Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Pistoiese sbanca Foligno 1-2

fonte: acpistoiese.net

http://www.acpistoiese.net/inc/showimghp.inc.php?ID=366

(21/12/08) RETI: 13’ Quadrini (P), 45’ Coresi (F), 54’ Cipolla (P)

Foligno: Ripa, Pencelli, Petterini, Baldanzeddu (1’ St Cotza), Fiuzzi, Guastalvino, Mandorlini (29’ St Iadaresta), Furiani (19’ St Signori), Turchi, Coresi, De Paula. .All Paolo Indiani.

Pistoiese: Conti, Bartolucci, Ghinassi, Cutrupi, Lanzillotta (43’ St Bianchini), Fautario, Bellazzini, Guerri, Quadrini (17’ St Breschi), Cipolla, Cortese (28’ St Di Berardino). All Salvatore Polverino.

ARBITRO: Ostinelli di Como, assistenti Martini e Tremolada AMMONITI: Guastalvino, Furiani, Bellazzini, Quadrini. NOTE: angoli 5-3 rec 2+5’.

Bellissima e meritata vittoria della Pistoiese sul campo del Foligno, la prima lontana da Pistoia. E così la squadra arancione chiude il girone di andata avendo vinto nella prima gara interna e nell'ultima partita esterna. Il risultato consente alla squadra di girare terz’ultima in classifica: non sarà il massimo della vita, ma sicuramente un bel passo avanti. C’è da dire subito che il successo passa attraverso il gioco ed anche questo è un aspetto tutt’altro che secondario. Nel primo tempo la squadra di mister Polverino appare in palla fin dalle prime battute, distinguendosi per il pressing alto e la rapidità nei capovolgimenti di fronte. Le cose più interessanti Cipolla e compagni le confezionano sulle due fasce, con belle sovrapposizioni e cambi di passo in cui si mettono in luce Quadrini e Bellazzini, ben supportanti alle spalle rispettivamente da Cutrupi e Fautario. Il terminale offensivo è Cipolla che si sacrifica su tutto il fronte dell’attacco. Suo è il primo tiro verso la porta avversaria ad inizio gara e già da lì si capisce che forse oggi il vento spinge alle spalle degli arancioni. Il Foligno prova a far la partita, ma ad ogni attacco ospite c’è la risposta immediata della Pistoiese che verticalizza con efficacia la manovra. Non giunge dunque a caso il gol del vantaggio “orange” al 13’ con Quadrini. Il giovane attaccante con un diagonale crea difficoltà a Fiuzzi che deviando la sfera mette fuori causa il proprio portiere. L’altoparlante dà il goal a Quadrini, ma in sala stampa come spesso succede si preferisce “punire” il difensore piuttosto che premiare l’attaccante: deviazione decisiva, sfera non indirizzata verso la porta, ecc. La “regola” di assegnare il goal all’autore del tiro pare in disuso. Tornerà forse in auge quando un goal del genere lo segnerà qualche regale scarpetta, ma vivaddio nessuno toglierà al nostro Quadrini la bella prestazione generale ed il bel gesto tecnico in particolare. Il vantaggio arancione non era giunto per caso, ma il Foligno sostenuto dal suo meraviglioso pubblico che non cessa mai di incitare, trova la forza per reagire. L’azione dei padroni di casa si fa più continua, ma il “leite motive” della gara non cambia granchè: la Pistoiese sfrutta ogni spiraglio per andare negli spazi e rovesciare il gioco di gran carriera verso la metà campo del Foligno: qui si nota il gran lavoro di Lanzillotta, frangiflutti davanti alla difesa ed il dinamismo di Cortese e Guerri, ma anche la duttilità dei centrali difensivi Bartolucci e Ghinassi. Insomma per il Foligno sembra calare la notte quando al 39’ su un inserimento micidiale di Quadrini, che raccoglie un lancio di Cortese e scarta il portiere, che lo travolge c'è il sacrosanto penalty. Sul dischetto va Cipolla, ma la punta napoletana fallisce la trasformazione calciando come fece Giovinco in Champions, risvegliando in tal modo i falchetti dal torpore. Non che la squadra di Indiani riesca ad impensierire più di tanto Conti però ci prova con più efficacia, anche perché gli arancioni per un po’ sembrano accusare il colpo. Non succederebbe molto se proprio allo scadere del tempo regolamentare l’arbitro non vedesse gli estremi del penalty, quando in area De Paola “inciampa” nella scarpa di Cutrupi. Batte molto bene, rasoterra ed angolato Coresi: Conti intuisce ma non può deviare. Gli arancioni sono costretti così ad andare al riposo con il morale molto basso. La ripresa appare ricca di insidie per Cipolla e soci, ma oggi la Pistoiese è veramente in palla. Le squadre si affrontano a viso aperto dando l’impressione di poter in ogni momento trovare la via del goal. I primi minuti della seconda frazione sono palpitanti, con il Foligno che si fa notare dalle parti di Conti con traversoni e qualche tentativo di conlusione, ma con la Pistoiese che esce sempre bene dal guscio per ripartire con efficacia e creando spesso la superiorità numerica con rapidi contropiede. Tutto ciò crea qualche apprensione alla retroguardia azzurra, che chiude bene in alcune circostanze, ma non su una incursione di Cipolla che conquista un pallone entra in area e scarta anche il portiere prima di calciare quasi dalla linea di porta. È il 9’ e la Pistoiese è di nuovo in vantaggio. Al 14’ Polverino inserisce Breschi al posto di Quadrini, stremato ed ammonito, ma autore di una prova eccellente. Il Foligno ovviamente non ci sta a perdere ed attacca con sempre più convinzione, mettendo finalmente in difficoltà la Pistoiese. Al 24’ Conti potrebbe capitolare su un tiro bellissimo ed improvviso dell’ottimo De Paula che si vede negare il goal dal palo alla destra del portiere Conti. La sfera dopo aver colpito il legno esce al lato dalla parte opposta. Trascorrono due minuti ed il Foligno confeziona un’altra palla-gol: stavolta è Conti ad impedire per due volte il goal a Turchi: la prima su un colpo di testa da circa tre metri, la seconda sulla ribattuta di piede dello stesso giocatore. La sfera danza nei pressi della linea ma non entra. Polverino corre ai ripari inserendo Di Berardino a posto di Cortese: gli arancioni si difendono in cinque, perché la posta è troppo importante. Il resto della gara vede ancora la Pistoiese protagonista di validi contropiede ed occasioni dal gol, ma anche il Foligno va al tiro un paio di volte sfiorando il bersaglio grosso. Al 43' Polverino inserisce anche l'aitante Bianchini per Lanzillotta, colpito da crampi. Ormai i giochi erano quasi fatti ed i cinque minuti di recupero serviranno solo ad allungare la sofferenza di tutti, ma alla fine la gioia è grande e gli applausi (meritati) sono solo per gli arancioni.

Pubblicato il 23/12/2008 alle 8.31 nella rubrica Pistoiese.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web