235 Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio Un Foggia troppo brutto per essere vero | seriec1 | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

logo di seriec1.ilcannocchiale.it rassegna stampa della lega pro prima divisione
Blog letto 1 volte












div>

Tim Cup 2009/2010, Risultati completi,
Tabellone, Regolamento

Coppa Italia 2009/2010
Risultati e Calendario
Siti Ufficiali


prima pagina della Gazzetta dello Sport

prima pagina del Corriere dello Sport

prima pagina di Tuttosport

il cirotano



Verdetti 2010-2011
Retrocesse dalla serie B
Frosinone Portogruaro
Triestina Piacenza
Promosse dalla 2a Div
Tritium Carpi
Latina FeralpiSalò
Carrarese Trapani
Retrocesse in 2a Div
Paganese Cavese
Monza Sudtirol
Ternana Cosenza
Promosse in serie B
Gubbio Nocerina
H.Verona Juve Stabia


Supercoppa 2010-2011
22 - 26 maggio
Gubbio Nocerina 1 - 1
Nocerina Gubbio 0 - 1
Vincente: Nocerina


Play Off Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Verona Sorrento 2 - 0
Salernitana Alessandria 1 - 1
Girone "B"
Juve Stabia Benevento 1 - 0
Taranto A. Roma 0 - 1
5 giugno 2011
Girone "A"
Sorrento Verona 1 - 1
Alessandria Salernitana 1 - 3
Girone "B"
Benevento Juve Stabia 1 - 1
A. Roma Taranto 2 - 3
Finali Play Off 2011
Andata 12 giugno
Verona Salernitana 2 - 0
Juve Stabia A. Roma 0 - 0
Ritorno 19 giugno
Salernitana Verona 1 - 0
A. Roma Juve Stabia 0 - 2


Play Out Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Sudtirol Ravenna 1 - 0
Monza Pergocrema 1 - 0
Girone "B"
Viareggio Cosenza 3 - 1
Foligno Ternana 1 - 0
5 giugno 2011
Girone "A"
Ravenna Sudtirol 2 - 1
Pergocrema Monza 1 - 0
Girone "B"
Cosenza Viareggio 0 - 1
Ternana Foligno 1 - 1


Lega Pro 1a Div - Girone A
10a giornata - 25 ott 09
Alessandria Viareggio 0 - 0
Como Arezzo 0 - 0
Classifica - 10a giornata
 1  Novara 24   
 2  Cremonese 22

Serie C1 Rassegna Web Prima Divisione Lega Pro





































sfoglia    novembre        gennaio


8 dicembre 2008

Un Foggia troppo brutto per essere vero

fonte: foggiaweb.it

E’ sempre brutto commentare una sconfitta, soprattutto quando il risultato numerico è imbarazzante, impensabile sino alla vigilia.
La cosa che fa più rabbia non sono i 5 gol, ma il fatto è che ad una manciata di minuti dal termine si poteva pareggiare e magari adesso stavamo a commentare una splendida rimonta. E’ difficile dire se questa è stata la più brutta sconfitta o se a Caserta ,contro il Marcianise, siamo riusciti a fare peggio. Certo è che oggi non possiamo dire che i problemi sono sempre e solo in avanti e che invece in difesa riusciamo sempre a stare attenti e concentrati, perché per la prima volta gli attaccanti avversari, soprattutto nel primo tempo, scendevano, incutevano terrore ed in più di una volta ci siamo salvati per il rotto della cuffia e se il risultato, nella prima frazione, fosse stato più rotondo, nessuno avrebbe potuto dire alcunché. In questo momento siamo usciti dalla zona play off e magari sarebbe opportuno cercare di mantenere a distanza la zona calda dei play out, senza voler fare a tutti i costi i disfattisti ma, se si vuole vincere questo modesto campionato, bisogna far valere la propria determinazione sul campo, al cospetto di compagini tutto sommato mediocri e soprattutto bisogna capitalizzare le occasioni clamorose sotto porta, se è vero che abbiamo una coppia di attaccanti invidiata addirittura da squadre di serie B. Analizzando la gara, si può dire che nel primo tempo la squadra è andata allo sbando. Messa male in campo, errori in fase di impostazione, ma soprattutto in quella di interdizione: in definitiva il Lanciano riusciva ad arrivare dalle parti di Bremec con una facilità incredibile. A Novelli va riconosciuto il merito di essere riuscito ad imporsi nell’intervallo, perché la sua squadra, sotto di 2 gol, è entrata nella ripresa con uno spirito diverso, dando la sensazione di poter ribaltare il destino della gara sia dopo il 2-1 di Coletti che dopo il 3-2 di Salgado. Nel finale di gara c’è poco da contestare al tecnico: sbagliare quei gol, favorire le ripartenze dei padroni di casa, sbilanciarsi in modo scriteriato tanto da terminare l’espulsione di Bremec, sono colpe dei singoli che purtroppo determinano questo momento di involuzione del gioco e dei conseguenti risultati negativi. Sicuramente un’inversione di tendenza, che magari si potrebbe gestire meglio con un paio di vittorie, le quali potrebbero rialimentare la fiducia nei propri mezzi e permetterebbero contemporaneamente di rimettere fieno in cascina, cosa davvero necessaria proprio adesso, nel finale del girone di andata, per evitare crisi di panico determinate da squadre che ci stanno raggiungendo e superando e che stanno facendoci ricredere sulle potenzialità della nostra squadra. Cerchiamo quindi tutti insieme di risalire la china, perché le altre squadre sono alla nostra portata e quest’anno, senza volerlo, ma soprattutto senza dichiararlo , potremmo ritrovarci a lottare per qualcosa di importante contro avversari che oggettivamente non sono di un altro pianeta.
da Foggialandia.it

Foggia, ripresa anticipata in vista della Coppa

(08/12/2008)
Il Foggia ha ripreso in anticipo gli allenamenti in vista della gara di Coppa Italia Lega Pro in programma mercoledì allo stadio Zaccheria contro il Perugia. Ai satanelli basterà il pareggio per accedere alla semifinale di Coppa Italia.
La ripresa degli allenamenti sul sintetico di Ordona è ripresa a porte chiuse per ridare un pò di tranquillità alla squadra dopo la cinquina subita a Lanciano contro la Virtus.










Luigi Corvino da Foggiacalciomania

"Sop u´ cutt, l´acqua vullut´"

(08/12/2008)
Dopo una sconfitta come quella subìta in Abruzzo, due sono i comportamenti da tenere: o far finta di niente (ma è difficilissimo) e pensare che si possa ricominciare dalla prossima con la Ternana in casa o aggiungere “sop u´cutt l´acqua vullut´” e cercare di fare chiarezza su quelli che potremmo definire dei veri e propri misteri che albergano in casa Foggia.
Vorremmo seguire, per la verità, la prima strada indicata. Quella dell´indugenza, quindi, catalogare la prestazione di Lanciano come un´amara parentesi alla quale si potrà rimediare dal momento che, tutto sommato, si è ancora a due soli punti dalla zona play-off.
Ma non si può (nè si deve, come qualcuno fa) trascurare la situazione di piena confusione che avvolge il Foggia di Novelli il quale, nel momento in cui schiera una formazione con ben tre calciatori fuori ruolo, deve prendersela soprattutto con sè stesso e spiegare alla piazza perchè mai continua a tenere in rosa un terzino (l´unico oltre Pezzella) come Posillipo senza farlo mai giocare.
Lo stesso discorso vale per Velardi, un centrocampista di talento, cui viene preferito addirittura una punta esterna (Trezzi) proprio nel ruolo di centrocampista. Ma non è tutto!
Noi siamo convinti che quando un calciatore come Pecchia non risponde alle attese del mister e del gruppo, potrebbe anche essere messo a riposo per un po´, così come un evanescente Del Core che continua a fare sfoggio del suo irritante egoismo. Anzi, a proposito di Del Core, lasciatemi aprire una parentesi per complimentarmi con i miei lettori che nel sondaggio presente in “homepage”, hanno votato per la possibile esclusione dalla prima squadra proprio del centravanti di Bari vecchia.
Purtroppo però a Lanciano si sono salvati in pochi. Dal marasma generale si possono escludere solo Coletti, D´Amico e Salgado. Tutti gli altri hanno contribuito, invece, a mettere in scena uno spettacolo ai confini dell´indecenza. Compreso un Nicolas Bremec inspiegabilmente assente.
Novelli, quindi, dovrà riflettere, e tanto. Capita a proposito anche il match infrasettimanale di coppa con il Perugia.
Forse il tecnico di origini campane dovrà ritornare sui suoi passi per alcune scelte fatte (o dettate?); forse dovrà esigere un pesante interevento sul mercato ormai prossimo. Sia in entrata, che in uscita.
Certo è che si è ancora in tempo per raddrizzare una barca che si è troppo inclinata in un freddo pomeriggio in Abruzzo.
Enzo Ciampi da .ilsatanello.it

La Cronaca: Foggia umiliato a Lanciano

(08/12/2008)
Probabilmente tutti si aspettavano un pronto riscatto degli uomini di Novelli, dopo il pareggio ingenuo contro la Paganese della scorsa giornata di campionato. Succede però di peggio ed in quel di Lanciano, un Foggia fantasma nel primo tempo, più lucido ma sprecone nel secondo, ottiene un umiliazione che lascia senza parole un intera tifoseria. Giunto al “Biondi” in piena emergenza uomini, assenti Zanetti, Pezzella, Colombaretti, Mancino, Germinale e Coscia, Novelli schiera comunque il 4-3-3, con Bremec in porta, difesa formata da Coletti a destra, Colomba a sinistra, coppia centrale con Rinaldi e Lisuzzo; a centrocampo Pecchia al centro, supportato ai lati da D´Amico a sinistra, Trezzi a destra; trio d´attacco con Troianiello, Del Core e Salgado.
Al 7´ comincia bene la formazione di casa con un tiro da 25 metri, Bremec para in angolo. Il Foggia risponde un minuto dopo con la prima palla-gol: Pecchia batte velocemente un calcio di punizione, Troianiello si invola sul lato sinistro dell´area di rigore, palla al centro sul primo palo, Trezzi calcia fuori. Al 13´ è già vantaggio per il Lanciano: cross di Turchi, Colussi colpisce debolmente di testa, Bremec respinge in maniera non proprio impeccabile proprio dove è appostato Alfageme, gioco da ragazzi per lui ribadire in rete. Il Foggia è in bambola, il centrocampo non riesce a contenere gli attacchi delle velocissime fasce abruzzesi. I satanelli inoltre appaiono praticamente innocui anche in fase offensiva, dove non c´è da annotare alcuna azione-gol. Ne approfitta invece ancora il Lanciano, che meritatamente raddoppia: 31´ , Pecchia, frettolosamente, batte a sorpresa un calcio di punizione che si verifica un passaggio per El Kamch, il marocchino serve subito Romano, che entrando in area sulla sinistra, mette in mezzo per Colussi che appoggia facilmente in rete. Il Foggia in tilt rischia di subire il terzo gol al 43´, quando Alfageme, dopo una lunga cavalcata, s´infila nella difesa “burro” dei satanelli, ma calcia poi altissimo a due passi dalla porta. Finisce così il primo tempo di un Foggia davvero irriconoscibile.
Comincia bene la seconda frazione per gli ospiti, che accorciano le distanze con Coletti, su una fortissima punizione rasoterra. E´ un Foggia diverso? Ma neanche per sogno. Neppure il tempo di festeggiare, che il Lanciano allunga ancora: 5´ , difesa nuovamente colta di sorpresa, Alfageme s´invola sulla sinistra, lanciato da Romano e calcia indisturbato davanti a Bremec. Tre a uno. Qualcosa cambia nel gioco dei pugliesi quando Novelli richiama Trezzi, quest´oggi un “pesce fuor d´acqua” nel 4-3-3 come esterno destro di centrocampo; si passa al 4-4-2 con Piccolo e Troianiello ai lati del centrocampo, D´Amico e Pecchia centrali, attacco a due con Salgado e Del Core. Il Foggia cambia “miracolosamente” aspetto e Salgado, ben lanciato da Pecchia, calcia un diagonale perfetto, che colpisce il palo destro e termina in rete. 15´ e risultato sul tre a due. A questo punto gli ospiti ci credono, cominciano a macinare il gioco e mettono alle corde un Lanciano, probabilmente stanco di un primo tempo affrontato a grande intensità. Al 17´ incredibile azione sprecata dal Foggia: Coletti lancia Del Core, che arriva di fronte ad Aridità, Salgado è tutto solo al centro dell´area, ma il barese opta per un “cucchiaio”, il colpo è errato e l´estremo difensore riesce a parare. Egoismo puro che i satanelli pagheranno a caro prezzo per il proseguo della gara. Gli abruzzesi provano a sorprendere gli avversari in contropiede ed al 19´ Alfageme, di testa, cerca di superare Bremec in uscita al limite dell´area; l´attaccante colpisce debolmente e poi va a terra dopo il contatto col portiere, non è rigore tra le proteste dei padroni di casa. Alla mezz´ora Salgado di testa non riesce ad imprimere forza al pallone. Al 37´ è ancora il Foggia con Troianiello a sfiorare il gol, l´attaccante da posizione ghiotta spedisce però alto sulla traversa. Al 40´ i pugliesi rimangono in dieci uomini: Bremec in uscita su Morante, che si stava avviando tutto solo verso la porta, colpisce di mano la palla fuori area. Con l´inferiorità numerica termina la partita del Foggia, in difficoltà nel riorganizzare le idee. Nonostante tutto, al 44´ Del Core avrebbe ancora una volta la possibilità di pareggiare: il barese, tutto solo davanti ad Aridità, cicca la palla al volo, presa facile per il portiere. I satanelli sono sbilanciati in avanti e Morante li punisce in contropiede; 90´ e quattro a due, gara chiusa. Nei minuti di recupero c´è ancora il tempo per un altro gol del Lanciano, che sancisce la terribile umiliazione per i pugliesi: Romano calcia rasoterra dal limite dell´area, palla in rete con la complicità di Milan, entrato in campo a prendere il posto di Bremec, ma soprattutto della retroguardia foggiana rimasta a guardare. Finisce cinque a due, terza vittoria consecutiva del Lanciano, che apre indubbiamente la crisi della società dauna.

IL TABELLINO

LANCIANO (4-4-2): Aridità; Bognar, Bolic, Daleno, Mammarella (37´st Vincenti); Turchi, El Kamch, Romano, Volpe; Colussi (33´st Morante), Alfageme (28´st Amenta). A disp. Bordeanu, Cossu, Pagliarini, Margarita. All. Di Francesco

FOGGIA (4-3-3): Bremec; Coletti, Rinaldi, Lisuzzo, Colomba (42´st Burzigotti); Trezzi (8‘st Piccolo, 40´st Milan), Pecchia, D´Amico; Troianiello, Del Core, Salgado. A disp. Posillipo, Velardi, Agostinone, Mattioli. All. Novelli

ARBITRO: Carmine La Mura di Nocera Inferiore

MARCATORI: 13´pt Alfageme (L), 31´pt Colussi (L), 1´st Coletti (F), 5´st Alfageme (L), 15´st Salgado (F), 45´st Morante (L), 50‘st Romano (L).

AMMONITI: Alfageme, El Kamch, Colussi, Daleno (L); Del Core (F)

ESPULSI: al 40´st Bremec (F).
Gian Franco lo Muzio da Foggiacalciomania

Quindicesima giornata: Arezzo, che impresa!

(08/12/2008)
Il Crotone non perdeva in casa dal giugno del 2007. A spezzare l´incantesimo dello Scida ci pensa l´Arezzo che vince lo scontro diretto con un gol del solito Baclet nei minuti di recupero, nonostante l´inferiorità numerica durata per quasi tutta la ripresa. Per i calabresi è un momento delicatissimo, che mette a nudo un periodo di flessione dopo lo splendido score di vittorie consecutive che aveva fatto conquistare la prima piazza. In casa amaranto situazione opposta: le ultime due vittorie con Benevento e Crotone fanno tornare il sereno e permettono di guardare il futuro con ritrovato ottimismo.
Crisi nera per il Taranto: ennesimo scivolone interno quello degli ionici che allo Iacovone perdono un´altra partita, stavolta ai danni della capolista Gallipoli che si impone per 2-1 con i gol dei suoi due bomber Ginestra e Di Gennaro. A nulla serve la rete di Dionigi nel finale, dopo che i salentini erano rimasti in inferiorità numerica. A fine partita esonero per Dellisanti e molte critiche da parte degli addetti ai lavori. La tensione si tocca con mano. In casa giallorossa c´è invece entusiasmo. E ora domenica prossima al Bianco di Gallipoli arriva il Lanciano.
Soffre ma vince il Benevento che si aggiudica il derby contro la Juve Stabia e mantiene la rincorsa verso la testa della classifica: passati in vantaggio dopo tre minuti, i sanniti restano in dieci per il rosso a Castaldo e subiscono il ritorno delle vespe che pareggiano e sfiorano più volte il raddoppio. Ma nella ripresa è il "pescatore di perle", Clemente, a regalarne una delle sue che riporta il Benevento in vantaggio. A nulla serve il forcing finale degli stabiesi che colpiscono anche un palo: per loro è la terza sconfitta consecutiva che va a peggiorare una classifica già di per sè deficitaria.
Non ce la fa la Ternana a battere la Cavese al Liberati: gli umbri, in vantaggio con Perna nel primo tempo, si fanno raggiungere da un rigore di Favasulli nella ripresa, rimanendo anche in dieci nell´ultima mezz´ora. Per i metelliani la classifica sorride ancora: è sempre in zona playoff. I rossoblu sono attesi domenica prossima in un difficile impegno in casa del Foggia
Il Lanciano è sempre più "lanciato": terza vittoria consecutiva in campionato. Contro il Foggia, che vantava la miglior difesa del torneo, i frentani vincono 5-2 giocando un ottimo primo tempo, in cui i satanelli, viceversa, hanno mostrato grosse indecisioni. Nella ripresa il copione cambia leggermente, con il Foggia che segna e sembra poter acciuffare il pari. Ma gli errori clamorosi e sciagurati sotto porta fanno sfumare la rete del possibile 3-3 con gli abruzzesi che ringraziano e siglano altri due gol in contropiede nel recupero.
Scialbo pareggio nel derby umbro tra Foligno e Perugia. Poche emozioni, tutte nel primo tempo, con Mazzeo da una parte e De Paula dall´altra che sciupano due importanti palle gol. Poi, nella ripresa, cala il sipario: la nebbia scende sullo stadio Blasone e rende più difficoltosa la visuale, e il match si trascina stancamente sullo 0-0 fino al novantesimo, sotto i fischi dei sostenitori (soprattutto ospiti). Per i grifoni è un buon punto, che consente loro di diventare la miglior difesa del campionato con sole 11 reti subite. I falchetti invece restano sempre terzultimi.
In una partita per lunghi tratti noiosa, la Paganese batte il Sorrento con un gol su rigore a dieci minuti dal termine: la rete porta ancora la firma di Ivan Tisci, già determinante una settimana fa a Foggia. Gli azzurrostellati, che non vincevano al Torre dal 2 novembre, salgono a quota 20 punti, mentre il Sorrento rimane fermo a 17, poco fuori la zona playout.
Il Pescara vince ancora: all´Aragona di Vasto gli abruzzesi battono il Potenza che nel primo tempo era passato in vantaggio con Nolè. Nella ripresa prima Zeytulaev e poi Di Vicino sistemano e archiviano la "pratica" lucana, dopo che il portiere biancazzurro Prisco aveva anche parato un rigore di Cozzolino. E, nonostante la crisi societaria, la zona playoff è sempre lì alla portata della squadra di Galderisi.
Il Real Marcianise si aggiudica il match contro la Pistoiese con un gol per tempo. Per gli arancioni di mister Polverino è una situazione davvero difficle, data l´incapacità di segnare e di vincere. Un ruolino che prevede pareggi in casa e sconfitte fuori necessita di un intervento obbligatorio sul mercato di gennaio. I campani invece si godono la vittoria e stazionano a metà classifica.
Nella foto, tratta da amarantomagazine.it, il gol di Terra che riporta in vantaggio l´Arezzo allo Scida.
Francesco Ricci da Calciofoggia

Allenamento a porte chiuse

(08/12/2008)
ORDONA – Per ridare un po’ di tranquillità all’ambiente, a porte chiuse sono ripresi gli allenamenti in vista dei prossimi impegni settimanali. Mercoledì pomeriggio, infatti, gli uomini di mister Novelli scenderanno in campo allo Zaccheria per disputare la sfida di Coppa Italia contro il Perugia. Al Foggia basterà un pareggio per accedere alla fase successiva, ma una vittoria potrebbe riportare fiducia al gruppo e far dimenticare in parte la bruciante sconfitta patita ieri a Lanciano. Domenica, invece, arriva la Ternana. Il Foggia sarà chiamato ad una prova d’orgoglio e di immediato riscatto per restare agganciato alle zone alte della classifica, ma soprattutto per ridare alla propria tifoseria quella vittoria che manca ormai da cinque turni (decima giornata: Foggia - Arezzo 2-1).





Angelo Di Paola da Calciofoggia

«Foggia, pagati cari errori individuali»

(08/12/2008)

Novelli: «Sconfitta tutta da capire» Pecchia: «Troppi i cinque gol presi»

LANCIANO (Chieti) Il Foggia si guarda allo specchio per cercare di capire come si possa perdere una gara in trasferta, subendo quasi tutti i gol in contropiede. Dopo il 5-2 subito a Lanciano, il tecnico rossonero Raffaele Novelli mostra tutta la sua grande delusione: «Bisogna cercare di capire una sconfitta così. Abbiamo sofferto abbastanza la loro prestanza fisica, anche se nel secondo tempo noi abbiamo giocato meglio, procurandoci molte palle gol e sfiorando con Del Core il clamoroso pareggio per 3-3. I gol che abbiamo subito non sono frutto di una follia collettiva, bensì errori individuali che posso capire. Bisogna trovare la giusta soluzione per evitarli in futuro».

Pecchia Usa toni pacati il capitano Fabio Pecchia, che in campo non ha di certo messo in evidenza le sue doti migliori: «Gran brutta sconfitta.Cinque gol non sono pochi.Abbiamo in ogni caso giocato bene, reagendo al doppio svantaggio, sfiorando in più di una occasione il pareggio, soprattutto con quella palla gol di Del Core. Non bisogna dimenticare i meriti del Lanciano che ha disputato una grande partita. Dobbiamo cercare di essere più concreti».

Fusco Il responsabile dell'area tecnica Filippo Fusco allontana eventuali dubbi sulla posizione di Novelli: «Veniamo da pareggi che potevano essere vittorie. Questa volta ci è andata male e alla fine bisogna accettare il risultato, che è giusto per quello che ha fatto il Lanciano. Nel secondo tempo, però, il Foggia ha giocato a viso aperto, creando più di una occasione gol. Una cosa è certa, non avevamo l'intenzione di venire a Lanciano per prendere gol in contropiede. Abbiamo sicuramente sbagliato qualcosa». Uno sguardo alla classifica, inseguendo i playoff. «Per il futuro ci auguriamo tutti che la squadra faccia l'atteso salto di qualità».
FIORENZO CARLINI da La Gazzetta dello Sport

I tabellini della 15a giornata

(08/12/2008)
Arezzo corsaro a Crotone, bene Gallipoli e Benevento. Ruzzolone del Foggia a Lanciano, pari esterno della Cavese.

Questi i tabellini della quindicesima giornata del Girone B della prima Divisione Lega Pro:


VIRTUS LANCIANO-FOGGIA 5-2

VIRTUS LANCIANO (4-2-3-1): Aridità 6; Bognar 6.5, Daleno 6, Bolic 6.5, Mammarella 6.5 (37’ st Vincenti ng); El Kamch 7, Romano 7.5; Turchi 6.5, Alfageme 7 (28’ st Amenta 6), Volpe 6.5; Colussi 6.5 (33’ st Morante 6). A disp.: Bordeanu, Cossu, Pagliarini, Margarita. All.: Di Francesco 6.5.
FOGGIA (4-3-3): Bremec 5.5; Coletti 6, Lisuzzo 5.5, Rinaldi 5.5, Colomba 5.5 (43’ st Burzigotti ng); Trezzi 5.5 (8’st Piccolo ng, 40’ st Milan ng), Pecchia 6, D’Amico 6; Troianiello 6, Del Core 5.5, Salgado 5.5. A disp.: Posillipo, Velardi, Agostinone, Mattioli. All.: Novelli 5.
ARBITRO: La Mura di Nocera Inferiore 6
MARCATORI: pt 13’ Alfageme, 30’ Colussi (L); st 1’ Coletti (F), 5’ Alfageme (L), 20’ Salgado (F), 45’ Morante, 49’ Romano (L).
NOTE: spettatori 2.500 circa. Espulso: Bremec (F) al 39’ st fallo di mano. Ammoniti: El Kamch, Baleno, Colussi (L), Del Core (F). Angoli: 4-2. Recupero tempo: pt 1’, st 5’.

BENEVENTO – JUVE STABIA 2-1

BENEVENTO (4-4-2): Corradino 6.5; Aquilanti 6.5, Landaida 7, Cattaneo 6.5,Colombini 6 (26’ st Palermo 6.5); Imbriani 6.5 (1’ st Tesser 7), Cinelli 7, Cejas 6.5, Statella 7; Castaldo ng, Clemente 7.5 (34’ st Bueno ng). A disp.: Baican, Ferraro, Di Piazza, Vacca). All.: Soda 7.
JUVE STABIA (4-3-3): Brunner 5.5; Gritti 5.5 (17’ st Peluso 5), Maury 6, Geraldi 6.5, D’Ambrosio 6.5; Ametrano 6.5, Monticciolo 6, De Rosa 5.5; Capparella 5 (23’ st Morello 5), Artistico 6.5 (41’ st Amore ng), Grieco 6.5. A disp.: Della Corte, Marino, Mineo, Barbosa. All.: Esposito 6.
ARBITRO: Cervellera di Taranto 5.
MARCATORI: Cinelli (B) al 2’, Artistico (JS) al 35’ p.t.; Clemente(B) al 3’ s.t..
NOTE: terreno in discrete condizioni per pioggia. Espulsi: 18’ pt Castaldo(B), 29’ st De Rosa(JS) ambedue per fallo su di un avversario. Ammoniti: Imbriani, Cejas, De Rosa, Capparella, Maury, Corradino. Angoli 5-4. Recupero: pt: 0, st: 4’. Spettatori 2985, incasso di 32.781 euro.

CROTONE-AREZZO 2-3

CROTONE (4-2-3-1): Farelli; Galeoto, Rossi, Borghetti, Morleo; Pacciardi, Vicedomini (14’ st Aurelio); Triarico (4’ st Russo), Galardo, Basso; Paponetti (35’ st Espinal). A disp.: Senatore, Figliomeni, Scognamiglio, Caetano. All.: Moriero.
AREZZO (4-2-3-1): Paoletti; Bricca, Terra, Fanucci, Doga; Matute, Beati; Bondi (31’ st Grillo), Lauria (6’ st Djuric), Croce; Martinetti (22’ st Baclet). A disp.: Marconato, Cavagna, Chianese, Togni. All.: Cari.
ARBITRO: Carbone di Napoli
MARCATORI: pt 26’ Martinetti (A); st 10’ Basso (C), 16’ Terra (A), 34’ Pacciardi (C), 48’ Baclet (A).
NOTE: paganti 785 per un incasso di 7.995 euro; abbonati 1.125 (rateo 7.500 euro). Ammoniti: Fanucci (A), Galeoto (C), Croce (A), Borghetti (C), Paoletti (A). Espulso Fanucci (A) al 3’ st per doppia ammonizione; al 6’ Cari. Recupero: 0 pt, 4’ st. Angoli 5-1 per il Crotone.

FOLIGNO PERUGIA 0-0

FOLIGNO (4-3-1-2): Ripa 6; Pencelli 6.5, Fiuzzi 6, Guastalvino 6, Lispi 6; Mandorlini 6, Furiani 6, Petterini 6; Coresi 6; Turchi 6, De Paula 6.5 (45` st Iadaresta ng). A disp.: Palanca, Buscaroli, Cardarelli, Cotza, De Stefano, Melillo. All.: Indiani 6.
PERUGIA (4-4-1-1): Benassi 6.5; Minieri 6, Cudini 6, Accursi 6, Pagani 5.5; De Giorgio 6 (27` st Pizzolla 5.5), Gatti ng (19` st Mezavilla 5.5), Passiglia 6, Cutolo 6; Mazzeo 6; Ercolano 5 (37` st Campagnacci ng). A disp.: Coletti, Boldrini, Ferrari, Fiorucci. All.: Sarri 6.
ARBITRO: Barbieri di Vicenza 6
NOTE: spettatori 3.852 (paganti 2.795, abbonati 777, accrediti 280), per un incasso complessivo di 31.265,84 euro. Ammoniti: Coresi (F), Cutolo, Accursi (P). Angoli: 5-3 per il Perugia. Recupero tempo: pt 2`, st 4`.

PAGANESE-SORRENTO 1-0

PAGANESE (3-5-2): Pantanelli ng; Imparato 6.5, Chiavaro 7, De Giosa 6.5; Esposito 6, Berardi 6.5, Caracciolo 6.5, Capodaglio 6 (1’ st Mendil 6.5), Ingrosso 6 (31’ st Iraci ng); Tisci 7, Di Cosmo 6 (1’ st Lasagna 6.5). A disp.: Melillo, Bombara, Stentardo, Bacchi. All.: Capuano 6 (squalificato, in panchina Pepe).
SORRENTO (3-5-2): Spadavecchia 6; Lo Monaco 6, Minadeo 6, Iorio 6; Vanin 5, Nicodemo 6, Fialdini 5, Maiorano 5 (36’ st La Vista ng), Angeli 6 (36’ st Strambelli ng); Giampaolo 5, Ripa 5.5 (25’ st Biancone ng). A disp.: Botticella, De Martis, Panarelli, Kras. All.: Simonelli 6.
ARBITRO: Ostinelli di Como 6.5.
MARCATORE: st 33’ Tisci rig.
NOTE: spettatori 632 spettatori per un incasso di 7.533 euro, cui va aggiunta la quota abbonati (628). Trasferta vietata agli ospiti per decisione della Prefettura di Salerno. I supporter di casa entrano allo stadio con 15’ di ritardo in segno di protesta per essere stati costretti a cambiare settore per i lavori di manutenzione alla curva nord. Ammoniti: Caracciolo, Imparato, Lasagna (P), Vanin, Ripa (S). Angoli: 4-4. Recupero tempo: pt 0’, st 2’.

PESCARA-POTENZA 2-1

PESCARA (4-5-1): Prisco 7; Camorani 6, Sembroni 6 (35’ st Prizio ng), Siniscalchi 6, Vitale 6.5; Felci 6, Ferraresi 6.5, Stella 6.5, Di Vicino 6.5 (27’ st Diliso 6), Zeytulaev 7 (41’ st Iandoli ng); Simon 6. A disp.: Bartoletti, Fruci, Berardocco, Testardi. All.: Galderisi 7.
POTENZA (4-2-3-1): Groppioni 6; Dei 5.5 (38’ st Prevete ng), Cuomo 6, Di Bella 5.5, Lolaico 6; Cammarota 6, Berretti 6; Delgado 5.5 (22’ st Masini 5.5), Sabatino 5.5, Cozzolino 5 (11’ st Arigo` 5.5); Nole` 6.5. A disp.: Tesoniero, Volpe, Patarini, Montesanto. All.: Arleo 6.
ARBITRO: Borriello di Mantova 6.5
MARCATORI: pt 14’ Nole` (PO); st 8’ Zeytulaev, 13’ Di Vicino rig. (PE).
NOTE: spettatori 1.300 circa per un incasso non comunicato. Chiuso il settore ospiti. Ammoniti: , Diliso (PE), Di Bella, Dei, Sabatino (PO). Angoli: 7-6 per il Potenza. Recupero tempo: pt 2’, st 4’. Al 16’ st Prisco (PE) ha parato un rigore a Cozzolino.

REAL MARCIANISE-PISTOIESE 2-0

REAL MARCIANISE (4-4-2): Fumagalli 6; Piscitelli 6.5, Filosa 6.5, Murolo 6.5, Vanacore 6.5; Manco 6.5 (15’ st Ciano 6), Montanari 6, Romano 6.5, Di Napoli 6.5; Galizia 7 (45’ st Compagnone ng), Innocenti 6.5 (32’ st Tedesco 6). A disp.: Mezzacapo, Russo, Della Ventura, Poziello. All.: Fusi 7.
PISTOIESE (4-3-2-1): Conti 6; Di Berardino 6, Bartolucci 5.5, Di Nassi 6, Fautario 6; Cortese 6 (10’ st Falomi 5.5), Muwana 6 (15’ st Femiano 5), Guerri 6.5 (28’ st Carozza ng); Breschi 6.5, Bellazzini 6; Cipolla 5.5. A disp.: Mareggini, Lanzillotta, Cutrupi, Quadrini. All.: Polverino 6.
ARBITRO: Quartarone di Messina 6
MARCATORI: pt 18’ Innocenti rig.; st 42’ Tedesco rig.
NOTE: spettatori 1.500 circa, di cui 20 provenienti da Pistoia. Espulsi: Di Berardino (P) al 41’ st per fallo di mano sulla linea di porta e Femiano (P) al 48’ st per gioco falloso. Ammoniti: Muwana, Fautario (P) per gioco falloso. Angoli: 4-3. Recupero tempo: pt 3’, st 5’.

TARANTO-GALLIPOLI 1-2

TARANTO (4-4-2): Faraon 5.5; D’Alterio 5, Migliaccio 4.5, Prosperi 6, Di Bari 5; Cazzola 5, Giorgino 6.5, Shala 5 (25’ st Sciandone ng), Micco 5.5; Marolda 4.5 (1’ st Caturano 5), Dionigi 7. A disp.: Nordi, Pastore, Cesareo, Barrios, Selvaggi. All.: Dellisanti 5.5.
GALLIPOLI (4-3-1-2): Rossi 6; Molinari 6.5, Esposito 7, Giacomini 5, Antonioli 6; Vastola 6, Cimarelli 7, Russo 6; Mounard 5 (24’ st Zampa ng); Ginestra 6.5 (36’ pt Riccardo 5, 34’ st Suriano ng), Di Gennaro 6.5. A disp.: Marcandalli, Cini, Marzeglia, Ianniciello. All.: Giannini 6.
ARBITRO: Tasso di La Spezia 5.5
MARCATORI: pt 27’ Ginestra; st 6’ Di Gennaro (G), 35’ Dionigi (T).
NOTE: si e` giocato a porte chiuse. Espulso: Giacomini (G) al 32’ st per somma di ammonizioni. Ammoniti: Prosperi, Cazzola (T), Cimarelli, Giacomini (F). Angoli: 4-0. Recupero tempo: pt 1’, st 5’.


TERNANA-CAVESE 1-1

TERNANA (4-4-2): Ginestra 6.5, Pedotti 4.5, Di Dio 6, Sartor 6 (Di Deo 26’ st 5.5), Cardona 6; Concas 6, Bussi 6, Papini 6.5, Morello 5.5; Rigoni 6, Perna 7 (Tedeschi 15’ st 6). A disp. Visi, Fedeli, Danucci, Novello, Scappini. All. Gabriele Baldassarri.
CAVESE (4-3-3): Marruocco 6; Pierotti 6.5, Ischia 5.5 , Farina 5.5, Noverino 6.5; Alfano 6, Anaclerio 6, Favasuli 6.5; Bernardo 6, Sorrentino 6.5(Tarantino 35’ st), Aquino 7. A disp. Petrocco, Frezza, Porro , Viscido, Lardo.All. Andrea Camplone
ARBITRO:Bagalini 5.5(Fermo)
MARCATORI: Perna 37’ pt, Favasuli 14’ st (rig.)
NOTE:Angoli 2 a 1 Cavese, espulso Pedotti al 12’ st per fallo da ultimo uomo, Ammoniti: Rigoni, Marruocco. Spettatori 2000 circa.
da datasport.it

V.Lanciano-Foggia: Le pagelle

(07/12/2008)

Centrocampo inconsistente. Pecchia, inutile. Del Core, impalpabile.




Bremec: In settimana aveva dichiarato di voler sbarrare la propria porta, ma così non è stato. Una sua corta respinta favorisce il primo gol e spiana la strada agli avversari. Sicuro su molti palloni, anche se un paio di gol, forse, si potevano evitare con un po’ più di attenzione anche da parte dei compagni. Evita un gol nei minuti finali, ma deve farlo con le mani fuori area. Sacrosanto il cartellino rosso. 5

Coletti: Il vice capitano oggi si adatta ancora meglio alla nuova posizione, anche se a volte ha delle amnesie ed alle sue spalle partono gli attaccanti del Lanciano in contropiede. In fondo non è un difensore, ma un mastino del centrocampo. Comunque disputa una buona partita ed ha il merito di riaprire la gara ad inizio del secondo tempo con una “cannonata” su punizione dai 30 metri. Ci mette cuore e volontà. Sicuramente il migliore in campo. Duttile. 6,5

Colomba: Inizia la gara timidamente, forse per via dell’emozione di giocare titolare, e gli avversari ne approfittano con delle incursioni sulla sua fascia. Si riprende gradualmente, ma forse non era la gara adatta a lui, ma ad un Posillipo che mette più grinta nelle sue giocate. Da rivedere. 5

Pecchia: Il capitano, dall’alto della sua esperienza, invece di dare la carica ai suoi, viene travolto da nervosismo e precipitazione degni di un ragazzino. Oggi è l’ombra di se stesso, sbaglia passaggi facilissimi e da un paio di suoi errori scaturiscono gol avversari. Abbiamo bisogno del miglior Pecchia, ma oggi anche lui non è esente da critiche. Non chiudeva gli avversari mettendo in grossa difficoltà la difesa. Inutile. 4

Lisuzzo: Nonostante tutto l’impegno che mette durante i 90 minuti, con le sue chiusure pulite ed efficaci, sui molti avversari che si presentano dalle sue parti, non riesce ad evitare tutti i pericoli per Bremec. Mette in campo il cuore come al solito. Buona prestazione, peccato per il risultato. 6

Rinaldi: Insieme a Lisuzzo cerca di arginare come può le folate offensive del Lanciano, ma il reparto chiave, il centrocampo, non li aiuta a dovere, e devono sobbarcarsi un superlavoro che non sempre è efficace. Rispetto al compagno di reparto mezzo voto in meno. 5,5

Troianiello: Sempre il solito velocista, capace con la sua rapidità di mettere in difficoltà qualsiasi avversario e qualsiasi difesa. Ci mette tanta volontà e tanta corsa. Nella ripresa ha una buona occasione per segnare ma non inquadra la porta. 6

Trezzi: Dopo tanta panchina e tanta tribuna, come per Colomba, arriva il suo momento. Meno emozionato di Colomba, non riesce a dare il suo contributo, soprattutto in fase di copertura. Un paio di volte tenta l’azione solitaria, ma i difensori del Lanciano hanno la meglio. Sicuramente non è la partita per lui, soprattutto iniziarla dal primo minuto. Lascia intravedere buona tecnica ma è fuori posizione. 5

Del Core: Oggi ha un solo pregio, quello di lottare e guadagnare preziosi calci di punizione. Ma per il resto è un calciatore irritante. Sicuramente un periodo di stop gli servirebbe per ritrovare quella cattiveria sotto porta che non mostra nel secondo tempo, quando ha due palle gol facili: sulla prima, con il Foggia sotto 3 a 2, si ritrova solo davanti al portiere e con Salgado liberissimo, ma tenta un pallonetto parato da terra con la mano dal portiere (anche un tiro potente poteva avere più efficacia), e, sulla seconda, tenta una mezza rovesciata, invece di provare un tocco più efficace, con pallone svirgolato. Impalpabile! 4

Salgado: Cerca di imporre il suo peso, sia fisico che tecnico, ma a volte si perde in qualche giocata di troppo favorendo il recupero dei difensori. Gioca nel suo ruolo preferito, esterno d’attacco, ma quasi mai riesce ad accentrarsi per andare al tiro o cercare lo scambio con i compagni. Trova un gol molto bello dalla sinistra del limite dell’area di rigore, quando lascia partire un sinistro che batte sul palo opposto e termina in rete, riportando l’entusiasmo tra i compagni ed i tifosi sempre presenti! 6

D’Amico: Gioca una buona partita per quantità e qualità, ma oggi i compagni di centrocampo non l’aiutano a creare una diga ed appoggiarlo nelle ripartenze. Reggere un reparto da solo gli diventa molto difficile. Continuo. 6

Mister Novelli: Oggi il Mister non indovina la formazione. Le defezioni di Colombaretti, Pezzella e Mancino lo mettono in difficoltà ed è costretto a schierare due “esordienti” dal primo minuto, Colomba e Trezzi, pure fuori ruolo, visto che non rendono come dovuto e creano difficoltà a tutta la squadra. La scarsa vena di Pecchia e Del Core fanno il resto. Ci aspettiamo che riesca a trasmettere la giusta cattiveria sportiva ai propri ragazzi, cosa che non è avvenuta oggi. Speriamo che sia solo una giornata di appannamento. Dalla sua ha che la rosa forse è troppo giovane e, con pochi cambi a disposizione, soprattutto a centrocampo. Nel complesso, il punteggio è bugiardo, rispetto ai valori visti in campo: il Lanciano ha giocato bene nel primo tempo, nel secondo è venuto fuori il Foggia, che ha creato occasioni per il pareggio. Oggi forse sarebbe servito un Germinale in più! Forza Mister! 5

Piccolo dal 53’ al posto di Trezzi: Entra al posto di un Trezzi sicuramente fuori ruolo. Non incide come vorrebbe, anche perché costretto a giocare in una posizione diversa dal solito, visto che in genere gioca esterno d’attacco destro per accentrarsi e liberare il suo sinistro. Impacciato nel dover mantenere la posizione e cercare di dare una mano all’attacco. 5

Milan dal 86’ al posto di Bremec: Esordio del secondo portiere in campionato in un momento difficile della partita (dopo la giusta espulsione di Bremec). Ha solo il tempo collezionare una presenza e prendere un gol evitabilissimo su un debole rasoterra dal limite dell’area. Speriamo bene per domenica prossima, visto che dovrà prendere il posto di Bremec, in quanto sarà appiedato dal Giude Sportivo S.V.

Burzigotti dal 88’ al posto di COLOMBA: Entra nel disperato tentativo di riacciuffare un risultato ormai sfuggito, ma ormai non c’è più tempo! S.V.

Arbitro: Sig. La Mura. Dopo una gara con un simile risultato, poche possono essere le critiche da muovere al Direttore di Gara di Nocera Inferiore. Una svista di un suo assistente per un fuorigioco dubbio fischiato al 45’ al Foggia. Espulsione ineccepibile per il fallo di mani fuori area di Bremec. Ammonizioni giuste, e, comunque una gara corretta. 6
Alessandro Barbone da Foggialandia.it

Virtus Lanciano-Foggia 5-2

(07/12/2008)
Cinque gol, tutti insieme in una partita il Foggia, reduce da quattro “x” consecutive ed a caccia della prima vittoria esterna, non li aveva mai subiti quest´anno e non li prendeva da tempo immemore; doveva e poteva essere la partita del rilancio ed invece il sogno s´è tramutato in incubo al “Biondi” di Lanciano contro i rossoneri di Eusebio Di Francesco, che conquistano la terza vittoria consecutiva, convincendo, mostrando importanti individualità e mettendo a nudo alcune grosse lacune dei nostri.
Novelli è in emergenza: fuori causa tre/quarti della difesa titolare (Colombaretti, Zanetti e Pezzella), conferma Coletti terzino destro e Colomba a sinistra, lanciando la novità Trezzi in mediana; Di Francesco sostituisce lo squalificato ex Oshadogan con Daleno, puntando sulla coppia “pesante” Colussi-Alfageme.
Che qui a Lanciano non sarebbe stata una passeggiata, lo si era capito sin dalle prime battute: al 7´ Mammarella ci prova con una punizione dai 25 metri, Bremec si allunga e devia in corner. I rossoneri di casa cercano di sfondare sugli esterni, soprattutto con Alfageme che in più di un´occasione mette in difficoltà Colomba, in affanno. Al´´8´ Per poco Trezzi non bagna l´esordio dal primo minuto con un gol, ma il tocco (servito da Troianiello) è debole mentre al 13´ è proprio l´argentino a portare in vantaggio i padroni di casa: tiro-cross non irresistibile di Turchi smorzato debolmente di testa da Colussi, Bremec non trattiene e respinge proprio lì dove Alfageme, tutto solo, è pronto per appoggiare in rete. 1-0, Lanciano in vantaggio.
Il Foggia accusa il colpo e si vede: la squadra non gira come dovrebbe e allora Trezzi va a sinistra con D´Amico centrale e Pecchia a destra ma, invertiti i fattori, il risultato non cambia. Mancano idee, la mediana non fa filtro e Salgado, per toccare palla, deve tornare nella sua area. In più la difesa non sembra insuperabile e le folate offensive di Colussi ed Alfageme, appoggiati da Turchi e Volpe, fanno scattare l´allarme rosso nelle retrovie. Satanelli distratti e frettolosi, come dimostra il raddoppio dei padroni di casa, al 31´: Pecchia batte a sorpresa una punizione a metà campo ma troppo in fretta perché davanti a lui El Kamch intercetta e fa ripartire il contropiede frentano con Romano, che entra in area dalla sinistra e serve Colussi, il quale deve solo appoggiare in rete. 2-0 e gloria per il centravanti rossonero. Il Foggia non c´è: sbaglia troppo, soprattutto nei fraseggi e nei passaggi corti e rischia il capitombolo al 42´ ancora con lo scatenato Colussi che fa tutto bene, salvo poi “morire” davanti a Bremec, dopo una lunga cavalcata.
Tutti si aspettano un pronto riscatto nella ripresa e, dopo nemmeno 1´, la dea bendata sembra aver strizzato l´occhio ai nostri: punizione dai 25 metri di Coletti, missile terra-aria che sbatte sul palo, rimbalza sulla nuca di Aridità e ermina in rete. 2-1, suona la sveglia.
Ma nemmeno il tempo di esultare che il Lanciano rimette la partita sui propri binari cinque minuti dopo, ancora con l´argentino Alfageme che da destra, ben servito da Romano (ancora lui), si invola verso la porta di Bremec, supera Lisuzzo e, nonostante una leggera deviazione di Rinadi, sigla il terzo gol. Doppietta per lui.
Un macigno per i satanelli che speravano in una gara in discesa, dopo aver accorciato le distanze. Novelli richiama Trezzi per Piccolo, c´è più vivacità ed al 15´ i rossoneri pugliesi accorciano le distanze: Pecchia scodella per Salgado, che scatta bene e dal limite sinistro incrocia la conclusione, con la palla che accarezza il palo e finisce in rete. 3-2, si riaccende la speranza.
Il Foggia ci crede e, per poco, non compie l´impresa due minuti dopo, al 17´, sciupando l´incredibile: Coletti filtra per Del Core che scatta sul filo del fuorigioco, entra in area (con Salgado solo al centro) e, a tu per tu con Aridità, cerca di beffarlo con un “cucchiaino”, intercettato però dal portiere. Egoista. Un´occasionissima che peserà per tutto il match.
Novelli ordina una difesa altissima, che si alza fino alla linea di metà campo; frentani graziati, quindi, ma che ci riprovano al 19´ ancora con Alfageme, che elude il fuorigioco e s´invola, supera Bremec di testa prima di finire a terra, scatenando le proteste del pubblico e della panchina. I pugliesi attaccano a testa bassa, Salgado fa su e giu per la linea d´attacco, spendendo molto e dandosi da fare per non dar punti di riferimento e nel frattempo c´è l´esordio di Damiano Milan tra i pali rossoneri a causa dell´espulsione di Bremec (40´), costretto a prendere la sfera fuori area, superato dal pallonetto di testa di Morante. Ma è sempre Del Core ad avere le occasioni migliori, come al 44´ quando scivola all´altezza del dischetto, solo davanti alla porta, sciupando una grossa occasione. Gol mangiato, gol subito dicono…e così gli abruzzesi chiudono il match con Morante prima (di testa) e Romano poi (tiro dal limite e palla che passa sotto Milan) che, nel giro di quattro minuti, aumentano il passivo. 5-2, risultato pesante. Troppo.

IL TABELLINO

LANCIANO (4-4-2): Aridità; Bognar, Bolic, Daleno, Mammarella (dal 37´st Vincenti); Turchi, El Kamch, Romano, Volpe; Colussi (dal 33´st Morante), Alfageme (dal 28´st Amenta). A disp.: Bordeanu, Cossu, Pagliarini, Margarita. All. E. Di Francesco

FOGGIA (4-3-3): Bremec; Coletti, Rinaldi, Lisuzzo, Colomba (dal 42´st Burzigotti); Trezzi (dall´8‘st Piccolo, dal 40´st Milan), Pecchia, D´Amico; Troianiello, Del Core, Salgado. A disp.: Posillipo, Velardi, Agostinone, Mattioli. All. R. Novelli

ARBITRO: Carmine La Mura di Nocera Inferiore (Quadrano-Pegorin)

MARCATORI: 13´pt Alfageme (L), 31´pt Colussi (L), 1´st Coletti (F), 5´st Alfageme (L), 15´st Salgado (F), 45´st Morante (L), 50‘st Romano (L).

AMMONITI: Alfageme, El Kamch, Colussi, Daleno (L); Del Core (F)

ESPULSI: al 40´st Bremec (Foggia) per fallo di mani fuori area.

NOTE: Cielo sereno, terreno in discrete condizioni. Spettatori per un incasso di . Angoli 3-1 per il Lanciano. Recupero: 1´pt, 5´st.
Mario Ciampi da usfoggia.it

Un Foggia col freno a mano ne prende cinque a Lanciano

(07/12/2008)
Novelli tra i tanti consigli dati negli spogliatoi prima della gara, si dimentica di dire ai suoi di metter giù il freno a mano. Ne scaturisce una prestazione, sì coraggiosa, ma al quanto scialba e snervante.
Un Foggia che ha l´occasione sul 3-2 di pareggiare, ma le disattenzioni e la poca cattiveria sotto porta, hanno poi inevitabilmente portato la firma su questa partita che sembra sia stata giocata su un campo d´oratorio.
Il Foggia a parere del tecnico del Lanciano, Di Francesco, è una squadra che ´non molla mai´ e abbastanza ostica. Su questo tutti d´accordo, tranne oggi dove negli ultimi minuti si è fatta rifilare per ben due volte per le solite disattenzioni, che ne hanno arrotondato poi il risultato finale.
Tutto sommato il Foggia tornerà dall´ennesima trasferta, solo con i pantaloncini sporchi e tra le mani neanche un punticino di consolazione. Ma c´è da dire che come gioca questa squadra, piace e con un pò di cattiveria sotto porta, oggi avremmo commentato un´altra partita.




Paolo Colonna da Foggiacalciomania

TERNANA: la condanna arriva ancora su rigore

(07/12/2008)
Poteva essere la gara del definito rilancio. Poteva essere la vittoria in grado di consacrare un tecnico debuttante e finora difficile da decifrare. Poteva essere la partita della ritrovata verve rossoverde. Ma anche no. Ed infatti, Ternana-Cavese è stata la gara dell´ennesimo pareggio, ottenuto dopo 96 minuti di gioco durante i quali la Ternana ha tirato soltanto due volte nello specchio della porta avversaria. Ed ha subìto una costante pressione da parte della Cavese, sfociata poi nel solito rigore su intervento marchiano di Pedotti. Tutto come da copione, quindi. Ma andiamo con ordine.
Baldassarri, costretto dalle defezioni ad inventare la difesa, ha optato per l´inserimento (tra l´altro annunciato) di Cardona e Pedotti in qualità di esterni di difesa. Il centrocampo ha giostrato con Bussi e Papini nelle vesti di coppia centrale e con Morello e Concas sugli esterni. In avanti, poi, Rigoni e Perna.
Dopo venti minuti di sbadigli, la gara si è ravvivata. Merito della Cavese che, nel giro di due minuti, ha sfiorato il gol con Sorrentino (palo nella prima circostanza, gran parata di Ginestra nella seconda occasione). Cavese a trazione anteriore, con un 4-3-3 difficile da arginare, e Ternana ad agire di rimessa. Così, al 37´ ci scappa il gol. Un pò fortunoso, un pò voluto...sta di fatto che Pedotti ha piazzato un cross abbastanzanza innocuo nel centro dell´area avversaria e Concas ha trovato la sponda giusta per Perna. Il baby attaccante, dal canto suo, sembra aver pensato, in un istante di geniale follìa prima del tiro "O sfondo o me brucio" (ci si conceda l´uso del dialetto in questo caso). E di fatto, Perna ha sfondato. Uno a zero e palla al centro. Cavese incredula, Ternana ringalluzzita. Il primo empo si chiude senza ulteriori sussulti e la ripresa si apre con una Ternana gagliarda, seppure sterile in avanti. La cavese sta a guardare, non affonda e aspetta.
Aspetta che la Ternana commetta un errore. Così, Nel giro di pochi minuti, la Ternana di errore ne commette due e la cavese coglie dapprima un palo, poi sfiora il vantaggio. Si ristabiliscono i giusti ruoli e la Ternana torna a soffrire in silenzio. La Cavese le tenta tutte, ma poi il piedone di Pedotti atterra un avversario in area. Errore sulla distribuzione delle marcature, dirà Baldassarri in sala stampa. Sta di fatto che Favasuli calcia un rigore brutto come non mai, che per poco Ginestra non para. Ma la palla entra, lentamente e inesorabilmente. Ternana in dieci, Cavese che punta al bersaglio grosso con meno convinzione del previsto. Così è la Ternana a sfiorare il vantaggio con Rigoni. Poi il forcing finale degli aquilotti che non si traduce nel gol da loro sperato.

TERNANA 1 CAVESE 1

TERNANA (4-4-2): Ginestra 6.5, Pedotti 4.5, Di Dio 6, Sartor 6 (Di Deo 26´ st 5.5), Cardona 6; Concas 6, Bussi 6, Papini 6.5, Morello 5.5; Rigoni 6, Perna 7 (Tedeschi 15´ st 6). A disp. Visi, Fedeli, Danucci, Novello, Scappini. All. Gabriele Baldassarri.

CAVESE (4-3-3): Marruocco 6; Pierotti 6.5, Ischia 5.5 , Farina 5.5, Noverino 6.5; Alfano 6, Anaclerio 6, Favasuli 6.5; Bernardo 6, Sorrentino 6.5(Tarantino 35´ st), Aquino 7. A disp. Petrocco, Frezza, Porro , Viscido, Lardo.All. Andrea Camplone

ARBITRO: Bagalini 5.5(Fermo)

MARCATORI: Perna 37´ pt, Favasuli 14´ st (rig.)

NOTE:Angoli 2 a 1 Cavese, espulso Pedotti al 12´ st per fallo da ultimo uomo, Ammoniti: Rigoni, Marruocco. Spettatori 2000 circa.
da sporterni.it

Virtus Lanciano-Foggia: La pagella rossonera

(07/12/2008)
Diamo i voti ai satanelli. Al termine di Virtus lanciano-Foggia, gara persa dai satanelli, questi i voti (senza nessun commento) ai rossoneri scesi in campo allo stadio ´Biondi´ di Lanciano. Tra parentesi i calciatori subentrati.













Bremec 5.5

Coletti 6

Colomba 5.5

Pecchia 5.5

Lisuzzo 6

Rinaldi 5

Troianiello 6.5

Trezzi 5.5

Del Core 5

Salgado 5.5

D´Amico 6

(Milan) 5.5

(Burzigotti) s.v.

(Piccolo) 5.5

Allenatore: Novelli 5.5

Luigi Corvino da Foggiacalciomania

CLAMOROSA SCONFITTA PER IL FOGGIA A LANCIANO: I ROSSONERI PUGLIESI PERDONO PER 5 A 2 DOPO UNA PARTITA MAL GIOCATA

(07/12/2008)
V.LANCIANO-FOGGIA 5-2
5 BASTONATE
IL FOGGIA SCENDE IN CAMPO SENZA TERZINI (COLOMBA E COLETTI NON LO SONO PER RUOLO E NATURA) E PRENDE 5 GOL, DIFESA ALLO SBARAGLIO, CENTROCAMPO INESISTENTE, ATTACCO ANEMICO;
NON BASTA UNA PRODEZZA DI SALGADO E UNA PUNIZIONE VINCENTE DI COLETTI, NELLA RIPRESA, PER PORTARE A CASA UN RISULTATO POSITIVO
da usfoggiagol




























Le pagelle di V.Lanciano - Foggia

(07/12/2008)

La prova dei rossoneri secondo usfoggia.com

Bremec 6
Non è stato il solito Nicolas sicuro e impeccabile delle altre domeniche. Incolpevole in occasione dell'espulsione.

Coletti 6,5
Buona la sua prova nel ruolo di esterno destro. Partono dal suo piede i lanci più pericolosi per gli attaccanti. Grande gol su punizione al 1' della ripresa.

Colomba 5,5
Novelli si ostina a ritenerlo il sostituto di Pezzella. E Posillipo? Mai presente sulla corsìa di pertinenza.
(dall' 88' Burzigotti s.v)
Il suo ingresso a pochi minuti dalla fine è diventato un "classico" di Mister Novelli. Ingiudicabile.

Pecchia 5,5
Da un pò di domeniche non è al meglio fisicamente e si vede. Non sarebbe meglio concedergli un pò di riposo?

Lisuzzo 5,5
Poco sicuro negli interventi si lascia superare con facilità dal diretto avversario.

Rinaldi 5,5
Giornata grigia anche per lui. Poco attento commette qualche ingenuità di troppo.

Troianiello 6
Prova sufficiente per l'esterno napoletano ma non sui livelli di sette giorni fa.

Trezzi 5
Mai in partita viene sostituito da Novelli ad inizio di ripresa. non si può pretendere di più da chi frequenta spesso la tribuna!
(dal 52' Piccolo) 5
Entra in luogo di Trezzi, ma il suo apporto non è dei migliori. Sembra svogliato e poco concentrato.
(dall' 85' Milan) s.v.
Rileva l'espulso Bremec tra i pali. Non impeccabile il suo intervento sul 5 - 2 di Romano.

Del Core 5
Anche oggi poco incisivo in area di rigore. Imperdonabili i suoi errori sotto rete al 16' e al 44' del secondo tempo. Da un attaccante esperto come lui ci si aspetta molto di più.

Salgado 5,5
Mezzo voto in più di Del Core per via della rete siglata nella ripresa. Partecipa poco al gioco di squadra.

D'Amico 6,5
Il migliore dei foggiani per spirito di abnegazione ed orgoglio. Combatte sino allo stremo delle forze.

Novelli 5,5
Quando si perde malamente si affonda tutti allenatore compreso.

Tiziano Errichiello da unionesportivafoggia.com

V.Lanciano - Foggia 5-2 (

07/12/2008)

Rossoneri "umiliati" al Biondi di Lanciano

Un Foggia irriconoscibile, senza orgoglio e senz'anima, cede di schianto all'avversario che, senza grandi sforzi, porta a casa l'intera posta in palio. La miglior difesa del campionato che, in una sola partita, subisce cinque reti nella giornata che alla vigilia doveva essere quella della svolta in trasferta. Partita sicuramente da dimenticare ma che lascia l'amaro in bocca all'intera tifoseria. Sostenitori che anche oggi erano in tanti assiepati in curva a sostenere i calciatori rossoneri foggiani. La formazione che era scesa in campo dal primo minuto sembrava, già dalle prime battute, non essere affidabile soprattutto in difesa dove la non buona giornata di Lisuzzo, Rinaldi e Colomba alla fine peseranno sul risultato. Del resto non si possono regalare agli avversari calciatori del calibro di Colombaretti, Zanetti e Pezzella. Anche Bremec oggi non è stato il solito baluardo sicuro tra i pali e nelle uscite. A centrocampo il solo D'Amico ha lottato sino alla fine, Pecchia lento e prevedibile sbaglia molti disimpegni, Trezzi praticamente mai in partita. In avanti il Troianiello del primo tempo ha creato qualche pericolo al Lanciano. Del Core e Salgado, come ormai accade da qualche domenica, irriconoscibili ed evanescenti. Nella ripresa le cose sembrano andare un pò meglio almeno sino al raggiungimento del 3 a 2 ma mentre Salgado saliva leggermente di rendimento, Umberto Del Core ha sulla coscienza due palle gol nitidissime che, se sfruttate, avrebbero cambiato il volto all'intero incontro. Neanche i cambi apportati da Mister Novelli hanno dato risultati, a dimostrazione che qualcosa comincia a scricchiolare all'interno del gruppo. Da un pò di anni, di questi tempi, le cose cominciano a non andare per il meglio! Ora siamo ufficialmente fuori dai play off! E' forse giunto il momento che Novelli e squadra comincino a guardare la classifica, considerato, che come da loro dichiarato, sino ad oggi la zona alta non è mai interessata.

La cronaca
Primo tempo inguardabile per i rossoneri che già al 6' corrono il primo pericolo su un calcio di punizione tirato da Mammarella, in maniera violenta, Bremec si distende e devìa in angolo. All'8' Pecchia calcia a sorpresa una punizione e serve sulla sinistra Troianiello che crossa al centro dove Trezzi arriva sulla sfera mandando la stessa sul fondo. Al 12' Lanciano in vantaggio. Dalla sinistra ( corsìa sulla quale gli abruzzesi hanno vinto la partita ) Colussi calcia verso l'area. La palla giunge nei pressi di Bremec che non trattiene il tiro forte e basso e Alfageme infila indisturbato. 25' Lisuzzo lancia Salgado che si invola sulla sinistra e lancia in area Del Core che si fa anticipare al momento di calciare. 30' Dopo aver reclamato un presunto rigore il Lanciano raddoppia con Colussi che, imbeccato da Volpe volato in area indisturbato, insacca facilmente alle spalle di Bremec. 39' Alfageme, gran prova la sua, supera Lisuzzo in velocità ed agilità e si presenta da solo in area e mentre si appresta a calciare a rete si fa recuperare dallo stesso centrale pugliese che lo anticipa in angolo. Da segnalare la non esaltante condotta di gara dell'arbitro La Mura di Nocera Inferiore.
La ripresa si apre con il gran gol su punizione di Coletti che con un gran tiro violento e preciso infila Aridità sul palo alla sua sinistra. L' 1 - 2 sembra voler cambiare il corso dell'incontro ma neanche il tempo di esultare che il Lanciano segna il 3 - 1. 4' Lancio di Romano dalla destra che invola Alfageme che supera Rinaldi ed infila Bremec in uscita. 15' Recupera palla il Foggia a centrocampo con Pecchia che vede Salgado sulla sinistra. L'attaccante cileno si impossessa della sfera, si libera di un avversario e lascia partire un sinistro che va a colpire il palo della porta di Aridità e che poi termina la sua corsa in fondo alla rete. Il Foggia torna in partita e sembra credere al recupero del risultato. Al 16' Coletti lancia Del Core che, partito sul filo del fuorigioco, si presenta solo davanti al portiere del Lanciano. L'attaccante barese ha due possibilità o calciare a rete o servire Salgado solo sulla sinistra. Decide di tirare e calcia malamente tra le braccia di Aridità. Fosse pervenuto al pareggio il Foggia, forse, avrebbe anche potuto tentare il colpaccio. 38' Cross in area di Salgado, Vincenti scivola, e Troianiello tutto solo spara alle stelle. 39' Su una ripartenza del Lanciano Morante è a tu per tu con Bremec che è costretto ad anticiparlo con le mani fuori dall'area per evitare l'ennesima capitolazione. Cartellino rosso al portiere foggiano e l'ingresso in campo di Milan, al suo esordio, che rileva Piccolo che a sua volta era subentrato a Trezzi ad inizio di ripresa. 44' Del Core, davvero inguardabile, manca il gol del pareggio in maniera eclatante. Su un lancio dalla difesa Salgado spizzica in area per Del Core che anzichè tirare a rete in maniera convinta finisce per ciccare la sfera facendo andare su tutte le furie l'intera panchina rossonera. Nel calcio si sa gol sbagliato gol subìto. Al 45' capovolgimento difronte e ripartenza del Lanciano Turchi serve Morante che supera Milan in uscita. Partita praticamente chiusa. Al 49', nel recupero, Vincenti parte sulla sinistra e crossa in area. La difesa rimane immobile e permette a Romano tutto solo di battere Milan che non è esente da colpe in occasione della marcatura.
5 - 2 e tutti a casa. Nella domenica in cui si sperava nel primo colpaccio esterno è giunto il primo stop pesante di questo campionato. Mai subìti tanti gol in una sola partita. Sarà solo colpa delle assenze?
Tiziano Errichiello da Unionesportivafoggia.com

Prima Divisione B: risultati e marcatori della 15.a

(07/12/2008)

La quindicesima giornata del campionato di prima divisione B si conclude con il Gallipoli che distanzia le inseguitrici.


















Benevento-Juve Stabia 2-1
2’ Cinelli (B), 35’ Artistico (JS), 48’ Clemente (B)

Crotone-Arezzo 2-3
26’ Martinetti (A), 55’ Bssso (C), 61’ Terra (A), 79’ Pacciardi (C), 93’ Baclet (A)

Foligno-Perugia 0-0

Paganese-Sorrento 1-0
78’ rig. Tisci

Pescara-Potenza 2-1
14’ Nole` (Po), 53’ Zeytulaev (Pe), 58’ Di Vicino (Pe)

Real Marcianise-Pistoiese 2-0
18’ rig. Innocenti, 87’ rig. Tedesco

Taranto-Gallipoli 1-2
27’ Ginestra (G), 51’ Di Gennaro (G), 80’ Dionigi (T)

Ternana-Cavese 1-1
36’ Perna (T), 60’ rig. Favasuli (C)

Virtus Lanciano- Foggia 5-2
13’ e 50’ Alfagene (VL), 30’ Colussi (VL), 46’ Coletti (F), 65’ Salgado (F), 90’ Morante (VL), 93’ Vincenti (VL)

Penalizzazioni: Potenza tre punti, Juve Stabia due punti

Capocannoniere: Clemente (Benevento) con 9 reti
da datasport.it

Novelli: "Nella ripresa il Foggia meritava di più"

(07/12/2008)
Raffaele Novelli commenta con bocca amara la sconfitta subita oggi al Biondi di Lanciano. "Noi oggi abbiamo sofferto la freschezza fisica degli avversari. Comunque abbiamo commesso degli errori individuali che ci sono costati cari. Oggi nella seconda parte la squadra mi è piaciuta, in altre gare tipo Marcianise occasioni da gol non le abbiamo create.
Il primo tempo il merito va al Lanciano che ci ha creduto più di noi, nella ripresa abbiamo creato più situazioni, peccato per alcune palle gol non realizzate. Non mi lamento per gli assenti, non sarei onesto, oggi abbiamo subito gol incredibili e ripeto nella seconda parte il Foggia meritava qualcosa in più".





da Foggiacalciomania

Fabio Pecchia: "Una sconfitta che brucia"

(07/12/2008)
Pecchia capitano del Foggia con volto malinconico commenta la sconfitta. "Una sconfitta maturata contro una squadra ben organizzata. Una squadra che ripartiva molto bene in contropiede. Peccato per come è andata, abbiamo avuto l´occasione per pareggiare ma non ci siamo riusciti. Ora rimbocchiamoci le maniche e continuiamo a lavorare. Torniamo a casa con zero punti, in un momento in cui pesa questa sconfitta, ci dispiace per i nostri tifosi che ci seguono ovunque. Oggi abbiamo commesso troppi errori, il Lanciano ha tenuto ritmi altissimi, grosso merito alla squadra abruzzese. Adesso dobbiamo esaminare con calma per quello che è successo e lavorare senza guardare la classifica".





da Foggiacalciomania

MANFREDONIA: Pareggio interno contro il Monopoli

(07/12/2008)
Non va oltre il pareggio il Manfredonia contro il Monopoli. I sipontini passano in vantaggio al 37´ grazie alla rete messa a segno da Napoli, il pareggio del Monopoli al 43´ grazie a Ceccarelli.










da Foggiacalciomania

Morante: "Tre punti in prospettiva salvezza"

(07/12/2008)
Daniele Morante ai microfoni di Conto TV. "Abbiamo ottenuto la terza vittoria consecutiva, siamo tutti felici per i tre punti strappati al Foggia, una squadra che oggi era giunta qui a Lanciano per far sua la gara".












da Foggiacalciomania

Di Francesco: "Il Foggia non ha mai mollato"

(07/12/2008)
Di Francesco tecnico del Lanciano commenta la vittoria. "Una vittoria voluta dai miei ragazzi, onore al Foggia una squdra che non molla mai. Una squadra che gioca un ottimo calcio, li ricordo contro la Paganese. Grazie ai miei ragazzi per l´ottima prestazione offerta oggi al Biondi. Alfamede insieme a tutta la squadra hanno offerto un buon calcio, siamo riusciti a sfruttare al meglio le occasioni avute. Abbiamo concesso molto spazio al Foggia e alla fine abbiamo rischiato, poi abbiamo segnato le ultime due reti e chiuso la gara".








da Foggiacalciomania

Valentina Maio: "Orgogliosa del mio Lanciano"

(07/12/2008)
Valentina Maio presidente del Lanciano commenta la strepitosa vittoria della sua squadra sul Foggia. "Non ci credo ancora alla terza vittoria consecutiva conquistata oggi contro il Foggia. Siamo orgogliosi di questa squadra, passa dopo passo andiamo avanti per la nostra strada. Complimenti al Foggia e al suo presidente Capobianco insieme a tutto il suo staff, gran signori giunti oggi qui a Lanciano, peccato per la loro sconfitta, mi dispiace ma questo è il gioco del calcio".







da Foggiacalciomania

Virtus Lanciano-Foggia 5-2 Umiliante sconfitta dei satanelli

(07/12/2008)
Il Foggia esce ´bastonato´ dal Biondi di Lanciano. Espulso anche Bremec nella ripresa, le reti del Lanciano portano la fime di Alfageme per lui doppietta, Colussi, Coletti per il Foggia accorcia le distanze, poi ancora Lanciano, Salgado rimette il Foggia in gioco, poi la mazzata finale dell´espulsione di Bremec e le ultime due reti di Morante e Romano, da segnalare sul 3 a 2 un gol ´mangiato da Del Core in area di rigore.
Per il Foggia è giunto il momento di meditare...
In serata la cronaca dettagliata della sonora sconfitta subita da Pecchia e compagni.






da Foggiacalciomania

Novelli:"troppo fermi nel primo tempo"

(07/12/2008)
Novelli:"Abbiamo sofferto nel primo tempo la fisicità, la forza fisica dell´avversario. Ci hanno aggredito e tolto gli spazi vincendo i contrasti nell´uno contro uno. Nella ripresa partita diversa, abbiamo creato diverse palle gol con movimenti di prima e senza palla, ma commettendo molti errori individuali. La squadra nella ripresa ha giocato trenta minuti a ritmi elevati nella metà campo avversaria creando diverse palle gol, ma nel calcio se non concretizzi o commetti qualche errore gli avversari ti puniscono. Dobbiamo sempre creare tante palle gol per metterne una dentro, agli avversari ne basta una per segnare. Sotto l´aspetto della personalità e del gioco nella seconda parte la squadra mi è piaciuta. Non mi nascondo dietro agli alibi delle assenze. Chi ha giocato in difesa ha fatto bene. Certo ci sono da correggere sia errori in fase collettiva che individuale. Mi preoccupa però il primo tempo per l´assenza di movimenti senza palla".



Domenico Carella da Calciofoggia

Pecchia:"Bruciano tanto i cinque gol"

(07/12/2008)
Pecchia:"E´ stata una brutta sconfitta. Il 5-2 brucia oltre misura. Abbiamo commesso molti errori ma nel secondo tempo la partita l´abbiamo condotta bene contro una squadra ben organizzata. Sotto porta dobbiamo essere più concreti. Le assenze? Questo gruppo lavora da luglio tutto insieme ed è fatto da professionisti seri. A Marcianise abbiamo fatto una brutta partita ed abbiamo perso uno a zero; oggi il 5-2 brucia ben al di là degli errori commessi. La sconfitta di oggi pesa molto in relazione anche al momento che stiamo vivendo. Ci dispiace per i tifosi giunti qui numerosi, spero che non abbia ulteriori strascici. Dovremmo dare qualcosa in più a questa gente...uscire da questo campo con cinque gol sul groppone mi sembra davvero troppo. Adesso riesaminiamo con calma quello che è successo senza guardare la classifica".



Domenico Carella da Calciofoggia

Di Francesco:"Cinque gol alla miglior difesa"

(07/12/2008)
Di Francesco:"Abbiamo portato a casa un risultato con un bell´atteggiamento e grande aggressività. Abbiamo sofferto perchè il Foggia non molla mai, ha grandi qualità in attacco ma noi siamo stati bravi ad infilarli. Prima della partita ho guardato i numeri: loro erano la miglior difesa, noi la peggiore. Nonostante questo abbiamo fatto cinque gol ad una squadra costruita per vincere. Alfageme non ha mai segnato molto, oggi ha fatto due gol e mi auguro che continui perchè i suoi gol ci servono".








Domenico Carella da Calciofoggia

Morante:"Tre punti per la salvezza"

(07/12/2008)
Morante:"Venivamo da due risultati importanti e, come si dice, non c´è due senza tre. Festeggiamo un successo contro una squadra forte, con calciatori importanti. E´ la quarta vittoria consecutiva in casa a testimonianza della nostra forza tra le mura amiche. Il Foggia nel finale buttava queste palle lunghe per cercare la spizzata sugli esterni noi siamo stati bravi a giocare in contropiede. Questi tre punti ci servono per la salvezza".







Domenico Carella da Calciofoggia

Maio:"Orgogliosa dei miei ragazzi"

(07/12/2008)
Maio:"Sono Orgogliosa dei miei ragazzi. Tre vittorie consecutive sono tanto soprattutto alla luce del nostro inizio di campionato. Tutti bravi, sono compatti, il gruppo si è amalgamato e finalmente sono riusciti a concretizzare il gioco in risultati. Faccio i complimenti al Foggia e al suo staff, mi dispiace per i cinque gol presi ma loro siamo stati i migliori".
Domenico Carella










da Calciofoggia

Virtus Lanciano - Foggia 5 - 2 Arbitro: La Mura Cielo: Sereno - Spettatori:- 500 foggiani

(7/12/2008)
95' FISCHIO FINALE
94' E´ Romano a siglare la cinquina
94' GOL DEL LANCIANO
90' Gol sbagliato gol subito. Morante in contropiede chiude la gara
90' GOL DEL LANCIANO
89' INCREDIBILE...Del Core non riesce a colpire bene al volo il pallone da solo davanti al portiere
87' Entra Burzigotti esce Colomba
85' Il portiere è uscito per chiudere lo specchio della porta a Morante, toccando la palla con le mani
85' ESPULSO BREMEC
82' CLAMOROSA OCCASIONE PER IL FOGGIA. Troianiello dal limite dell´area piccola tira altissimo sulla traversa
82' Entra Vincenti esce Mammarella
78' Entra Morante esce Colussi
75' Cross di Piccolo per Salgado che di testa non riesce a girare in porta con la necessaria forza
73' Entra Amenta esce Alfageme, autentico spauracchio per la difesa del Foggia
72' Fuorigioco di rientro fischiato a Del Core
72' Cross di Turchi per Alfageme che non arriva alla deviazione aerea
68' Troianiello perde l´attimo per il cross e porta la palla oltre la linea di fondo
67' Fuorigioco per Alfageme
65' Conclusione di Troianiello altissima
64' Ammonito Colucci per proteste
64' Azione pericolosa per il Lanciano. Alfageme e bremec si scontrano tra le proteste del pubblico l´arbitro lascia continuare
64' Calcio di punizione per il Foggia: Pecchia si fa ribattere due volte la conclusione poi palla a Piccolo che prova la conclusione ma il portiere para
62' GOL DIVORATO DAL FOGGIA. Del Core si invola ma invece di passare al centro per il liberissimo Salgado prova un´improbabile conclusione ed il portiere para
60' Finalmente salgado. Lancio lungo (l´ennesimo) per Salgado che incrocia al volo di sinistro. Palo interno e gol
60' GOOOOOOOOOOOL DEL FOGGIAAAAAAA
60' Gol annullato a Del Core per fuorigioco. L´azione lascia dei dubbi
58' Adesso il Lanciano rallenta i ritmi
56' Ammonito Daleno per fallo su Troianiello
55' Anche bremec sbaglia, tempi sballati nell´uscita alta e palla servita agli attaccanti avversari che non ne approfittano
52' Entra Piccolo ed esce Trezzi
51' E´ pronto ad entrare Piccolo
51' Ammonito el Kamch per fallo su Troianiello
51' Ancora Lanciano pericoloso. Colucci supera come un birillo Coletti ed entra in area, mette al centro ma libera D´amico
50' Contropiede fulminante. Palla di Romano per Alfageme il cui tiro viene deviato fortuitamente in porta da Rinaldi
50' GOL DEL LANCIANO
45' Punizione dai venticinque metri di Coletti, palla che prende il palo e ribatte su Aridità prima di finire in rete
45' GOOOOOOOOOOOL DEL FOGGIAAAAAAAAAA!
45' Nessun cambio nel Foggia ma si scalda Piccolo
45' INIZIO SECONDO TEMPO
45' Rientrano in campo le squadre
45' FINE PRIMO TEMPO
44' Probabilmente la posizione era regolare
44' Fuorigioco per Pecchia
42' Ancora un calcio di punizione che il Foggia si fa ribattere per poi veder gli avversari ripartire in contropiede
42' Foggia bruttissimo. Molti passaggi lunghi, tanti passaggi corti sbagliati
40' Alfageme divora un gol. Prima supera Lisuzzo poi si fa recuperare in angolo dallo stesso
36' Il Foggia passa al 4-2-4
36' Troianiello rientra sul sinistro al limite dell´area ma invece di passare la sfera prova un ulteriore dribbling. Palla persa
32' Fuorigioco di Del Core
30' Clamoroso errore del Foggia. Provata una nuova battuta rapida del calcio di punizione, il Lanciano recupera il pallone e con Romano entra in area dalla sinistra, rasoterra al centro per Colussi che deve solo appoggiare nella rete sguarnita
30' GOL DEL LANCIANO
30' Risponde subito il Foggia con Del Core che si fa anticipare di un soffio da Aridità
30' CLAMOROSO ERRORe di troianiello che con il Foggia sbilanciato perde palla. Contropiede avversario con Romano che cade in area ma l´arbitro lascia continuare
26' Salgado mette al centro un cross di prima per del core ma il difensore riesce ad anticipare l´azione
26' Adesso è il Foggia a manovrare
22' Nell´azione precedentemente descritta si fa male Del Core per un colpo ricevuto alla testa
22' Combinazione Del Core - Troianiello. L´esterno prova ad entrare in area ma viene contrastato efficacemente dai difensori
20' Ammonito Del Core per proteste
16' Buona pressione del Lanciano che costringe il Foggia ad impostare con lanci lunghi
12'Ammonito Alfageme per essersi tolto lamaglia durante l´esultanza
12' Cross di Turchi per Colussi che di testa impegna Bremec. Il portiere devia verso l´esterno dove Alfageme, lasciato libero da colomba, può appoggiare comodamente in gol
12' GOL DEL LANCIANO
10' Palla in profondità per Troianiello che si porta avanti il pallone di testa ma sbaglia la misura trascinandosi il cuoio fuori dal campo
8' AZIONE PERICOLOSA PER IL FOGGIA. Pecchia batte velocemente un calcio di punizione, Troianiello si invola sul lato piccolo dell´area di rigore, palla rasoterra sul primo palo per Trezzi che di destro prova a deviare ma prende l´esterno della rete
6' Sugli sviluppi dell´angolo Turchi prova la conclusione dalla distanza ma è debole e Bremec para
6' PARATA DI BREMEC. Punizione di Mammarella dai trenta metri. Il portiere catalano si allunga e mette in angolo
5' Palla in profondità per Troianiello che salta l´avversario diretto, rientra e crossa ma la palla è troppo lunga per Del Core
5' Conclusione da fuori area di Salgado. La palla esce alta sulla traversa
2' Lanciano più manovriero in questo avvio di partita
2' Azione pericolosa per il Lanciano. Colussi difende palla spalle alla porta e serve con un passaggio corto Volpe. Il tiro del trequartista viene neutralizzato da Bremec
0' Foggia disposto secondo il 4-3-3 con Trezzi, all´esordio da titolare, nella posizione di interno destro della linea mediana
0' INIZIO PARTITA
0' Foggia in tenuta bianca' Il calcio d´inizio sarà battuto dal Lanciano. Il Foggia attaccherà da destra verso sinistra rispetto alla tribuna centrale a, Lanciano nella classica tenuta a strisce rosse e nere
0' Le squadre fanno il loro ingresso in campo
0' Ancora una volta la curva dei tifosi del Foggia è più piena di quella dei padroni di casa.
0' Come consuetudine Novelli sta facendo scaldare tutti i calciatori a sua disposizione
0' Buon pomeriggio dalla redazione di Calciofoggia.it. Sole e vento a Lanciano, come era stato preannunciato nell´articolo "ON THE ROAD".

facebook

sfoglia    novembre        gennaio

Cerca, Rss, Atom e Counter
Ricerca personalizzata
Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0   Feed ATOM di questo blog  Atom


Link
A
ac-perugia.com
acmonzabrianza.it
acspezia.com
agenfax.it
alessandriacalcio.it
allvideo
amarantomagazine.it
arezzonotizie.it
asandriabat.it
B
beneventocalcio.it
bettiamo.net
blog.football.it
blunote.it
bondolasmarsa
br73.net Pistoia
bustocco.it
C
calciatori.com
calciocampano2009
calciocomo190
calciofoggia.it
calcioland.forumfree
calciomatto
calciomercato.com
calcionapoletano
calciopiu.net
calciopress.net
calcioscommesse.myblog.it
calcioseriec.blogspot.com
calciotoscano.it
cavese
cavanotizie.it
click4soccer.com
coni.it
corrierediarezzo.it
corrieredicomo.it
cremonaweb.it
D
datasport.it
diretta.it
direttagol.it
E
e-cremonaweb.it
esperiaviareggio.it
eurosport.yahoo.com
F
fccrotone.blogspot.com
febbrea90.com
figc.it
foggiacalciomania.com
foggialandia.it
foggiaweb.it
folignocalcio.com
folignocalcio.it
forzacavese.net
forzalucchese.net
forzanovara.net
forzapescara.com
forzaspal
G
gazzettalucchese.it
goal.com
H
hellastory.net
hellasverona.it
hellasweb.it
I
ilgrecale.it
ilpallonaro.com
ilquotidianodellabasilicata.it
ilquotidianodellacalabria.it
ilsatanello.it
ioamoilcalcio.myblog.it
infobetting.com
italiadelcalcio.it
L
la_c1.ilcannocchiale.it
lanciano.it
larena.it
leccosportweb.it
lega-calcio.it
lega-calcio-serie-c.it
legaproprimadivisione
leggonline.it
livescore.com
Live score
loschermo.it
lospallino.com
lostregone.net
lumezzanecalcio.it
M
madeinandria.it
mondorossoblu.it
N-O
noitv.it
P
paganese.it
paganesecalcio.com
pescaracalcio.com
portogruarosummaga.it
primadanoi.it
primadivisionew
primadivisione
pronostici1x2
pronostici serie A
prosestonews
Q
qn.quotidiano.net
R
radioemme.it
raisport.rai.it
ravennanotizie.it
realsports.it
reggianacalcio.it
reggianasupporters.it
resport.it
riminicalcio.com
S
salernonotizie.it
sanniocalcio.it
scommesse.betfair.it
seriec1.ilcannocchiale.it
seriec1.wordpress.com
soccerpuglia.it
socialcalcio.com
solocalcio.com
solopescara.com
sorrentocalcio.com
sportal.it
sportcity-ricio
sportedintorni.blogspot.com
sporterni.it
sportevai.it
sportitalia.com
sportoggi.com
sportpeople.net
sportvintage.blogspot.com
ssjuvestabia.it
sslanciano.it
stabia1907.it
stabiachannel.it
stampasud.it
T
tarantosera.com
tarantosupporters.com
teleradioerre.it
ternanacalcio.com
terninrete.it
terzaserie.myblog.it
tifo-e-amicizia.it
tifogrifo.com
tifosigallipoli
tifosiportogruaro
tuttalac.it
tuttocalciatori.net
tuttocalcio.it
tuttolegapro.com
tuttomercatoweb.com
tuttosport.com
tuttosporttaranto
tvgratisnet.iobloggo.com
tvoggisalerno.it
U
ultrassamb
uscremonese.it
usfoggia.it
V
varese1910.it
varesenews.it
vascellocr.it
vastocalcio
viaroma100.net
virtuslanciano
Z
zonacalcio.it

Siti rimossi

Gossip&sport

Cinema italiano
cinemaitaliano.info
trovacinema.repubblica.it
Nuovi
bg vs fq pr dago
notiziariocalcio
ilnuovocorriere
asgubbio1910
forzanocerina
piacenzacalcio
triestinacalcio
comunicatemi
chi ho dimenticato
e sarà inserito,
o rimosso per chi vuol essere cancellato

....ed è naturalmente gradito
un link a questo blog
nei vostri siti o blog
grazie



Meteo











 
 
fai.informazione.it Wikio - Top dei blog Wikio - Top dei blog Add to Google intopic.it Blog360gradi - 

L’aggregatore di notizie a 360°  provenienti dal mondo dei blog! who's online Sito ottimizzato con 

TuttoWebMaster TOP 100 

SOCCER SITES TopSportSites.com :: A 

Sports Discussion Community Top Italia Registra 

il tuo sito nei motori di ricerca liquida.it social network Notizie, immagini e video dai blog italiani su Liquida top 100 sports sites My BlogCatalog 

BlogRank urltrends reports BlogNews Questo Blog e' 

Strabello! e il tuo?

Cynegi Network
linkto.org

  Powered by  MyPagerank.Net
 

seriec1

↑ Grab this Headline Animator

  View blog authority
   
 


blinko jonny groove
rcsmobile belen

lastminute
musicbox

edreams

better
blinko grandi sorelle


Rubbrica telefonica


Elenco per nome


Elenco per ruolo