235 Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio Crotone-Benevento, La sfida infinita….. - LoStregone.net | seriec1 | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

logo di seriec1.ilcannocchiale.it rassegna stampa della lega pro prima divisione
Blog letto 11833298 volte












div>

Tim Cup 2009/2010, Risultati completi,
Tabellone, Regolamento

Coppa Italia 2009/2010
Risultati e Calendario
Siti Ufficiali


prima pagina della Gazzetta dello Sport

prima pagina del Corriere dello Sport

prima pagina di Tuttosport

il cirotano



Verdetti 2010-2011
Retrocesse dalla serie B
Frosinone Portogruaro
Triestina Piacenza
Promosse dalla 2a Div
Tritium Carpi
Latina FeralpiSalò
Carrarese Trapani
Retrocesse in 2a Div
Paganese Cavese
Monza Sudtirol
Ternana Cosenza
Promosse in serie B
Gubbio Nocerina
H.Verona Juve Stabia


Supercoppa 2010-2011
22 - 26 maggio
Gubbio Nocerina 1 - 1
Nocerina Gubbio 0 - 1
Vincente: Nocerina


Play Off Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Verona Sorrento 2 - 0
Salernitana Alessandria 1 - 1
Girone "B"
Juve Stabia Benevento 1 - 0
Taranto A. Roma 0 - 1
5 giugno 2011
Girone "A"
Sorrento Verona 1 - 1
Alessandria Salernitana 1 - 3
Girone "B"
Benevento Juve Stabia 1 - 1
A. Roma Taranto 2 - 3
Finali Play Off 2011
Andata 12 giugno
Verona Salernitana 2 - 0
Juve Stabia A. Roma 0 - 0
Ritorno 19 giugno
Salernitana Verona 1 - 0
A. Roma Juve Stabia 0 - 2


Play Out Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Sudtirol Ravenna 1 - 0
Monza Pergocrema 1 - 0
Girone "B"
Viareggio Cosenza 3 - 1
Foligno Ternana 1 - 0
5 giugno 2011
Girone "A"
Ravenna Sudtirol 2 - 1
Pergocrema Monza 1 - 0
Girone "B"
Cosenza Viareggio 0 - 1
Ternana Foligno 1 - 1


Lega Pro 1a Div - Girone A
10a giornata - 25 ott 09
Alessandria Viareggio 0 - 0
Como Arezzo 0 - 0
Classifica - 10a giornata
 1  Novara 24   
 2  Cremonese 22

Serie C1 Rassegna Web Prima Divisione Lega Pro





































sfoglia    maggio        luglio


10 giugno 2009

Crotone-Benevento, La sfida infinita….. - LoStregone.net

http://lostregone.net/upload/images/1244566574.jpeg

E ci risiamo…di fronte a noi, i Pitagorici. La squadra Calabrese rappresenta l’ ultimo ostacolo tra il Benevento e la Storia, tra il Benevento e quella serie “cadetta” sfiorata più volte ma mai raggiunta. Quando si pensa al Crotone, negli occhi degli sportivi Sanniti, non riaffiorano ricordi dolci e piacevoli. Si comincia con la finale persa a Lecce contro il Crotone dell’ allora Mister Morrone, mentre la panchina del Benevento era affidata a Pino Raffaele. L’ atmosfera di pubblico era bellissima, le due curve piene in ogni ordine di posto, l’ emittente “Video Calabria” che rimase estasiata dal copri curva che la torcida Sannita creò per quell’ occasione. La partita iniziò subito bene per il Benevento che passò in vantaggio grazie a Petitto, con un colpo di testa. Ad inizio ripresa Passiatore si divorò il gol del 2 a zero, ed il Benevento crollò sotto i colpi di un Crotone molto più preparato atleticamente e tecnicamente.
La seconda puntata della storia risale all’ annata 2003-2004, con il  vulcanico Presidente Pino Spatola. Il Presidente dichiarò, ad inizio anno, di voler tentare la scalata alla serie B, con l’ allestimento di una squadra altamente competitiva. Tuttavia, dal mercato, giungevano nel Sannio ragazzi semisconosciuti, provenienti dai Dilettanti, ed un allenatore esordiente nel professionismo, Nello Di Costanzo. Nell’ ultimo giorno di mercato, però, il Presidente Spatola fece il classico “colpo da novanta”. Acquistò a titolo definitivo il cartellino del drago Gigi Molino, che l’ anno prima aveva siglato una valanga di reti ad Avellino.
L’ acquisto di Molino, tuttavia, non si rivelò sufficiente per disputare il campionato di vertice promesso dal Presidente. A gennaio, infatti, ci fu la rivoluzione tecnica sperata, ed il Benevento cominciò la sua imperiosa rimonta. Arrivarono Riccio e Voria dal Siena, Vanin dalle giovanili del Torino e l’ attaccante Pellicori. Fu reintegrato in rosa anche Criaco, che risulterà uno dei migliori in quella stagione. In panchina fu chiamato Corrado Benedetti al posto dell’ esonerato Nello Di Costanzo. Tutte queste operazioni furono svolte sotto la regia sapiente di un grandissimo operatore di mercato, Gino Corrrado.
Dai bassifondi della classifica il Benevento si portò a ridosso delle prime posizioni, conquistando la quinta piazza che significò il raggiungimento dei playoff.
L’ avversario era il Crotone, che perse il campionato a favore del Catanzaro, dopo un testa a testa durato fino all’ ultima giornata. Dalla Calabria giunsero segnali di forte preoccupazione quando si seppe che l’ avversario era il temuto Benevento. Ed infatti, nel match di andata al S. Colomba, in una cornice di pubblico da serie A, il Benevento vinse la partita grazie ad una rete di Pellicori, facendo vacillare molte certezze del Crotone.
Ad onor del vero, quel Crotone era comunque una squadra composta da ottimi giocatori. Gasperini allenatore, Juric punto di forza della squadra, Porchia leader difensivo. Insomma, non una squadra di sprovveduti, anzi. Tuttavia il Benevento fu scippato della finale, peraltro disputata quasi “pro-forma” contro la fallita Viterbese.
Quest’ anno abbiamo di nuovo incontrato la compagine Calabrese. All’ andata, all’ Ezio Scida di Crotone, si imposero i rossoblu per una rete a zero, grazie al gol di Simone Basso. Fu una delle prestazioni più deludenti del Benevento, decimato da influenze e squalifiche ma che non fu comunque all’ altezza della situazione.
Il ritorno, disputato al S. Colomba, ha avuto lo stesso epilogo. La banda di Mister Moriero espugnò il S. Colomba per due reti ad una. Andarono in gol Morleo e Basso(con papera devastante di Mondini…), mentre per il Benevento segnò Gigi Castaldo. Non mancarono attimi di tensione sul finire della partita del S. Colomba, scaturiti dall’ atteggiamento provocatorio di Carcuro, centrocampista giovane del Crotone.
Alla vigilia della finale per approdare in serie B, sembra doveroso chiarire alcuni concetti. Quello che è successo in passato oramai fa parte della storia. Una storia spiacevole, triste, che ha avuto il suo epilogo nell’ allontanamento di alcuni personaggi dal mondo del calcio. Oggi la realtà è diversa, ma ha in comune col passato un unico fattore: Il Crotone è una gran bella squadra. Il suo allenatore, Moriero, ha messo su un impianto di gioco perfetto, con meccanismi oleati e trame di gioco belle da vedere ed efficaci. La pseudo crisi Societaria, che a Gennaio doveva portare allo smantellamento della squadra, non ha fatto altro che permettere a Moriero di procedere a fari spenti, sfiorando addirittura la vittoria diretta del campionato.
Questo non significa che il Benevento deve avere paura, anzi. La squadra giallorossa deve essere sempre umile ma consapevole della propria forza. Deve rispettare il Crotone, ma non può e non deve temerlo. Siamo ad un passo dalla Storia, e se ci pensiamo un attimo, questo campionato ha tutto per essere un film a lieto fine. L’ importante è che la squadra stia bene e sia pronta al regalo più bello da fare alla propria società ed ai suoi tifosi.
Avanti Strega, la Storia è a portata di mano, non fartela sfuggire.


Redazione de LoStregone.net


Finale, primo traguardo storico: ora ci vuole la B

Fissiamolo bene nella mente questo momento, è il punto più alto raggiunto dalla strega nel calcio moderno.


Per trovare qualcosa di simile bisogna salire sulla macchina del tempo e farla correre all’indietro di parecchio. Altre storie, altri tempi, stagioni 45/46 e 46/47, quelle del Benevento che la B l’aveva praticamente conquistata. Immediato dopoguerra, pochi soldi, altro calcio. Vinse due volte quella squadra giallorossa: nel ’46, in un girone interregionale “centro-sud” formato da tutte squadre campane e una lucana (il Potenza), il Benevento svettò guadagnandosi sul campo la promozione nella serie cadetta. Gioia strozzata in gola per colpa di tasse non pagate: furono ripescate Scafatese e Torrese, terza e quarta. La strega disputò di nuovo la C l’anno dopo e poiché aveva una squadra fortissima vinse di nuovo in maniera ancora più netta e in un girone persino più difficile formato da tutte squadre pugliesi (Monopoli, Foggia, Barletta, Trani, ecc.) e dai “cugini” dell’Avellino. Ma quella volta chi vinceva non saliva direttamente in B, era costretto a giocare un girone finale con le vincenti di altri raggruppamenti. E qui vennero di nuovo a galla i problemi economici: nel girone finale la squadra giallorossa infilò due rinunce, fu penalizzata e non prese quasi parte alla bagarre finale. Storie di sessanta anni fa, pagine ingiallite della memoria, di un calcio in bianco e nero, fatto di campi polverosi e palloni chiusi da durissimi laccetti di cuoio. Ci ha provato ancora il Benevento nel corso degli anni, c’è andato vicino nel ’76, quando per salire in B bisognava infilare la cruna di un ago (una sola promozione su 20 concorrenti) e nel 2004, quando i play off si chiusero polemicamente in semifinale. Oggi si riscrive la storia, la B non è stata mai così vicina, distante una doppia finale proprio contro quegli avversari che frustrarono le ambizioni di Molino e compagni cinque anni fa. L’oggetto del desiderio, la categoria mai conquistata, ora è lì, ad un passo, quasi a toccarla.
La strega arriva all’appuntamento più importante dopo essersi procurata sofferenze indicibili. Sono ancora negli occhi di tutti quegli interminabili minuti finali della sfida coi satanelli. Prima surclassati, ridotti all’impotenza, poi improvvisamente rivitalizzati, fino a mettere a repentaglio una finale che non era mai stata in discussione.
Per un’ora la partita perfetta, qualche concessione inevitabile e fisiologica, ma sempre tutto sotto controllo. Due gol magnifici, due prodezze, mai frutto del caso come blatera Novelli (che dovrebbe imparare a parlare più della sua squadra anzicchè gettare veleno su quella avversaria, soprattutto dopo aver perso), partita in cassaforte, blindata, praticamente chiusa. Tutto quello che è successo negli ultimi scarsi 20 minuti è frutto della follia del calcio, di una squadra che si libera di tutte le sue paure e dell’altra che invece entra nel panico, di tante piccole provocazioni che minano la concentrazione, di tutta una serie di errori concentrati in un lasso di tempo così breve, di un gol assolutamente irregolare (il secondo di Pedrelli: il pallone calciato da Pezzella sul cross da cui era scaturito il gol era uscito nettamente dal campo) concesso da un arbitro ancora troppo giovane per un appuntamento così importante. Il sospiro di sollievo alla fine è come una boccata di aria pura, ossigeno che entra nei polmoni ormai esausti. Tutto dovrà servire a non ripetere un finale così dissennato, col Crotone occorrerà il Benevento della prima ora di gioco, concentrato, determinato, cinico.
Un avversario ostico quello pitagorico, una vera e propria bestia nera per i giallorossi. Una finale play off per la C1 nel ‘98 persa a Lecce, una semifinale per la B nel 2004 che nessuno ha mai dimenticato. Anche quest’anno i giallorossi hanno sofferto i calabresi: due sfide, due sconfitte, 1 a 0 allo Scida, 1-2 al Santa Colomba. I precedenti sono tutti a loro favore, ma il vantaggio in questa finale è ancora dei sanniti. Seconda contro terza, se dovessero maturare due risultati speculari, sarà sempre il Benevento ad approdare in serie B. Ma questa volta, in caso di doppia parità, è bene ribadirlo subito, il 21 giugno al Santa Colomba ci sarebbero anche i tempi supplementari.
E’ il momento clou della stagione, il momento di raccogliere tutto quello che di buono è stato seminato dalla «Soda-band»: il premio è una serie B che nel Sannio non è mai arrivata, un traguardo che riscriverebbe la storia di un club che ha finora vissuto sempre ai margini del grande calcio. E’ storico già solo essere arrivati in finale, ma a questo punto nessuno si accontenterebe di andare a Roma e non vedere il Papa.

IlSannioQuotidiano.it

facebook

sfoglia    maggio        luglio

Cerca, Rss, Atom e Counter
Ricerca personalizzata
Blog letto 11833298 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0   Feed ATOM di questo blog  Atom


Link
A
ac-perugia.com
acmonzabrianza.it
acspezia.com
agenfax.it
alessandriacalcio.it
allvideo
amarantomagazine.it
arezzonotizie.it
asandriabat.it
B
beneventocalcio.it
bettiamo.net
blog.football.it
blunote.it
bondolasmarsa
br73.net Pistoia
bustocco.it
C
calciatori.com
calciocampano2009
calciocomo190
calciofoggia.it
calcioland.forumfree
calciomatto
calciomercato.com
calcionapoletano
calciopiu.net
calciopress.net
calcioscommesse.myblog.it
calcioseriec.blogspot.com
calciotoscano.it
cavese
cavanotizie.it
click4soccer.com
coni.it
corrierediarezzo.it
corrieredicomo.it
cremonaweb.it
D
datasport.it
diretta.it
direttagol.it
E
e-cremonaweb.it
esperiaviareggio.it
eurosport.yahoo.com
F
fccrotone.blogspot.com
febbrea90.com
figc.it
foggiacalciomania.com
foggialandia.it
foggiaweb.it
folignocalcio.com
folignocalcio.it
forzacavese.net
forzalucchese.net
forzanovara.net
forzapescara.com
forzaspal
G
gazzettalucchese.it
goal.com
H
hellastory.net
hellasverona.it
hellasweb.it
I
ilgrecale.it
ilpallonaro.com
ilquotidianodellabasilicata.it
ilquotidianodellacalabria.it
ilsatanello.it
ioamoilcalcio.myblog.it
infobetting.com
italiadelcalcio.it
L
la_c1.ilcannocchiale.it
lanciano.it
larena.it
leccosportweb.it
lega-calcio.it
lega-calcio-serie-c.it
legaproprimadivisione
leggonline.it
livescore.com
Live score
loschermo.it
lospallino.com
lostregone.net
lumezzanecalcio.it
M
madeinandria.it
mondorossoblu.it
N-O
noitv.it
P
paganese.it
paganesecalcio.com
pescaracalcio.com
portogruarosummaga.it
primadanoi.it
primadivisionew
primadivisione
pronostici1x2
pronostici serie A
prosestonews
Q
qn.quotidiano.net
R
radioemme.it
raisport.rai.it
ravennanotizie.it
realsports.it
reggianacalcio.it
reggianasupporters.it
resport.it
riminicalcio.com
S
salernonotizie.it
sanniocalcio.it
scommesse.betfair.it
seriec1.ilcannocchiale.it
seriec1.wordpress.com
soccerpuglia.it
socialcalcio.com
solocalcio.com
solopescara.com
sorrentocalcio.com
sportal.it
sportcity-ricio
sportedintorni.blogspot.com
sporterni.it
sportevai.it
sportitalia.com
sportoggi.com
sportpeople.net
sportvintage.blogspot.com
ssjuvestabia.it
sslanciano.it
stabia1907.it
stabiachannel.it
stampasud.it
T
tarantosera.com
tarantosupporters.com
teleradioerre.it
ternanacalcio.com
terninrete.it
terzaserie.myblog.it
tifo-e-amicizia.it
tifogrifo.com
tifosigallipoli
tifosiportogruaro
tuttalac.it
tuttocalciatori.net
tuttocalcio.it
tuttolegapro.com
tuttomercatoweb.com
tuttosport.com
tuttosporttaranto
tvgratisnet.iobloggo.com
tvoggisalerno.it
U
ultrassamb
uscremonese.it
usfoggia.it
V
varese1910.it
varesenews.it
vascellocr.it
vastocalcio
viaroma100.net
virtuslanciano
Z
zonacalcio.it

Siti rimossi

Gossip&sport

Cinema italiano
cinemaitaliano.info
trovacinema.repubblica.it
Nuovi
bg vs fq pr dago
notiziariocalcio
ilnuovocorriere
asgubbio1910
forzanocerina
piacenzacalcio
triestinacalcio
comunicatemi
chi ho dimenticato
e sarà inserito,
o rimosso per chi vuol essere cancellato

....ed è naturalmente gradito
un link a questo blog
nei vostri siti o blog
grazie



Meteo











 
 
fai.informazione.it Wikio - Top dei blog Wikio - Top dei blog Add to Google intopic.it Blog360gradi - 

L’aggregatore di notizie a 360°  provenienti dal mondo dei blog! who's online Sito ottimizzato con 

TuttoWebMaster TOP 100 

SOCCER SITES TopSportSites.com :: A 

Sports Discussion Community Top Italia Registra 

il tuo sito nei motori di ricerca liquida.it social network Notizie, immagini e video dai blog italiani su Liquida top 100 sports sites My BlogCatalog 

BlogRank urltrends reports BlogNews Questo Blog e' 

Strabello! e il tuo?

Cynegi Network
linkto.org

  Powered by  MyPagerank.Net
 

seriec1

↑ Grab this Headline Animator

  View blog authority
   
 


blinko jonny groove
rcsmobile belen

lastminute
musicbox

edreams

better
blinko grandi sorelle


Rubbrica telefonica


Elenco per nome


Elenco per ruolo