Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Le prime 4 della classifica si fermano, il Ravenna si porta al Play Off - rosaneronline.it

Prima Divisione A - 24^ giornata

LegaPRO.jpg

PRO PATRIA-CREMONESE I tigrotti di Lerda conquistano il primato in classifica, pareggiando contro la Cremonese 2-2 e approfittando del passo falso del Cesena, sconfitto dal Pergocrema. Allo stadio Carlo Speroni prima dell'inizio del Match, la Pro Patria ha festeggiato i suoi 90 anni di società con le glorie del passato, anche di Serie A, suggellando il tutto con la leadership della classifica. La partita ha offerto molte emozioni. La squadra di Mondonico (vedi in foto), priva del suo "fiore all'occhiello" Morfeo, gioca una partita di contropiede, affidandosi al suo ariete, Riganò. Al 7' minuto Do Padro conquista un angolo. Batte Correa che trova un imperioso Urbano a infilare di testa. Lo stesso marcatore al 27' atterra nella sua area di rigore Temelin, pronto per andare in rete. L'arbitro fischia il calcio di rigore. Al dischetto si presenta capitan Saverini che trasforma in rete senza problemi. Nel finale di primo tempo, la Cremonese, dopo aver agguantato il pareggio, passa pure in vantaggio grazie a Vitofrancesco su azione di Gori. Il secondo tempo si apre subito con il gol di Do Prado che lascia partire un missile di mezza altezza, chiudendo il triangolo con Melara. Inutile il tuffo di Paoloni. La partita si ferma sul 2-2, un risultato messo a rischio dalla espulsione di Correa che aveva lasciato la Pro Patria in 10 per gli ultimi 15 minuti. Sebbene la società abbia compiuto 90 anni, rimane ancora in grave crisi finanziaria e societaria. Non sono da escludere ne un cambio di proprietà ne un fallimento.

PLAY OFF Non ci sono state vittorie tra le prime 4 della classifica. Mancano solo 10 giornate dopo la sosta di domenica. Questa domenica si giocherà solo il recupero Pescara-Marcianise. Il Cesena, come abbiamo detto, ha perso contro il Pergocrema, grazie a un rigore di Le Noci segnato nella ripresa e grazie all'espulsione dubbia per somma di cartellini gialli di Quaresmini. Questo risultato è molto utile per la società che si avvicina al treno Play Off. I granata di Pane al Giglio non riescono a sbloccare il risultato, finisce infatti 0-0 la partita contro il Novara. Per loro poteva essere la settimana vittoria interna consecutiva, ma sia la poca brillantezza della squadra di casa sia il gioco ostico degli ospiti, sono stati più che ottimi stopper per la Reggiana. La Spal di Dolcetti perde contro i bresciani del Lumezzane, grazie a un gol di Pesenti che ribadisce in rete con il ginocchio una punizione di Pintori stampatasi sulla traversa. I rossoblu ottengono questo successo anche grazie al direttore di gara che erroneamente giudica fuori aria un braccio di Coletto. Curiale con le ultime 6 reti in 6 parite porta il Ravenna in zona Play Off. I giallorossi di Atzori battono 2-0 il Verona rimasto in 10 per l'espulsione di Bellavista. Oltre al già citato Curiale, va in gol Zizzarri, capocannoniere della categoria, che sale a quota 12 gol.

PLAY OUT La sfida Play Out tra Sambenedettese e Portosummaga finisce in pari. La squadra ospite si vede annullare un gol al suo giocatore Abate. Poco chiara la decisione del giudice di gara, sempre più in crisi la penultima Sambenedettese. Ancora più nei guai è il Venezia che neanche con il ritorno di Serena riesce a fare punti. La squadra veneta perde contro il Padova del neo-tecnico Sabatini in un derby giocato a ritmi blandi: molto possesso palla, poche le occasioni. Il gol partita è di Varricchio al 25' st, che anticipa Bertotto di testa, scavalcando il portiere avversario. Albanese con un gol da 30 metri regala al Legnano i 3 punti, sconfiggendo la Pro Sesto, rimasta per giunta in 10 nel secondo tempo per espulsione di Preite. Il Lecco in casa si ferma sull'1-1 contro il Monza. I blucelesti si fanno schiacciare nel primo tempo dagli ospiti che si portano in vantaggio grazie a Rossi forse in fuorigioco. Nella ripresa, però, il match cambia. La squadra di casa comincia a spingere e sfiora più volte un pareggio che arriva al 37' con Carlini su assist di Gherardi.

Mirko Ruisi

fonte: rosaneronline.it

Pubblicato il 2/3/2009 alle 17.16 nella rubrica 1a Div/A.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web