Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Taranto Perugia 2-0 - Allo Iacovone non passa più nessuno - febbrea90.com

di E.Losito e A. Napolitano - 22/03/2009

Anche il Perugia resta vittima della legge dello Iacovone dove il Taranto, da quando è guidato da Paolo Stringara, ha sempre vinto. Forse la rete a freddo di Prosperi all’8 ha dato un volto diverso ad una gara oggettivamente dominata,i per quanto riguarda il possesso di palla, dagli ospiti. I rossoblu hanno messo in campo cuore e determinazione, accompagnati talvolta da un certo cinismo. La svolta della gara è avvenuta al 40’ del secondo tempo, nel momento di maggior pressione del Perugia, che resta in dieci per una inutile protesta nei confronti dell’arbitro del centravanti Del Core.

 

Schieramenti. Gli jonici si dispongono con il tradizionale 3-4-1-2: in difesa si registra il rientro di Migliaccio, a centrocampo Giorgino sostituisce l’infortunato Lima, mentre in avanti Carrozza coadiuva l’azione del duo offensivo Da Silva e Caturano. Rispondono i grifoni modulati 4-3-3: a centrocampo viene schierato a sorpresa il giovane Ubaldi, in attacco, invece, viene proposto il tridente formato da Cutolo, Del Core e Mazzeo.

 

Cronaca. Il primi pericoli li creano gli umbri con due angoli (al 4’, 5’) consecutivi battuti da Mazzeo, la traiettoria arcuata chiama all’interveto Nordi, che smanaccia salvando la sua porta. I rossoblu passano in vantaggio all’8’: Micco batte l’angolo, la sfera viene maldestramente deviata dal biancorosso Gatti, per poi essere raccolta a pochi passi dalla linea di porta da Prosperi per il tap-in vincente.

 

Intanto il duello personale Mazzeo-Nordi continua: al 15’ l’attaccante dei grifoni impegna l’estremo jonico con una punizione battuta dalla destra in posizione decentrata. Rispondono i pugliesi due minuti più tardi: Micco scodella al centro dalla sinistra, Caturano si avventa sulla sfera, ma la colpisce in maniera scomposta facendola terminare al lato.

 

Al 35’, a seguito di una tambureggiante azione dei locali, Carrozza si produce in una spettacolare girata in area di rigore con palla bloccata dal portiere Benassi. Tre minuti dopo ci prova  Caturano con un tiro dalla distanza che finisce oltre la traversa. I perugini si rendono pericolosi al 43’: passaggio in corridoio di Del Core per Cutolo, che si fa anticipare dalla provvidenziale  uscita di Nordi.

 

Nella ripresa il Taranto si rende subito pericoloso. Al 6’ punizione tesa di Micco e, dopo una serie di rimpalli, stop di petto e sinistro potente di Prosperi a cui si oppone alla grande il portiere Benassi.

 

I padroni di casa si rendono di nuovo insidiosi al 20’ con Carrozza che, complice una disattenzione difensiva degli ospiti, fa partire un destro dal limite il quale finisce di poco fuori. Sei minuti dopo il perugino Del Core protesta per un presunto fallo di mano in area di Migliaccio in risposta ad un insidioso colpo di testa. L’arbitro però decreta solo il calcio d’angolo.

 

Al 30’ Perugia pericoloso con Del Core che con un tiro dalla distanza tenta di sorprendere senza riuscirvi il portiere rossoblu Nordi. Dieci minuti dopo  gli ospiti restano in dieci per l’espulsione di Del Core che non accetta l’ammonizione per un fallo su Migliaccio, pure ammonito

 

Al 42’ il Taranto si affaccia nuovamente in area biancorossa con un assist di Giorgino per la conclusione di Da Silva che solo davanti al portiere manda sul fondo. Al 44’ da segnalare una ripartenza di Sciuadone che dribbla l’ultimo avversario al limite dell’area e va alla conclusione mandando al lato.

 

Inaspettatamente la partita si prolunga per sei minuti a causa del soprendente recupero concesso dall’arbitro.  E’ il Taranto però che cerca di dare il colpo di grazia. Al 48’  nuova ripartenza dei rossoblu con Da Silva che al momento della conclusione fa partire un pallonetto completamente fuori misura. I padroni di casa insistono e dopo una lunga melina  Da Silva arriva a tu per tu col portiere, lo scarta e tira in porta. La palla viene stoppata con la mano da  Accursi, l’arbitri fischia il rgore, pertanto la ribattuta in rete di Carrozza non viene convalidata. Ad occuparsi della trasformazione sarà lo stesso Carrozza che con un tiro piuttosto centrale batte Benassi. Seconda rete ed ultimo atto di una gara vinta tutto sommato meritatamente.

 

 

TABELLINO

 

TARANTO: Nordi, Migliaccio, Pastore (35’ st Di Bari), Prosperi; Sosa, Giorgino, Lima, Micco (22’ st Lolli), Carrozza, Da Silva, Caturano (25’ st Sciaudone). Disponibili: Barasso, Di Bari,  Paolucci, Marolda, Dionigi. All. Stringara.

PERUGIA: Benassi, Calori (35’ st De Giorgio), Zoppetti, Accursi, Pagani; Ubaldi (1’ st Stamilla), Gatti, Mezzavilla, Cutolo (11’ st Ferrari), Del Core, Mazzeo. Disponibili: De Marco, Raimondi, Fiorucci, Boldrini. All. Pagliari.              

Arbitro: Di Paolo di Avezzano (assistenti: De Falco di Isernia – Arciero di Cassino)

Marcatori: Prosperi (8’ pt), Carrozza (52’ st)

Ammoniti: Carrozza, Giorgino, Migliaccio e Prosperi per il Taranto; Pagani, Del Core, per il Perugia

Espulsi: Del Core e Accursi per il Perugia

Angoli: 9-2 per il Perugia

Spettatori:  2.012  (sparuta rappresentanza di tifosi ospiti) per un incasso di 15.765 Euro

fonte: febbrea90.com

Pubblicato il 22/3/2009 alle 17.16 nella rubrica Taranto.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web