Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Scenari da guerra fredda, al Liberati. Ternana e Crotone, per 90 minuti, hanno vestito i panni di Usa e Urss (0-0) - sporterni.it

di Matteo Lattanzi, 22/03/2009 18:04

Il Tabellino

TERNANA 0
CROTONE 0


TERNANA (4-4-2): Cunzi sv, Del Grosso 6, Di Dio 6, Tedeschi 6.5, Cardona 6.5; Concas 5 (Morello 29’ st 5.5), Papini 6, Di Deo 6.5, Piccioni 5; Tozzi Borsoi 5.5, Perna 5(Bertoli 18’ st 6). A disp. Scarzanella, Ricca, Rigoni, Burrai, Scappini. All. Baldassarri
CROTONE (4-2-3-1): Concetti sv, Galeoto 6.5, Diniz 6.5, Scognamiglio 6, Morleo 6.5; Carcuro 5.5 (Orosz 20’ st 6), Galardo 7; Petrilli 6 (Aurelio 33’ st sv), Calil 5.5 (Paponetti 42’ st sv), Basso 5.5; Russo 5. A disp. Farelli, Quondamatteo, Pedotti, Figliomeni. All. Moriero.
ARBITRO: Ferraioli (Nocera Inferiore) 5
NOTE: Spettatori 1500 circa. Ammoniti: Carcuro, Tozzi Borsoi, Piccioni, Del Grosso. Espulsi: Di Dio al 17’ st per gioco scorretto, Galeotto al 45’ st per somma di ammonizioni. Angoli 3 a 2 per il Crotone. Recuperi: 1’ e 5’.

Scenari da guerra fredda, al Liberati. Ternana e Crotone, per 90 minuti, hanno vestito i panni di Usa e Urss, dando luogo alla riproposizione della guerra fredda. Il paragone calza, perchè gli armamenti di entrambe le "potenze" e la possibilità paventata che ad una mossa micidiale potesse corrispondere un contromossa altrettanto fatale, hanno spinto le due formazioni a non farsi la guerra. Solo intenti, solo dichiarazioni. Nemmeno atti dimostrativi.
Tanto per rimanere in tema, la Ternana, che poteva contare sulla velcoità di Concas, Piccioni e Perna, si è vista bloccare da un Crotone che ha eretto lo "scudo stellare" composto da Galeoto e Morleo sulle fasce e da Carcuro e Galardo che hanno agito come mediani. I rossoverdi, dal canto loro, hanno agito allo stesso modo, chiudendo le fasce alla velocità di Basso e Petrilli. E chiedendo a Di Deo e Papini di coprire la difesa. E poco importa se Visi, in mattina, ha dato forfait, perchè il buon Cunzi è rimasto inoperoso per tutta la gara.
"Io non mi muovo, tu fai altrettanto...altrimenti sono guai per entrambi" sembravano dirsi le due squadre. E così è stato: con una gara che si è contraddistinta per la noia e per la scarsità di occasioni. Anzi, ad onor del vero, di reali occasioni da gol non se ne è vista nemmeno una, tanto che nessuna delle due squadre ha mai inquadrato lo specchio della porta. E nell'ambito di una gara corretta e priva di emozioni, chi si è contraddistinto in campo è stato il direttore di gara, Ferraioli di Nocera Inferiore. Lo show del direttore di gara è cominciato fin dai primi minuti, quando ha distribuito una quantià industriale di cartellini gialli, nell'ambito di una gara corretta. Il direttore di gara è stato quindi il "terzo elemento" nella gara fra Ternana e Crotone, avvalorando la tesi della guerra fredda. Al 19' della ripresa, poi, Ferraioli ha buttato fuori Di Dio per un fallo di gioco che, al massimo, avrebbe meritato il giallo. Da quel momento il direttore di gara ha perso il controllo del match. E, per assurdo, l'ordine e la disciplina sono stati mantenuti dalle due squadre, che hanno continuato bellamente a non mordersi. Nel finale, altro giallo gratuito, il secondo, a Galeoto. E ripristino della parità numerica.
Al triplice fischio, l'ideale stretta di mano fra i tecnici e la fine della guerra fredda. Chissà, magari anche per la Ternana si aprirà una nuova era. Per ora i rossoverdi si tengono un pareggio ed un solo punto di vantaggio sulla zona playout. E domenica sarà scontro diretto, quando a far visita alla Ternana sarà il Lanciano.

INTERVISTE

Baldassarri

Moriero

fonte: sporterni.it

Pubblicato il 22/3/2009 alle 19.9 nella rubrica Ternana.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web