Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Calcio Iª Div. B - 23ª giornata: il punto - realsports.it

Calcio Iª Div. B -  23ª giornata: il punto

Notizia del 24 Febbraio 2009

Con i risultati di domenica sembra ormai ristretta a Gallipoli e Crotone la lotta per la promozione diretta in serie B. Benevento e Arezzi perdono terreno. In coda la 'cura Torricelli' porta subito i suoi frutti alla Pistoiese


Fonte immagine realsports.it

di Alessandro Maglione

Nel girone B di Prima Divisione sembra ormai delinearsi una corsa a due tra Gallipoli e Crotone, visti i nuovi passi falsi di Benevento ed Arezzo staccate ora di ben sette lunghezze dal vertice.

In vetta, come detto, non sembra avere alcuna intenzione di rallentare il suo cammino il Gallipoli di Giannini, vittorioso per due a zero nell’insidiosa trasferta di Pagani. Va però evidenziato che i padroni di casa lamentavano una lunga serie di assenze, ma portare via i tre punti dal “Marcello Torre” quest’anno non è mai stato facile per nessuno. Apre le danze Di Gennaro al 25’ del primo tempo e dopo una debole risposta della formazione di casa i giallorossi archiviano la pratica nella ripresa grazie al raddoppio di Russo a pochi minuti dal termine.

Terza vittoria consecutiva per il Crotone che conferma il suo ottimo stato di forma dopo aver espugnato il Santa Colomba di Benevento. La squadra di Moriero affonda il primo colpo dopo appena nove minuti con Morleo mentre il bis porta la firma di Basso ed al 22’ la Juve Stabia sembra già al tappeto. Per entrambi si tratta del secondo centro consecutivo dopo le reti rifilate nella precedente giornata al Benevento, sintomo dell’ottimo stato di forma attuale dei due giocatori. Solo nella ripresa il Crotone concede qualcosa ai campani che trovano la rete della bandiera con Biancolino senza tuttavia raggiungere il pareggio.

E’ crisi nera per il Benevento uscito con le ossa rotte dalla trasferta di Terni. I giallorossi di mister Soda disputano un buon primo quarto d’ora sfiorando un paio di volte il gol per poi lasciare l’iniziativa ad una Ternana che affonda il colpo alla mezz’ora con Concas, complice una difesa del Benevento assolutamente immobile nella circostanza. Ma le dolenti note per la truppa giallorossa non finiscono purtroppo qui: quando sta per scadere il primo tempo Landaida interviene in maniera maldestra su Perna ed il direttore di gara indica il dischetto dove lo stesso Perna realizza il tiro dagli undici metri con grande freddezza. Solo a questo punto gli ospiti si svegliano dal loro torpore e sugli sviluppi di un angolo è il difensore Cattaneo a segnare il 2-1 che riapre la partita, ma a conti fatti si rileverà un fuoco di paglia. Nella ripresa, nonostante l’innesto del terzo attaccante Bueno, il Benevento non punge quasi mai e la Ternana può controllare tutto sommato senza particolari affanni la situazione. L’unica nota lieta della giornata per la società del presidente Vigorito è l’esordio in Prima Divisione del giovane Vacca, elemento proveniente dal settore giovanile e reduce dal torneo di Viareggio (per l’occasione in prestito al Palermo) dove ha destato un’ottima impressione.

Arriva in pieno recupero la seconda sconfitta consecutiva per l’Arezzo. A fare la voce grossa è il Lanciano che risale in classifica trovando con Margarita il colpo da tre punti in zona Cesarini, facendo calare il gelo su un Arezzo che sperava invece di riscattare il passo falso di Taranto. Apre le marcature Colussi al 22’ mentre i ragazzi di Cari pareggiano poco dopo con Baclet, ma la squadra toscana nel complesso non da mai l’impressione di essere in grande giornata e come detto al quarto minuto di recupero il Lanciano trova il definitivo vantaggio.

Sul neutro di Caserta con almeno mille tifosi al seguito, la Cavese si aggiudica il derby contro la Juve Stabia ed ora può guardare con grande ottimismo al futuro, con il Benevento e l’Arezzo ormai a portata di mano. Decide un gol di Schetter ed un generoso Real Marcianise ci prova fino all’ultimo non trovando il pareggio, apparso comunque meritato per quanto visto nel corso della gara.
Fa bene alla Pistoiese la “cura Torricelli”. Il nuovo tecnico (espulso all'esordio) sembra aver portato nuovo entusiasmo tra gli arancioni sfiorando il clamoroso colpaccio allo Zaccheria dove il Foggia non riesce più a vincere. Quello che era una volta il fortino inespugnabile dei rossoneri, sta ora invece diventando terra di conquista per molte squadre tornate negli ultimi tempi sempre con almeno un punto da mettere in valigia. La Pistoiese, dopo l’iniziale vantaggio di Artistico su calcio di rigore, vede sfumare la vittoria a venti minuti dalla fine ma un pareggio e per giunta in trasferta è oro per i toscani vista la classifica molto pericolante.

Il “Pagliari bis” porta subito i frutti sperati a Perugia dove i padroni di casa scacciano i fantasmi della zona play-out con un sontuoso 4-0 ai danni del Potenza che non ammette repliche. Solo nel primo tempo gli ospiti reggono l’urto contro i Grifoni che vanno in gol nel recupero con Mazzeo. Poi, dopo il riposo, in campo non c’è più partita ed ancora Mazzeo, Pizzolla e Cutolo danno maggiore spessore ad una vittoria che mancava ai biancorossi da oltre un mese e mezzo.
Dopo due successi consecutivi allo Jacovone, il Taranto inciampa in trasferta sotto i colpi di Simon che realizza la doppietta decisiva consegnando i tre punti ad un Pescara ancora in una posizione di classifica pericolosa. Buona la prova dei ragazzi di mister Galderisi il cui unico difetto quest’anno è la scarsa continuità di risultati avendo alternato ottime prestazioni a gare decisamente sottotono.

La squadra del momento è certamente il Foligno che si toglie il lusso di andare a vincere al “Campo Italia” di Sorrento. Il vantaggio di Ripa dopo appena sette minuti illude i ragazzi di Simonelli che hanno il demerito di non cercare il raddoppio, ma anche la fortuna non sembra aiutare i rossoneri che subiscono il pareggio grazie ad una colossale papera del portiere che consegna a De Paula un pallone solo da spingere in rete. Nella ripresa al 10’ è ancora De Paula a colpire anticipando il suo diretto controllore e poi non serve a nulla il successivo forcing del Sorrento ancora alla ricerca di una precisa identità visti i continui alti e bassi

fonte: realsports.it

Pubblicato il 24/2/2009 alle 20.19 nella rubrica 1a Div/B.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web