Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Perugia, Covarelli conferma Sarri e manda tutti in ritiro da domani


 

Dopo l'inaudita sconfitta di Sorrento non si è fatta attendere la risposta del presidente Leonardo Covarelli che in un comunicato stampa emesso poco fa rinnova la fiducia al tecnico, richiama in sede un giorno prima del previsto la squadra (la preparazione doveva riprendere mercoledì) e la spedisce in ritiro da domani,al"Relais Villa Fornari" di Camerino,  come ventilato da Sarri nell'immediato dopo partita di Sorrento. Danilo Tedeschini                   

Questo il testo del comunicato della società:


 

Il Perugia Calcio nel confermare la piena fiducia nel tecnico Maurizio Sarri, la cui posizione non è mai stata messa in discussione, è intenzionato a concludere l’attuale stagione sportiva intraprendendo qualsiasi iniziativa affinché la squadra onori gli impegni assunti nei vari colloqui che si sono succeduti anche nelle ultime settimane. A tale proposito, ritiene necessario sin da domani proseguire la preparazione in una sede diversa da quella abituale e che verrà individuata nelle prossime ore. Durante il ritiro verranno intensificati i colloqui da parte della società e dello staff tecnico anche al fine di individuare quei giocatori il cui comportamento professionale è stato di gran lunga inferiore all’aspettative


Il Presidente  Leonardo Covarelli


IL PERUGIA E' NEL RITIRO DI CAMERINO - ERCOLANO VA AL TREVISO - ALTRE CESSIONI ECCELLENTI IN ARRIVO?

Il Perugia è partito nel primo pomeriggio di oggi per il ritiro di Camerino (Mc), dove rimarra per dodici giorni, fino all'immediata vigilia della gara interna col Pescara alla ripresa del torneo. Non fa parte della comitiva biancorossa Ercolano che in questi minuti sta per passare in prestito al Treviso. Ma altre partenze eccellenti potrebbero verificarsi da qui a lunedì prossimo, giorno di chiusura del mercato di riparazione. Dopo Covarelli lo ha fatto capire anche  un decisissimo Sarri che oggi, parlando brevemente con i giornalisti prima di salire sul pullman, ha affermato:" Bisognerà andare oltre il ritiro, che sarà utile a fare chiarezza, e prendere qualche altro provvedimento. A Sorrento ho rivisto la squadra che avevo trovato a Vasto prima del mio arrivo. Non si può giocare in punta di piedi, con mollezza. All'inizio la squadra ha messo grande disponibilità riuscendo ad uscire fuori da una situazione di classifica deficitaria ma evidentemente la vittoria di Lanciano prima della sosta natalizia li ha fatti sentire non più con le spalle al muro ed è subentrata rilassatezza. E allora penso che sia giusto rimetterli con le spalle al muro anche perchè dobbiamo rispettare la maglia per la storia che rappresenta e sudarcela. Se per qualcuno Perugia rappresenta un punto d'arrivo si sbaglia di grosso. In ritiro vorrò avere un faccia a faccia con tutti e poi decideremo il da farsi. Le cose che ho detto domenica dopo la gara ai giornalisti le avevo dette prima negli spogliatoi ai ragazzi e questa onestà intelletuale credo mi debba essere riconosciuta". Il mister chiude elogiando la professionalità di Accursi, l'unico insieme al solito Benassi ad essere uscito a testa alta dal "Campo Italia" di Sorrento: " Ho una profonda stima dell'Accursi uomo, professionista serio che si è sempre fatto trovare pronto quando è stato chiamato in squadra." Insomma si profila all'orizzonte una mini-rivoluzione dell'organico del Perugia che potrebbe portare a cessioni eccellenti, impensabili fino a qualche giorno fa. Danilo Tedeschini



IL GRIFO CADE ANCHE A SORRENTO E ADESSO L'OBIETTIVO DIVENTA LA SALVEZZA

E adesso? Questo l'inquietante interrogativo che alberga nella mente dei tifosi biancorossi dopo la sconcertante prestazione di Sorrento dove, dopo il solito primo tempo "ordinato" ma inconcludente, la squadra è andata sotto ad inizio ripresa e non è più riuscita a rialzarsi, concludendo l'incontro senza aver mai inquadrato lo specchio della porta di una formazione, quella rossonera, che non brilla certo per la solidità della sua difesa che, solo sette giorni fa, di gol ne aveva subiti sei in un colpo solo. Una prestazione negativa figlia non solo dello schema del suo allenatore ma anche della colpevole mancanza di cuore, di rabbia agonistica, di reazione veemente da parte deegli interpreti di questa squadra, con l'unica eccezione di SuperMax Benassi, autore di un gesto tecnico e atletico, sul rigore e soprattutto sulla susseguente ribattuta, assolutamente da portiere di categoria superiore, che difficilmente avevamo ammirato in precedenza nei campi di calcio, prodezza resa purtroppo inutile dalla cronica impotenza dei compagni di squadra, incapaci di mettere a segno lo straccio di un gol in questo 2009. In questo senso a poco è servito l'esordio di Del Core visto che l'ex foggiano ha fatto molto movimento ma non si è mai reso veramente pericoloso, a dimostrazione che è più una seconda punta che un centravanti. Forse le colpe non erano tutte del pur spento Ercolano di questi tempi. Pensare ancora ai play-off, distanti ben otto punti visti i negativi scontri diretti con la Cavese, è pura utopia ed è bene preoccuparsi perchè, al contrario, i play-out sono solo quattro punti dietro. A questo punto occorrerà tutta la bravura della società, fin adesso, invece, colpevole di errori gravi che hanno condizionato in negativo questa stagione (in questo senso gli accaniti denigratori dei Silvestrini farebbero bene a ricredersi) affinchè questo campionato non assomigli sempre più a quello del primo anno della gestione Covarelli nel Pisa, nel quale i nerazzurri, dopo tre cambi di allenatore, riuscirono a salvarsi nei play-out solo al settimo minuto di recupero, anche grazie alla benevolenza dell'arbitro e della Lega che non sanzionarono i gravi incidenti causati dai supporters nerazzurri che determinarono la lunga sospensione del play-out con la Massese. Considerato il momentaccio, mai come in questa circostanza, la sosta di domenica prossima arriva a pennello. Danilo Tedeschini

fonte: ac-perugia.com

Pubblicato il 27/1/2009 alle 20.45 nella rubrica Perugia.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web