Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Hellas Verona-Legnano 4-3

fonte: hellasverona.it

30/11/2008 - 16:04 Segnala questa notizia   Versione stampabile
Gioie e brividi al "Bentegodi", alla fine centrati i sette risultati utili consecutivi

VERONA - I gialloblù ripartono dal pareggio ottenuto sul campo della Pro Patria, Legnano reduce dallo 0-3 casalingo con la capolista Spal. Remondina schiera Conti al posto dell’infortunato Bergamelli, confermando Campagna sulla destra della linea difensiva e Campisi a centrocampo. Maggioni e Rossini, fermati dal Giudice Sportivo, vengono invece sostituiti da Enow e Cilona.

 

Ospiti in vantaggio al 9’ con Bertoli, abile ad anticipare tutti di testa su un corner calciato dalla sinistra. Al 13’ penalty per l’Hellas, Garzon viene atterrato da Cilona a pochi passi dalla porta. Ammonizione per il difensore lilla. Sul dischetto si presenta Tiboni, che estrae dal cilindro un rigore alla Totti: cucchiaio e Ioime battuto.

 

Raddoppio per Bellavista e compagni sei minuti dopo: punizione dalla trequarti di Campisi, tap-in di Scapini che colpisce il palo, Conti è pronto a ribadire in rete. Conti serve Moracci sulla corsa al 29’, cross al centro per Scapini, deviazione alta sopra la traversa.

 

Tiboni trova la doppietta personale al 32’ quando aggancia un lancio dalle retrovie e supera in velocità il proprio marcatore, battendo Ioime con un potente destro. La stessa punta di scuola atalantina crossa dal fondo per Scapini al 39’, l’ex Cuneo non riesce ad impattare in maniera decisiva.

 

Poker scaligero al 42’ ancora con Tiboni: lancio col contagiri di Garzon per l’attaccante, che appena entrato in area conclude sul palo lontano trafiggendo nuovamente Ioime. Allo scadere della prima frazione contropiede lombardo con Nizzetto, il cui destro fa la barba al palo della porta di Rafael.

 

Discesa sul lato sinistro della difesa lombarda per Scapini al 49’, Campisi scocca il destro concludendo abbondantemente alto.  Al quarto d’ora della ripresa Lanteri approfitta di un’indecisione della retroguardia ed accorcia le distanze.

 

Bellavista serve l’accorrente Girardi sulla fascia destra al 65’, cross per Scapini che anticipa la difesa avversaria, palla di poco a lato. Quattro minuti dopo perfetto corner di Nizzetto che imbecca Bertoli a centro area, Rafael respinge il colpo di testa del capitano legnanese.

 

Il Legnano accorcia le distanze con Romeo al 71’, quando il neo-entrato trova il tap-in su servizio di Chiazzolino. Passaggio filtrante di Bellavista per Scapini all’83’, Ioime anticipa in uscita l’intervento dell’attaccante. Punizione dai venti metri di Bosio all’86’, Rafael blocca a terra.

 

La gara termina dopo sei minuti di recupero, Hellas dai due volti: spettacolo nel primo tempo, grande paura nel secondo.

 

 

Il tabellino

HELLAS VERONA F.C. - A.C. LEGNANO 4-3 (4-1)

Reti: 9’ Bertoli, 14’ rig. Tiboni, 19’ Conti, 32’ e 42’ Tiboni; 60’ Lanteri, 71’ Romeo

HELLAS VERONA F.C.

Rafael; Campagna, Ceccarelli, Conti, Moracci (54’ Loseto); Garzon, Bellavista, Campisi; Parolo; Tiboni (62’ Girardi), Scapini (89’ Corrent). (Franzese, Mancinelli, Anaclerio, Gomez) All. Remondina

A.C. LEGNANO

Ioime; Enow, Bertoli, Battaglia, Cilona; Roselli (85’ Virdis), Chiazzolino, Zaninetti (46’ Romeo); Nizzetto, Lanteri (66’ Albanese); Bosio. (Redaelli, Rodriguez, Agazzone, Lombardo) All. Lombardo

Arbitro: Manna di Isernia

Assistenti: Paiusco, Valletta

Ammoniti: Cilona, Parolo, Battaglia, Romeo

Espulsi: -

Recupero: 2’ - 6’

Spettatori: 9.112

 

 

I contenuti sono liberamente riproducibili, salvo l’obbligo di citare la fonte, hellasverona.it

Tiboni: "Tripletta merito di tutta la squadra"


30/11/2008 - 18:31
Segnala questa notizia   Versione stampabile
"In questo campionato non dobbiamo mai rilassarci, indipendentemente dal vantaggio"

VERONA - Il successo contro il Legnano ha allungato ancora la striscia positiva degli uomini di Gian Marco Remondina, giunta a quota sette gare. Al termine della 14a giornata di campionato, il centravanti Christian Tiboni ha rilasciato alcune dichiarazioni davanti a microfoni, taccuini e telecamere.

"Sono contento della mia prestazione personale, ma soprattutto per la vittoria. Non so cosa sia successo nel secondo tempo, dopo una prima frazione in cui abbiamo annientato l’avversario il Legnano ha creato grandi difficoltà. Ciò deve servire come lezione, non dobbiamo mai rilassarci, indipendentemente dai gol di vantaggio. La mia tripletta è merito di tutta la squadra, se i miei compagni non mi avessero messo in condizione di segnare non ci sarei mai riuscito. Andare in rete sotto la Curva Sud è stato bellissimo."

"Per quanto riguarda il penalty, avevo deciso come tirare già quando sono andato sul pallone. Anche nel Settore Giovanile li ho tirati in quel modo, il portiere difficilmente si aspetta una conclusione così. Poi pensavamo di avere già la vittoria in tasca, e questo è sbagliato: l’euforia del 4-2 ha portato i lombardi ad accorciare nuovamente il risultato. In un campionato così equilibrato non devono più verificarsi questi cali di tensione."

I contenuti sono liberamente riproducibili, salvo l’obbligo di citare la fonte, hellasverona.it 


Remondina: "Gli ostacoli sono dietro l'angolo"


30/11/2008 - 18:14
Segnala questa notizia   Versione stampabile
"Giochiamo alla grande e facciamo risultato solo lavorando al 100%"

VERONA - Al termine della gara col Legnano, valida per la 14a giornata del campionato di Prima Divisione (Girone A), il tecnico dell’Hellas Verona Gian Marco Remondina ha analizzato la prestazione dei suoi di fronte agli organi d’informazione.

Nell’arco dei novanta minuti la formazione scaligera ha mostrato i suoi due volti: "Sono contento per la vittoria, abbiamo disputato un ottimo primo tempo, poi qualcosa è cambiato. Magari c’è stata un pò di paura del risultato rotondo, sono state perse le distanze e la voglia di giocre. Se il livello di concentrazione non viene tenuto alto, gli ostacoli sono sempre dietro l’angolo. Prendiamo quanto di buono ci ha regalato la partita, consapevoli che c’è da lavorare su quel secondo tempo."

"Talvolta vediamo errori plateali -prosegue il mister-, mentre in altre partite siamo perfetti. Dobbiamo crescere e migliorare per restare sempre lucidi mentalmente. Giochiamo alla grande e facciamo risultato solo lavorando al 100%: in caso contrario siamo vulnerabili. Aspettiamo ancora per capire di che pasta siamo fatti, sono convinto che le possibilità di restare aggrappati alle altre squadre ci siano. Il risultato odierno ci fa comodo, volevamo vincere a tutti i costi. I ragazzi hanno dimostrato grande capacità di soffrire, guardiamo al futuro con fiducia."

I contenuti sono liberamente riproducibili, salvo l’obbligo di citare la fonte, hellasverona.it


Pubblicato il 30/11/2008 alle 20.50 nella rubrica Verona.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web