235 Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio Ecco la classe privilegiata: Sosa, Barrios Silva e Barrotti, ovvero quando fare la spesa diventa problema. | seriec1 | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

logo di seriec1.ilcannocchiale.it rassegna stampa della lega pro prima divisione
Blog letto 11513654 volte












div>

Tim Cup 2009/2010, Risultati completi,
Tabellone, Regolamento

Coppa Italia 2009/2010
Risultati e Calendario
Siti Ufficiali


prima pagina della Gazzetta dello Sport

prima pagina del Corriere dello Sport

prima pagina di Tuttosport

il cirotano



Verdetti 2010-2011
Retrocesse dalla serie B
Frosinone Portogruaro
Triestina Piacenza
Promosse dalla 2a Div
Tritium Carpi
Latina FeralpiSalò
Carrarese Trapani
Retrocesse in 2a Div
Paganese Cavese
Monza Sudtirol
Ternana Cosenza
Promosse in serie B
Gubbio Nocerina
H.Verona Juve Stabia


Supercoppa 2010-2011
22 - 26 maggio
Gubbio Nocerina 1 - 1
Nocerina Gubbio 0 - 1
Vincente: Nocerina


Play Off Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Verona Sorrento 2 - 0
Salernitana Alessandria 1 - 1
Girone "B"
Juve Stabia Benevento 1 - 0
Taranto A. Roma 0 - 1
5 giugno 2011
Girone "A"
Sorrento Verona 1 - 1
Alessandria Salernitana 1 - 3
Girone "B"
Benevento Juve Stabia 1 - 1
A. Roma Taranto 2 - 3
Finali Play Off 2011
Andata 12 giugno
Verona Salernitana 2 - 0
Juve Stabia A. Roma 0 - 0
Ritorno 19 giugno
Salernitana Verona 1 - 0
A. Roma Juve Stabia 0 - 2


Play Out Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Sudtirol Ravenna 1 - 0
Monza Pergocrema 1 - 0
Girone "B"
Viareggio Cosenza 3 - 1
Foligno Ternana 1 - 0
5 giugno 2011
Girone "A"
Ravenna Sudtirol 2 - 1
Pergocrema Monza 1 - 0
Girone "B"
Cosenza Viareggio 0 - 1
Ternana Foligno 1 - 1


Lega Pro 1a Div - Girone A
10a giornata - 25 ott 09
Alessandria Viareggio 0 - 0
Como Arezzo 0 - 0
Classifica - 10a giornata
 1  Novara 24   
 2  Cremonese 22

Serie C1 Rassegna Web Prima Divisione Lega Pro





































sfoglia    novembre        gennaio


19 dicembre 2008

Ecco la classe privilegiata: Sosa, Barrios Silva e Barrotti, ovvero quando fare la spesa diventa problema.

fonte: tarantosupporters.com

Non si tratta di malafede, non può essere malafede. Forse è incuria o conoscenza approssimativa dei fatti. Di certo, qui a Taranto, parlare di calciatori come classe privilegiata è un errore. O almeno lo è per i tre uruguaiani Sosa, Barrios Silva e Barrotti.
Una terra promessa, un mondo diverso
“Noi uruguaiani vediamo all’Italia come terra promessa: non c’è calciatore che non accetterebbe seduta stante di trasferirsi nel vostro paese”. La voce è sibillina anche se il tono è basso; sul sottofondo quella vena di amarezza ironica tipica dei sudamericani. No, per Enzo Barrotti l’Italia non è un paradiso. “All’inizio ero felice di venire qui: grande piazza, stadio stupendo, squadra fortissima. Dopo aver giocato in serie C e B in Argentina pensavo che in Europa avrei potuto fare il salto di qualità. Invece le cose stanno andando diversamente da come credevo”. Qualche minuto qua e là, a partita quasi sempre già decisa, poi quasi sempre panchina o tribuna. Ma il problema non è questo. Il problema non è solo il non giocare.
Se potessi avere 1.300 euro al mese
Portato al Taranto da D’Ippolito, quando parla di contratto Enzo Barrotti mostra immediatamente il candore e l’ingenuità dei suoi ventitrè anni. “Non ne capisco niente ma dovrebbe aggirarsi intorno ai 1.300 euro al mese”. Una cifra tutt’altro che da privilegiati, insomma: un operaio specializzato dell’Ilva ne prende sicuramente di più. Ma uno stipendio sufficiente per vivere con dignità. A patto, però, che i soldi arrivino ogni mese.
E se le potessi avere anche con puntualità?
A Taranto le buste paga sono oggetto non identificato: fino ad oggi la maggior parte dei calciatori ha ricevuto una sola mensilità. Per alcuni, come dice a giusta ragione Blasi, il problema è sopperibile. Per altri, come i tre uruguaiani, un po’ meno. “Quanto ho preso fino ad oggi? Circa 2.500 euro. Però di affitto pago 500 euro al mese e ad un certo punto mi sono detto: o pago quello o mangio. Allora sono andato a chiedere i soldi al mio procuratore. La situazione, insomma, è difficile. Certe volte, di notte, prima di dormire, sogno di essere di nuovo a casa mia, in Uruguay, dalla mia famiglia”. Enzo Barrotti, che peraltro fra i tre sudamericani è il più retribuito, la sua avventura in Italia se l’aspettava leggermente diversa. Invece lui e Barrios Silva, che vivono insieme (Sosa è sposato e vive con la moglie) sono quasi abbandonati a se stessi. Poco campo, niente soldi. “E niente macchina. Anche solo per andare al supermercato, fra andata e ritorno, sono più di due chilometri”. In ogni caso quella vena di amarezza ironica non si scolla ancora dal suo timbro: per tutta l’intervista è impossibile scucirgli una sola parola di biasimo alla società. “Quella di Taranto è pur sempre un’esperienza che servirà a farmi crescere”. Il problema vero però è il denaro, il maledetto denaro. “Ci sono stati e ci sono ancora dei giorni in cui abbiamo davvero delle grandi difficoltà nel poter fare la spesa”.
Dal letame nascono i fiori
I nomi spesso si tacciono: non questa volta. Perché per venire in soccorso dei tre uruguaiani a Taranto è successa una cosa bella, che in molti hanno fatto passare inosservata: la squadra si è riunita e capeggiata da Pastore, Prosperi e Migliaccio, ha organizzato una raccolta di soldi. “Ci hanno aiutato tantissimo e gliene saremo sempre grati. Adesso però è Natale e speriamo che la società si ricordi di noi” . Già, fra pochi giorni è Natale. In Italia come in Uruguay.
E’ Natale, è Natale, si può fare di più?
Lo passeranno fra di loro, questo Natale, gli uruguaiani del Taranto Sport. “Se mi piacerebbe tornare a casa? Certo, ma è impossibile: i soldi per l’aereo dove li trovo? Starò con Barrios Silva e Sosa. In Uruguay, se la società mi paga, ci potrò tornare solo a fine stagione”.
Intanto, sotto l’albero, i tre ragazzi sudamericani non chiedono di trovare oro, incenso e mirra. Gli basterebbe un datore di lavoro che rimediasse alla propria incuria o alla conoscenza approssimativa dei fatti (non si tratta di malafede, non può essere malafede...).
Che invece di chiederle soltanto, la pace e il bene, ne portasse anche. Pietro Cinieri

Benvenuto Mr. Stringara

 
E’ arrivato l’uomo di categoria. Finalmente una scelta sensata. Toccherà a lui gestire le fibrillazioni dello spogliatoio e cercare di dissuadere chi ha già le valigie pronte; senza rimpianti, ci mancherebbe. Troppo sospetta è la lista degli infortunati che apprendiamo dai giornali. Ma quella di domenica prossima contro il Sorrento, match salvezza, è l’ultima domenica agonistica della stagione. L’ennesima in uno Iacovone a porte chiuse (speriamo l'ultima). La pioggia di questi giorni sta ritardando la tracciatura della linea wireless. L’anno che verrà vedrà facce nuove e, speriamo, più motivate.
Una sfida che Mr. Stringara ha accettato. E a noi piacciono le persone che si mettono in gioco; resta da valutare quando le buone intenzioni del Sig. Blasi si tramuteranno in azioni e quando durerà la “pax blasiana” con il resto del mondo. In attesa, ci godiamo la tregua unilaterale.

Alla fine Di Canio non è venuto. Meglio così, visto che la sola trattativa aveva portato delle mani con pruriti reazionari a graffitare l’ingresso spogliatoi con simboli che nulla hanno a che vedere con il pallone.
Questo per significare, ancora una volta, quanto pericolosamente inutile poteva essere la presenza di Di Canio a Taranto e quanto, invece, sia importante salvaguardare l’unità della tifoseria. Inutile parlarci addosso: la tifoseria è disunita più che mai e ci vorrà tempo e pazienza prima che i cocci si rimettano a posto ma l’effetto Di Canio sarebbe stato davvero deflagrante.
Taranto – Massese è solo un esempio di cosa può succedere quando il livello di scontro supera gli argini della dialettica. Per un film che non vorremmo mai più replicare.

di Michele Pennetti per Il Corriere dello Sport (16/12/2008)
 

Taranto, mi esalti

 
TARANTO - Paolo lo stesso, ma non è Di Canio. Il nuovo allenatore del Taran­to, il ricettore di un'eredità che intrec­cia stimoli e insidie come in un simme­trico meccanismo ad orologeria, ri­sponde al nome di ( Paolo) Stringara. Contratto semestrale, per l'ex tecnico di Livorno, Pistoiese, Torino e Lucche­se (nonché ex calciatore di Bologna e Inter). Obiettivo elementare: far uscire dalla sala di rianimazione e portare in salvo, possibilmente senza passare dai play out, una squadra ferita dai graffi di tre sconfitte consecutive e prossima ad un voluminoso restyling sul merca­to di gennaio. Ad affiancare il successo­re di Dellisanti, nel ruolo di secondo, sarà Maurizio Vincioni. Nello staff del settimo nocchiero dell'era Blasi resta­no, in qualità di preparatore dei portie­ri e preparatore atletico, Gianfranco Degli Schiavi (in panchina a Potenza) e Paolo Redavid.
RIVOLUZIONE - L'ufficialità dell'ingag­gio si è avuta nella tarda mattinata di ieri, dopo che le dimissioni di domeni­ca sera del vice presidente Selvaggi avevano in un gesto solo ostruito irri­mediabilmente la pista che conduceva a Di Canio. La garanzia per l'ex laziale, infatti, era costituita proprio dalla presenza del campione del mondo in seno all'organico societario. Andato via Sel­vaggi, però, il presidente ha riflettuto, provveduto a colmare il vuoto e rilan­ciato. Così si spiega la sua ricomparsa alla conferenza stampa di presentazio­ne di Stringara, tenutasi ieri sera in un albergo di Castellaneta Marina. Nem­meno fosse seduto sul banco degli im­putati, quasi per ammissione di colpa, Blasi ha diramato i dettagli dell'inversione di rotta: « Azzero tutto, si riparte daccapo. Fate finta che oggi sia il mio primo giorno da massimo dirigente. Mai e poi mai mi sarei sognato di ab­bandonare questa maglia che per me è orgoglio e sofferenza. Basta polemiche, basta veleni. Naturalmente se qualcu­no sarà interessato a rilevare la socie­tà - ma è di ieri la smentita da parte dell'imprenditore D'Addario - oppure a integrare il mio progetto, resterò a di­sposizione per ascoltarlo. Se ciò non accadrà, continuerò a lavorare con la massima abnegazione e punterò a ri­creare entusiasmo tra i tifosi. Molti gio­catori sbuffano per la mia gestione? Tanti calciatori vogliono lasciare il no­stro spogliatoio? Sarò chiaro pure con loro. Chi vorrà andarsene, sarà accon­tentato con la rescissione del contratto e comunque a gennaio ci muoveremo con decisione sul mercato. Adesso oc­corre mettere Stringara nelle condizio­ni di operare al meglio » .
L'ALLENATORE - E lui, Paolo il freddo e di poche parole, ha scoperto le tavole dei suoi comandamenti: « La promessa che mi sento di fare è massimo impe­gno, ad ogni livello. Una situazione co­me quella che sta vivendo il Taranto non mi spaventa, anzi mi esalta, mi re­gala motivazioni straordinarie. Sono convinto che, cominciando da una ba­se del genere, si possano ottenere risultati significativi. Come giocherà la mia squadra? Non sono un tecnico che si adatta alle formazioni avversarie, ma agli uomini che ha a disposizione. Stu­dierò la formula più efficace, dopo aver valutato per bene le risorse che ho in organico. Fine delle chiacchiere, ora lasciamo parlare il campo ». Blasi, lì di fianco, sospirava e incrociava le dita.

Ex Bologna, ha vinto una Uefa con l’Inter. Ha allenato Livorno Modena e Perugia

Paolo Stringara è nato ad Orbetello il 22 settembre 1962. Cresciuto nel vivaio dell’Inter, è stato centrocampista della formazione nerazzurra nel 1990-91 (ha vinto l’Uefa) e da calciatore ha indossato anche le maglie di Siena, Bologna (promosso in A nell’88) e Avellino. Da allenatore ha vinto al debutto il campionato di D nel 1995- ­96 con l’Iperzola. Nel ’96 ha esordito in C2 col Livorno, poi ha allenato Modena, Viterbese, L’Aquila, Pistoiese, Spezia e Perugia. Nel 2006 - ­07 l’ultima esperienza alla Lucchese. Nel 2005 avrebbe dovuto guidare il Toro, ma con l’arrivo di Cairo la squadra fu affidata a De Biasi.

Nella foto: il presidente Blasi e Stringara (Arcieri)

Blasi: “Scurdammoce o’ passate…”

 
Doveva essere la presentazione di Mister Stringara. Invece, a sorpresa, abbiamo assistito in splendida solitudine ad un “one man show” del Sig. Blasi (che si è stato tranquillizzato dai suoi più stretti collaboratori sul numero dei tifosi presenti prima di uscire allo scoperto…).

Nelle intenzioni (?) niente più precarietà fatta sistema.
Si passa subito al sodo. Il Sig. Blasi fa un inaspettato passo indietro: annuncia alla stampa che farà di tutto per salvare la categoria e chiede pubblicamente a Studio 100 di svelenire l'ambiente, affermando altresì che non attaccherà più nessuno.
Sarà presente perchè il presidente ci tiene tanto al Taranto e l’arrivo di un tecnico di categoria sta a dimostrarlo.

Sempre il Sig. Blasi a ruota libera: si interverrà sul mercato in maniera adeguata.
Con Selvaggi i rapporti restano ottimi (il presidente ha appreso delle dimissioni irrevocabili di Spadino dalle tv) mentre con alcuni calciatori il rapporto è definitivamente incrinato e a gennaio andranno sicuramente via.

Sempre Blasi con una ridda di buoni propositi: “ricominciamo oggi come se fosse il primo giorno. Come se avessi acquistato il Taranto oggi”.
Poi, una serie di notizia in libertà, slegate dalla stretta attualità: “lo stipendio di ottobre dei calciatori non deve interessare né alla stampa nè alla tifoseria perchè questi emolumenti sono garantiti dalla lega”.
Non solo: apprendiamo che il presidente nei giorni scorsi è stato ricoverato al San Raffaele per problemi di cuore e pressione.

Lo stato generale della Taranto Sport è tutto presente: c’è il DG Galigani (in silenzio per tutta la durata della conferenza), Ursini (che ci chiederà se siamo soddisfatti delle parole del Sig. Blasi…) , Pellegrini e il Mister .
Terminata la conferenza stampa con Stringara che annuncia i soliti buoni propositi e buone intenzioni per una salvezza tutta da conquistare con una squadra da rifondare completamente (e vedremo come e con chi).

Se volessimo sviscerare il Blasi pensiero in due parole: "Scurdammoce o' passate"... tanti buoni propositi, proclami all'unità... la curiosità ci pervade e la domanda nasce spontanea: quanto durerà?
 

facebook

sfoglia    novembre        gennaio

Cerca, Rss, Atom e Counter
Ricerca personalizzata
Blog letto 11513654 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0   Feed ATOM di questo blog  Atom


Link
A
ac-perugia.com
acmonzabrianza.it
acspezia.com
agenfax.it
alessandriacalcio.it
allvideo
amarantomagazine.it
arezzonotizie.it
asandriabat.it
B
beneventocalcio.it
bettiamo.net
blog.football.it
blunote.it
bondolasmarsa
br73.net Pistoia
bustocco.it
C
calciatori.com
calciocampano2009
calciocomo190
calciofoggia.it
calcioland.forumfree
calciomatto
calciomercato.com
calcionapoletano
calciopiu.net
calciopress.net
calcioscommesse.myblog.it
calcioseriec.blogspot.com
calciotoscano.it
cavese
cavanotizie.it
click4soccer.com
coni.it
corrierediarezzo.it
corrieredicomo.it
cremonaweb.it
D
datasport.it
diretta.it
direttagol.it
E
e-cremonaweb.it
esperiaviareggio.it
eurosport.yahoo.com
F
fccrotone.blogspot.com
febbrea90.com
figc.it
foggiacalciomania.com
foggialandia.it
foggiaweb.it
folignocalcio.com
folignocalcio.it
forzacavese.net
forzalucchese.net
forzanovara.net
forzapescara.com
forzaspal
G
gazzettalucchese.it
goal.com
H
hellastory.net
hellasverona.it
hellasweb.it
I
ilgrecale.it
ilpallonaro.com
ilquotidianodellabasilicata.it
ilquotidianodellacalabria.it
ilsatanello.it
ioamoilcalcio.myblog.it
infobetting.com
italiadelcalcio.it
L
la_c1.ilcannocchiale.it
lanciano.it
larena.it
leccosportweb.it
lega-calcio.it
lega-calcio-serie-c.it
legaproprimadivisione
leggonline.it
livescore.com
Live score
loschermo.it
lospallino.com
lostregone.net
lumezzanecalcio.it
M
madeinandria.it
mondorossoblu.it
N-O
noitv.it
P
paganese.it
paganesecalcio.com
pescaracalcio.com
portogruarosummaga.it
primadanoi.it
primadivisionew
primadivisione
pronostici1x2
pronostici serie A
prosestonews
Q
qn.quotidiano.net
R
radioemme.it
raisport.rai.it
ravennanotizie.it
realsports.it
reggianacalcio.it
reggianasupporters.it
resport.it
riminicalcio.com
S
salernonotizie.it
sanniocalcio.it
scommesse.betfair.it
seriec1.ilcannocchiale.it
seriec1.wordpress.com
soccerpuglia.it
socialcalcio.com
solocalcio.com
solopescara.com
sorrentocalcio.com
sportal.it
sportcity-ricio
sportedintorni.blogspot.com
sporterni.it
sportevai.it
sportitalia.com
sportoggi.com
sportpeople.net
sportvintage.blogspot.com
ssjuvestabia.it
sslanciano.it
stabia1907.it
stabiachannel.it
stampasud.it
T
tarantosera.com
tarantosupporters.com
teleradioerre.it
ternanacalcio.com
terninrete.it
terzaserie.myblog.it
tifo-e-amicizia.it
tifogrifo.com
tifosigallipoli
tifosiportogruaro
tuttalac.it
tuttocalciatori.net
tuttocalcio.it
tuttolegapro.com
tuttomercatoweb.com
tuttosport.com
tuttosporttaranto
tvgratisnet.iobloggo.com
tvoggisalerno.it
U
ultrassamb
uscremonese.it
usfoggia.it
V
varese1910.it
varesenews.it
vascellocr.it
vastocalcio
viaroma100.net
virtuslanciano
Z
zonacalcio.it

Siti rimossi

Gossip&sport

Cinema italiano
cinemaitaliano.info
trovacinema.repubblica.it
Nuovi
bg vs fq pr dago
notiziariocalcio
ilnuovocorriere
asgubbio1910
forzanocerina
piacenzacalcio
triestinacalcio
comunicatemi
chi ho dimenticato
e sarà inserito,
o rimosso per chi vuol essere cancellato

....ed è naturalmente gradito
un link a questo blog
nei vostri siti o blog
grazie



Meteo











 
 
fai.informazione.it Wikio - Top dei blog Wikio - Top dei blog Add to Google intopic.it Blog360gradi - 

L’aggregatore di notizie a 360°  provenienti dal mondo dei blog! who's online Sito ottimizzato con 

TuttoWebMaster TOP 100 

SOCCER SITES TopSportSites.com :: A 

Sports Discussion Community Top Italia Registra 

il tuo sito nei motori di ricerca liquida.it social network Notizie, immagini e video dai blog italiani su Liquida top 100 sports sites My BlogCatalog 

BlogRank urltrends reports BlogNews Questo Blog e' 

Strabello! e il tuo?

Cynegi Network
linkto.org

  Powered by  MyPagerank.Net
 

seriec1

↑ Grab this Headline Animator

  View blog authority
   
 


blinko jonny groove
rcsmobile belen

lastminute
musicbox

edreams

better
blinko grandi sorelle


Rubbrica telefonica


Elenco per nome


Elenco per ruolo