235 Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio Cavese-Cosenza, Giulianova-Verona, Andria-Reggiana, Lecco-Monza, Foligno-Como, Lumezzane-Perugia, Pescina-Spal - tuttalac.it | seriec1 | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

logo di seriec1.ilcannocchiale.it rassegna stampa della lega pro prima divisione
Blog letto 11839701 volte












div>

Tim Cup 2009/2010, Risultati completi,
Tabellone, Regolamento

Coppa Italia 2009/2010
Risultati e Calendario
Siti Ufficiali


prima pagina della Gazzetta dello Sport

prima pagina del Corriere dello Sport

prima pagina di Tuttosport

il cirotano



Verdetti 2010-2011
Retrocesse dalla serie B
Frosinone Portogruaro
Triestina Piacenza
Promosse dalla 2a Div
Tritium Carpi
Latina FeralpiSalò
Carrarese Trapani
Retrocesse in 2a Div
Paganese Cavese
Monza Sudtirol
Ternana Cosenza
Promosse in serie B
Gubbio Nocerina
H.Verona Juve Stabia


Supercoppa 2010-2011
22 - 26 maggio
Gubbio Nocerina 1 - 1
Nocerina Gubbio 0 - 1
Vincente: Nocerina


Play Off Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Verona Sorrento 2 - 0
Salernitana Alessandria 1 - 1
Girone "B"
Juve Stabia Benevento 1 - 0
Taranto A. Roma 0 - 1
5 giugno 2011
Girone "A"
Sorrento Verona 1 - 1
Alessandria Salernitana 1 - 3
Girone "B"
Benevento Juve Stabia 1 - 1
A. Roma Taranto 2 - 3
Finali Play Off 2011
Andata 12 giugno
Verona Salernitana 2 - 0
Juve Stabia A. Roma 0 - 0
Ritorno 19 giugno
Salernitana Verona 1 - 0
A. Roma Juve Stabia 0 - 2


Play Out Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Sudtirol Ravenna 1 - 0
Monza Pergocrema 1 - 0
Girone "B"
Viareggio Cosenza 3 - 1
Foligno Ternana 1 - 0
5 giugno 2011
Girone "A"
Ravenna Sudtirol 2 - 1
Pergocrema Monza 1 - 0
Girone "B"
Cosenza Viareggio 0 - 1
Ternana Foligno 1 - 1


Lega Pro 1a Div - Girone A
10a giornata - 25 ott 09
Alessandria Viareggio 0 - 0
Como Arezzo 0 - 0
Classifica - 10a giornata
 1  Novara 24   
 2  Cremonese 22

Serie C1 Rassegna Web Prima Divisione Lega Pro





































sfoglia    ottobre        dicembre


1 novembre 2009

Cavese-Cosenza, Giulianova-Verona, Andria-Reggiana, Lecco-Monza, Foligno-Como, Lumezzane-Perugia, Pescina-Spal - tuttalac.it

http://www.tuttalac.it/bannertuttalac.jpg

Cavese-Cosenza  1  -  1

 

Cavese (4-3-3):  1 Russo Francesco, 2 Grillo Antonio, 3 Nocerino Alberto (K), 4 Farina Alessandro, 5 Bacchiocchi Gianluca ( al 7’ st. Daniele Scartozzi) , 6 Cipriani Luigi, 7 Favasuli Francesco, 8 Maiorano Stefano,9 Schetter Antonio, 10 Tarantino Nazzareno ( al 13’ st. Bacchi Danilo), 11 Vittorio Bernardo ( al 25’ st. Varriale Vincenzo).

 

A disposizione: 12 Pane Pasquale, 13 Pozza Stefano, 14 D’Orsi Raffaele,15 Bacchi Danilo, 16 Scartozzi Daniele,17  Cruz Wilson,18 Varriale Vincenzo.

Allenatore: Agenore Maurizi

Cosenza (3-4-3): 1 Pinzan Andrea, 2 Musca Emanuele ( al 1’ st. Danti Domenico), 3 Maggiolini Tiziano, 4 Fanucci Stefano, 5 De Rose Francesco, 6 Porchia Sandro, 7 Bernardi Alessandro, 8 Roselli Fabio ( al 1’ st. Fiore Stefano), 9 Biancolino Raffaele, 10 Caccavallo Giuseppe, 11 Scotto Luigi ( al 25’ st. Mortelliti Francesco).

 

A disposizione: 12 Ameltonis Emanuele,  13 Di Bari Vito, 14 Girardina Salvatore, 15 Fiore Stefano, 16 Virga Valerio, 17 Danti Domenico, 18 Mortelliti Francesco.

Allenatore: Michele Napoli

Arbitro: Il Sig. D'alesio Giordano Bruno della sezione di Forli'.

Assistenti: Il Sig. Passero Francesco di Roma 1  -  Sig. Granella Stefano di Frosinone.

Marcatori: al 30’ pt. Schetter Antonio (Ca) al 3’ st. Fiore Stefano (Co).

Calci d’angoli:  4 - 4.  

 

Ammoniti: al 30’ pt. Schetter  (Ca), al 47’ pt. Bacchiocchi (Ca),  al 10 st. Biancolino (Co),  al 19 st. Danti (Co), al 37 st. Scartozzi (Ca).     

 

Recupero:  3’ nel primo tempo + 5’ nel secondo tempo.

 

NOTE: Pomeriggio soleggiato,  terreno in ottime condizione di gioco, con circa 2500 spettatori di cui duecenti giunti da Cosenza. Prima della  gara il Presidente della Cavese ha consegnato una targa al giocatore Antonio Schetter per le sue 150 presenze in Campionato con la maglia biancoblu. Un giusto riconoscimento al giocatore aquilotto per essere da sempre esempio di lealtà e professionalità sportiva per tutti coloro che hanno indossato e che indosseranno la maglia della Cavese.

 

Gara giocata ad altissima intensità al Simonetta Lamberti tra la Cavese e Cosenza, al termine di un match equilibrato e combattuto. Un tempo per parte, il primo tutto nella mani della Cavese che passa con Schetter che festeggia oggi la sua 150 gara con la maglia della Cavese. Il secondo tempo è del Cosenza, che trova il pareggio con l'ex nazionale Stefano Fiore,  realizzando una rete di pregevole fattura.  In serie positiva da quattro turni la squadra di Maurizi ha esaltato i propri tifosi nei confronti di una squadra blasonata, tra le più brillanti viste al Simonetta Lamberti. La Cavese attendeva la sfida contro i silani con trepidazione, i metelliani non affrontavano i lupi silani tra le mura amiche nientemeno che dalla stagione 1985/86. Il tecnico romano Agenore Maurizi ha dato un ottimo assemblaggio alla sua squadra, optando ancora una volta per un 4-2-3-1  scegliendo la difesa a quattro, per fornire maggiore equilibrio e copertura sui capovolgimenti di fronte. Confermato Grillo a destra e Nocerino a sinistra con la collaudata coppia centrale Farina, Cipriani. Le chiavi del centrocampo affidate ad un strepitoso Maiorano in coppia con Bacchiocchi, Sono in tre a supporto della punta avanzata Bernardo, con alle sue spalle Schetter,  Tarantino a destra  e Favasuli a sinistra. Il tecnico rosso-blù Domenico Toscano, squalificato domenica scorsa ha seguito la squadra dalla tribuna, si è affidato a uno spregiudicato 3-4-3. In difesa l´unica variazione riguarda Fanucci che ha preso il posto di Di Bari con il recuperato Musca a cui è stata tolta in Appello la squalifica di 5 giornate, ingiustamente comminatagli dal Giudice Sportivo. L'ex nazionale Stefano Fiore si è accomodato in panchina per far spazio alla verve di Caccavallo a formare il tridente insieme a Biancolino e Scotto. Quest'ultimo sembra aver conquistato la fiducia del tecnico preferendolo a Danti che parte dalla panchina. In avvio le squadre si studiano, sebbene la Cavese provi maggiormente a impensierire la retroguardia silana. Gli aquilotti premono fino alla trequarti, salvo poi infrangersi sul muro dei calciatori in maglia bianca. Il Cosenza, da par suo, si mostra ordinata e sempre precisa quando c’è da ripartire in contropiede. Biancolino è l’uomo di sponda e dialoga bene coi compagni che tentano spesso di rovesciare il fronte d’attacco con fitte reti di passaggi. La Cavese è brava a non farsi mai schiacciare dagli avversari, ma per la prima conclusione bisogna attendere al 8’ quando Tarantino ci prova dalla distanza con una conclusione di mezzo sinistro di poco a lato. La risposta del Cosenza non tarda ad arrivare, al 19'  Scotto  dalla sinistra lascia partire in girata un bel destro che però Russo riesce a deviare in angolo. Al 23' Pinzan compie un vero miracolo. Gran botta dai 25 metri di Maiorano e il numero uno rossoblù vola sotto l'incrocio a negare la rete al giocatore campano. Il Cosenza chiude bene tutti i varchi alla Cavese, ma Mister Maurizi vista la difficoltà nello sfondare inverte le fasce per i due esterni, e proprio dal primo traversone di Favasuli dalla fascia destra è preda di Schetter che di testa pettina il pallone e lo deposita  alle spalle di un incolpevole Pinzan.  Il Cosenza prova a reagire senza però trovare il bandolo della matassa. La Cavese invece riesce con tranquillità a girare bene il pallone e a trovare la sempre la soluzione giusta come al 37' altra bordata dalla distanza di Maiorano con Pinzan che deve respingere di pugno, sulla continuazione dell’azione un insidioso traversone di Grillo non trova la giusta deviazione di Bernardo che si fa anticipare dal portiere in uscita. La ripresa si apre con due cambi per il Cosenza, Danti al posto di Musca e Fiore entra al posto di Roselli . Lo squalificato Toscano dalla tribuna centrale del Lamberti  cambia modulo passando al 4-2-3-1 con Fiore e De Rose in mezzo al campo Danti, Caccavallo e Scotto a supporto di Biancolino. La mossa si rivela riuscita per il Cosenza che al 2' minuto trova il  pareggio con una gran tiro di Stefano Fiore bravo a colpire di contro balzo un bel pallone servito da Danti e a trafiggere Russo. Il tempo di riorganizzarsi per la Cavese di Maurizi che arriva  poco dopo espulsione  di Nocerino che colpisce a palla lontana Caccavallo. Il rosso del signor D'Alesio arriva su segnalazione del guardalinee. Maurizi corre subito a riparo inserendo prima Bacchi per Tarantino e poi uno spento Bernardo per Varriale. La superiorità numerica del Cosenza si fa sentire con la Cavese che ripiega in difesa con Danti e Caccavallo che mette in difficoltà la retroguardia  campana. Al 20' Biancolino parte sul filo del fuori gioco e  tutto solo davanti a Russo sbaglia la più facile delle occasioni sparando addosso al portiere. I rossoblù cercano di vincere il match e l’allenatore in seconda Napoli, su segnalazione via radio di Toscano, butta nella mischia anche Mortelliti visto che sia Schetter che Favasulli sono in difficoltà per acciacchi fisici Il Cosenza preme fino alla fine della gara per cercare la rete della vittoria ma la Cavese non molla anzi nei minuti di recupero ha sui piedi di Farina una punizione da ottima posizione che il difensore tira alto sopra la traversa.

 

(Giovanni Avallone)  


Giulianova-Verona 0-0


GIULIANOVA (5-3-2): Dazzi; Lieti (24’ st Del
Grande), Sosi, Garaffoni, Vinetot, Migliore; Dezi, Croce (29’ st
Carratta), Mariani; Carbonaro, Schneider (1’ st Di Matteo).
A
disposizione: Gasparri, Faragalli, Rinaldi, Iachini. All.: Bitetto

VERONA (4-3-3): Rafael; Cangi, Ceccarelli, Comazzi, Pugliese; Russo
(40’ st Garzon), Esposito, Pensalfini; Rantier (28’ st Gomez),
Berrettoni, Ciotola (19’ st Farias).

A disposizione: Ingrassia,
Anselmi, Bertolucci, Burato. All.: Remondina

ARBITRO: Zanichelli di
Genova Assistenti: Avellano di Busto Arsizio e Ridolfi di Ancona

NOTE:
giornata mite e soleggiata, terreno di gioco in pessime condizioni;
ammoniti: Schneider, Carbonaro, Lieti; calci d’angolo: 5-2 per il
Verona; recupero: 1’ pt, 6’ st; spettatori presenti: 2284, di cui 600
provenienti da Verona, per un incasso di 17765,05 euro

Un
Giulianova più forte delle assenze e del blasone dell’avversario
odierno riesce a portare a casa un pareggio che se non serve a far
muovere più di tanto la classifica, è un’iniezione di fiducia
importante per il futuro. Bitetto, causa defezioni, è costretto a
schierare un 5-3-2 molto abbottonato che concede poco o nulla agli
avanti veronesi, mentre il coach dei veneti, privo di Campagna, Selva e
Colombo, schiera un offensivo 4-3-3. Dopo i primi 10 minuti di studio è
il Giulianova ad andare molto vicino al gol: al 13’ bella combinazione
Scnheider-Carbonaro sulla sinistra, la palla giunge sui piedi di
Mariani che però incredibilmente spara alto un rigore in movimento. Gli
avanti scaligeri sono ben imbrigliati dai difensori giuliesi, ma
rischiano di far male in contropiede: al 21’ è Rantier a rendersi
pericoloso con un sinistro a girare, palla di poco a lato. Ma gli
abruzzesi riescono a controllare le azioni veronesi e provano a bucare
la porta di Rafael: al 38’ grande azione di Schneider che dai 20 metri
costringe l’estremo scaligero alla deviazione in angolo. Nell’azione
successiva ancora Rafael sugli scudi, lesto a togliere dall’incrocio un
colpo di testa di Garaffoni, con la difesa scaligera che affannosamente
spazza la palla fuori dall’area. Il finale è tutto veronese ed è ancora
Rantier l’uomo più pericoloso prima sfiorando il palo con un destro a
girare (43’) e poi colpendo lo spigolo dell’incrocio dei pali su
punizione (45’). La ripresa vede un Giulianova più stanco, ma non per
questo meno combattivo. Al 6’ Lieti colpisce l’esterno della rete da
posizione defilata, poi il Verona comincia a prendere possesso del
centrocampo, ma di azioni clamorose nella fase centrale del secondo
tempo non ne crea. E’ nuovamente alla fine che gli uomini di Remondina
si rendono pericolosi: al 44’ con un rasoterra di Esposito parato a
terra da Dazzi ed al 46’ con Gomez, che a tu per tu con Dazzi viene
rimontato da un superbo Garaffoni. Dopo un ulteriore recupero di 4
minuti, l’arbitro fischia la fine di un incontro in cui si è visto il
cuore del Giulianova e la capacità tattica di Bitetto ed un Verona
giunto al Fadini con troppo entusiasmo, dopo la roboante vittoria di
lunedì scorso contro la Valle del Giovenco. Un pareggio che non
allontana il Verona dal Pescara (visto l’odierno pareggio dei
biancoazzurri) e che dà convinzione al Giulianova in vista dell’
insidiosa trasferta di Andria, primo match-salvezza della stagione.
Alex Di Paolo 


Andria-Reggiana 1-1 (p.t. 0-0)

 

ANDRIA (3-5-2): Mennella 7, Pierotti 5,5, Di Simone 5, Goisis 5, Sibilano 6, Braca5,5, D’Allocco 5,5 (dal 14’ s.t. Rizzi 5,5), Ottobre 6, Maccan 5,5 (dal 14’ s.t. Dionigi 5,5), Paolucci 5,5, Sy 5,5 (dal 29’ s.t. Mastrolilli s.v.).

A disposizione: Pazzagli, Pomante, Iennaco, Doumbia.

All.: Aldo Papagni 6,5.

REGGIANA (4-3-1-2): Tomasig 6, Girelli 6, Anderson 6, Saverino 6,5, Mei 6,5, Stefani 5, Romizi 6 (dal 17’ s.t. Viapiana 6,5), Maschio 6,5, Rossi 7 (dal 40’ s.t. Ferrari 6), Alessi 6,5, Ingari 6,5.

A disposizione: Manfredini, Ferrando, Mallus, D’Alessandro, Nardini.

All.: Loris Dominissini 7.

ARBITRO: sig. Del Giovane Stefano di Albano Laziale 6.

Assistenti: sig. Legnetti A. (Avezzano) e sig. Cinque A. di Sulmona.

RETI: Rossi (R) al 27’ s.t.; Sibilano (A) al 46’ s.t.

AMMONITI: Mei, Maschio, Stefani, Ferrari, Alessi (R), Sibilano, Paolucci (A).

Angoli: 7-6 per l’Andria.

NOTE: Giornata soleggiata. Terreno di gioco in buone condizioni. Spettatori: 2.676 abbonati + 665 paganti per un incasso di Euro 13.593,00=. Tifosi ospiti non presenti per il divieto di trasferta imposto dal Prefetto di Bari, causa l’inagibilità del settore ospiti del “Degli Ulivi”.

Recupero primo tempo: 2 minuti.

Recupero secondo tempo: 4 minuti.

 

I MIGLIORI: Mennella (A) – Rossi (R).

 

LA CRONACA La tecnica contro il cuore. Definiremmo così l’incontro odierno tra l’Andria e la Reggiana , ovvero il cuore, la grinta e la voglia di crederci fino in fondo dell’Andria contro la tecnica di giocatori di ottimo livello della Reggiana. Le due squadre non si incontravano dai tempi della serie B (anni novanta). Con obiettivi diversi, si sono affrontate davanti ad una buona cornice di pubblico, con ospiti di eccezione in tribuna Vip. Erano infatti presenti gli attori Riccardo Scamarcio (di origini andriesi), Francesco Salvi ed il componente del gruppo musicale Le Vibrazioni Francesco Sarcina. La loro presenza d’eccezione al Degli Ulivi è da ricondurre ad una “tre sere” di spettacolo di beneficenza in corso ad Andria.

La gara sin dai primi minuti evidenzia una Reggiana padrona del centrocampo ed un’Andria sulla difensiva, pronta a cercare di rubar palla e ripartire.

Al 3’ primo sussulto in aera andriese per un gol di Rossi annullato dall’arbitro Del Giovane per una posizione di fuori gioco.

Al 13’ tiro di Romizi da fuori area, la palla va alta sulla traversa.

Un minuto dopo Sy viene pescato in area da Paolucci, ma calcia malamente sul portiere Tomasig che respinge. Sugli sviluppi seguenti, Maccan colpisce ancora di testa, ma la palla va fuori alla sinistra del portiere reggiano.

L’Andria continua a soffrire a centrocampo, grazie alle buone doti tecniche di Romizi e Maschio.

Al 34’ colpo di testa di Ingari su calcio d’angolo: l’inzuccata è insidiosa, ma la palla va fuori di poco.

Al 38’ Calcio di punizione da buona posizione battuta da Saverino, Mennella devia in calcio d’angolo.

Si chiude così un primo tempo che evidenzia le diverse carature tecniche delle due squadre, con la Reggiana che forse meriterebbe qualcosa in più del pareggio.

Secondo tempo con lo stesso copione del primo.

Al 3’ tiro di Maschio dal limite dell’area di rigore su invito di Saverino: palla alta.

Al 10’ è L’Andria che si fa viva dalle parti di Tomasig: tiro di Paolucci da fuori area, velleitario, con la palla che va fuori senza impensierire tanto l’estremo difensore reggiano.

Un minuto dopo Sy si libera al tiro in area di rigore, ma calcia debolmente e la palla si spegne tra le mani di Tomasig.

Ancora Maccan, in area, ben servito, viene anticipato da Tomasig che blocca a terra la palla.

Comincia il valzer delle sostituzioni. E’ l’Andria che comincia con Mister Papagni che provvede ad un doppio cambio con Dionigi e Rizzi; la gara sembra vivacizzarsi.

Al 15’ però è ancora la Reggiana a rendersi pericolosa. Ingari sfiora la marcatura su doppio tiro ravvicinato, con Mennella che si supera respingendo d’istinto in entrambi gli interventi.

Al 20’ sempre Ingari spara da fuori area, ma Mennella para facile.

Al 27’ arriva il gol dei reggiani. Viapiana, subentrato a Romizi, ruba palla a centrocampo e s’invola centralmente palla al piede, servendo sulla sinistra in area di rigore Rossi che, liberissimo, infila in diagonale Mennella.

Sterile la reazione dell’Andria che cerca di catapultarsi in avanti.

Ma al 32’ è sempre la Reggiana a rendersi pericolosa con il solito nuovo entrato Viapiana che su punizione impegna Mennella con un intervento non facile.

Al 35’ Ingari, beccato in area da uno sgusciante Rossi, incorna la sfera a colpo sicuro, ma un Mennella in giornata di grazia devia acrobaticamente in angolo.

I 4 minuti di recupero sono fatali per la Reggiana che subisce l’assalto finale della squadra andriese e, di conseguenza, anche il gol del pareggio.

E’ il 46’ , pieno recupero: Pierotti mette in area la palla su calcio di punizione e Sibilano, malamente lasciato libero nell’area piccola, batte a rete. E’ l’apoteosi al Degli Ulivi. L’Andria agguanta un insperato pareggio in zona Cesarini, dando continuità ai propri risultati e mantenendo la striscia positiva di imbattibilità.

E’ il 49’ quando l’arbitro fischia la fine delle ostilità.

SPOGLIATOI – Dominissini: ”I ragazzi erano rammaricati per i due punti persi? Io non lo sono perché ho ritrovato la vera Reggiana, quella di quindici giorni fa contro il Verona. Credo che oggi siamo stati impeccabili: compattezza e spirito di gruppo. Proprio quello che volevo vedere. E’ vero i ragazzi sono abbattuti per aver perso una occasione, ma io sono convinto che con questa determinazione si va lontani. Prima o poi tutto girerà dalla nostra parte”.

Mister Papagni: ”Un punto guadagnato? Certo, guadagnato ma non rubato. Il nostro merito è stato quello di averci creduto sino in fondo, anche contro una squadra di ottima qualità. Siamo molto contenti per la continuità che stiamo avendo nei risultati e nel fatto che, scusate se lo ripeto ancora una volta, tutti insieme, squadra e pubblico ci abbiamo creduto sino alla fine. Abbiamo cominciato con qualche difficoltà, ma nei primi 20 minuti siamo riusciti a ripartire due volte con due occasioni importanti. Siamo stati un po’ ingenui in fase di non possesso palla, ma di fronte avevamo la qualità tecnica della Reggiana. Il loro potenziale non ci consentiva di sbilanciarci più di tanto. Mennella in alcuni interventi è stato strepitoso.

Siamo ultimi? Sì, è vero, ma lo siamo in grande compagnia, a soli 3 punti dalla zona fuori play out”.

Poi è la volta di Sibilano: “Abbiamo sofferto, è vero, ma se fai gol all’ultimo minuto vuol dire che ci credi. Questa continuità di risultati ci da serenità nell’andare avanti. Quando è stato il mio ultimo gol? Due anni fa a Novara contro il Verona: vincemmo due a uno. Quest’anno per me è un anno di rivincita contro chi non ha creduto più in me. Dedico il gol ai miei due figli che erano in tribuna con mia moglie a seguire la partita”.

Ed ora tutti al lavoro per preparare la gara contro il Giulianova, sempre in casa.

FRANCESCO CASIERO


Lecco-Monza  0 - 0



LECCO (4-3-3) Pansera 6; Buda 6 ( 34’ Giannone 6,5 ), Guglieri 6,
Calzi 6,5 , Mateo 6,5 ; Galeotti 6, Cortese 7; Arrigoni 6,5, Ciano 6,5,
Sau 7,5 ( 86’ Maiorino s.v. ), Antonioni 6. ( Orlandi, Santoni,
Francini, Palumbo, Buda, Giannone, Maiorino). All. Magoni 7

MONZA(4-2-3-1) Westerveld 7,5; Tuia 5,5, Cudini 6,5 , Fiuzzi 6,5 (
63’ Chedric 6 ) , Barjie 7 ; Eramo 5,5 , Zebi 6, Iacopino 6, Samb 6 (
55’ Russo 6 ), Campinoti 5,5, Dimas 5 ( 49’ Chianese 5,5 ). (Rossi
Chauvenet, Riboni, Prato, Chedric, Anghileri, Chianese, Russo). All.
Cevoli 6,5

Arbitro Sig. Ceccarelli di Terni 7

AMMONITI: 38’ Calzi, 41’ Galeotti, 55’ Tuia, 59’ Fiuzzi
ANGOLI : 5 - 3
ESPULSI : 91’ Tuia
NOTE: giornata coperta, spettatori 2.322 di cui 211 ospiti

LA CRONACA DELLA PARTITA

PRIMO TEMPO

6’ Errore di Cudini che regala palla a Ciano, tiro prontissimo della
punta fuori di pochissimo
7’ Bella combinazione Campinoti Eramo, quest’ultimo entra in area ma
il suo cross viene ribattuto all’ultimo.
9’ Iacopino trova Samb in area il cui tiro va altissimo
10’ Arrigoni da venti metri tira forte ma centrale, nessun problema
per Westerveld
17’ Indecisione tra Tuia e Westerveld, si inserisce Sau che dal fondo
sfiora il palo di un millimetro.
18’ Iacopino ruba palla e tira dai sedici metri troppo debolmente
20’ Campinoti da venticinque metri sferra un tiro deviato di testa da
Guglieri che va sopra la traversa di pochissimo
36’ Ciano da sedici metri fuori di poco
37’ Ancora Ciano si libera di Fiuzzi ma da buona posizione spara
alto
43’ Palo clamoroso di Samb a portiere battuto su cross di Eramo

SECONDO TEMPO

51’ Grande riflesso di Westerveld che chiude lo specchio a Sau tutto
solo davanti a lui.
60’ Splendida parata di Westerveld su bolide di Ciano su calcio di
punizione
70’ Ancora Westerveld di pugno su punizione di Ciano
78’ Cortese da fuori area carica un missile che esce di mezzo metro
alla sinistra di Westerveld
90’ Campinoti solo a centro area colpisce debole di testa

 

                                             

Foligno-Como 3- 0

Come dicevamo la settimana scorsa,il Foligno deve sfruttare questo secondo turno casalingo consecutivo per allontanarsi dalle zone pericolose della classifica e mettere punti in cascina per avvicinarsi ai 20 punti agognati dal tecnico Fusi,al termine del girone di andata.Il Como con il cambio di allenatore,cerca di raggranellare qualche punticino fuori casa,dopo aver fermato l’Arezzo sette giorni fa.Per questa partita i lariani dovranno fare a meno dello squalificato Maggioni,mentre il Foligno con tutti presenti,eccetto il terzino Rossi e il lungodegente Furiani,si presenta in campo con Sciaudone al posto di Gallozzi e Giacomelli che torna a vestire la maglia di titolare al posto di Calderini.Al via il Como si presenta con un 4-4-2 molto guardingo e il primo tiro in porta è di Giacomelli al 5°con palla parata dal portiere ospite.Poi  per gran parte del primo tempo le squadre si fronteggiano al centro del campo con gli ospiti aggressivi e attenti a non concedere spazi agli avanti di casa.Al 29° il primo tiro dei lariani con Franco,alto sulla traverza.Al 33° Cavagna ben servito da Castellazzi impegna il portiere in angolo.Al 35° contropiede veloce di Sciaudone(buona la sua prova)che serve in profondità Cavagna,il quale al momento del tiro viene anticipato sprecando la buona occasione,nella ripartenza il Como va al tiro con Cozzolini(migliore dei suoi)con la palla fuori di poco.Al 37° ci prova capitan Guastalvino,sugli sviluppi di un angolo calcia da fuori area due volte con la seconda che sfiora il palo alla destra del portiere Malatesta.Al 42°il Foligno passa in vantaggio con il bomber Turchi che riceve palla in area,allarga per Cavagna che crossa al millimetro per la testa dell’Argentino che da due passi non sbaglia.Nel secondo tempo alla prima azione Turchi raddoppia al 7°,cross dalla trequarti di Pencelli,palla a Cavagna che liscia e dietro di lui è pronto il puntero che mette in rete di piatto destro dal centro area.Il como a questo punto si getta in avanti sfiorando il gol prima con Cozzolino al 11° con tiro da fuori area e poi con Brevi  al 22° che spara alto da pochi passi dopo un corner.Al 24° partita chiusa con Sciaudone che conquista palla a centrocampo e serve una palla d’oro a Giacomelli che tutto solo trafigge Malatesta.

FOLIGNO:TOMASSINI,GREGORI,LISPI,BORGESE,PENCELLI,GUASTALVINO,
SCIAUDONE(dal33stGALLOZZI),CASTELLAZZI,TURCHI(al27stDADALT),
CAVAGNA(dal40stCALDERINI),GIACOMELLI.ALL. Luca FUSI

 

COMO:MALATESTA,ADOBATI,FRANCO,BRIOSCHI,PREITE,ARDITO,E.BREVI,
SALVI,GUAZZO,COZZOLINO(dal22stBRETTI),TERRANEO(dal10stBRUNO).ALL.Ottavio STRANO-Ezio BREVI

 

ARBITRO:Sig.Stefano PAGANO della sez. di Torre Annun. ASSISTENTI:Sig.SCARANO Sig.ABRUZZESE

RETI:al 42°pt e al 52° Turchi(F) al69°Giacomelli(F)     

AMMONITI:Turchi,Sciaudone(F)Franco,Brioschi( C )

NOTE: angoli 6-5 rec 1-3 spettatori 1761 incasso 11680,54

MASSIMO BULLETTI 


Lumezzane-Perugia 1-0


RETI: 31's.t. Emerson
LUMEZZANE (4-4-2): Gazzoli; Zanardini, Bonatti, Emerson, Nicola; Pintori (36's.t. Lauria), Grippo, Cinelli, Scaglia (38's.t. Bradaschia); Marconi (25's.t. Galabinov), Pesenti. (Trini, Romeo, Formiconi, Ciasca) All. Menichini
PERUGIA (4-4-2): Benassi; Zoppetti, Raimondi (37'p.t. Pagani), Accursi, Bonomi; Stamilla (25's.t. Cazzola), Gatti, Perra, Bondi; Ercolano, Martini (15'st Del Core). (De Marco, Lacrimini, Menassi, Paponi). All. Pagliari.
ARBITRO: Palazzino di Ciampino. Assistenti: Sotgiu di Sassari e Gaspari di Ancona.
RECUPERO: 1' e 3'

NOTE: Giornata di sole. Spettatori 300 circa. Espulso al 45'p.t. Pesenti per proteste. Ammoniti: Martini (PG) Angoli: 5-3.
LUMEZZANE - Vittoria importante quella odierna per il Lume che con questi 3 punti oltre a scavalcare lo stesso Perugia, si proietta nuovamente nelle zona alta della classifica. Successo che mancava dal 27 Settembre scorso, quando i rossoblu' si imposero per 1 a 0 sul Sorrento. La gara di oggi era iniziata tra gli sbadigli e prima di vedere un azione degna di nota bisognava aspettare il 27' con una conclusione di potenza da parte di Marconi, respinta dal portiere Benassi. Successivamente, al 29' , il folletto sardo Pintori tirava a lato debolmente. Al 36', invece, occasioinissima per il Lume : azione creata da Cinelli, perfezionata da Pintori, e conclusa male da Marconi che da solo davanti a Benassi si mangia incredibilmente un gol praticamente fatto. In seguito il Lume cerca varchi per trovare la via della rete,  beneficiando anche di alcuni corner, ma non riesce a concretizzare. Al 45' Max Pesenti si rivolge all' arbitro Palazzino con frasi irriguardose e il direttore di gara lo manda sotto la doccia con un espulsione diretta. Grave ingenuita' dell' attaccante bergamasco che lascera' cosi' i compagni in 10 per tutta la ripresa.  Inizia  la seconda frazione di gioco, con gli uomini di mister Menichini costretti all' inferiorita' nunerica. Il Lume pero' non pare scoraggiato e con Pintori cerca il colpo vincente, ma la conclusione del bomber valgobbino al 47'  e' fuori. Il Perugia non sembra approfittare del vantaggio mumerico, e Gazzoli non e' quasi mai chiamato in causa. Al 53' Luigi Scaglia con uno dei suoi dribbling ubriacanti, scende piu' volte sulla fascia ma i suoi cross sono vanificati. Gli umbri sembrano davvero poco convinti. E al  75', il difensore carioca Emerson si traveste da Maradona: attraversa tutto il terreno di gioco fa fuori quattro avversari, e con un siluro dei suoi trafigge Benassi !! Capolavoro dell' ex centrale del Taranto che aveva gia' provato una simile incursione pochi minuti prima, ma in quella circostanza aveva appoggiato a Pintori che era stato anticipato dai difensori umbri. Vantaggio del Lume quindi e Perugia attonito. E al 43' il bulgaro Galabinov , entrato al posto di Marconi , parte in contropiede serve Andrea PIntori che a tu per tu con l'estremo perugino spara alto. Peccato poteva essere il 2a 0 definitivo.. Ma al 93' il sig. Palazzino da Ciampino decreta la fine delle osilita' dando il triplice fischio. Festa sugli spalti ed in campo, con i ragazzi di Menichini che tornano a esultare sotto il settore degli Ultras lumezzanesi. Una vittori ottenuta con la determinazione e la grinta, nonostante 48 minuti giocati 10 contro 11. E Domenica prossima trasferta storica per Il Lumezzane che sara' di scena in casa del Figline quart' ultimo con 10 punti e sconfitto oggi 2 a 1 a Sorrento.

ANDREA DI LORENZO


 

Pescina VDG - Spal  0 - 3

 

AVEZZANO – Una bella giornata di sole fa da cornice a questa partita importantissime per entrambe le formazioni.  Tre punti che possono essere fondamentali per il Pescina VdG per avvicinare la zona play off e per la Spal per raggiungere il suo avversario di oggi e respirare un po’. Rispetto alle formazioni dell’ultimo turno ci sono molte variazioni. Mister Cappellacci lascia fuori Cruciani, Molinari e Laboragine, questi ultimi due neanche convocati. La Spal con mister Dolcetti deve rinunciare a Bazzani, neanche convocato per problemi alla schiena. Entrambe le formazioni vengono da sconfitte contro le capoliste Verona e Pescara. Circa 700 spettatori ad assistere alla partita. Presenti anche una cinquantina di spettatori provenienti dall’emilia nonostante il divieto per i tifosi ospiti.

 

Formazioni:

PESCINA VDG: Bifulco; Birindelli, Blanchard, Petitto, Locatelli; Giordano, De Angelis, Censori (66’ Rebecchi), Berra (46’ Bettini), Cesar (66’ Cruciani); Choutos. 

A Disposizione:  Meo; Di Berardino, Piva, Bettega. All. Cappellacci

SPAL: Capecchi; Bortel, Quintavalla, Migliorini (78’ Licata), Zamboni, Ghetti, Schiavon, Cazzamalli (65’ Cabeccia), Cipriani, Centi, Bracaletti ( 74’ Marongiu).

A disposizion: Ioime; Lorenzi, Laurenti, Antragene. All. Dolcetti

 

Marcatori: Schiavon 11' e 27'; Bracaletti 55'

Arbitro: Giuseppe Sguizzato di Verona. Assistenti: Padrini e Romei.

Ammoniti: Petitto (P) al 35’ per gioco scorretto.

Corner: 7-3

Recupero: 3' pt, 3'st

 

La Partita:

Primo tempo: il Pescina VdG si schiera con un 4-2-3-1 con la coppia De Angelis – Giordano a fare da diga davanti la difesa e Cesar, Berra e Censori a supporto dell’unica punta Choutos. Un 4-3-3 invece il modulo scelto da mister Dolcetti per questa trasferta con Schiavon e Bacaletti avanzati a supporto di Cipriani.  Subito pericolosa la Spal al secondo minuto con un tiro di Centi dal limite indirizzato all’angolo basso , grande la parata di Bifulco che manda in angolo. Dopo appena un minuto subito la risposta del Pescina VdG con Blanchard che lancia Censori il quale si trova davanti Capecchi e spara a lato. All’ 11’ gol della Spal con Schiavon che riceve palla sui venticinque metri e lascia partire un tiro teso che s’insacca nell’angolino alla sinistra della porta bianco-verde. Pronta la risposta del Pescina VdG che due minuti dopo il vantaggio estense conclude pericolosamente con Blanchard servito da Locatelli sugli sviluppi di un calcio di punizione ma la palla finisce fuori di poco. Dopo una fase di stallo al 27’ minuto arriva il raddoppio della Spal ancora con Schiavon che sfrutta un pasticcio difensivo di Giordano e Bifulco ed insacca a porta sguarnita. Al 35’ arriva la prima ammonizione, a vedersi sventolare il cartellino giallo è stato Petitto dopo una brutta entrata da dietro ai danni di Cipriani. Al 40’ calcio di punizione per il Pescina VdG con Cesar ma la palla viene deviata dalla barriera e finisce in corner. Dopo un minuto, al 41’ tiro di Cipriani da fuori area, debole finisce tra le braccia di Bifulco, sul capovolgimento di fronte ottimo spunto di Cesar sulla sinistra che mette al centro per Berra che colpisce male e la palla si spegne sul fondo. Al primo minuto di recupero da segnalare il tiro di Birindelli da trenta metri che chiama alla prima parata della partita l’estremo difensore estense Capecchi.

Con questa ultima occasione si conclude questo primo tempo che ha visto una Spal molto aggressiva che merita in pieno il vantaggio. Il Pescina VdG forse ha ancora la testa al “Bentegodi” di Verona dove lunedì scorso ha preso una sonora batosta, vedremo se nel secondo tempo mi smentiranno gli undici di Cappellacci.   

 

Secondo tempo: La seconda frazione di gioco inizia con una novità per il Pescina VdG, entra Bettini al posto di Berra e la formazione marsicana si rischiera con un 4-4-2.

Al 55’ terzo gol della Spal con Bracaletti che servito al limite dell’area controlla la palla e con il sinistro lascia partire un tiro che finisce all’incrocio dei pali della porta marsicana, incolpevole Bifulco. Per il Pescina VdG è notte. Al 60’ la Spal legittima il risultato con una bellissima sgroppata di Cipriani sulla sinistra, si accentra, supera un uomo ma calcia centralmente. Un minuto dopo sugli sviluppi di un corner tiro di Bettini per il Pescina VdG in mezza rovesciata che finisce alto di pochissimo. Al 65’ prima sostituzione per la Spal, esce Cazzamalli entra Cabeccia cha va a posizionarsi in difesa. Un minuto dopo doppia sostituzione per il Pescina VdG, entrano Cruciani e Rebecchi per i deludenti Cesar e Censori. Schiavon, galvanizzato dalla doppietta, tenta un tiro al 70’ che finisce al lato. Fase di stanca della partita con il risultato già segnato. Al 73’ con orgoglio il Pescina VdG si rende pericoloso con Choutos che servito da Bettini spara a colpo sicuro ma prima Capecchi e poi Migliorini salvano sulla linea. Al 74’ seconda sostituzione per la Spal, entra Marongiu per Bracaletti. Nei successivi due minuti una occasione per parte, prima bravissimo Capecchi in uscita su Choutos, poi bellissimo tiro di Quintavalla, Bifulco si rifugia in corner. Terza ed ultima sostituzione anche per la Spal al 77’, entra Licata ed esce Migliorini. La partita si avvia alla conclusione mestamente con il Pescina VdG che cerca invano il gol della bandiera. Dopo 3’ minuti di recupero il direttore di gara dichiara conclusa la sfida.

 

Aggancio riuscito per la Spal sul Pescina VdG a quota 12 punti. Boccata d’ossigeno vitale per Dolcetti, in discussione prima di questo match. Meritatissimo il successo estense, ottima squadra ben disposta in campo che non ha quasi mai subito. E’ Capellacci invece a rischiare la sua panchina, 8 gol subiti in due partite sono un pesante passivo e questa squadra sembra non lottare.  Dura contestazione da parte dei supporter bianco-verdi a fine partita all’uscita degli spogliatoi e silenzio stampa, almeno per oggi, da parte di squadra e società.

 

Davide Proietti


fonte: tuttalac.it

facebook

sfoglia    ottobre        dicembre

Cerca, Rss, Atom e Counter
Ricerca personalizzata
Blog letto 11839701 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0   Feed ATOM di questo blog  Atom


Link
A
ac-perugia.com
acmonzabrianza.it
acspezia.com
agenfax.it
alessandriacalcio.it
allvideo
amarantomagazine.it
arezzonotizie.it
asandriabat.it
B
beneventocalcio.it
bettiamo.net
blog.football.it
blunote.it
bondolasmarsa
br73.net Pistoia
bustocco.it
C
calciatori.com
calciocampano2009
calciocomo190
calciofoggia.it
calcioland.forumfree
calciomatto
calciomercato.com
calcionapoletano
calciopiu.net
calciopress.net
calcioscommesse.myblog.it
calcioseriec.blogspot.com
calciotoscano.it
cavese
cavanotizie.it
click4soccer.com
coni.it
corrierediarezzo.it
corrieredicomo.it
cremonaweb.it
D
datasport.it
diretta.it
direttagol.it
E
e-cremonaweb.it
esperiaviareggio.it
eurosport.yahoo.com
F
fccrotone.blogspot.com
febbrea90.com
figc.it
foggiacalciomania.com
foggialandia.it
foggiaweb.it
folignocalcio.com
folignocalcio.it
forzacavese.net
forzalucchese.net
forzanovara.net
forzapescara.com
forzaspal
G
gazzettalucchese.it
goal.com
H
hellastory.net
hellasverona.it
hellasweb.it
I
ilgrecale.it
ilpallonaro.com
ilquotidianodellabasilicata.it
ilquotidianodellacalabria.it
ilsatanello.it
ioamoilcalcio.myblog.it
infobetting.com
italiadelcalcio.it
L
la_c1.ilcannocchiale.it
lanciano.it
larena.it
leccosportweb.it
lega-calcio.it
lega-calcio-serie-c.it
legaproprimadivisione
leggonline.it
livescore.com
Live score
loschermo.it
lospallino.com
lostregone.net
lumezzanecalcio.it
M
madeinandria.it
mondorossoblu.it
N-O
noitv.it
P
paganese.it
paganesecalcio.com
pescaracalcio.com
portogruarosummaga.it
primadanoi.it
primadivisionew
primadivisione
pronostici1x2
pronostici serie A
prosestonews
Q
qn.quotidiano.net
R
radioemme.it
raisport.rai.it
ravennanotizie.it
realsports.it
reggianacalcio.it
reggianasupporters.it
resport.it
riminicalcio.com
S
salernonotizie.it
sanniocalcio.it
scommesse.betfair.it
seriec1.ilcannocchiale.it
seriec1.wordpress.com
soccerpuglia.it
socialcalcio.com
solocalcio.com
solopescara.com
sorrentocalcio.com
sportal.it
sportcity-ricio
sportedintorni.blogspot.com
sporterni.it
sportevai.it
sportitalia.com
sportoggi.com
sportpeople.net
sportvintage.blogspot.com
ssjuvestabia.it
sslanciano.it
stabia1907.it
stabiachannel.it
stampasud.it
T
tarantosera.com
tarantosupporters.com
teleradioerre.it
ternanacalcio.com
terninrete.it
terzaserie.myblog.it
tifo-e-amicizia.it
tifogrifo.com
tifosigallipoli
tifosiportogruaro
tuttalac.it
tuttocalciatori.net
tuttocalcio.it
tuttolegapro.com
tuttomercatoweb.com
tuttosport.com
tuttosporttaranto
tvgratisnet.iobloggo.com
tvoggisalerno.it
U
ultrassamb
uscremonese.it
usfoggia.it
V
varese1910.it
varesenews.it
vascellocr.it
vastocalcio
viaroma100.net
virtuslanciano
Z
zonacalcio.it

Siti rimossi

Gossip&sport

Cinema italiano
cinemaitaliano.info
trovacinema.repubblica.it
Nuovi
bg vs fq pr dago
notiziariocalcio
ilnuovocorriere
asgubbio1910
forzanocerina
piacenzacalcio
triestinacalcio
comunicatemi
chi ho dimenticato
e sarà inserito,
o rimosso per chi vuol essere cancellato

....ed è naturalmente gradito
un link a questo blog
nei vostri siti o blog
grazie



Meteo











 
 
fai.informazione.it Wikio - Top dei blog Wikio - Top dei blog Add to Google intopic.it Blog360gradi - 

L’aggregatore di notizie a 360°  provenienti dal mondo dei blog! who's online Sito ottimizzato con 

TuttoWebMaster TOP 100 

SOCCER SITES TopSportSites.com :: A 

Sports Discussion Community Top Italia Registra 

il tuo sito nei motori di ricerca liquida.it social network Notizie, immagini e video dai blog italiani su Liquida top 100 sports sites My BlogCatalog 

BlogRank urltrends reports BlogNews Questo Blog e' 

Strabello! e il tuo?

Cynegi Network
linkto.org

  Powered by  MyPagerank.Net
 

seriec1

↑ Grab this Headline Animator

  View blog authority
   
 


blinko jonny groove
rcsmobile belen

lastminute
musicbox

edreams

better
blinko grandi sorelle


Rubbrica telefonica


Elenco per nome


Elenco per ruolo