Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Compromesso sugli under 23, niente sciopero

23/08/2008

Chiamatelo pure compromesso storico, e se vi sembra di esagerare allora fate un esercizio di memoria. In passato solo una volta i calciatori professionisti avevano incrociato le braccia (o per meglio dire le gambe): nel marzo 1996, sull´onda d´urto della sentenza Bosman. Il weekend del 30-31 agosto sarebbe potuto passare alla storia per il secondo sciopero del nostro pallone, con la prima giornata di Lega Pro senza attori in campo e quella di A e B in ritardo di 30 minuti. Niente di tutto questo. Federcalcio, Lega Pro e Assocalciatori hanno raggiunto l´intesa sul controverso tema della limitazione delle rose.

L´accordo - Confermati i limiti introdotti da questa stagione: 18 over 21 in Prima divisione e 15 in Seconda, under 21 illimitati. Accolta la richiesta del sindacato di allargare le rose con 2 under 23 in Prima e 3 under 23 in Seconda divisione. «Ciò — ha spiegato il vicepresidente Aic, Leo Grosso — consentirà di attutire la perdita ipotizzata di 300 posti di lavoro. È importante che tra le parti si sia ristabilito un clima di concertazione». Ma il presidente della Lega Pro, Mario Macalli, non voleva concedere la finestra degli under 23 per l´ex C1. Com´è che ha cambiato idea? Semplice, è riuscita l´opera di mediazione del presidente della Federcalcio, Giancarlo Abete, che ha destinato alla Lega Pro un milione di euro, in aggiunta ai 16 già previsti per quest´anno.

Gerarchie - A questo punto si creeranno tre gruppi di società più o meno virtuose: quelle che rispetteranno la norma originaria (quindi, senza l´aggiunta di under 23) percepiranno sia i contributi ordinari sull´utilizzo dei giovani sia la fetta della nuova torta da 1 milione; quelle che si atterranno alle ultime disposizioni (cioè, limite agli over ma finestra per gli under 23) riceveranno solo il premio- base; quelle che non osserveranno nessuna di queste regole resteranno a bocca asciutta. Sono pochi i club che non hanno ancora depositato le rose (termine prorogato a domani, con aggiornamenti possibili entro il 2 settembre): 5-6 in Prima e una quindicina in Seconda divisione.

Prospettive - A novembre le parti s´incontreranno nuovamente per valutare gli effetti della normativa e gettare le basi per la stagione 2009-10. «Bisogna capire — dice Grosso — che alzando la soglia dei tesseramenti illimitati dagli under 21 agli under 23 si potrà dare più tempo ai giovani per maturare nelle categorie inferiori». La Lega Pro, che punta alla valorizzazione delle nuove generazioni ma guarda anche ai bilanci dei club, non ci sente. «Avevamo ipotizzato — replica il vice presidente dell´ex serie C, Salvatore Lombardo — una riduzione a regime di 15 over in Prima e 11 over in Seconda divisione. Vogliamo evitare quello che è successo quest´estate, che ha visto l´esclusione di 9 società».

gazzetta dello sport - Marco Iaria

[Foggiacalciomania.com - Gian Franco lo Muzio]

Pubblicato il 23/8/2008 alle 12.8 nella rubrica Generiche.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web