Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Calcio - Pugno duro contro i calciatori violenti

Fonte: "La Repubblica"

Pugno duro anche contro i giocatori. Che devono dare l'esempio e non essere coinvolti in episodi di violenza. Lo ha deciso il Viminale. Ecco la novità: i calciatori squalificati nelle squadre dilettanti rischiano il Daspo, cioè il divieto di assistere a manifestazioni sportive, per tutto il periodo della loro squalifica.

Il Casms, il Comitato di analisi per la sicurezza delle manifestazioni sportive, oggi ha infatti "ritenuto di sostenere l'iniziativa dell'Osservatorio tesa ad acquisire le pronunce della Giustizia Sportiva per episodi di violenza gravi ad opera di calciatori, ai fini della trasmissione degli atti ai questori interessati per l'adozione, ricorrendone i presupposti, dei provvedimenti di Daspo per la durata corrispondente almeno al periodo di squalifica inflitto".

Il Casms, che si è riunito al Viminale, ha anche osservato che mentre diminuiscono gli incidenti in occasione di partite di calcio nelle serie professionistiche, hanno invece ancora "una incidenza significativa nei campionati dilettantistici". Già alcuni calciatori avevano avuto il Daspo, ma non per incidenti successi in campo bensì fuori (con i tifosi o le forze dell'ordine). Adesso questo provvedimento congiunto: prima il giudice sportivo poi il questore.

E' il segnale che non si vuole assolutamente abbassare la guardia. "In quest'ultima giornata c'è stata una recrudescenza, in particolare nei campi del Sud, ma non si può fare di tutta un'erba un fascio. In questo momento il Campionato Dilettanti ha quasi venti stadi senza barriere": questo il pensiero di Carlo Tavecchio, presidente della Lega Nazionale Dilettanti, in merito alle considerazioni del Casms. "Noi giochiamo 700 mila partite l'anno, mentre i professionisti solo 5mila, quindi in proporzione la percentuale di incidenti è praticamente irrilevante", ha precisato il presidente della Lnd, che si è poi detto favorevole nei confronti della proposta di Daspo ai giocatori di squadre dilettanti: "Sono d'accordo, coloro che colpiscono l'arbitro devono ricevere questa sanzione". Il Casms, per la verità, aveva parlato nel suo comunicato di "episodi gravi", senza fare riferimento alle aggressioni agli arbitri.

Pubblicato il 6/12/2008 alle 2.21 nella rubrica Generiche.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web