235 Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio La cronaca di Tuttalac su Paganese-Viareggio, Benevento-Lumezzane, Lanciano-Potenza, Foligno-Arezzo, Monza-Alessandria, Figline-Pro Patria, Taranto–Giulianova - tuttalac.it | seriec1 | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

logo di seriec1.ilcannocchiale.it rassegna stampa della lega pro prima divisione
Blog letto 11838115 volte












div>

Tim Cup 2009/2010, Risultati completi,
Tabellone, Regolamento

Coppa Italia 2009/2010
Risultati e Calendario
Siti Ufficiali


prima pagina della Gazzetta dello Sport

prima pagina del Corriere dello Sport

prima pagina di Tuttosport

il cirotano



Verdetti 2010-2011
Retrocesse dalla serie B
Frosinone Portogruaro
Triestina Piacenza
Promosse dalla 2a Div
Tritium Carpi
Latina FeralpiSalò
Carrarese Trapani
Retrocesse in 2a Div
Paganese Cavese
Monza Sudtirol
Ternana Cosenza
Promosse in serie B
Gubbio Nocerina
H.Verona Juve Stabia


Supercoppa 2010-2011
22 - 26 maggio
Gubbio Nocerina 1 - 1
Nocerina Gubbio 0 - 1
Vincente: Nocerina


Play Off Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Verona Sorrento 2 - 0
Salernitana Alessandria 1 - 1
Girone "B"
Juve Stabia Benevento 1 - 0
Taranto A. Roma 0 - 1
5 giugno 2011
Girone "A"
Sorrento Verona 1 - 1
Alessandria Salernitana 1 - 3
Girone "B"
Benevento Juve Stabia 1 - 1
A. Roma Taranto 2 - 3
Finali Play Off 2011
Andata 12 giugno
Verona Salernitana 2 - 0
Juve Stabia A. Roma 0 - 0
Ritorno 19 giugno
Salernitana Verona 1 - 0
A. Roma Juve Stabia 0 - 2


Play Out Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Sudtirol Ravenna 1 - 0
Monza Pergocrema 1 - 0
Girone "B"
Viareggio Cosenza 3 - 1
Foligno Ternana 1 - 0
5 giugno 2011
Girone "A"
Ravenna Sudtirol 2 - 1
Pergocrema Monza 1 - 0
Girone "B"
Cosenza Viareggio 0 - 1
Ternana Foligno 1 - 1


Lega Pro 1a Div - Girone A
10a giornata - 25 ott 09
Alessandria Viareggio 0 - 0
Como Arezzo 0 - 0
Classifica - 10a giornata
 1  Novara 24   
 2  Cremonese 22

Serie C1 Rassegna Web Prima Divisione Lega Pro





































sfoglia    settembre        novembre


11 ottobre 2009

La cronaca di Tuttalac su Paganese-Viareggio, Benevento-Lumezzane, Lanciano-Potenza, Foligno-Arezzo, Monza-Alessandria, Figline-Pro Patria, Taranto–Giulianova - tuttalac.it

http://www.tuttalac.it/bannertuttalac.jpg

Paganese - Viareggio

PAGANI - Al “Marcello Torre” va in scena il terzo pareggio a reti bianche consecutivo, a cui devono assistere i circa 1000 presenti sugli spalti. Ancora ultimo posto in classifica per gli uomini di Pensabene che non riescono a finalizzare le azioni create. Buon pareggio per il Viareggio, che porta a casa un buon punto contro una diretta rivale per la salvezza.

Rossi lascia perdere il timore reverenziale riproponendo il suo classico 4-3-3 con Ferrari terminale offensivo; tra i pali c’è Babbini, visto che Ravaglia non è riuscito a riprendere dalla botta subita contro il Perugia sette giorni fa. Formazione bianconera imbottita di Under con ben 7 fra ’88 e ’89. Nella Paganese da segnalare il ritorno fra i titolari di Rana dopo l’infortunio.

Parte bene la squadra di casa che costruisce la prima azione degna di nota già al minuto numero 8. Panini cambia gioco a cercare Sciannamè, l’esterno pesca in area Ibekwe, il cui colpo di testa sbilenco termina a lato. Un giro di lancette e ci prova Izzo dalla lunga distanza, ma la sfera termina sulla trasversale. Per rivedere un’altra azione pericolosa bisogna attendere il 40’ , quando Grimaldi, liberato da una sponda aerea di Rana, ci prova dal limite con la sfera che termina sul fondo. L’unica vera palla gol della prima frazione è però di marca ospite, tre minuti più tardi. Dormita di Castaldo, Ferrari a tu per tu con Melillo lo supera, ma perde l’attimo propizio per concludere a rete; serve allora l’accorrente Pizza che dal limite clamorosamente svirgola la conclusione.

Nella ripresa, Pensabene lascia negli spogliatoi Izzo e si gioca la carta Tortori. Entrambe le compagini però faticano a costruire e così Ferrari da una parte e Grimaldi dall’altra, provano a sorprendere i portieri avversari con due innocue conclusioni dalla distanza. Al quarto d’ora Mandorlini giunge al tiro dalla lunetta, ma la sfera impatta  contro i tabelloni pubblicitari. Un minuto più tardi Tortori guadagna il fondo e serve Rana che sbaglia la conclusione volante. Lo stesso Tortori, smarcato da un filtrante di Marzocchi, al 18’ si ritrova tutto solo contro Babbini, ma calcia alto. Due minuti più tardi anche Marzocchi calcia dalla distanza. Al 29’ proteste azzurro stellate per una presunta posizione di off - side di Lasagna, liberato in area bianconera dopo una triangolazione con Rana. Termina di fatto qui una partita scialba, con una sola nitida palla gol per parte. Ancora fischi per la Paganese , applausi per i calciatori bianconeri.

Danilo Sorrentino


Benevento - Lumezzane


CAMPIONATO ITALIANO DI PRIMA DIVISIONE - GIRONE A - 8^
GIORNATA DI ANDATA - BENEVENTO, 11 OTTOBRE 2009 - ORE 15,00 - STADIO SANTA
COLOMBA.

BENEVENTO (4/4/2): Gori - Pedrelli, Cattaneo, Ferraro, Palermo- 
Carcione (dal 61° Pacciardi), De Liguori,  D’Anna (dal 78° Colombini), Ciarcià
(dal 68° La Camera) - Clemente, Castaldo.- A disp.: Corradino, Ignoffo, Cejas,
Germinale- All.: Acori

LUMEZZANE (4/4/2): Gazzoli - Bonatti, Emerson,
Formiconi (dal 54° Zanardini), Nicola - Ciasca, Cinelli (dal 61° Grippo),
Scaglia, Pintori - Lauria (dal 54° Pesenti), Marconi .- A disp.: Trini,
Checcucci, Bradaschia, Galabinov - All.:Menichini.

ARBITRO: Sig. Marco BOLANO
di Livorno.-

ASSISTENTI DI LINEA: Sig. Massimiliano BRUNI e Sig. Lorenzo
ORLANDI, entrambi di Arezzo.-

ANGOLI: 4 a 3 per il Benevento (primo tempo 2 a
1).

AMMONITI: De Liguori (B) al 29°, Formiconi (L) al 46°, Carcione (B) al
48°, Grippo (PP) al 73°, Pacciardi (B) all’81°, Pedrelli (B) al 93°.

RECUPERO:
Primo tempo 2’, Secondo tempo 4’.

SPETTATORI: 4.118 circa di cui n. 3.329
abbonati e n. 789 paganti per un incasso di €. 10.291,50, oltre quota abbonati
pari a €. 19.707,00 per un totale di €. 29.998,50.-

Benevento, 11 ottobre
2009. -  Ci risiamo: ormai è una costante. Ogni qualvolta in questa stagione il
Benevento gioca tra le mura amiche del Santa Colomba deve sempre cercare il
riscatto, la partita da vincere a tutti i costi per tentare di avvicinare la
vetta della classifica o, quanto meno, di non lasciarsi staccare troppo dalle
battistrade, una delle quali, il Lumezzane appunto, è l’avversaria odierna e si
presenta in terra sannita con credenziali di tutto rispetto: in trasferta ha
sinora giocato tre partite ottenendo tutti e tre i risultati possibili, 1
vittoria, 1 pari ed 1 sconfitta in quel di Varese dove incassò addirittura 4
reti, evidenziando una certa fragilità difensiva, cosa di cui il Benevento
vorrà approfittarne. Ma per raggiungere tale obiettivo ci sarà bisogno di
voltare radicalmente pagina, di trovare un gioco ed un amalgama, cose che
finora non sono state prerogative dei campani. Oltretutto la piazza sannita è
in fibrillazione e la settimana appena trascorsa non è andata via tranquilla. I
calciatori non dimostrano la calma e l’ardore necessari per uscire fuori dalla
crisi, la tifoseria, almeno una piccola frangia di essa, mostra segni di
nervosismo e qualche volta è andata un po’ sopra le righe, cosa che ha fatto
arrabbiare molto la dirigenza che ha mostrato anche propositi di ritiro.
Neanche la vittoria di mercoledi scorso contro il Pescina Vdg in Coppa Italia è
servita a rasserenare molto l’ambiente alquanto deluso dai risultati finora
conseguiti rispetto a quelli che erano i propositi iniziali. Ma è arrivato il
momento di stringere i denti e di tentare di compattare l’ambiente in tutte le
componenti: solo facendo quadrato si può tentare di uscire dalla crisi, se
qualcuno pensa di farcela da solo sbaglia di grosso. Pertanto, bando alle
polemiche e andiamo avanti. Alla lettura delle formazioni una sorpresa: Acori
sembra abbia abbandonato il suo abituale 4/2/3/1 per un più realistico 4/4/2,
che vede a centrocampo Carcione, De Liguori, D’Anna e Ciarcià, mentre in avanti
c’è l’avanzamento di Clemente a far coppia con il confermato Castaldo. Ancora
tribuna per Evacuo. La partita non inizia nel migliore dei modi per il
Benevento perché il Lumezzane alla prima azione passa: sono passati poco più di
2 minuti e Scaglia scende sulla sinistra operando un cross verso il centro area
dove il più piccolo del gruppo, il dinamico e classico Pintori, anticipa di
testa due avversari con Gori che tarda ad uscire e la sfera che termina in
rete. Il Benevento sembra accusare il colpo e per un bel po’ è in completa
balia degli avversari il cui tecnico, Menichini, presenta un falso 4/4/2 poiché
spesso il quarto di centrocampo, il piccolo Pintori appunto, avanza ad
affiancare le 2 punte. E tutti i pericoli per il Benevento provengono dalle
iniziative di Pintori. Ma andiamo con ordine. Dopo il gol subito il Benevento
va all’attacco con Castaldo che serve Clemente in area tutto solo davanti a
Gazzoli. La semirovesciata del palermitano termina di poco al lato e siamo
appena al 3° giro di orologio. Al 14° ci prova Carcione con un tiro al volo
ribattuto forse con un braccio da un difensore, ma la distanza tra i due era
minima e l’arbitro fa bene a far continuare. Sullo sviluppo dell’azione palla
di nuovo a Carcione che crossa la centro ma Gazzoli anticipoa Clemente. Al 15°
ci prova D’Anna con un tiro fiacco dal limite che si perde sul fondo. Al 16°
Marconi spizzica di testa per Cinelli che dà in area per Pintori che a sua
volta rimette indietro per Lauria che spara di prima intenzione con la palla
che termina di poco a lato della porta difesa da Gori. Al 22° ancora sugli
scudi il bravo Pintori che tira una sberla dai 30 metri che Gori riesce a
deviare di quel tanto da mettere in angolo. Al 24° è il turno di Clemente di
provare da fuori con l’identico risultato di mettere sul fondo. Al 32° ancora
Pintori in evidenza con il solito tiro da fuori area con la sfera che va alta
sulla traversa. Al 36° il Benevento pareggia. Clemente riceve palla spalle alle
porte dentro la lunetta al limite dell’area bresciana, scambio veloce con
Castaldo che gli restituisce la sfera dando modo al siciliano di mettere in
atto il suo solito pezzo forte: tocco di esterno sinistro a servire lo smarcato
D’Anna sulla sinistra, semirovesciata immediata di sinistro dell’esterno
sannita e palla nell’angolino basso alla sinistra di Gazzoli che è battuto. Sul
finire del primo tempo per poco la difesa sannita non combina la frittata
quando su un innocuo crosso rasoterra proveniente da destra Cattaneo anticipa
Gori in uscita ma svirgolando completamente la palla con Gori che non può più
intervenire perché scavalcato dalla sfera. Per fortuna nessun bresciano riesce
ad intervenire e la difesa può allontanare. La ripresa inizia con il Benevento
che appare più tonico e rinfrancato. Dopo un solo minuto il Benevento batte una
punizione daslla sinistra con carcione che tocca verso Clemente che di prima
intenzione mette a centro con Castaldo che non riesce ad intervenire. Al 47°
scende Palermo sulla sinistra e crossa: sulla sfera si catapulta Clemente che
impatta bene di testa ma la sfera termina di un niente sul fondo. Al 51° il
Benevento passa in vantaggio. Clemente aggancia un pallone a centro area, si
gira su se stesso eludendo il proprio marcatore e costringendo Ciasca ad
atterrarlo platealmente. L’arbitro è a due passi e concede il sacrosanto rigore
che Clemente trasforma con rabbia e freddezza.. Al 62° D’Anna dalla sinistra
lancia Carcione che crossa di prima intenzione: a centro area Clemente colpisce
benissimo di testa con il portiere Gazzoli che d’istinto riesce a ribattere
evitando ai suoi il gol dell’eventuale KO. Al 74° Castaldo si porta bravamente
la palla in area e nel tentativo di eludere portiere e marcatore diretto è
costretto ad anticipare il tiro, alzando la sfera col piede destro (quello a
lui meno congeniale) al di sopra della traversa. Al 76° Lumezzane pericoloso:
sugli sviluppi di una punizione Marconi tocca di testa costringendo Gori a
deviare in angolo. Dopo un solo minuto altra azione dei bresciani che vanno al
tiro dopo un fortunato rimpallo, ma Gori ancora una volta riesce a parare. Al
79° per poco il Benevento non triplica: Colombini ferma il suo diretto
avversario, scambia con De Liguori e lancia lungo verso Castaldo che si lascia
anticipare da Gazzoli uscito ben oltre la propria area di rigore. Qui finisce
in pratica la partita: negli ultimi minuti il Lumezzane opera il suo forcing
con il Benevento che si chiude bene e non corre più pericoli. Un piccolo passo
in avanti per il Benevento sia per quanto riguarda la classifica che per il
gioco espresso. Negli spogliatoi mister Acori con il suo solito aplomb, la
solita serafica calma e la serenità di giudizio, esprime soddisfazione per la
vittoria con la speranza che si possa continuare su questa strada. Il
presidente Vigorito è apparso anch’egli alquanto soddisfatto ma ha dichiarato
che era stato soddisfatto anche dal secondo tempo di Sorrento allorquando la
squadra si era espressa su buoni livelli e aveva dimostrato grinta e
determinazione per poter riagguantare il risultato, poi sfuggito per una mezza
svista del direttore di gara che col Benevento in pieno forcing aveva accordato
un rigore molto dubbio ai padroni di casa. Ora due trasferte consecutive al
Nord, Cremona e Crema, inframezzate da un turno di coppa Italia mercoledi 21 c.
m. a Vasto.-
Da Benevento, Renato De Toma.  
  

 

 

                                         

Virtus Lanciano-Potenza


Chiodini, Vastola, Mammarella, Antonioli, Moi, Di Cecco,Turchi, Sacilotto, Improta, Colussi (dal 69‘ Morante), Amenta (dal 55‘ Zeytulaev).
In panchina: Aridità, Coppini, Colombaretti, Perfetti, Masini.
Allenatore: Dino Pagliari.
Potenza (4 - 2 - 3 -1):
Gragnaniello, Lolaico, Vanacore, De Simone (dal 46’ De Cesare), Chiavaro, Cardinale, Frezza, Berardi, Polani (dal 68‘ Lucie Smith), Giannusa, Catania (all‘ 84‘ Nappiello).
In panchina: Tesoniero, Porcaro, Langella, Lucenti.
Allenatore: Monaco.
Arbitro: il sig. Affinito di Frattamaggiore, coadiuvato dagli assistenti sig. Quadraro e Libertino.
Spettatori 1.600 circa, con 70 spettatori provenienti da Potenza presenti in curva nord.
Da notare che i botteghini dello stadio in tutti i settori sono rimasti chiusi.
Re cupero: 3‘ nel primo tempo e 4‘ nel secondo tempo.
Marcatori: al 41‘ Improta su rigore.
Angoli: 4 per la Virtus Lanciano e 6 per il Potenza.
Ammoniti: Vastola, Di Cecco, Vanacore (poi espulso), Cardinale, Berardi e Catania.
Espulso al 40’ Vanacore.
Giornata con tempo piovoso e temperatura di 15 gradi.
Terreno di gioco in discrete condizioni nonostante la pioggia caduta prima e durante la gara.

“Ei tu delusa” sono le note che l’ altoparlante dello stadio avrebbe potuto dedicare alle due squadre prima dell’ inizio del match.
Infatti Virtus e Potenza nelle prime sette giornate di campionato avevano sicuramente “raccolto” meno punti di quanto i propri tifosi potessero immaginare.
Da parte Lucana infatti possiamo evidenziare che il presidente Giuseppe Postiglione ingaggiando gente del calibro di Frezza, Anderson, Granello, Vanacore, Cardinale, De Simone, Lucenti ed Aquino si auspicava un inizio di stagione ben diverso.
Significativa la lettera aperta scritta dallo stesso numero uno ai propri tifosi proprio nei giorni precedenti il match.
Come detto nei precedenti articoli, anche la famiglia Maio non poteva essere soddisfatta del cammino dei rosso-neri almeno fino ad oggi.
La gara non è stata delle più entusiasmanti, ma mai come in questa occasione era importante solo il risultato e la Virtus ha ottenuto 3 punti molto pesanti vincendo la prima gara al Biondi di questa stagione, per il bel gioco appuntamento alla prossima puntata.
Successo importante anche dal punto di vista psicologico: la squadra ha, a questo punto, le potenzialità per sbloccarsi ed intraprendere un cammino più soddisfacente.
Il primo tempo è stato tutto sommato vivace, la Virtus nell’arco della stessa prima frazione ha saputo giocare di prima con improvvise verticalizzazioni e geometrie che hanno entusiasmato il pubblico presente sugli spalti.
Dopo il vantaggio e con un uomo in più (per il fallo di mano di Vanacore) la squadra di casa ha come tirato il freno a mano, dando metri preziosi agli ospiti.
Non si sono corsi particolari pericoli in difesa, ma il gioco è sceso di intensità e la superiorità numerica non ha portato all&rsquo ; auspicato gol del raddoppio e della sicurezza.
La squadra ospite ha il potenziale per risalire la classifica e siamo certi che mister Monaco riuscirà nel suo intento.
La gara:
Prima dell’ inizio del match c’ è stato 1 minuto di silenzio per le vittime dell'alluvione che ha colpito la provincia di Messina giovedì 1 ottobre.
1‘: Subito un tiro dalla distanza (30 metri) di Improta con palla a lato.
3‘: Tiro di Berardi dal limite, Chiodini devia in angolo.
9‘: Gol annullato a Colussi per fuorigioco, da un cross dalla destra di Vastola, Colussi segna ma l'assistente chiama giustamente il fuorigioco che l'arbitro prontamente fischia.
16‘: Incrocio dei pali colpito da Amenta di testa. Bellissima azione della Virtus: apre Colussi sulla destra per Turchi che mette al centro per l'inserimento di Amenta che colpisce in tuffo di testa manda la palla sulla traversa.
24‘: Il Potenza prova a mettere la testa fuori con Berardi che prova la botta da fuori area. Nessun problema per Chiodini con la palla che finisce a lato.
25‘: Tiro improvviso di Improta: dal vertice destro alto dell'area di rigore botta del napoletano su rifinitura di Sacilotto, para a terra Gragnaniello.
31‘: Frezza al volo dalla destra cerca di sorprendere Chiodini, che mette in angolo.
40‘: Rigore per la Virtus Lanciano: fallo di mano di Vanacore su tiro a botta sicura di Turchi (su gran bel cross di Mammarella) con Gragnaniello battuto. Espulso Vanacore. Improta sul dischetto sulla destra del numero uno ospite che intuisce ma non blocca.
45‘: Tiro al volo di Amenta su cross di Turchi, palla fuori. .
49‘: 3-4-2 per il Potenza, che schiera al fianco Polani l'esperto De Cesare.
53‘: Turchi al centro per Improta che per poco non raddoppia di testa, palla di poco a lato della Virtus respinge senza particolari apprensioni.
63‘: Gol annullato a Polani per fuorigioco. De Cesare avvia l'azione, Frezza al centro e spaccata di Polani.
66‘: Grande azione di Improta, che salta due uomini, serve al centro per Zeytulaev che cerca l'incrocio: palla fuori di un soffio
71‘: Cross di Catania,Chiodini esce a vuoto e De Cesare arriva di un poco in ritardo con l'appuntamento con il gol. Palla fuori.
75‘: Tiro dai 35 metri di Giammuso. Chiodini blocca a terra.
86‘: Ancora un tiro di Morante dai 30 metri, Gragnaniello controlla senza problemi
I VOTI:
Virtus Lanciano:
Chiodini 6 + da tranquillità al reparto, non compie miracoli, ma da il suo con esperienza, una sua uscita a vuoto poteva far pareggiare gli ospiti;
Vastola 5,5 soffre Catania ed a volte e poco preciso, non spinge come sa;
Mammarella 6,5 annulla Frezza e spinge molto sulla fascia;
Antonioli 6 bene nel primo tempo, nella ripresa De Cesaro lo impensierisce più volte;
Moi 6,5 svetta di testa su ogni pallone, inoltre palla al piede è una vera sorpresa, positivo;
Di Cecco 6 recupera diversi palloni, prezioso davanti alla difesa, ma può dare di più;
Turchi 7 suo il tiro del rigore, sulla destra è incontenibile, uomo partita;
Sacilotto 7 geometra del centrocampo, sa anche lottare e corre tanto;
Improta 6 segna su rigore la sua prima rete Virtussina, cerca alcuni spunti, ma non fa male;
Colussi 6 prezioso negli assist, importante a tenere alta la squadra;
dal 69‘ Morante 5,5 spesso spalle alla porta, non incide sul match;
Amenta 6 esce per infortunio ad inizio ripresa, prezioso il suo contributo sulla fascia sinistra;
dal 55‘ Zeytulaev 5,5 spreca una buona occasione, veloce ma non concretizza.
Potenza:
Gragnaniello 6 intuisce il rigore ma non lo respinge, portiere esperto per il resto dimostra il suo valore;
Lolaico 5,5 nel primo tempo soffre Amenta, non affonda mai;
Vanacore 5 giornata no per l‘ esperto terzino Lucano, Turchi lo fa diventare matto, prima ammonito e poi salva con la mano il tiro della stessa ala frentana, giustamente espulso;
De Simone 5,5 in mezzo al campo perde il duello con Sacillotto, tanto impegno;
dal 46’ De Cesare 6 nonostante i suoi 38 anni da profondità alla sua squadra, però non è mai pericoloso;
Chiavaro 6 riesce a limitare bene gli avanti rossoneri;
Cardinale 6,5 come il compagno di reparto, ha anche piedi buoni;
Frezza 6 ha deluso le attese, bello in ogni caso il suo duello con Mammarella;
Berardi 6 cerca di dare ordine nel centro del campo, cresce nella ripresa,Polani 6 nel primo tempo è l’ unico in avanti degli ospiti e se la cava discretamente, da tutto è viene sostituito dopo un’ ora su buon livello;
dal 68‘ Lucie Smith s.v. giovane interessante anche se non riesce a cambiare il match;
Giannusa 6 gioca dietro la punta Polani, a volte svaria sulla sinistra, ha tecnica;
Catania 6,5 sulla sinistra affonda spesso, molto utile;
dal‘ 84‘ Nappiello s.v. giovane interessante, in pochi minuti dimostra di avere “stoffa“.

Gianluca De Vincentiis

Foligno-Arezzo 1-4

E’ di scena l’Arezzo oggi al “Blasone” per l’ottava giornata del campionato di lega pro girone A.Il Foligno dopo un avvio bruciante,nelle ultime 4  giornate,ha raccolto la miseria di 1 punto frutto del pari a Lecco e 3 sconfitte(Lumezzane,Cremonese e Monza)per cui è chiamato ad un pronto riscatto,per contro l’Arezzo micidiale in casa(4 vittorie su 4) ma fragilissimo in trasferta(0 punti) deve invertire la tendenza.Purtroppo il Foligno per questa sfida deve rinunciare a Cavagna e Pencelli per squalifica e Borgese e Rossi per infortunio,ospiti in formazione tipo.Al via è il Foligno a rendersi pericoloso al 3° ed al 7° con due affondi di Calderini e Giacomelli dai rispettivi settori di attacco,in entrambi i casi salva la difesa in affanno.Risponde al 12° Chianese con una palla spizzata di testa su cross dalla trequarti, che per poco non sorprende Rossini.Al 15° Arezzo vicinissima al gol con Essabr e Chianese batti e ribatti in area con la difesa di casa in bambola.Al 16° è la volta del Foligno a sprecare con Virdis lanciato da giacomelli magnificamente,entra in area e spara alla destra del portiere ad incrociare,palla fuori di poco.Al 20° il nuovo entrato Togni dal limite dellìarea calcia in porta ed è bravo Rossini ad alzare sulla traverza.Al 21° quando meno te lo aspetti è il Foligno ad andare in vantaggio con Calderini servito in verticale da Castellazzi entra in area e batte Mazzoni in uscita con un morbido tocco.La reazione dell’Arezzo non si fa attendere,al 28° Togni fa le prove generali del gol con un tiro alto di poco da buona posizione ed al 30° sugli sviluppi di un calcio d’angolo fa secco Rossini(fermo sulla linea di porta) di testa dal centro dell’area piccola.In questo frangente l’Arezzo spinge alla ricerca della vittoria e l’impressione è, che possa passare da un momento all’altro,difatti al 42° De Oliveira servito da Chianese dal vertice destro dell’area, lascia partire un tiro ad incrociare di rara bellezza e precisione che batte l’incolpevole Rossini.Finisce qui il primo tempo.Alla ripresa del gioco il Foligno tenta di recuperare il risultato e si assiste al 7° ed al 9° a due incursioni del solito Giacomelli dalla sinistra,cross dalla linea di fondo e tentativo vano degli attaccanti di deviare in porta.Al 14° lo stesso Giacomelli lanciato da Turchi(sostituisce un evanescente Virdis) viene anticipato dal portiere in uscita.Al 16° la più ghiotta occasione per pareggiare,dalla bandierina al centro area si susseguono tiri ribattuti e svarioni e nessuno riesce nel tapin vincente.Da qui in avanti solo Arezzo, con un primo miracolo di Rossini su Miglietta, che da solo entra in area e si fa ribattere il tiro.Al 24° gol di Chianese,contropiede veloce e triangolazione con Miglietta,perfetta palla di ritorno e il bomber amaranto non sbaglia.Di fatto la partita finisce qui, e nel finale al 30° si assiste al poker dei toscani con Essabr che è “bravo” due volte,la prima nel rubare palla a Lispi ultimo uomo,e la seconda nel beffare il direttore di gara con un tuffo magistrale appena in contatto con Rossini .Rigore ed espulsione del portiere,con Cavitolo in porta(già effettuate le 3 sostituzioni)Chianese non ha difficoltà a realizzare.Concludendo vittoria meritata dei toscani,e Foligno che dalla prossima settimana non può più sbagliare.       

 

FOLIGNO:ROSSINI,GREGORI,NORI,(al25°stCAVITOLO))GALLOZZI,LISPI,GUASTALVINO,

CALDERINI,(al13°stDADALT)CASTELLAZZI,VIRDIS,(al 9°st TURCHI)SCIAUDONE,GIACOMELLI.ALL Luca FUSI

AREZZO:MAZZONI,MUSIC,SERENI,PECORARI,MEZZANO(al19°ptTOGNI),TERRA,

COPPOLA,(al12°stMIGLIETTA)VENITUCCI,(al22°stVISONE)CHIANESE, DE OLIVEIRA,ESSABR.ALL Leonardo SEMPLICI

ARBITRO:Sig.Gianluca BARBIERO sez.Vicenza ASSISTENTI:Sig.CINQUE e Sig. LEONETTI

AMMONITI:34°pt De Oliveira(A)

ESPULSI:30°st Rossini(F)

RETI:21°pt CALDERINI(F),30°pt TOGNI(A),42°pt De OLIVEIRA(A),24°e 30° st rig.CHIANESE(A)

NOTE:da segnalare in tribuna il sig. Lipari(nazionale Lega Pro) calci d’angolo 3-2 recupero 1-4 minuti spettatori 2200 circa

Massimo Bulletti


Monza-Alessandria 0-1



MONZA (4-2-3-1):Westerveld; Esposito (71' Tuia), Cudini, Fiuzzi, Barjie (67' Ravasi); Eramo, Zebi; Campinoti, Stefano, Samb; Mosca (75' Dimas). (Rossi Chauvenet, Anghileri, Prato,  Chedric). All. Cevoli
 


ALESSANDRIA (4-3-1-2):Servili (90' Cicutti); Ciancio, Sottil, Cammaroto, Ghosheh; Longhi, Briano, Buglio; Artico (33' Motta); Fantini, Rosso (63' Rodriguez). (Pucino, Signorini, Bolla, Volpara). All. Foschi

ARBITRO Pasqua di Tivoli (Pennacchio-Stefanelli)

MARCATORI: 19' aut. Cudini (A)

Ammoniti: Motta, Buglio, Servili, Briano (A), Stefano (M)

NOTE: giornata velata, terreno in perfette condizioni. Spettatori 1.300 circa.

Angoli: 10-2  Recupero: pt. 2', st. 7'
 

PRIMO TEMPO

1' Squadre in campo agli ordini del signor Pasqua. Davanti a circa 1.300 spettatori il Monza indossa la casacca biancorossa, piemontesi con la classica divisa grigionera.

5' Samb vince un corpo a corpo con Ciancio, si accentra e una volta in area lascia partire un gran destro sul quale Servili è attento e para a terra.

7' Samb scatenato parte dalla fascia sinistra, si accentra e crossa basso per Eramo il quale arriva per primo sulla sfera ma calcia a lato.

9' Fantini elude il fuorigioco e dalla fascia destra crossa per Rosso ma Esposito anticipa in angolo l' attaccante ospite. Sul successivo angolo Ciancio si eleva e da pochi passi impatta di testa spedendo la sfera a pochi centimetri dal palo.

14' Traversone dalla fascia destra di Campinoti, in area Sottil è bravissimo ad anticipare in angolo Samb, pronto alla battuta vincente.  

19' GOL! Ospiti in vantaggio grazie ad una sfortunata autorete di capitan Cudini che devia nella propria porta un cross basso di Rosso destinato verso l' area piccola.

25' Traversone di Barjie in area, Mosca e Stefano si ritrovano soli davanti a Servili ma si ostacolano a vicenda, Mosca riesce comunque a toccare la sfera spedendo a lato.

28' Stefano dalla destra cross basso in area, Mosca anticipa il diretto marcatore e calcia in porta, Servili para sicuro.

33' Artico infortunato, dentro Motta.

35' Barjie crossa teso in area, sulla palla si avventa Mosca che di testa sfiora il palo alla sinistra di Servili.

41' Corner di Eramo, Samb si ritrova ad un metro da Servili ed inzucca di potenza ma Servili compie un vero miracolo togliendo la palla dalla porta.

45' Ospiti pericolosi. Rosso semina il panico nell' area biancorossa e serve il liberissimo Longhi che si incarta e non riesce nella facile deviazione.

47' Dopo due minuti di recupero, squadre negli spogliatoi.

SECONDO TEMPO

45' Secondo tempo al via senza cambi tra le due squadre.

48' Corner di Campinoti, Servili esce male ma la difesa dei grigi spazza il pericolo.

58' Samb semina il panico nella difesa ospite che però all' ultimo momento riesce a liberare.

61' Punizione in area di Eramo, Stefano viene agganciato da dietro ma per il signor Pasqua è tutto regolare.

67' Ravasi entra in campo per Barjie.

73' Alessandria vicinissima al raddoppio con tre tiri consecutivi nella stessa azione ma Fantini, Rodriguez e Motta sbattono sulle straordinarie parate di Westerveld.

75' Nel Monza in campo Dimas per Mosca.

79' Tuia verticalizza in area per Dimas che non arriva all' appuntamento vincente per questione di centimetri.

80' Westerveld batte una punizione in area, raccoglie un attaccante ospite che insacca ma l' arbitro non convalida in modo misterioso.

82' Tuia dai venticinque metri, palla che sfiora il palo.

90' L' arbitro concede sette minuti di recupero.

97' A dieci secondi dalla fine Samb, a tu per tu con Cicutti, si mangia un gol già fatto sparando addosso al portiere ospite che devia in angolo.

97' Il signor Pasqua decreta la fine di un incontro che il Monza non avrebbe meritato di perdere.

Manuele Schenoni


Figline -Pro patria

Torna a giocare nel proprio stadio il Figline di Moreno Torricelli dopo 3 gare in "esilio" a San Giovanni Valdarno. Lo fa grazie alla tessera del tifoso e all'azione di sensibilizzazione svolta in questi mesi verso i propri tifosi, che ha permesso alla società di ottenere l'autorizzazione dalla Prefettura a giocare nel proprio stadio in attesa dei lavori già programmati dall'Amministrazione Comunale. Per la sfida contro la Pro Patria Moreno Torricelli deve rinunciare almeno inizialmente a Fanucchi, uscito acciaccato dalla sfida di Coppa Italia contro la Sangiovannese. Presenta dunque un inedito 3-5-2, con i due esterni Mugnaini e Pasquini, pronti a difendere in fase di possesso palla degli avversari. In avanti i gialloblù presentano ancora la coppia Chiesa – Fioretti. La Pro Patria si presenta in Valdarno con una squadra esperta con giocatori di grande esperienza come Cristiano, Chiecchi, Rinaldi e Serafini. Mister Di Fusco presenta il modulo 4-4-1-1 con Serafini pronto ad affiancare in avanti l'unica punta Ripa. Sulle corsie esterne poi operano Sarno (ex Sangiovannese) e Pacilli. Arbitro dell'incontro il Sig. Giallanza della sezione di Catania coadiuvato dagli assistenti Sig. Costantino della sezione di Orvieto e Sig. Cucchiarini della sezione di Città di Castello. Prima della gara viene osservato un minuto d raccoglimento in ricordo delle vittime dell'alluvione di Messina e del Sig. Pampaloni, dirigente del Figline negli anni '70. La Pro Patria si presenta in campo con maglia rossa e calzoncini bianchi, il Figline con la casacca gialloblù e calzoncini blù. Calcio d'inizio a favore del Figline. Primi minuti di studio tra le due squadre senza che nessuno cerchi l'affondo. Al 7' prima vera opportunità della partita con Fioretti che riceve palla si accentra, supera un avversario e lascia partire un bel sinistro che finisce sull'esterno della rete facendo gridare al goal. Al 9' bella palla di prima intenzione di Chiesa che libera Guerri in area, ma il centrocampista viene contrastato al momento del tiro da un difensore e l'azione sfuma. Al 14' un pallone innocuo batte sul braccio di Rinaldi e l'arbitro è costretto a decretare il calcio di rigore a favore del Figline. Dal dischetto calcia Chiesa che però mette il pallone sul fondo. Grane opportunità sfumata per il Figline. Al 17' bel cross di Pasquini ben parato in uscita da Giambruno. Al 18' bella punizione calciata da Chiesa verso la porta respinta di pugno da Giambruno. Al 21' riceve palla Sarno e dopo un controllo lascia partire un tiro rasoterra parato senza difficoltà da Pardini. Al 26' bell'azione del Figline con Chiesa e Redomi, il quale mette in area un bel pallone, troppo lungo per Guerri. L'azione continua con Pasquini che appoggia ancora a Chiesa che lascia partire un bel tiro, respinto di pugno da Giambruno. Al 29' buona opportunità per la Pro Patria con Aquilanti che dal fondo crossa in area; sulla palla arriva Pacilli che da buon posizione mette però la sfera sul fondo. Al 38' bella palla di Fioretti per Chiesa; l'attaccante si gira e lascia partire un bel tiro a calare che termina alto di poco. Al 39' il Fgline passa in vantaggio; bella palla in rea per Fioretti che si gira e lascia partire un tiro molto forte al quale si oppone molto bene Giambruno che respinge; il primo però a giungere sulla palla è Redomi che da pochi metri deposita la sfera in rete. Figline 1 Pro Patria 0. Al 44' l'arbitro ammonisce Aquilanti per un fallo commesso su Chiesa. Al 45' l'arbitro, senza concedere nessun recupero. Decreta la fine del primo tempo. Un primo tempo dove il Figline ha avuto sicuramente le migliori occasioni come il calcio di rigore fallito da Chiesa, mentre la Pro Patria raramente si è resa pericolosa verso la porta difesa da Pardini. Alla ripresa del gioco la Pro Patria ha fatto uscire Chiecchi e al suo posto è entrato Pivotto, il quale però viene ammonito dall'arbitro perchè è entrato in campo senza prima avvertire la terna arbitrale alla ripresa del gioco. Calcio d'inizio a favore della Pro Patria. Dopo 1' la Pro Patria fa uscire anche Pacilli e al suo posto entra Melara.  Al 2' proprio Melara prova il tiro al volo da fuori area, ma la palla termina sul fondo. Al 4' insiste ancora la Pro Patria con un colpo di testa di Ripa che termina sul fondo. Al 12' punizione dal limite per la Pro Patria. Calcia Serafini con Pardini che riesce a respingere in angolo. Al 15' la Pro Patria sostituisce Sarno con Paponetti. Al 17' altra occasione per la Pro Patria, che ha cambiato volo nella ripresa. L'occasione è per Melara che impegna severamente Pardini che riesce comunque a respingere. Al 20' arriva il pareggio della Pro Patria con Ripa pronto a mettere in rete di testa in tuffo su cross di Melara. Figline 1 - Pro Patria 1. Al 22' il Figline fa uscire dal campo Chiesa e al suo posto entra Frediani. Al 27' Ghinassi viene ammonito per un fallo di ostruzione su Melara. Al 30' Pasquini appoggia a Campolattano che lascia partire un bel tiro, di poco alto sopra la traversa. Al 31' Paponetti di testa appoggia per Ripa che lascia partire un violento tiro con Pardini costretto ad un'autentica prodezza mettendo la palla in angolo. Al 32' il Figline sostituisce Mugnaini con Duravia. Al 33' Pasquini fugge sulla sinistra e mette al centro, dove Frediani tenta la rovesciata, ma l'azione sfuma. Al 38' bel tiro dalla lunga distanza di Guerri con la palla che si perde sul fondo a portiere battuto. Al 39' il Figline fa uscire dal campo Redomi ed entra Nazzani. Al 43' pericolosa punizione a favore del Figline dal limite dell'area per un atterramento di Frediani.  Al 44' grande goal di Emiliano Frediani con una magica punizione e la palla che termina al sette dell'incolpevole Giambruno. Figline 2- Pro Patria 1. L'attaccante si toglie la maglia per la gioia e viene ammonito. 4' di recupero e la Pro Patria si butta in avanti a capofitto, ma il Figline è lesto a partire in contropiede creando più di un problema alla difesa ospite. Al 4' di recupero colpo di testa di Paponetti e la palla viene respinta da un difensore sulla linea di porta. E' l'ultima occasione e con grande sofferenza e grande coraggio in Figline riesce a conquistare 3 punti importanti per il suo futuro.  Una vittoria ottenuta con il cuore e con la voglia e sicuramente si tratta di 3 punti pesanti per il Figline.

FIGLINE: Pardini, Mugnaini, Pasquini, Ghinassi, Bettini, Peruzzi, Guerri, Campolattano, Fioretti, Chiesa, Redomi. A disposizione: Novembre, Duravia, Nazzani, Del Vivo, Cosentini, Fanucchi, Frediani. Allenatore Moreno Torricelli.

PRO PATRIA: Giambruno, Aquilanti, Barbagli, Cristiano, Chiecchi, Rinaldi, Sarno, Lombardi, Rip, Serafini, Pacilli. A disposizione: Caglioni, Masiero, Pivotto, Passiglia, Melara, Urbano, Paponetti. Allenatore: Raffaele Di Fusco.

Arbitro: Sig. Giallanza della sezione di Catania. Assistenti Sig. Costantino della sezione di Orvieto e Sig. Cucchiarini della sezione di Città di Castello.

Angoli 6-4 per la Pro Patria

Pierluigi Ermini


Taranto – Giulianova 0-0

Taranto: Bremec, Calori, Bolzan, Quadri, Migliaccio, Viviani, Felci, Mezavilla, Corona, Scarpa, Innocenti

A disp: Barasso, Russo, Prosperi, Falconieri, Magallanes, Giorgino, Nocentini. All. Brucato

Sostituzioni: 5' Falconieri per Innocenti, 66' Giorgino per Felci, 82' Russo per Mezavilla

Giulianova: Dazzi, Sosi, Migliore, Vinetot, Garaffoni, Croce, Carbonaro, Dezi, Melchiori, Del Grande, Campagnacci

A disp: Buono, Lieti, Rinaldi, Mariani, Iachini, Di Matteo, Schneider. All. Bitetto

Sostituzioni: 55' Lieti per Del Grande, 71' Schneider per Carbonaro, 83' Mariani per Dezi

Arbitro: Bellutti di Trento

Assistenti: Longo di Paola e Pentangelo di Nocera Inferiore

Note: Spettatori 4500 circa. Presenti in curva sud una quindicina di supporters ospiti. Angoli: 6 a 5 per il Taranto.

Ammoniti: Carbonaro (G), Sosi (G), Migliaccio (T), Dezi (G), Schneider (G), Mariani (G)

TARANTO – Un Giulianova grintoso e molto concentrato riesce ad uscire indenne dallo Iacovone, al termine di una partita comunque gradevole ed agonisticamente valida. Per questo match il tecnico jonico riconferma l' undici che domenica scorsa ad Avezzano si è imposto contro il Pescina. Ancora out sia l' argentino Correa (comunque sulla via definitiva del recupero) sia l' esterno Alì Lolli. Sulla sponda abruzzese mister Bitetto deve fare a meno di Carratta, con Del Grande recuperato invece proprio in extremis. In avvio subito una tegola per gli jonici: al 5' infatti l' attaccante Innocenti, causa problemi alla caviglia, è costretto al forfait; al suo posto entra Falconieri. Il Taranto crea il primo pericolo al 9', con un destro ravvicinato dell' ex Felci deviato in corner con bravura dal portiere Dazzi. In questa fase iniziale della contesa i rossoblu mantengono costantemente l' iniziativa, con gli abruzzesi che comunque si difendono con ordine. Primo cartellino giallo della gara alla mezz' ora, rimediato dal giuliese Carbonaro per simulazione. Al 34' Falconieri lavora un pallone al limite, serve Corona che impegna Dazzi con un rasoterra. Il finale di tempo è avvincente, con il Giulianova pericoloso al 41' (conclusione a lato di capitan Garaffoni) ed al 43' (Sosi direttamente dalla bandierina per poco non sorprende Bremec). L' occasionissima per il Taranto arriva invece proprio al 45' : Scarpa direttamente su punizione impegna severamente Dazzi, il quale respinge corto sui piedi di Corona, contrastato però da Sosi al momento della conclusione. La prima frazione si chiude pertanto a reti inviolate. In avvio di ripresa subito gran lavoro di Corona che serve Falconieri il cui colpo di testa termina alto. Al 61' mischia in area abruzzese, con Felci che scaraventa in gol quando però il gioco era già fermo per fuorigioco di Scarpa. Al 70' sinistro del brasiliano Mezavilla, con il pallone fuori di non molto. Al 74' clamorosa palla-gol per il Giulianova, con Melchiori che manca la deviazione a porta spalancata. Al 76' risponde il Taranto con Corona che manca però l' aggancio da posizione favorevole. A questo punto l' allenatore Brucato prova la carte della disperazione, lanciando nella mischia il baby Russo (classe 1990) al posto dell' esausto Mezavilla. Gli jonici provano in chiusura un forcing finale, senza tuttavia la necessaria lucidità. Alla fine è zero a zero, con l' unica nota lieta per i rossoblu l' imbattibilità del portiere Bremec, che arriva a 325' minuti senza incassare reti.

COSIMO GALEONE 


fonte: tuttalac.it

facebook

sfoglia    settembre        novembre

Cerca, Rss, Atom e Counter
Ricerca personalizzata
Blog letto 11838115 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0   Feed ATOM di questo blog  Atom


Link
A
ac-perugia.com
acmonzabrianza.it
acspezia.com
agenfax.it
alessandriacalcio.it
allvideo
amarantomagazine.it
arezzonotizie.it
asandriabat.it
B
beneventocalcio.it
bettiamo.net
blog.football.it
blunote.it
bondolasmarsa
br73.net Pistoia
bustocco.it
C
calciatori.com
calciocampano2009
calciocomo190
calciofoggia.it
calcioland.forumfree
calciomatto
calciomercato.com
calcionapoletano
calciopiu.net
calciopress.net
calcioscommesse.myblog.it
calcioseriec.blogspot.com
calciotoscano.it
cavese
cavanotizie.it
click4soccer.com
coni.it
corrierediarezzo.it
corrieredicomo.it
cremonaweb.it
D
datasport.it
diretta.it
direttagol.it
E
e-cremonaweb.it
esperiaviareggio.it
eurosport.yahoo.com
F
fccrotone.blogspot.com
febbrea90.com
figc.it
foggiacalciomania.com
foggialandia.it
foggiaweb.it
folignocalcio.com
folignocalcio.it
forzacavese.net
forzalucchese.net
forzanovara.net
forzapescara.com
forzaspal
G
gazzettalucchese.it
goal.com
H
hellastory.net
hellasverona.it
hellasweb.it
I
ilgrecale.it
ilpallonaro.com
ilquotidianodellabasilicata.it
ilquotidianodellacalabria.it
ilsatanello.it
ioamoilcalcio.myblog.it
infobetting.com
italiadelcalcio.it
L
la_c1.ilcannocchiale.it
lanciano.it
larena.it
leccosportweb.it
lega-calcio.it
lega-calcio-serie-c.it
legaproprimadivisione
leggonline.it
livescore.com
Live score
loschermo.it
lospallino.com
lostregone.net
lumezzanecalcio.it
M
madeinandria.it
mondorossoblu.it
N-O
noitv.it
P
paganese.it
paganesecalcio.com
pescaracalcio.com
portogruarosummaga.it
primadanoi.it
primadivisionew
primadivisione
pronostici1x2
pronostici serie A
prosestonews
Q
qn.quotidiano.net
R
radioemme.it
raisport.rai.it
ravennanotizie.it
realsports.it
reggianacalcio.it
reggianasupporters.it
resport.it
riminicalcio.com
S
salernonotizie.it
sanniocalcio.it
scommesse.betfair.it
seriec1.ilcannocchiale.it
seriec1.wordpress.com
soccerpuglia.it
socialcalcio.com
solocalcio.com
solopescara.com
sorrentocalcio.com
sportal.it
sportcity-ricio
sportedintorni.blogspot.com
sporterni.it
sportevai.it
sportitalia.com
sportoggi.com
sportpeople.net
sportvintage.blogspot.com
ssjuvestabia.it
sslanciano.it
stabia1907.it
stabiachannel.it
stampasud.it
T
tarantosera.com
tarantosupporters.com
teleradioerre.it
ternanacalcio.com
terninrete.it
terzaserie.myblog.it
tifo-e-amicizia.it
tifogrifo.com
tifosigallipoli
tifosiportogruaro
tuttalac.it
tuttocalciatori.net
tuttocalcio.it
tuttolegapro.com
tuttomercatoweb.com
tuttosport.com
tuttosporttaranto
tvgratisnet.iobloggo.com
tvoggisalerno.it
U
ultrassamb
uscremonese.it
usfoggia.it
V
varese1910.it
varesenews.it
vascellocr.it
vastocalcio
viaroma100.net
virtuslanciano
Z
zonacalcio.it

Siti rimossi

Gossip&sport

Cinema italiano
cinemaitaliano.info
trovacinema.repubblica.it
Nuovi
bg vs fq pr dago
notiziariocalcio
ilnuovocorriere
asgubbio1910
forzanocerina
piacenzacalcio
triestinacalcio
comunicatemi
chi ho dimenticato
e sarà inserito,
o rimosso per chi vuol essere cancellato

....ed è naturalmente gradito
un link a questo blog
nei vostri siti o blog
grazie



Meteo











 
 
fai.informazione.it Wikio - Top dei blog Wikio - Top dei blog Add to Google intopic.it Blog360gradi - 

L’aggregatore di notizie a 360°  provenienti dal mondo dei blog! who's online Sito ottimizzato con 

TuttoWebMaster TOP 100 

SOCCER SITES TopSportSites.com :: A 

Sports Discussion Community Top Italia Registra 

il tuo sito nei motori di ricerca liquida.it social network Notizie, immagini e video dai blog italiani su Liquida top 100 sports sites My BlogCatalog 

BlogRank urltrends reports BlogNews Questo Blog e' 

Strabello! e il tuo?

Cynegi Network
linkto.org

  Powered by  MyPagerank.Net
 

seriec1

↑ Grab this Headline Animator

  View blog authority
   
 


blinko jonny groove
rcsmobile belen

lastminute
musicbox

edreams

better
blinko grandi sorelle


Rubbrica telefonica


Elenco per nome


Elenco per ruolo