un gran destro improvviso proprio nell'angolino alto alla destra di Gazzoli che si salva con estrema fatica in angolo. E' l'occasione migliore della Cremonese sino ad ora.

Al 10' Scaglia prova il tiro dalla distanza e costringe Bianchi a una parata impegnativa. Al 12' lo stesso Scaglia viene ammonito per una trattenuta a centrocampo su Saverino. Al 13' Coda si coordina bene e tira dal limite ma Chiecchi respinge.

Al 14' il Lumezzane costruisce una occasione clamorosa: Calliari crossa da destra e pesca Dal Rio solissimo in area, colpo di testa a schiacciare palla e Bianchi compie un vero miracolo smanacciando, riprende Scaglia e tira da posizione defilata para ancora Bianchi. Una parata straordinaria di Bianchi ha salvato la Cremonese, il Lumezzane cresce e mette in difficoltà i grigiorossi.

La Cremonese risponde al 16' con un colpo di testa fuori misura di Guidetti su cross di Tacchinardi e con un tiro alto dalla distanza dello stesso attaccante al 17'. I grigiorossi rispondono agli attacchi del Lumezzane ma i bresciani sono più incisivi in avanti.

Al 19' Iaconi decide di togliere Gori e mettere Rizzo avanzando Vitofrancesco davanti al nuovo entrato sulla destra. La mossa paga subito, Vitofrancesco è più vivace del compassato Gori e la pericolosità offensiva grigiorossa ne guadagna.

Al 19' un cross di Tacchinardi dalla sinistra deviato mette in crisi Gazzoli che riesce però ad abbrancare in due tempi.
Al 20' Carotti pesca benissimo Coda libero in area che scarica un gran destro che esce di un soffio. Ora la Cremonese è molto pericolosa, il Lumezzane rischia.

Al 20' un gran sinistro dal limite di Coda. Pallone fuori sulla destra del portiere. Ma si poteva centrare il bersaglio.

Menichini capisce le difficoltà della sua squadra e al 22' toglie Silvestri e inserisce Coletto passando a un più difensivo 4-3-3. Nella Cremonese invece al 25' Iaconi gioca la carta Temelin togliendo Guidetti. Al 26' buona ripartenza del Lumezzane ma Rizzo è bravo a chiudere. Intanto il pubblico di casa per alcuni falli fischiati ai bresciani da Baratta e contestati.

Il Lumezzane sembra stanco, perde lucidità col passare dei minuti. La Cremonese guadagna campo e ora prova a vincere.
Ma poi i grigiorosi si afflosciano nuovamente.

Al 30' Pini viene ammonito per un fallo ai danni di Vitofrancesco. Il momento buono grigiorosso sembra però essere davvero passato, il Lumezzane ha rifiatato e ora torna a farsi pericoloso. Al 34' ci prova Nicola su punizione e Bianchi deve distendersi con molta bravura per evitare il gol.

Al 35' Menichini toglie lo stanco Dal Rio e infila l'altra punta Dal Bosco. Al 39' occasione clamorosa per il Lumezzane con una percussione di Pini sulla sinistra, palla a Dal Bosco che se ne va approfittando del fuorigioco che non scatta ma una volta davanti a Bianchi il portiere riesce a chiudergli lo specchio e a parare salvando la Cremonese da una situazione critica.

Al 41' Iaconi toglie Tacchinardi mettendo Fietta che si piazza a destra con Vitofrancesco spostato a sinistra. Al 44' Vitofrancesco crossa per Fietta che gira bene di testa ma centrale e Gazzoli para.

Al 46' Scaglia reclama un fallo al limite non rilevato dall'arbitro di Carotti, al 47' Temelin tira fuori di poco da buona posizione ma commette fallo su Pisacane, al 48' Dal Bosco indispettito per alcune decisioni arbitrali entra duro su Pesaresi ma non viene ammonito.

Si chiude dopo 4 minuti di recupero con uno 0-0 che per quanto visto in campo deve soddisfare la Cremonese, le occasioni migliori le ha avute il Lumezzane.


Giorgio Bianchi
eroe della prestazione grigiorossa

G. Bianchi 8 - L'uomo-ragno grigiorosso è imbattibile. Le sue parate decisive sono tante, ma quelle su Dal Bosco nel finale e soprattuto su Dal Rio al 14' del secondo tempo sono eccezionali.
Su quest'ultima poi qualcuno ha scomodato il ricordo della parata del secolo del novecento, quella di Gordon Banks su Pelè e vi garantiamo che non è fuori luogo.
Vitofrancesco 6,5 - Opposto da terzino destro ad avversari difficili come Scaglia e Pintori riesce a limitarli bene. E quando Iaconi lo avanza a centrocampo se la cava bene ancora. Chiude esterno sinistro dopo l'ingresso di Fietta.
Viali 6 - Non manca qualche sbavatura ma tutto sommato fa il suo senza problemi. Merita la sufficienza, forse anche qualcosina in più.
A. Bianchi 6,5 - E' sempre insuperabile. Al centro della difesa è un baluardo per i grigiorossi. Si sta confermando l'acquisto più riuscito dell'ultimo mercato.
Pesaresi 6 - E' dalla sua parte che provengono la maggior parte dei cross bresciani ma tutto sommato riesce a non affondare. Può però fare di più, anche in fase offensiva. Sufficienza risicata.
Gori 5 - E' molto disciplinato e non gioca poi così male però è troppo prevedibile, non salta mai l'uomo e non dà vivacità sulla fascia. E in un 4-4-2 è fondamentale farlo.
Carotti 7,5 - Gran partita. Recupera mille palloni e si toglie pure lo sfizio di sfiorare il gol con un siluro all'incrocio dal limite respinto da un super-Gazzoli. E anche l'assist per Coda è suo. E poi riesce a non farsi ammonire. Bravissimo.
Saverino 6,5 - Forse è un voto un po' largo ma merita un incoraggiamento. Dopo molte prove opache o peggio finalmente dà dei segnali di progresso sforzandosi di verticalizzare e di prendersi responsabilità. Non sempre i colpi gli riescono ma di certo dà più qualità delle altre volte. I segnali positivi di Cesena hanno avuto un seguito, ora ci aspettiamo che prosegua su questa strada. E' quella giusta.
Tacchinardi 6 - In fascia si dà da fare però non sempre è convincente. Diciamo che dà il suo contributo in fase offensiva ma soffre un po' troppo in fase difensiva. Strappa comunque la sufficienza.
Coda 5,5 - E' un giocatore che ha dei numeri ma è ancora acerbo sul piano tattico. In più spreca una grande palla-gol sull'assist di Carotti. Per dirla tutta non calcia male nell'occasione ed è sfortunato, ma da lì un attaccante deve fare gol. Comunque il ragazzo c'è e col tempo si farà.
Guidetti 5 - Sotto tono. Stavolta il grande ex ha le polveri bagnate. Combina davvero poco e Iaconi lo toglie anzitempo.
Rizzo 6,5 - Gioca ventisei minuti di buon livello. Importante soprattutto una sua chiusura su una pericolosa ripartenza bresciana.
Temelin 5,5 - Ha poche occasioni ma combina anche poco.
Fietta sv - Solo uno spezzone.

Iaconi 6 - La squadra sta crescendo ma lo fa davvero piano piano. In ogni caso è ben messa in campo, compatta ed equilibrata. Manca però di vivacità offensiva e Iaconi se ne accorge, con buon colpo d'occhio, inserendo Rizzo e avanzando Vitofrancesco. Mossa giusta anche se comporta qualche rischio nel finale. Diciamo che è una Cremonese tutt'ora "work in progress", gestita con buon senso ma con poca fantasia.

LUMEZZANE Gazzoli 7 (una gran parata su Carotti) Nicola 6 (fa il suo) Pisacane 6,5 (mai in difficoltà, sembra cresciuto rispetto ai tempi di Cremona) Chiecchi 6 (esperienza ma anche alcuni errori evitabili) Pini 6 (fa il suo ma è un po' troppo ruvido) Calliari 6,5 (bravino) Ciasca 6 (prova dignitosa) Pintori 6,5 (grandi potenzialità ma la Cremonese lo contiene bene) Silvestri 6,5 (un bel guastatore) Scaglia 6,5 (molto attivo) Dal Rio 6,5 (bravo come boa e nello smarcarsi, solo un super-Bianchi gli nega la gioia del gol) Coletto 6 (spezzone senza infamia e senza lode) Dal Bosco (entra e si mangia malamente il gol della vittoria). All.: Menichini 7 (il suo Lumezzane è davvero ben organizzato).

ARBITRO 5,5 - Baratta di Salerno non fa danni gravi però la sua direzione è un po' troppo fiscale.
I tifosi del Lumezzane si arrabbiano molto con lui, specialmente nella ripresa, per le decisioni su alcuni falli di gioco. E almeno in qualche caso hanno ragione.
In compenso ci sono pesanti sospetti di fuorigioco sia sull'occasione di Dal Rio che su quella di Dal Bosco, ma qui a essere chiamata in causa è la responsabilità dell'assistente di linea collocato sotto la tribuna, De Rosa di Belluno..

L'angolo tattico

Al calcio d'avvio di Lumezzane-Cremonese c'è una sorpresa. Se i grigiorossi si presentano in campo con l'atteso 4-4-2, il Lumezzane sceglie invece il 4-2-3-1 invece del 4-3-3. Una mossa favorita dal recupero dell'acciaccato e in dubbio Silvestri e dal desiderio probabilmente di creare problemi ai grigiorossi con l'uomo fra le linee. Ad ogni modo la Cremonese schiera Giorgio Bianchi in porta; una difesa a quattro con da destra Vitofrancesco, Viali, Alberto Bianchi e Pesaresi; un centrocampo con da destra Gori, Carotti, Saverino e Tacchinardi; Coda e Guidetti di punta.
Il Lumezzane risponde con Gazzoli in porta; difesa a quattro con da destra Nicola, Pisacane, Chiecchi e Pini; centrocampo a due con Calliari mediano destro e Ciasca mediano sinistro; tris di trequartisti con da destra Pintori, Silvestri e Scaglia; Dal Rio punta-boa.
La partita inizia subito con un leit-motiv chiarissimo. La Cremonese tiene palla, fa circolare la sfera partendo dalla difesa per poi arrivare in attacco. Il Lumezzane resta abbottonato coprendo gli spazi ma è pronto a ripartire con il quartetto offensivo molto mobile grazie alla dinamicità dei trequartisti. Nei primi minuti è però la Cremonese più vispa, pur senza creare grandi pericoli.
Col passare del tempo il Lumezzane comincia ad emergere affidandosi soprattutto alle giocate sulla destra. E' da quel lato che i grigiorossi soffrono con Pesaresi e Tacchinardi un po' in difficoltà contro la vivacità di Pintori e le iniziative di Silvestri che spesso si decentra da quella parte.
A parte un'occasione di Dal Rio però la difesa grigiorossa tutto sommato regge. Dopo una ventina di minuti Menichini prova a invertire Scaglia e Pintori, senza peraltro cambiare l'inerzia del match.
La Cremonese è ben disposta in campo, compatta in difesa e aggressiva sul portatore di palla, ma pecca di fantasia in avanti specialmente sugli esterni dove Tacchinardi e Gori non saltano mai l'uomo. Anche Guidetti e Coda si muovono poco e nonostante un Saverino più propositivo del solito il gioco risulta monotono per i grigiorossi. Ci si affida spesso ai tiri dalla distanza (probabilmente una scelta voluta) ma con scarso successo e per una volta anche le numerose palle inattive non sono sfruttate al meglio. Invece il Lumezzane continua a essere insidioso nelle ripartenze e sicuramente nella parte finale del primo tempo è più attivo.
La ripresa con una bella occasione da palla inattiva di Carotti, ma è il Lumezzane a essere più aggressivo e sfiora anche un paio di volte il gol con Dal Rio, abile nello smarcarsi e nel far valere il suo fisico per il gioco di sponda. Attorno al quindicesimo però la gara cambia. Nella fase centrale del secondo tempo infatti il Lumezzane comincia a essere stanco e contemporaneamente la Cremonese accelera, trascinata dal bravo Carotti che regala a Coda una chance eccellente non sfruttata. In questa fase Iaconi ha anche l'accortezza di togliere il grigio Gori e di mettere Rizzo avanzando Vitofrancesco a centrocampo. La vivacità offensiva dei grigiorossi aumenta e anche la pressione sul Lumezzane che pertanto decide di coprirsi. Al 22' infatti Menichini corre ai ripari togliendo Silvestri e inserendo Coletto. Si passa al 4-3-3 originariamente previsto con Coletto davanti alla difesa e Pintori-Scaglia di nuovo scambiati sugli esterni di supporto a Dal Rio. La mossa funzione e il Lumezzane soffre un po' meno. Iaconi prova allora a mettere Temelin per Guidetti ma a questo punto il Lumezzane diventa tutto sommato più pericoloso della Cremonese. I grigiorossi infatti si sbilanciano cercando più spinta sugli esterni e i bresciani ne approfittano confermandosi bravissimi nel costruire le ripartenze.
Menichini toglie lo stanco Dal Rio e mette Dal Bosco e proprio il nuovo entrato approfitta di un rischioso fuorigioco provato dai grigiorossi per presentarsi davanti al portiere ma fallisce l'obiettivo. Iaconi toglie lo stanco Tacchinardi e inserisce Fietta che si piazza a destra con Vitofrancesco spostato a sinistra in luogo di Mario. La squadra grigiorossa negli ultimissimi minuti decide di non rischiare troppo e si copre un po' di più portando a casa un pareggio da non disprezzare.


Dopo lo zero a zero di Lumezzane

Gli ultras hanno contestato Turotti (foto Ivano Frittoli)

Sempre imbattuta la squadra di Leonardo Menichini: abbiamo avuto le occasioni migliori ma accettiamo il pareggio

l tecnico del Lumezzane Leonardo Menichini a fine gara può essere soddisfatto. Anche contro la Cremonese, infatti, il Lumezzane ha confermato una imbattibilità che dura da inizio stagione. Un bel primato per una neopromossa.
Mister, chi può recriminare di più?
"Le occasioni più limpide le abbiamo avute noi, specialmente quelle nel secondo tempo con Dal Rio e Dal Bosco. Anche la Cremonese però ha giocato una buona partita, ha giocato al calcio come peraltro noi. Domenica scorsa noi abbiamo battuto la Pro Patria e questo è stato un segnale per tutto il campionato, infatti la Cremonese, che altre volte avevo visto più sfilacciata, contro di noi ha giocato compatta e aggressiva. Ci ha creato delle difficoltà, perciò accettiamo questo pareggio".

Iaconi soddisfatto.... Ma la squadra grigiorossa deve crescere ancora

A fine partita l'analisi di Ivo Iaconi è sempre lucida e anche puntuale. Il mister appare soddisfatto pur riconoscendo che la squadra deve crescere ancora.
Mister, ci è mancata un po' di imprevedibilità davanti.
"Non abbiamo concretizzato ma credo che abbiamo fatto bene creando occasioni soprattutto nel secondo tempo. E' stata una partita difficile, molto tattica. Noi abbiamo cercato di vincere specialmente nella fase centrale della ripresa, dopo abbiamo esagerato e in questo modo ci siamo esposti anche alla possibilità di perdere. Il Lumezzane è una buona squadra che pratica un bel calcio, non ha mai perso e pareggiare qui è un buon risultato".
Si sono visti alcuni progressi sul piano del gioco.
"Stiamo progredendo a piccoli passi. Siamo sempre un po' lenti ma ora cominciamo a essere più svelti nella circolazione della palla, va bene così, siamo contenti del risultato di oggi perchè è un buon pareggio contro una buona squadra".
Il Lumezzane come l'ha visto?
"Molto organizzato, con buona qualità sugli esterni e consapevolezza della propria forza e dei propri limiti".
Il migliore però alla fine è stato Giorgio Bianchi.
"Noi eravamo un po' stanchi, avremmo potuto accontentarci ma abbiamo insistito e quindi rischiato. Comunque ci sono molti dubbi di fuorigioco sulle loro occasioni con Dal Rio e Dal Bosco. E' vero però che queste due occasioni sono nate da azioni in momenti in cui avremmo dovuto gestire meglio la gara, invece abbiamo concesso queste possibilità".
Abbiamo tirato molto ma spesso fuori dallo specchio.
"Questa è una qualità che si allena, alcuni sono più portati altri meno. Le azioni però vanno concluse col tiro se no rischi anche il contropiede e poi credo che il primo obiettivo sia tirare in porta, magari con più determinazione e voglia di oggi".
Sulle palle inattive stavolta siamo stati meno pericolosi di altre volte.
"Sì, oggi un po' imprecisi".
In compenso davanti si sono viste buone combinazioni di gioco.
"Dobbiamo sveltire il gioco sugli esterni, tendiamo a cercare troppe penetrazioni centrali e così diventiamo prevedibili, il nostro gioco diventa di facile lettura per gli avversari. Però stiamo migliorando".
Nel frattempo è importante restare lì in classifica e non far scappare le avversarie?
"Siamo lì in tanti, è un campionato molto equilibrato".
Resta però il fatto che questa squadra quest'anno non ha mai vinto due partite di fila.
"Non sono preoccupato, è un dato che ha il suo peso ma le vittorie arriveranno".
Il calendario tra poco si farà duro.
"Meglio, per noi è più facile incontrare avversarie d'alta classifica, giocare gli scontri diretti. Per ora però pensiamo alla prossima partita con la Sambenedettese".

Giorgio Bianchi è superlativo

Giorgio Bianchi contro il Lumezzane è stato determinante in più occasioni e superlativo almeno un paio di volte. Una grande prestazione dell'uomo-ragno grigiorosso.
Allora Giorgio, oggi hai giocato a fare l'uomo-ragno?
"Diciamo che erano alcune partite che al primo tiro in porta prendevamo gol, oggi non è successo, anzi siamo riusciti a non prendere gol perciò sono contento".
Sulle loro occasioni migliori, quelle di Dal Rio e Dal Bosco, Iaconi ha parlato di un possibile fuorigioco.
"Sul colpo di testa di Dal Rio era netto, sull'azione di Dal Bosco alcuni compagni mi hanno detto che c'era altri mi hanno detto che non c'era".
La tua parata sul colpo di testa di Dal Rio resta comunque superlativa, un colpo di reni eccezionale.
"Lui ha spizzato bene, è stato bravo a metterla là e diciamo che sono stato bravo anch'io (Giorgio non si fa mai i complimenti da solo, il fatto che ammetta di essere stato bravo vi può indicare il quoziente di difficoltà della sua parata, Nda)".
Il pareggio resta un buon risultato su un campo difficile come questo?
"Sì anche perchè accompagnato credo da una buona prestazione. Abbiamo mantenuto il pallino del gioco anche al limite concedendo qualcosa. Stiamo continuando a migliorare e speriamo ora di centrare un filotto di vittorie".
Più difficile la parata su Dal Rio o quella su Dal Bosco.
"Sicuramente la prima su Dal Rio".
Anche nel primo tempo avevi dovuto fare degli interventi difficili, come quello sempre su Dal Rio.
"Era una palla che Dal Rio ha spizzato e non scendeva più, è stata una parata difficoltosa".

Carotti scontento: "Volevo i tre punti"

Lorenzo Carotti ha giocato una gran partita a Lumezzane ma a fine gara non è contento. Avrebbe infatti voluto i tre punti a tutti i costi.
Lorenzo, hai fatto un paio di falli alla fine che ci hanno fatto temere l'ammonizione, essendo poi tu diffidato..
"Sì ma non erano falli cattivi o pesanti".
Hai anche rischiato di fare gol, fatto per te non certo abituale.
"E' un peccato perchè quella palla l'ho presa bene, sia di potenza che di precisione, è stata una grande parata da parte di Gazzoli. D'altronde ogni tanto ci devo provare per riuscire a segnare..".
Il pareggio su un campo difficile così ti soddisfa?
"Secondo me era una partita che si doveva vincere, si è vista in campo la nostra superiorità tecnica. Loro sono tosti, si chiudevano bene e ripartivano pericolosamente ma per una squadra che vuole arrivare prima queste partite sono da vincere".
Non sei soddisfatto insomma.
"Insomma, non perdere è importante però...".
Oggi tu e Saverino avete fatto girare molti palloni.
"La palla l'abbiamo avuta sempre noi, avremmo dovuto essere più scaltri, più cinici e non parlo solo degli attaccanti ma di tutta la squadra in fase offensiva".
E' una Cremonese in progresso però.
"Sì, è importante non perdere, il risultato ci dà fiducia, era importante per il morale".

Saverino dà segnali di miglioramento

Davide Saverino dopo molte prestazioni opache sta dando segnali di miglioramento. A Lumezzane a fine gara era contento.
Il lavoro svolto in settimana sul possesso palla sta iniziando a pagare..
"Sta venendo fuori il lavoro che svogliamo da inizio ritiro. E' stata una buona gara giocata contro una buona squadra formata da ottimi elementi. Noi abbiamo fatto bene cercando anche di vincere e spingendo, rischiando magari anche qualcosa".
Sotto porta è mancata un po' di concretezza.
"Le occasioni le abbiamo avute, dovevamo sfruttarle diversamente, è mancata un po' di cattiveria. Però si è visto del gioco".
Il Lumezzane ha avuto a sua volta buone occasioni.
"Sì, loro non hanno mai perso la bussola, sono stati bravi a difendersi e ripartire".
Forse dovremmo sfruttare di più gli esterni, il mister ha sottolineato gli eccessi di penetrazioni tentate per via centrale.
"Ci proviamo ma non sempre ci si riesce. Io credo però che si inizino a vedere i frutti del nostro lavoro".
Un punto qui pesa in classifica?
"E' buono, fa morale, è un risultato importante per la squadra. Abbiamo dato continuità alla nostra striscia positiva, era importante, ora speriamo di continuare".

I primati del Lumezzane

Il pareggio di Lumezzane permette ai bresciani di proseguire una striscia di imbattibilità che dura dall'inizio del campionato. Il Lumezzane conserva con 7 gol subiti anche la miglior difesa di tutto il torneo. In casa grigiorossa arriva invece il quarto risultato utile consecutivo (due vittorie in casa e due pareggi in trasferta, perfetta media inglese). Si conferma però la tradizione di quest'anno che vede i grigiorossi mai vincenti due volte di fila (a ogni vittoria è seguito un pareggio). In compenso resta buona la tenuta della difesa, ferma a soli 8 gol subiti in 10 partite.
Sul piano individuale si conferma l'imbattibilità di Saverino col Lumezzane (8 partite contro i bresciani per lui con 5 vittorie e 3 pareggi) mentre viene smentita la buona tradizione da ex di Guidetti (finora 5 gol in 6 partite che ora diventano 7).

200 tifosi grigiorossi, qualche piccola contestazione

A Lumezzane c'erano molti tifosi grigiorossi, presenti sia nella tribuna centrale che nel settore opposto (non esistono le curve).. Difficile però calcolarne il numero (forse 200, forse di più). Da segnalare qualche tensione all'arrivo del dg grigiorosso Turotti, oggetto di una contestazione (civile) da parte di una porzione del pubblico cremonese. Il pubblico di casa invece (composto per lo più da gente avanti negli anni, pochi i giovani) ha contestato parecchio le decisioni arbitrali nella ripresa, soprattutto sulle piccole cose.


Arvedi presente a Lumezzane

A Lumezzane si è rivisto il presidente grigiorosso Arvedi, assente nelle ultime trasferte. Il presidente ha anche svolto un giro di perlustrazione del campo prima del via ed ha poi seguito la gara con i dirigenti grigiorossi in tribuna.

• Fra i vip presenti in tribuna abbiamo incrociato Gilberto Zanoletti, ex giocatore sia del Lumezzane che della Cremonese. Zanoletti nei mesi scorsi aveva sostenuto un provino al Sorrento ma non l'ha superato ed è perciò ora svincolato. Il giocatore sta cercando squadra e conta di trovarla approfittando del mercato di riparazione di gennaio.

Presente anche Randazzo: "C'è qualche barlume di bel gioco ma..."

di Umberto Onofri


L'ex DG grigiorosso Giacomo Randazzo segue spesso la Cremonese. Al termine di Lumezzane-Cremonese gli abbiamo chiesto di individuare luci e ombre della prestazione grigiorossa " Ho visto qualche barlume di bel gioco " afferma Randazzo " nel secondo tempo, però è stata una partita sofferta, una partita con alti e bassi nella quale il migliore in campo è stato il " nostro " portiere Giorgio ( Bianchi nda ) . Tre suoi interventi sono stati provvidenziali su tiri che potevano costare parecchio. Quindi un punto importante contro una squadra che stava facendo bene. Prendiamolo solo sotto questo aspetto sperando che la manovra corale riesca a svilupparsi meglio. Oggi qualche problema c'è stato ". Chiediamo di specificare meglio e Randazzo precisa: " Parlo di possesso palla, di lanci lunghi e di gioco corale complessivo. Penso che le potenzialità per fare meglio ci siano. Formulo tanti auguri a tutti".

I tre ex del Lumezzane

I tre grigiorossi del Lumezzane hanno giocato tutti. Pisacane e Pini da titolare, Coletto è entrato nella ripresa. Tutti e tre hanno svolto la loro parte, la curiosità maggiore riguarda Pisacane: a Cremona portava i capelli corti, oggi porta una "sciava" lunghissima.
In casa Cremonese nessuna accoglienza particolare, nè negativa nè positiva, per l'ex Guidetti (l'altro ex era il preparatore dei portieri Bianchessi).

La partita in TV

Una ampia sintesi della partita di Lumezzane sarà trasmessa più volte in settimana da Radio Number One Channel (canale 931 del satellite). La sintesi sarà riproposta come detto più volte a partire da martedì sera (quando ci sarà la prima trasmissione).

Ripresa martedì

Il programma dei grigiorossi prevede ora il ritorno all'attività martedì (lunedì sarà una giornata di riposo).. Domenica sarà di scena allo Zini la Sambenedettese di Enrico Piccioni. Intanto non ci sono cattive notizie ereditate dalla partita di Lumezzane.. L'unica ammonizione l'ha rimediata Saverino che entrerà perciò in diffida e al prossimo giallo sarà squalificato. Non ci sono invece infortunati. Martedì alla ripresa bisognerà valutare le situazioni degli assenti di Lumezzane: Chomakov, Pradolin e Ferrarese (ma nessuno dei tre dovrebbe avere qualcosa di grave).

Moretti può svincolarsi

Dal 1 novembre si apre una prospettiva nuova per Vincenzo Moretti. Il giocatore, fuori rosa, può ora accasarsi in un'altra società grazie al nuovo regolamento che permette ai giocatori nelle condizioni di Moretti di trasferirsi anche fuori dalle usuali finestre di mercato, previa rescissione del contratto. Se avrà degli acquirenti il terzino potrà quindi cambiare aria.

Il punto sulla decima giornata di 1ª Divisione

I pareggi congelano il vertice , ma la Spal fa un bel salto avanti

(alexandro everet) - La giornata di campionato stavolta non ha mutato di molto la fisionomia della classifica. Tutte le partite sono infatti terminate in parità, fatta eccezione per le vittorie della Spal sul Padova, del Legnano sul Venezia e del Lecco a Crema.
Cominciamo da Ferrara. La gara è stata risolta da una bella rete di Cazzamalli, il Padova ha invece sprecato l'opportunità del pareggio proprio nel recupero con Gasparello. Sicuramente superiore la Spal sul piano della grinta e della personalità in una gara peraltro equilibrata sul piano delle occasioni.
A Legnano la partita è soporifera nel primo tempo ma nella ripresa si anima subito col gol di Nizzetto per i lilla. Semenzato pareggia con un gran gol per il Venezia ma poi è assedio del Legnano, risolto con un gol al 94' di Virdis. Un risultato che getta in piena crisi i veneti e fa respirare Lombardo e i suoi uomini.
Il Lecco di Cadregari invece espugna Crema al termine di una partita ricca di emozioni. In vantaggio il Lecco nel primo tempo con Corti, pareggio di Andreini e gol decisivo nella ripresa di D'Ambrosio. Da segnalare nel Pergocrema gli infortuni di Righi e Ragnoli. I cremaschi hanno sfoggiato una prova incolore e non hanno ancora vinto in casa, il Lecco invece dopo aver perso alla prima di campionato a Busto Arsizio non ha più inciampato e si candida quale possibile sorpresa del campionato.
Tra i pareggi spicca sicuramente quello di Cesena-Novara, partita vietata alla tifoseria ospite (i tifosi di casa sono entrati in ritardo per solidarietà con gli ospiti)..

Bella partita con molti colpi di scena. Inizia bene il Novara ma alla mezz'ora è Motta a portare in vantaggio il Cesena. Al 40' però il portiere Ravaglia stende Rubino in area, rigore ed espulsione. Gallo dal dischetto fa centro. Nella ripresa il Novara preme ma il Cesena coraggiosamente tiene in campo tre punte e risponde colpo su colpo. A metà ripresa poi viene espulso Matteassi nel Novara e la gara si fa più equilibrata fino all'1-1 finale.
Soffre la capolista Pro Patria, sempre in crisi. E' infatti la Pro Sesto a portarsi in vantaggio allo "Speroni" con Campi e solo nel finale arriva il pareggio di Musciaro.
Pareggio anche nel derby Reggiana-Ravenna: granata in vantaggio con una punizione di Scantamburlo, pareggio giallorosso con Zizzari. Per il Ravenna è la partita numero 27 con almeno un gol subito.
Delude il Verona di Remondina che non va oltre lo 0-0 sul campo del fanalino di coda PortogruaroSummaga.
Infine la Sambenedettese, prossima avversaria dei grigiorossi, non è andata oltre lo 0-0 col Monza in una partita in cui i marchigiani di Piccioni hanno comunque centrato due traverse. Per il Monza grande occasione fallita da Iacopino che poi si è fatto espellere.

Simoni in tribunale con accompagnamento coattivo (fallimento dell'Ancona)

Un episodio insolito ha coinvolto l'ex mister grigiorosso Gigi Simoni. Il tecnico deve comparire in tribunale come testimone della difesa in un processo relativo al fallimento dell'Ancona. Simoni però la settimana scorsa ha presentato regolare certificato medico non presentandosi davanti al giudice. Quest'ultimo però non deve avergli creduto e ha disposto il suo accompagnamento coattivo (cioè scortato dalla forza pubblica) alla prossima udienza, che si terrà in dicembre, e lo ha multato di 500 Euro.


Le idee di Macalli per la riforma del calcio italiano

Il presidente della Lega Pro Mario Macalli è intervenuto, nei giorni scorsi, a una " convention " organizzata a Siena dalla Umbro, marchio sportivo noto in tutto il mondo, che all'inizio del campionato ha raggiunto un accordo con la Lega Pro per la fornitura di palloni alle 90 società di prima e seconda divisione. Macalli, parlando delle difficoltà economiche del calcio italiano, ha espresso un suo parere personale su una riforma che dovrebbe, gradatamente, ridurre l'area professionistica, con una serie A a 18 squadre, una B con due gironi a 18 e una Lega Pro con tre gironi di 18 squadre ciascuna. Praticamente 108 società contro le attuali 132. Macalli ha anche detto " E' un grande onore far giocare il nostro campionato con lo stesso pallone con cui si disputa la finale della Coppa d'Inghilterra. Tra pochi giorni le società riceveranno anche i palloni di colore giallo da usare nelle giornate di scarsa visibiltà ".

Maglie con il logo della Lega Pro dall'8 novembre

Riportiamo, riassumendo, il comunicato ufficiale n. 98/L del 30 Ottobre 2008 della Lega Pro che stabilisce una novità per quanto riguarda le maglie da gioco. Queste, a partire dal giorno 8 Novembre 2008, dovranno portare un patch con il logo ufficiale della Lega Pro. Il patch, ovvero un adesivo di stoffa, dovrà essere applicato, a caldo, sulla manica destra a circa 6 centimetri dalla attaccatura della spalla. Ogni società riceverà un quantitativo di 100 patch e in caso di ulteriori necessità la Lega provvederà a una fornitura integrativa. I collezionisti di maglie, sempre attenti a ogni particolare, sono...avvisati.


facebook

sfoglia    ottobre        dicembre

Cerca, Rss, Atom e Counter
Ricerca personalizzata
Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0   Feed ATOM di questo blog  Atom


Link
A
ac-perugia.com
acmonzabrianza.it
acspezia.com
agenfax.it
alessandriacalcio.it
allvideo
amarantomagazine.it
arezzonotizie.it
asandriabat.it
B
beneventocalcio.it
bettiamo.net
blog.football.it
blunote.it
bondolasmarsa
br73.net Pistoia
bustocco.it
C
calciatori.com
calciocampano2009
calciocomo190
calciofoggia.it
calcioland.forumfree
calciomatto
calciomercato.com
calcionapoletano
calciopiu.net
calciopress.net
calcioscommesse.myblog.it
calcioseriec.blogspot.com
calciotoscano.it
cavese
cavanotizie.it
click4soccer.com
coni.it
corrierediarezzo.it
corrieredicomo.it
cremonaweb.it
D
datasport.it
diretta.it
direttagol.it
E
e-cremonaweb.it
esperiaviareggio.it
eurosport.yahoo.com
F
fccrotone.blogspot.com
febbrea90.com
figc.it
foggiacalciomania.com
foggialandia.it
foggiaweb.it
folignocalcio.com
folignocalcio.it
forzacavese.net
forzalucchese.net
forzanovara.net
forzapescara.com
forzaspal
G
gazzettalucchese.it
goal.com
H
hellastory.net
hellasverona.it
hellasweb.it
I
ilgrecale.it
ilpallonaro.com
ilquotidianodellabasilicata.it
ilquotidianodellacalabria.it
ilsatanello.it
ioamoilcalcio.myblog.it
infobetting.com
italiadelcalcio.it
L
la_c1.ilcannocchiale.it
lanciano.it
larena.it
leccosportweb.it
lega-calcio.it
lega-calcio-serie-c.it
legaproprimadivisione
leggonline.it
livescore.com
Live score
loschermo.it
lospallino.com
lostregone.net
lumezzanecalcio.it
M
madeinandria.it
mondorossoblu.it
N-O
noitv.it
P
paganese.it
paganesecalcio.com
pescaracalcio.com
portogruarosummaga.it
primadanoi.it
primadivisionew
primadivisione
pronostici1x2
pronostici serie A
prosestonews
Q
qn.quotidiano.net
R
radioemme.it
raisport.rai.it
ravennanotizie.it
realsports.it
reggianacalcio.it
reggianasupporters.it
resport.it
riminicalcio.com
S
salernonotizie.it
sanniocalcio.it
scommesse.betfair.it
seriec1.ilcannocchiale.it
seriec1.wordpress.com
soccerpuglia.it
socialcalcio.com
solocalcio.com
solopescara.com
sorrentocalcio.com
sportal.it
sportcity-ricio
sportedintorni.blogspot.com
sporterni.it
sportevai.it
sportitalia.com
sportoggi.com
sportpeople.net
sportvintage.blogspot.com
ssjuvestabia.it
sslanciano.it
stabia1907.it
stabiachannel.it
stampasud.it
T
tarantosera.com
tarantosupporters.com
teleradioerre.it
ternanacalcio.com
terninrete.it
terzaserie.myblog.it
tifo-e-amicizia.it
tifogrifo.com
tifosigallipoli
tifosiportogruaro
tuttalac.it
tuttocalciatori.net
tuttocalcio.it
tuttolegapro.com
tuttomercatoweb.com
tuttosport.com
tuttosporttaranto
tvgratisnet.iobloggo.com
tvoggisalerno.it
U
ultrassamb
uscremonese.it
usfoggia.it
V
varese1910.it
varesenews.it
vascellocr.it
vastocalcio
viaroma100.net
virtuslanciano
Z
zonacalcio.it

Siti rimossi

Gossip&sport

Cinema italiano
cinemaitaliano.info
trovacinema.repubblica.it
Nuovi
bg vs fq pr dago
notiziariocalcio
ilnuovocorriere
asgubbio1910
forzanocerina
piacenzacalcio
triestinacalcio
comunicatemi
chi ho dimenticato
e sarà inserito,
o rimosso per chi vuol essere cancellato

....ed è naturalmente gradito
un link a questo blog
nei vostri siti o blog
grazie



Meteo











 
 
fai.informazione.it Wikio - Top dei blog Wikio - Top dei blog Add to Google intopic.it Blog360gradi - 

L’aggregatore di notizie a 360°  provenienti dal mondo dei blog! who's online Sito ottimizzato con 

TuttoWebMaster TOP 100 

SOCCER SITES TopSportSites.com :: A 

Sports Discussion Community Top Italia Registra 

il tuo sito nei motori di ricerca liquida.it social network Notizie, immagini e video dai blog italiani su Liquida top 100 sports sites My BlogCatalog 

BlogRank urltrends reports BlogNews Questo Blog e' 

Strabello! e il tuo?

Cynegi Network
linkto.org

  Powered by  MyPagerank.Net
 

seriec1

↑ Grab this Headline Animator

  View blog authority
   
 


blinko jonny groove
rcsmobile belen

lastminute
musicbox

edreams

better
blinko grandi sorelle


Rubbrica telefonica


Elenco per nome


Elenco per ruolo