235 Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio Portogruaro - Cremonese 1-0, Il gol di Abate che ha condannato la Cremonese a Portogruaro da vascellocr.it | seriec1 | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

logo di seriec1.ilcannocchiale.it rassegna stampa della lega pro prima divisione
Blog letto 1 volte












div>

Tim Cup 2009/2010, Risultati completi,
Tabellone, Regolamento

Coppa Italia 2009/2010
Risultati e Calendario
Siti Ufficiali


prima pagina della Gazzetta dello Sport

prima pagina del Corriere dello Sport

prima pagina di Tuttosport

il cirotano



Verdetti 2010-2011
Retrocesse dalla serie B
Frosinone Portogruaro
Triestina Piacenza
Promosse dalla 2a Div
Tritium Carpi
Latina FeralpiSalò
Carrarese Trapani
Retrocesse in 2a Div
Paganese Cavese
Monza Sudtirol
Ternana Cosenza
Promosse in serie B
Gubbio Nocerina
H.Verona Juve Stabia


Supercoppa 2010-2011
22 - 26 maggio
Gubbio Nocerina 1 - 1
Nocerina Gubbio 0 - 1
Vincente: Nocerina


Play Off Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Verona Sorrento 2 - 0
Salernitana Alessandria 1 - 1
Girone "B"
Juve Stabia Benevento 1 - 0
Taranto A. Roma 0 - 1
5 giugno 2011
Girone "A"
Sorrento Verona 1 - 1
Alessandria Salernitana 1 - 3
Girone "B"
Benevento Juve Stabia 1 - 1
A. Roma Taranto 2 - 3
Finali Play Off 2011
Andata 12 giugno
Verona Salernitana 2 - 0
Juve Stabia A. Roma 0 - 0
Ritorno 19 giugno
Salernitana Verona 1 - 0
A. Roma Juve Stabia 0 - 2


Play Out Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Sudtirol Ravenna 1 - 0
Monza Pergocrema 1 - 0
Girone "B"
Viareggio Cosenza 3 - 1
Foligno Ternana 1 - 0
5 giugno 2011
Girone "A"
Ravenna Sudtirol 2 - 1
Pergocrema Monza 1 - 0
Girone "B"
Cosenza Viareggio 0 - 1
Ternana Foligno 1 - 1


Lega Pro 1a Div - Girone A
10a giornata - 25 ott 09
Alessandria Viareggio 0 - 0
Como Arezzo 0 - 0
Classifica - 10a giornata
 1  Novara 24   
 2  Cremonese 22

Serie C1 Rassegna Web Prima Divisione Lega Pro





































sfoglia    gennaio        marzo


16 febbraio 2009

Portogruaro - Cremonese 1-0, Il gol di Abate che ha condannato la Cremonese a Portogruaro da vascellocr.it

Portogruaro - Cremonese 1-0



Il gol di Abate che ha condannato la Cremonese a Portogruaro. Sotto: Mondonico e Calori (foto Frittoli)

di Alexandro Everet

Sei punti sei. Tanto è il bottino che la Cremonese ha lasciato al PortogruaroSummaga in questo campionato. Una piccola e onesta squadra di giocatori sconosciuti che con molta umiltà ha saputo mettere sotto sia la Cremonese di Iaconi che quella di Mondonico. Risultati imprevedibili alla vigilia del campionato, ma indiscutibili sul campo. Come all'andata, infatti, il PortogruaroSummaga ha meritato ampiamente la sua vittoria, scaturita grazie al gol nel finale di Abate, il migliore in campo.
Alla vigilia della gara avevamo detto che questa, per tanti motivi, poteva essere una trappola per i grigiorossi. E in effetti lo è stata.
I grigiorossi hanno pagato un caro prezzo alle assenze, molto importanti, che hanno penalizzato la squadra: Morfeo, Riganò, Guidetti ma anche Alberto Bianchi e Anzalone (senza dimenticare l'eterno assente Rossi) sono giocatori cui non si può rinunciare a cuor leggero. E infatti in campo la loro mancanza si è sentita tantissima. Inoltre il Portogruaro ha confermato il suo ottimo trend positivo tra le mura amiche: con questa sono 5 vittorie nelle ultime 6 gare con scalpi illustri come Ravenna e Reggiana oltre ai grigiorossi. Numeri che dimostrano quanto, pur con i suoi limiti, la squadra veneta possa far male. E che dimostrano che il fatto di non avere storia, di non avere o quasi tifosi o di giocare in uno stadio piccolo non siano decisivi. In campo poi ci vanno i giocatori e sono loro a fare la differenza. Loro e la voglia di vincere che non deve mai mancare.
E qui veniamo al punto della gara. La Cremonese ha peccato, ma contrariamente a quanto si potrebbe pensare non ha peccato di presunzione. Ha peccato di rinuncia. Mondonico ha fatto esattamente il contrario di quanto attuato a Verona, dove aveva scelto il coraggio venendo ripagato con gli interessi. Stavolta ha scelto la difensiva, l'ostruzionismo, la ricerca del pareggino. Lo ha fatto schierando una punta sola, il povero Coda, che ha giocato quasi sempre a decine di metri dal compagno più vicino. E lo ha fatto soprattutto impostando la squadra con un atteggiamento votato solo al contenimento e alla distruzione. E infatti anche nella ripresa, quando con l'ingresso di Temelin le punte sono diventate due, la gara non è cambiata. Più importante del numero delle punte è infatti l'approccio psicologico e tattico di una squadra e la Cremonese ha giocato sempre per il punticino. Lo dimostra il numero dei tiri dei grigiorossi: un misero tentativo in tutta la gara. Quasi un record negativo.
Certo, sulle scelte di Mondonico avrà influito la consapevolezza dei limiti della squadra in assenza di Morfeo, di Riganò e di Guidetti.

Limiti ribaditi più volte durante il campionato e anche a Portogruaro (tra parentesi la brutta sconfitta conferma una volta di più che la campagna acquisti estiva è stata un fallimento: quella in campo a Portogruaro era infatti la Cremonese costruita in luglio, una formazione che sul campo ha sempre deluso). Limiti che conosciamo benissimo: gioco lento, mancanza di creatività, nessuna capacità di verticalizzazione rapida.

Ma questo non toglie che in un campionato mediocre come questo la capacità di saper rischiare è fondamentale. Basta un filotto di vittorie per ribaltare la situazione con una classifica così corta, ma per ottenere un filotto bisogna provarci. E crederci. E Mondonico non ci ha creduto. A Portogruaro ha scelto la rinuncia e i risultati si sono visti. A Verona aveva scelto diversamente

e i risultati si sono visti.
Poi c'è il discorso dei giocatori. A Portogruaro in tanti hanno deluso. Ma c'è chi può avere giustificazioni e chi non ne ha. A tutti può capitare una giornata storta.. Come successo per esempio a Vitofrancesco, solitamente tra i migliori stavolta deludente. O a Coda, lasciato solo in attacco.

O ad Argilli, che ce la mette tutta ma paga limiti dinamici ormai noti. Molto meno giustificabile l'atteggiamento di chi non gioca con spirito operaio ma con spirito borghese (cioè con impegno, perchè se non ci fosse neppure quello dovremmo pensar male, ma senza il "fuoco

sacro" che ti arde dentro quando credi fermamente in quello che fai). Basti pensare alla partita di Ferrarese. O a quella di Temelin,

entrato in

campo nella ripresa.
Ecco, se a questo punto del campionato ancora non si è capito che in C bisogna vestire la tuta da operai e lottare, sempre e comunque (anche quando si è arrabbiati perchè si parte dalla panchina), qualcosa non va.

La Cremonese paga le assenze e l'atteggiamento rinunciatario. Così cade a Portogruaro

Playoff sempre a tre punti, ma i playout si avvicinano

Nel piccolo stadio "Mecchia" non sono molti i tifosi ad accogliere in campo PortogruaroSummaga e Cremonese. I veneti giocano in granata, i grigiorossi giocano in maglia bianca.
Sin dal calcio d'inizio la partita è bruttina e noiosa, condizionata da un campo infame col pallone che rimbalza spesso in un modo tutto suo. Il gioco è tattico, prevalentemente a centrocampo, spezzettato dai falli, privo di emozioni. Regna un certo equilibrio.


PORTOGRUARO-CREMONESE 1-0
PORTOGRUARO 4-3-1-2
Rossi; D'Alterio, Gargiulo, Madaschi, Gotti; Mattielig, Cuffa, Espinal; Cunico; Cesca, Abate.
A disposizione: Marcato, Specchia, Cherubini, Cardin, Giardina.
All.: Calori.
CREMONESE 3-5-1-1 Paoloni; Argilli, Viali, Cremonesi; Vitofrancesco, Saverino, Fietta, Colucci, Pradolin; Ferrarese; Coda.
A disposizione: G. Bianchi, Davini, Carotti, Tacchinardi.
All.: Mondonico.
SOSTITUZIONI 9' st Pesaresi per Pradolin 9' st Temelin per Saverino 16' st Carboni per Cesca 33' st Gori per Vitofrancesco 35' st Kingsley per Abate.
ARBITRO Di Paolo di Avezzano (assistenti di linea Bambini di Gubbio e De Bortoli di Este).
RETE 31' st Abate.
NOTE Spettatori 1200 circa di cui 150 abbonati (presenti circa 80 tifosi grigiorossi). Incasso non comunicato. Angoli 5-0. Recupero: pt 2'+30'' st 3'. Ammoniti Pradolin, Espinal, Coda, Mattielig, Pesaresi per gioco falloso. Campo in pessime condizioni, giornata freddina ma soleggiata.. Prima del via del match applauso chiamato dallo speaker per ricordare il giornalista locale ed ex segretario del Portogruaro recentemente scomparso Luigi Boretto.

Si segnala al 2' una bella iniziativa sulla sinistra di Espinal con cross respinnto da Cremonesi (che riesce a rinviare pur essendo finito a terra).
Al 7' Saverino discute animatamente con Cesca dopo un duro fallo di quest'ultimo.
Al 9' la Cremonese improvvisamente costruisce una delle migliori occasioni della sua gara: Vitofrancesco sventaglia benissimo sulla sinistra pescando Ferrarese che va via sul filo del fuorigioco ma in posizione regolare, il cross è morbido e a centro area irrompe Viali che tenta la sforbiciata volante con palla alta non di molto. Peraltro, Viali anticipa Coda che pure era piazzato bene per tirare.
Al 16' una sbavatura di Cremonesi favorisce Cunico che serve immediatamente Abate ma lo stesso Cremonesi rimedia e rinvia. Al 18' Rossi rischia un po' troppo con un pallonetto su Coda in pressing ma gli va bene. Al 20' l'arbitro non fischia un fallo evidente di Cuffa su Coda al limite. Sarebbe stata una punizione molto invitante. Al 26' lo stesso Coda rischia il giallo per un fallo di mani volontario ma l'arbitro lo grazia. Al 28' invece Pradolin viene ammonito per uno sgambetto a Cunico.
Al 32' bella occasione per il Portogruaro: Cunico lancia bene Abate sulla sinistra che in piena area punta Viali, si libera al tiro e poi calcia con palla però alta. Al 35' Viali si inventa un azzardatissimo retropassaggio in pallonetto a Paoloni regalando un angolo ai veneziani. Al 36' Espinal si fa ammonire per un fallo da dietro su Colucci. Al 38' una tremenda craniata tra Cremonesi e Cuffa ma si riprendono tutti e due (il veneziano ci mette un po').Al 42' grande occasione per il PortogruaroSummaga: Abate sulla destra propone l'uno-due a Cunico che lo perfeziona e si presenta davanti a Paoloni profittando di una difesa grigiorossa immobile, ma il suo diagonale termina fuori sia pure a fil di palo.
Le occasioni avute fanno però guadagnare morale al Portogruaro che inizia la ripresa più baldanzoso, avanzando il baricentro complice una Cremonese sempre rinunciataria. Mondonico vede e provvede togliendo al 9' Pradolin e Saverino per inserire Pesaresi e Temelin con cambio di modulo dall'iniziale 3-5-1-1 al 4-4-2. La partita però resta nelle mani dei veneti. All'11' tra l'altro i veneziani reclamano per un fallo di mani in area di Pesaresi in contrasto con Cesca, con qualche ragione. Subito dopo Coda viene ammonito per un fallo da dietro ai danni di Cunico. Mondonico protesta vivacemente e viene redarguito dalla terna arbitrale.
Nel Portogruaro al 16' esce Cesca ed entra Carboni. Subito dopo, al 17', Mattielig viene ammonito per un'entrata da dietro su Coda. Al 19' Mattielig vince un contrasto al limite servendo Abate che prova il tiro con palla alta non di molto. Al 23' ancora lo scatenato Abate va via a Vitofrancesco ed è Fietta a doverlo chiudere in piena area. Al 26' su cross da sinistra di Gotti è provvidenziale la chiusura in area di rigore di Viali che anticipa Abate.
Al 31' il Portogruaro concretizza il lungo periodo di pressione e passa in vantaggio. Mattielig lancia lungo Abate che punta Argilli, scambia con Carboni e dopo l'uno-due si presenta davanti a Paoloni, tocco sul portiere in uscita con il numero uno che tocca la palla ma non riesce a respingerla. Il pallone termina in rete ed è 1-0.
Al 33' Mondonico decide di cacciare nella mischia Gori per lo stanco Vitofrancesco. Il Portogruaro risponde inserendo al 35' il veloce Kingsley per Abate. I grigiorossi provano ad attaccare anche se è il Portogruaro ad essere più pericoloso grazie alle ripartenze.
La Cremonese comunque avrebbe l'occasione per pareggiare al 37': Ferrarese calcia una punizione da sinistra, Colucci sul primo palo prolunga di testa verso il secondo palo dove irrompe Cremonesi che potrebbe incornare verso la porta da ottima posizione, ma il difensore non se la sente, sbagliando, di tirare e rimette verso il centro dove Argilli viene chiuso dai difensori. E' una grande chance sprecata.
Al 39' Cunico lancia Kingsley sulla destra, l'africano se ne va via solo, tenuto in gioco da Viali, colpevolmente fermo in posizione centrale, quindi dal fondo crossa verso il mezzo dove Paoloni in uscita è bravissimo nell'anticipare Cunico. Alla fine dell'azione l'arbitro ammonisce Pesaresi, reo di un fallo su Carboni che si era già liberato della palla.
Al 48' ultima emozione con Kingsley che scambia con Carboni e poi cerca di servire Cunico in mezzo ma Viali è bravo a chiudere.
Finisce 1-0 con i giocatori locali in festa sotto la tribuna e i grigiorossi di corsa negli spogliatoi. In casa Cremonese non c'è infatti nulla da festeggiare.

Il parere di Turci e del presidente del Portogruaro

di Umberto Onofri


Così era scritto. Ci riferiamo all'esordio vittorioso dell'ex n° 1 grigiorosso da lunedì preparatore dei portieri del Portogruaro. Ecco l'intervista che Turci ci ha rilasciato a fine partita

" Turci esordio vincente contro la tua ex squadra : è un pò " amara la cosa o è nella norma ". " Diciamo che c'è grande soddisfazione da parte nostra; è normale che in cuor mio spero sempre che la Cremonese torni ai livelli di un tempo. Trovo che la Cremonese sia una potenza, una corazzata oggi forse ha giocato al di sotto delle sue potenzialità . Avevo avuto, questa estate, dei contatti con il Portogruaro e perciò mi ero fissato l'obiettivo di seguire almeno i portieri della squadra".

" Avevi seguito delle partite di questo girone ? ". " Si certo : il Cesena ( ultima squadra in carriera di Turci in Serie B ndr) e con il Portogruaro ho seguito parecchie partite ".

" Cosa ci puoi dire del livello di questa Serie C ? ". " Le categorie ci sono apposta di conseguenza ogni categoria rappresenta uno scalino di qualità diversa, è normale " .

" Oggi la Cremonese non

ti è sembrata una corazzata ".

" No io penso

che la Cremonese sia una corazzata che, secondo me, possa e debba ambire come

minimo ai playoff se non a qualcosa di più: Secondo me, lo ripeto, ha giocato al di sotto

delle sue potenzialità ".

" In quali reparti ? ".

" No come squadra nel suo insieme ".

Il presidente del Portogruaro, Francesco Mio, saluta con una affettuosa pacca i suoi giocatori all'uscita dello spogliatoio. L'abbiamo intervistato con questa domanda " presidente 6 punti in due partite : la sua squadra è la bestia nera della Cremonese ".

" Credo proprio di si è vero 6 punti. La vittoria di oggi è molto importante in quanto venivamo da 2 sconfitte e la squadra voleva questo risultato. E' andata bene: faccio i complimenti al nuovo mister e a tutto il suo clan. " Avete ambizioni di salire eventualmente " " questo è un segno che ha lasciato alla società mio padre ( Dino Mio deceduto alla vigilia di Cremonese - Portogruaro lo scorso settembre ndr ) e noi, in suo onore, cercheremo di fare bene come ha fatto lui fino ad oggi : siamo da 33 anni continuativi nel mondo del calcio e, se c'è una possibilità, troveremo il modo di portare questa squadra in Serie B.

La Cremonese tira in porta al 9' con Viali (alto) Poi... Più nulla!!

(A.E.) numeri di Portogruaro-Cremonese sono davvero molto indicativi. A cominciare dal più significativo: tiri nello specchio della porta della Cremonese zero virgola zero. Non che i veneti abbiano fatto molto di più (uno solo, cioè il gol), però lo zero è eloquente. Magari i grigiorossi avranno avuto poca mira, tirando molto da fuori? Niente affatto! Il dato dei tiri fuori dallo specchio è ancora più indicativo. Se i veneti hanno infatti tirato 6 volte senza impensierire Paoloni, la Cremonese ha tirato con Viali al minuto nove (9') e poi..più nulla! Riassumendo: un tiro alto dopo nove minuti e poi più nulla fino al novantesimo. Francamente imbarazzante.
Significativo anche il numero dei fuorigioco del Portogruaro, ben 5 nei primi 24 minuti. Segno che gli attaccanti Cesca e Abate ci cadevano con facilità (ma poi hanno aggiustato i movimenti e alla fine i fuorigioco sono stati in tutto 7).
Interessante anche il numero dei falli: ben 38 quelli del Portogruaro, dovuti non a cattiveria ma alla mediocrità di una squadra costretta a menare per non lasciarsi sopraffare. Di questi, ben 17 quelli commessi da un trio di mediani (Mattielig-Cuffa-Espinal) del tutto votati alla difensiva (e su 38 falli ben 33 sono stati commessi da attaccanti e centrocampisti, a dimostrazione del poco lavoro cui sono stati costretti i difensori, autori in tutto di soli 5 falli).
Nella Cremonese spiccano i ben 9 falli guadagnati da Colucci, bravo nel difendere palla e nel guadagnare punizioni facendo respirare la squadra.
Ecco il dettaglio:
TIRI TOTALI PortogruaroSummaga 7 (4 Abate 2 Mattielig 1 Kingsley) Cremonese 1 (1 Viali)
TIRI IN PORTA PortogruaroSummaga 1 (1 Abate) Cremonese 0
TIRI FUORI PortogruaroSummaga 6 (3 Abate 2 Mattielig 1 Kingsley) Cremonese 1 (1 Viali)
FALLI COMMESSI PortogruaroSummaga 38 (6 Mattielig 6 Cuffa 5 Espinal 5 Cesca 5 Abate 3 Cunico 3 D'Alterio 2 Kingsley 1 Gargiulo 1 Madaschi 1 Carboni) Cremonese 20 (4 Argilli 4 Coda 3 Saverino 3 Fietta 2 Cremonesi 1 Pradolin 1 Pesaresi 1 Colucci 1 Ferrarese)
FALLI SUBITI PortogruaroSummaga 18 (4 Cuffa 4 Cunico 2 D'Alterio 2 Mattielig 2 Carboni 1 Rossi 1 Cesca 1 Abate 1 Espinal) Cremonese 35 (9 Colucci 5 Saverino 5 Coda 4 Ferrarese 4 Viali 3 Fietta 2 Argilli 1 Pradolin 1 Cremonesi 1 Pesaresi)
FUORIGIOCO PortogruaroSummaga 7 (3 Abate 3 Cesca 1 Espinal) Cremonese 1 (1 Temelin)

Mondonico: "Dobbiamo essere più concreti, ma non ho nulla da rimproverare ai ragazzi che hanno dato tutto"

di Alexandro Everet


Emiliano Mondonico a fine gara più che abbattuto appare fatalista, conscio che nel calcio non sempre tutto gira per il verso giusto. L'analisi del match del mister è ad ogni modo differente dalla nostra, soprattutto riguardo al rendimento dei singoli (niente da rimproverare a nessuno per "Mondo", non proprio così per noi).
Mister, cosa non ha funzionato?
"E' stata una partita strana. Il campo era pessimo e la squadra che si è adattata meglio, il Portogruaro, ha fatto sua la partita. Ci sono state due occasioni a testa per tempo, le loro sono state molto simili con questi uno-due magari prevedibili ma che hanno portato una grande occasione nel primo tempo e il gol nel secondo tempo. Noi abbiamo avuto le occasioni di Viali e Cremonesi ma non abbiamo trovato la porta. Dobbiamo essere più concreti, cosa che non siamo riusciti a fare non sfruttando le occasioni. Dobbiamo fare i complimenti a loro che hanno meritato la vittoria ai punti e l'hanno concretizzata con il gol. Quanto a noi però non ho nulla da rimproverare ai ragazzi che hanno dato il massimo".
Le assenze di Morfeo e Riganò hanno pesato così tanto?
"Credo di no. Chi ha giocato la gara ha dato certamente tutto, non c'è da dire niente a nessuno".
Allora è mancato lo spirito giusto?
"Dire questo sarebbe un'offesa per i ragazzi, lo dite voi non certo io. Sarebbe poco professionale se fosse mancato lo spirito. Forse semmai ho sbagliato io quando ho messo dentro la seconda punta per cercare di vincere la partita, forse sono stato presuntuoso nel modificare gli equilibri rinunciando a un centrocampista. Non credo comunque che sia una questione di spirito".
La sconfitta interrompe la serie positiva.
"Doveva succedere. Speriamo di riprenderla anche se questa sconfitta è particolarmente amara perchè viene dopo una grande vittoria come quella di Verona. Comunque ci può stare".
La classifica è molto corta.
"E' pericolosa. Anche a più 6 sui playout dicevo "guardiamoci alle spalle", a maggior ragione lo dico ora".

Colucci: "non eravamo fenomeni a Verona, non siano brocchi adesso"

Leo Colucci a Portogruaro ha fatto il suo debutto stagionale da titolare. Un debutto ovviamente rovinato dalla sconfitta della squadra.
In settimana avevi detto che era meglio non parlare di tabelle. Avevi ragione.
"Parliamo della partita che è meglio. Non meritavamo di perdere, però hanno vinto e quindi complimenti a loro. Noi dobbiamo rimboccarci le maniche per rifarci subito. Non eravamo fenomeni una settimana fa, non siamo diventati brocchi ora. Diciamo che serve grande voglia, bisogna mettersi in discussione ogni giorno per avere risultati".
Rispetto a Verona è mancata profondità e anche velocità nel verticalizzare.
"I giocatori in campo avevano caratteristiche diverse. Ad ogni modo non abbiamo giocato una buona gara".
La classifica resta cortissima.
"Noi non dobbiamo guardarla, dobbiamo pensare a noi e a migliorare le nostre prestazioni. Se ci sono infatti puoi pensare di realizzare un filotto di vittorie, se sono così così diventa difficile".
Tornando alla gara sono stati decisivi gli episodi.
"Loro hanno avuto due occasioni con questi uno-due e hanno trovato il gol, noi abbiamo avuto due occasioni e non l'abbiamo trovato".

Argilli: "ci manca sempre qualcosa"

E' un Argilli particolarmente abbattuto quello che ritroviamo a fine gara. Il difensore non nasconde l'amarezza.
Stefano, cosa possiamo dire?
"Che è andata male. Potevamo dare continuità alla vittoria di Verona invece è arrivata una battuta d'arresto che è tanto più pesante in quanto interrompe un percorso di crescita. Non credo che il problema sia stato la sottovalutazione dell'avversario anche perchè il nostro primo tempo è stato sicuramente migliore del secondo tempo. Penso piuttosto che sia la solita Cremonese cui manca sempre qualcosa per fare il salto di qualità. Ci manca qualcosa per fare gol nel momento giusto e per non prenderlo nel momento sbagliato. Ci dispiace. Questa squadra non è allo sbando ma è sempre in linea di galleggiamento senza mai riuscire a trovare il colpo risolutore"..
Abbiamo concesso solo due occasioni ma in fotocopia fa loro. Cosa non ha funzionato in quelle circostanze?
"Sul gol loro hanno fatto questo uno-due molto ben eseguito, io sono andato a chiudere su Abate che è un attaccante che cerca molto la profondità e che è anche veloce ma senza riuscirci. Nella circostanza non ci hanno battuto sulla velocità ma dove non sono arrivati con la velocità ci sono arrivati con l'astuzia. Bisogna anche aggiungere che Paoloni è scivolato, mi sembra gli sia mancato un appoggio al momento buono e questo l'ha giocato".
Nel finale tu e Cremonesi avete avuto una grande occasione senza riuscire a tirare.
"Ci è mancato quel qualcosina di cui parlavo, un po' di cattiveria al momento giusto. Michele era in posizione migliore e ci aspettavamo tutti che tirasse, ha preferito cercare un ponte verso qualche compagno meglio piazzato ma ero spalle alla porta e non sono riuscito a tirare".


Cesare Fogliazza negli spogliatoi usa parole tutto sommato comprensive verso i grigiorossi:"E' stata una gara equilibrata caratterizzata da pochi episodi. Nel finale Cremonesi avrebbe potuto fare gol, si poteva pareggiare. Viste le condizioni la squadra ha fatto il massimo, ha concesso il gol sull'unica occasione avuta dai veneti. D'altronde mancavano quattro giocatori rispetto a Verona, direi che abbiamo dato tutto. Il campo pessimo poi non ci ha aiutato. Dispiace perchè dopo la bella vittoria di Verona un risultato positivo ci avrebbe dato continuità".

***

Calori: "mi aspettavo Morfeo"

Alessandro Calori a fine partita è ovviamente raggiante per la vittoria dei suoi ragazzi che hanno celebrato al meglio il suo esordio sulla panchina del PortogruaroSummaga. "Abbiamo giocato con un certo timore reverenziale nel primo tempo perchè sapevamo di giocare contro una squadra importante, poi nel secondo tempo abbiamo cercato di vincere. La scelta di lasciare fuori il metronomo Giardina? Mi aspettavo in campo Morfeo o al limite Saverino nel ruolo di trequartista e quindi ho ritenuto opportuno tutelarmi con un mediano in più. Poi durante la gara ho portato gli opportuni correttivi vista la disposizione dei grigiorossi. Ad ogni modo ci tengo a sottolineare che anche nel primo tempo la squadra mi è piaciuta perchè comunque non ha concesso quasi nulla in fase difensiva".

La mostra CremonArte, che prenderà il via il 13 febbraio, sarà caratterizzata anche da una presenza grigiorossa. Fra gli espositori vi è infatti anche Federico Carotti, fratello di Lorenzo. Anche la società grigiorossa presenzierà in via ufficiale all'evento inviando alcuni giocatori in rappresentanza (Cremonesi, Carotti, Argilli e Tacchinardi).



Da salvare Fietta. Male Pradolin, Ferrarese, temelin e Mondonico

Paoloni 6 - Poco impegnato. E per un portiere non è facile giocare quando gli avversari non tirano mai in porta. Sul gol è sfortunato perchè gli viene a mancare l'appoggio in uscita e scivola, in questo modo tocca la palla sul tiro di Abate ma non riesce ad allontanarla con forza e la sfera rotola in rete. Si riscatta anticipando Cunico in uscita evitando il 2-0 ormai sicuro nel finale. Nel complesso merita la sufficienza. Certo che tra lui e Giorgio Bianchi la squadra può contare su due ottimi portieri. Tenerne uno in panchina resta un lusso, quasi uno spreco.
Argilli 5 - Prima centrale poi addirittura esterno destro in una difesa a quattro. Non fa malissimo, anzi, però rimane completamente fermo nelle due occasioni che contano: il tiro di Abate a fil di palo nel primo tempo e il gol sempre di Abate nella ripresa. Nelle circostanze in questione paga i limiti dinamici. Peccato, perchè per il resto come detto se l'era cavata.
Viali 5,5 - Sfiora il gol in avvio con una bella sforbiciata. E si rende anche protagonista di un paio di salvataggi importanti. Ma combina anche diversi pasticci, come quando con un retropassaggio in pallonetto per poco non beffa Paoloni e come quando restandosene impalato tiene in gioco Kingsley che se ne può andare via in solitudine (sul cross per Cunico è poi bravo Paoloni in uscita). Insomma, non tutto negativo ma troppo pasticcione. Non è il giocatore sicuro che avevamo visto nella scorsa stagione..
Cremonesi 6 - Gioca bene in fase difensiva ma il voto si abbassa perchè nel finale ha la palla buona e preferisce rimettere verso il centro quando bisognava assolutamente tentare l'incornata verso la porta.. D'accordo che non è un attaccante ma la mancanza di coraggio nel frangente costa un punto alla Cremonese. Ad ogni modo si conferma ogni domenica di più il difensore più affidabile della rosa grigiorossa.
Vitofrancesco 5 - Ha il merito di una bella apertura a lanciare Ferrarese sull'occasione di Viali. Ma è l'unico lampo di una partita anonima e sotto tono. Gli concediamo l'attenuante della stanchezza per la partita giocata mercoledì con la nazionale di categoria, ma da un giocatore abile come lui ci aspettiamo di più. Può e deve fare meglio. Anche in fase difensiva (dove non è stato impeccabile).
Saverino 6 - Certamente tra i meno peggio. Dà il suo contributo, mostrandosi attento anche in fase difensiva. Mondonico lo toglie in avvio di ripresa e la mossa ci sembra sicuramente un errore. Meritava di restare in campo.
Fietta 6,5 - Sicuramente il più positivo. Combattivo, si fa valere lottando su ogni pallone. Cala un po' nella ripresa ma sempre tenendosi su livelli più che dignitosi. Decisamente un giocatore recuperato. Lui resta il principale successo della nuova gestione Mondonico, almeno fino ad ora.
Colucci 6 - Non male, considerando anche che era al debutto da titolare. Si muove con criterio e cerca di dare ordine anche dando continui suggerimenti ai compagni. Qualche errore nei passaggi, ma merita un voto positivo.
Pradolin 4,5 - Questo ragazzo è davvero una delusione. A Venezia lo ricordavamo come un buon giocatore, qua a Cremona ha avuto poche chances ma le ha quasi sempre sprecate. Anche a Portogruaro gioca in modo inconcludente. Totalmente. L'impressione è che avverta la sfiducia dell'ambiente nei suoi
confronti. Sicuramente non è facile giocare se ci si sente poco stimati, ma per sfondare nel calcio servono gli attributi. Perciò li tiri fuori, perchè finora è sembrato spaurito.
Ferrarese 4 - Mette il cross per l'occasione di Viali. Ma il suo contributo al match grigiorosso si ferma qui. Per il resto gioca con lo spirito di chi deve timbrare il cartellino. Svogliato. Ed è questo che ci fa arrabbiare: in C (ma anche nelle categorie superiori) si deve giocare col coltello fra i denti. Sempre. Oppure meglio starsene in panchina. O in tribuna.
Coda 5,5 - Non combina praticamente nulla. Ma è anche costretto a combattere da solo in mezzo a un nugolo di avversari, col compagno più vicino spesso a decine di metri. Non riuscendo a liberarsi per calciare prova a lavorare di sponda e a far salire la squadra, spesso senza riuscirci.
Temelin 4,5 - Entra in campo e praticamente non si nota. La squadra non lo aiuta e va bene. Ma lui non ci mette di certo l'"animus pugnandi" del guerriero. In settimana aveva fatto bene in partitella e probabilmente si aspettava di giocare. E stare in panchina non fa piacere a nessuno. Ma non è un motivo valido per non sputare l'anima una volta in campo. Vogliamo gli occhi di tigre.
Pesaresi 5 - Entra nella ripresa quando Mondonico passa alla difesa a quattro. Fatica. Rimedia un cartellino giallo che poteva risparmiarsi. E rischia il rigore quando intercetta con le mani un tiro in area di Cesca. Sicuramente non bene.
Gori 5,5 - Pochi minuti in cui combina pochissimo.
Mondonico 4 - A Verona aveva azzeccato tutto meritandosi il massimo dei voti. Stavolta ha sbagliato tutto meritandosi il minimo. A Verona aveva avuto molto coraggio schierando due punte più Morfeo e interpretando la gara per vincere (sia pure con attenzione alla difesa, come giusto). Stavolta sceglie una Cremonese rinunciataria che pensa solo a difendere e non fa un tiro in porta. E finisce giustamente col perdere.
Non convincono la scelta del modulo iniziale (una sola punta, anche se in avvio di ripresa passa al 4-4-2 con l'ingresso di Temelin) e i cambi: perchè togliere Saverino che stava facendo benino e lasciare in campo Ferrarese, sicuramente in giornata-no? E anche Argilli schierato esterno destro non convince.E non basta la pur importante attenuante di non avere a disposizione Morfeo e Riganò (per non parlare di Guidetti..). Insomma, giornata da dimenticare per il "Mondo".

Portogruaro: Rossi 6 (mai impegnato);

D'Alterio 5.5 (spesso in difficoltà);

Gargiulo 6 (fa la sua parte);

Madaschi 6.5 (si fa valere specialmente sulle palle alte);

Gotti 6 (prestazione dignitosa);

Mattielig 6,5 (picchia come sempre ma tutto sommato fa il suo);

Cuffa 6 (si dedica soprattutto al contenimento); Espinal 6 (alcune incursioni positive, un po' discontinuo);

Cunico 6.5 (bel fisico e discreta qualità ma anche molto lezioso);

Cesca 5.5 (troppo spesso in fuorigioco, inconcludente);

Abate 7 (con due giocate intelligenti abbatte la Cremonese);

Carboni 6.5 (dà un po' di vivacità);

Kingsley 6 (velocissimo ma anche scarso tecnicamente).

All.: Calori 6.5 (la sua squadra ha poche risorse ma si dispone in campo con raziocinio e lotta col coltello fra i denti meritando di vincere).

Arbitro: 5,5 - L'inesperto Di Paolo di Avezzano dirige maluccio sbagliando molto sulle piccole cose, per la verità più a favore dei grigiorossi che dei veneziani. Non vede anche un possibile fallo di mani in area di rigore di Pesaresi in azione su Cesca. Ad ogni modo non incide sul risultato. Bravi gli assistenti di linea.




Assedio finale della cremonese alla porta del Portogruaro

Per la Cremonese impossibile vincere due volte di fila

La sconfitta di PortogruaroSummaga conferma un tabù sempre inavvicinabile per i grigiorossi. Se si vince la domenica successiva si perde o si pareggia. I grigiorossi infatti non hanno mai vinto due partite di fila in questa stagione. L'ultima impresa del genere risale alla scorsa stagione con il bis concesso alla ventiseiesima e alla ventisettesima giornata con i successi su Legnano e Sassuolo (in trasferta).
Pessimo anche il rendimento contro il PortogruaroSummaga che ha battuto i grigiorossi sia all'andata che al ritorno senza mai subire gol (2-0 e 1-0). Peraltro queste erano le prime sfide nella storia fra le due squadre e quindi i veneziani prendono il largo nei confronti diretti.
Si interrompe anche la serie positiva di Mondonico che aveva ottenuto 4 pareggi e 1 vittoria nelle sue prime 5 gare. L'ultima sconfitta risaliva all'ultima gara della gestione Iaconi, Cremonese-Cesena 1-2 il 14 dicembre.
Resta negativo anche il bilancio con le "piccole": doppio pareggio col Venezia, doppia sconfitta col PortogruaroSummaga, ko a Lecco, pareggio a Crema e vittorie solo con Sambenedettese, Monza e Legnano (tutte in casa).. In tutto 3 vittorie 3 pareggi e 3 sconfitte nelle 9 partite con le squadre in zona playout. Troppo poco.
Da segnalare il debutto da titolare di Leonardo Colucci e la prima panchina nei professionisti per il giovane Manuel Davini.

A Portogruaro: poco pubblico, stadio piccolo, campo infame

L'aspetto del "Mecchia" di Portogruaro è davvero quello di uno stadio di paese. Le curve non ci sono, esistono solo la gradinata principale e quella opposta. La struttura ricorda un po' lo stadio di Fiorenzuola, con una pista da ciclismo che percorre ad anello il perimetro del campo allontanando gli spettatori dal terreno di gioco.
Gli spettatori presenti alla partita con i grigiorossi non erano molti, 1200 secondi i dati ufficiali. Tra questi anche parecchi tifosi grigiorossi, diciamo 80 (ma forse erano di più), un buon numero data la distanza (quasi tre ore di viaggio). Tifosi che a fine gara se ne sono tornati a casa abbacchiati, data la pessima prova della squadra.
Da segnalare le pessime condizioni del terreno di gioco, davvero in condizioni disastrose, peggiorate poi sensibilmente durante la gara. Il pallone ha infatti avuto spesso rimbalzi irregolari.
Fra le curiosità del match da ricordare sicuramente lo speaker dello stadio che è in realtà il primo tifoso del Portogruaro (incitava la squadra e ha chiamato anche qualche coro o applauso del pubblico). Da notare anche l'età media elevata dei curvaioli locali (di solito i tifosi più accesi sono i ragazzi, qui agitati e con la sciarpa abbiamo visto diversi signori avanti negli anni).
Curioso anche il rituale finale del Portogruaro che per festeggiare la vittoria ha realizzato un tuffo collettivo sotto la tribuna con tutti i giocatori che si tenevano per mano (mentre i grigiorossi sono corsi negli spogliatoi al fischio finale senza cerimonie di alcun tipo).



L'angolo tattico

Cremonese costretta a rinunciare ai big

Al fischio d'inizio non ci sono grandi sorprese nel PortogruaroSummaga. Calori sceglie il 4-3-1-2 con Rossi fra i pali; una difesa composta con da destra D'Alterio, Gargiulo, Madaschi e Gotti; un centrocampo con Cuffa davanti alla difesa, Mattielig mediano destro e Espinal mediano sinistro; Cunico trequartista e Abate (a sinistra) e Cesca (a destra) di punta. La Cremonese deve rinunciare a tanti "big" (Morfeo, Riganò, Guidetti, Alberto Bianchi) e gioca quindi col 3-5-1-1: davanti a Paoloni giocano Viali centrale, Cremonesi sul centrosinistra e Argilli sul centrodestra; a centrocampo Vitofrancesco a destra e Pradolin a sinistra con Fietta davanti alla difesa, Saverino interno destro e Colucci interno sinistro; Coda di punta con Ferrarese in appoggio partendo dalle fasce (da sinistra in genere) per poi convergere al centro.
La gara inizia all'insegna dell'equilibrio. Le due squadre sono molto attente in fase difensiva, prevale il tatticismo, il gioco è spezzettato con molti falli non cattivi ma appunto tattici. La Cremonese è molto attenta nel coprire gli spazi in difesa e lo fa bene, rientrando con tutti i giocatori meno Coda.. In avanti però c'è una frattura con Coda spesso isolatissimo, lasciato solo dai compagni che non salgono con rapidità una volta recuperata palla e lo lasciano spesso solo in mezzo a tanti difensori. Sugli esterni Pradolin appare esitante, spaesato, poco fiducioso. E anche Vitofrancesco a destra è abbastanza trasparente, poco propositivo. Se la cavano meglio in mezzo Colucci e Saverino che trovano subito la posizione e Fietta che davanti alla difesa fa un buon lavoro di schermo, occupandosi spesso di Cunico. Manca però ovviamente un po' di fantasia. Dietro Argilli se la cava giocando sugli anticipi e in questa fase Viali e Cremonesi sono attenti. Nel Portogruaro i terzini Gotti e D'Alterio sono bloccati sulla difensiva, Madaschi e Gargiulo approfittano della superiorità numerica per avere ragione di Coda. A centrocampo, Cuffa pensa soprattutto alla fase difensiva e tiene la posizione. Anche Mattielig, gran picchiatore come sempre, pensa soprattutto a rubare palla. Espinal è più propositivo sulla sinistra ma il compito di costruire spetta a Cunico che parte da destra per poi accentrarsi e deve dare qualità alla squadra. Lo fa anche se eccede nei leziosismi. Degli attaccanti, Cesca si dimostra macchinoso e finisce spesso in fuorigioco. Più vitale Abate anche se in avvio finisce in fuorigioco con una certe frequenza anche lui.
La partita è avara di emozioni. La Cremonese costruisce una buona occasione al 9', in una delle rare circostanze in cui si verticalizza rapidamente sorprendendo la difesa veneta che non riesce a far scattare il fuorigioco sul lancio di Vitofrancesco per Ferrarese. Il tiro di Viali è però alto.
E si tratta di un caso. In generale la Cremonese è sempre lenta nella circolazione di palla e nel ripartire, mancano le verticalizzazioni e quindi non si riesce a bucare la difesa del Portogruaro.
Quanto ai veneti, in questa fase sono molto timorosi e non si scoprono. Non corrono rischi, ma neppure costruiscono. Il portiere Rossi si mette in evidenza per qualche confidenza di troppo (e si mostra anche piuttosto scarso nei fondamentali nelle rare volte in cui deve intervenire), ma senza danni.
Col passare dei minuti, comunque, di fronte all'inerzia dei grigiorossi i veneti prendono coraggio e cominciano a spingere con più fiducia. La prima avvisaglia è un lancio di Cunico per Abate con tiro finale di quest'ultimo alto. Poi nel finale di primo tempo gli stessi due scambiano in velocità e in questo modo sorprendono la statica difesa grigiorossa. Abate si presenta perciò davanti a Paoloni ma spreca con un diagonale fuori misura.
Nella circostanza peraltro il Portogruaro mette a nudo la lentezza della difesa grigiorossa: gli uomini di Mondonico sono ben disposti ma se puntati in velocità vanno in difficoltà. Il Portogruaro lo capisce e comincia a crederci sempre più.
La ripresa inizia con i veneziani più determinati che spingono, pur senza costruire grandi occasioni. La Cremonese è però in difficoltà e cede campo. Mondonico lo capisce e al 9' decide di rivoluzionare tutto: fuori lo spentissimo Pradolin e Saverino e dentro Temelin e Pesaresi. Si passa al 4-4-2 con Argilli insolitamente esterno destro e Pesaresi esterno sinistro dietro (Viali e Cremonesi centrali), Ferrarese a destra e Vitofrancesco a sinistra a centrocampo (con Fietta e Colucci interni), Temelin e Coda di punta. Una scelta per cercare di aumentare il peso offensivo e far salire il baricentro della squadra. Sorprende però la decisione di togliere Saverino, fra i migliori fino a quel momento. La gara comunque non cambia.
Il Portogruaro ormai ha preso fiducia e campo e continua a spingere. Nella Cremonese Temelin è impalpabile e la squadra continua ad accompagnare male l'azione, senza palla non si muove nessuno e quindi non si riesce a salire e a far respirare la difesa a dovere.
Calori inoltre al 16' toglie l'inconsistente Cesca e inserisce il più vispo Carboni. La pressione veneta aumenta, con Abate che mette in difficoltà la difesa grigiorossa con la sua velocità, specialmente dalla parte di Argilli, chiaramente non facilitato sul piano dinamico dal ruolo di esterno. Il compito di ispirare spetta spesso a Mattielig, che sulle seconde palle arriva spesso primo. Nel giro di qualche minuto su quest'asse vengono costruite alcune occasioni finchè al 31' Abate lanciato da Mattielig scambia con Carboni esattamente come aveva fatto con Cunico (in ombra nella ripresa) nel primo tempo e buca sulla velocità dal lato di Argilli beffando poi Paoloni in uscita. Il gol chiaramente mette la gara tutta dalla parte dei veneti.
Mondonico corre ai ripari ma in panchina non ha molte alternative e si deve limitare a inserire Gori per lo spento Vitofrancesco. Nel Portogruaro esce l'ormai stanco Abate ed entra Kingsley, scarso tecnicamente ma velocissimo. L'idea è ovviamente quella di sfruttare le ripartenze.
In effetti i grigiorossi costruiscono una grande occasione su palla inattiva non trasformata da Cremonesi ma è il Portogruaro ad essere più pericoloso con veloci ripartenze condotte appunto da Kingsley. Il giocatore di colore però manca della necessaria precisione nell'ultimo passaggio e le chances sfumano. Comunque poco male, perchè i veneti arrivano alla fine senza correre ulteriori rischi e possono festeggiare una vittoria meritata. Hanno creduto di più nella vittoria e il risultato li ha premiati.
fonte: vascellocr.it

facebook

sfoglia    gennaio        marzo

Cerca, Rss, Atom e Counter
Ricerca personalizzata
Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0   Feed ATOM di questo blog  Atom


Link
A
ac-perugia.com
acmonzabrianza.it
acspezia.com
agenfax.it
alessandriacalcio.it
allvideo
amarantomagazine.it
arezzonotizie.it
asandriabat.it
B
beneventocalcio.it
bettiamo.net
blog.football.it
blunote.it
bondolasmarsa
br73.net Pistoia
bustocco.it
C
calciatori.com
calciocampano2009
calciocomo190
calciofoggia.it
calcioland.forumfree
calciomatto
calciomercato.com
calcionapoletano
calciopiu.net
calciopress.net
calcioscommesse.myblog.it
calcioseriec.blogspot.com
calciotoscano.it
cavese
cavanotizie.it
click4soccer.com
coni.it
corrierediarezzo.it
corrieredicomo.it
cremonaweb.it
D
datasport.it
diretta.it
direttagol.it
E
e-cremonaweb.it
esperiaviareggio.it
eurosport.yahoo.com
F
fccrotone.blogspot.com
febbrea90.com
figc.it
foggiacalciomania.com
foggialandia.it
foggiaweb.it
folignocalcio.com
folignocalcio.it
forzacavese.net
forzalucchese.net
forzanovara.net
forzapescara.com
forzaspal
G
gazzettalucchese.it
goal.com
H
hellastory.net
hellasverona.it
hellasweb.it
I
ilgrecale.it
ilpallonaro.com
ilquotidianodellabasilicata.it
ilquotidianodellacalabria.it
ilsatanello.it
ioamoilcalcio.myblog.it
infobetting.com
italiadelcalcio.it
L
la_c1.ilcannocchiale.it
lanciano.it
larena.it
leccosportweb.it
lega-calcio.it
lega-calcio-serie-c.it
legaproprimadivisione
leggonline.it
livescore.com
Live score
loschermo.it
lospallino.com
lostregone.net
lumezzanecalcio.it
M
madeinandria.it
mondorossoblu.it
N-O
noitv.it
P
paganese.it
paganesecalcio.com
pescaracalcio.com
portogruarosummaga.it
primadanoi.it
primadivisionew
primadivisione
pronostici1x2
pronostici serie A
prosestonews
Q
qn.quotidiano.net
R
radioemme.it
raisport.rai.it
ravennanotizie.it
realsports.it
reggianacalcio.it
reggianasupporters.it
resport.it
riminicalcio.com
S
salernonotizie.it
sanniocalcio.it
scommesse.betfair.it
seriec1.ilcannocchiale.it
seriec1.wordpress.com
soccerpuglia.it
socialcalcio.com
solocalcio.com
solopescara.com
sorrentocalcio.com
sportal.it
sportcity-ricio
sportedintorni.blogspot.com
sporterni.it
sportevai.it
sportitalia.com
sportoggi.com
sportpeople.net
sportvintage.blogspot.com
ssjuvestabia.it
sslanciano.it
stabia1907.it
stabiachannel.it
stampasud.it
T
tarantosera.com
tarantosupporters.com
teleradioerre.it
ternanacalcio.com
terninrete.it
terzaserie.myblog.it
tifo-e-amicizia.it
tifogrifo.com
tifosigallipoli
tifosiportogruaro
tuttalac.it
tuttocalciatori.net
tuttocalcio.it
tuttolegapro.com
tuttomercatoweb.com
tuttosport.com
tuttosporttaranto
tvgratisnet.iobloggo.com
tvoggisalerno.it
U
ultrassamb
uscremonese.it
usfoggia.it
V
varese1910.it
varesenews.it
vascellocr.it
vastocalcio
viaroma100.net
virtuslanciano
Z
zonacalcio.it

Siti rimossi

Gossip&sport

Cinema italiano
cinemaitaliano.info
trovacinema.repubblica.it
Nuovi
bg vs fq pr dago
notiziariocalcio
ilnuovocorriere
asgubbio1910
forzanocerina
piacenzacalcio
triestinacalcio
comunicatemi
chi ho dimenticato
e sarà inserito,
o rimosso per chi vuol essere cancellato

....ed è naturalmente gradito
un link a questo blog
nei vostri siti o blog
grazie



Meteo











 
 
fai.informazione.it Wikio - Top dei blog Wikio - Top dei blog Add to Google intopic.it Blog360gradi - 

L’aggregatore di notizie a 360°  provenienti dal mondo dei blog! who's online Sito ottimizzato con 

TuttoWebMaster TOP 100 

SOCCER SITES TopSportSites.com :: A 

Sports Discussion Community Top Italia Registra 

il tuo sito nei motori di ricerca liquida.it social network Notizie, immagini e video dai blog italiani su Liquida top 100 sports sites My BlogCatalog 

BlogRank urltrends reports BlogNews Questo Blog e' 

Strabello! e il tuo?

Cynegi Network
linkto.org

  Powered by  MyPagerank.Net
 

seriec1

↑ Grab this Headline Animator

  View blog authority
   
 


blinko jonny groove
rcsmobile belen

lastminute
musicbox

edreams

better
blinko grandi sorelle


Rubbrica telefonica


Elenco per nome


Elenco per ruolo