Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Reggiana-Monza, le pagelle e il punto di ... Katia Nicotra - sportmonza.com


Diciannovesima settimana in esclusiva su Sportmonza.com la nuova rubrica settimanale curata da Katia Nicotra conduttrice di MONZA ALE' - il TV magazine del Monza Brianza su PLAYTV ITALIA Sky 869


Nella foto Katia Nicotra conduttrice di MONZA ALE'

Il punto di Katia Nicotra


Reggio Emilia, 22 Marzo, Primavera piena allo stadio Giglio

Chiamatemi sognatrice, ma fatto sta che ogni vigilia della gara del Monza, i sogni si accentuano  e convergono sempre verso la mia squadra del cuore… e, se è vero che i sogni si possono comparare alla realtà, in questo caso non riuscivo a capire il perché domenica mattina (all’alba delle 09.22) mi sono svegliata con la sensazione che il sogno recitasse così: “Abbiamo vinto, abbiamo perso e abbiamo pareggiato”!!!
Ambiguo, confuso, il sogno… io, perplessa!
Arrivo allo stadio Giglio intorno alle 13.30 e noto dalle prime battute che i reggiani sono un bel popolo: ospitali e simpatici, somigliano  molto ai cesenati, almeno per il trattamento ricevuto e per l’assistenza tecnica e logistica perpetrata.
Tutto pronto, i mezzi tecnici erano già pronti ad immortalare una nuova partita del Monza e mi accorgo di avere ancora 15 minuti di tempo prima che inizi “il mio sogno” e allora mi dirigo al Bar al terzo piano dove faccio una conoscenza gastronomica molto rilevante: “Gli erbazzoni”. Un misto di pasta sfoglia con ripieno di spinaci e formaggio: Sublimi! Evviva gli erbazzoni!

Ore 14.30, grazie al Signor Tosi di E’tv tricolore siamo anche noi pronti ad effettuare la telecronaca di Reggiana Monza, una gara che detta delle regole in campo: La Reggiana produce il gioco e il Monza pensa a contenere. Sarà questo il tema predominante dei primi 45 minuti di gara con la Reggiana che aveva in Nardini e Scantamburlo due cursori instancabili e in Greco il Capitano pensatore della squadra.
Ci pensa Martini al 25’ a metterla dentro dopo un assedio tra calci d’angolo e cross in area e il Monza accusa il colpo. Appariamo lenti e impacciati nella manovra di ripartenza e non siamo stati in grado di creare azioni di grande pericolo nella prima parte di gara.
Nel secondo tempo la musica cambia: La Reggiana tira i remi in barca, quasi sembra accontentarsi dell’1 a 0. Tira fuori dal campo Nardini e lo stesso Scantamburlo è meno influente del primo tempo. Il Monza cerca di spingere e con l’inserimento di Chianese e Vicari trova un’equilibrio d’azione offensiva mai vista nel corso del primo tempo: Letale un inserimento in area avversaria di Bolzan: E’ il gol dell’1 a 1.
Termina così la gara del Giglio, con il Ficara che in fase finale di telecronaca per poco non ci resta secco col cuore quando Teani non confeziona al meglio un disimpegno.
Nello stesso istante mi ritorna in mente il sogno della notte precedente. Ecco cosa stava a significare: Abbiamo pareggiato, ma il gusto è quello di aver vinto, anche se in classifica suona come una sconfitta.



Katia Nicotra
Sito ufficiale della conduttrice PREMI QUI


Le pagelle dopo Reggiana Vs Monza


Menassi buio totale, Bolzan moto perpetuo

Rossi Chauvenet  5,5  Ritorno al passato con un paio di uscite a vuoto che fanno gelare il sangue. Incolpevole sul gol, la Reggiana abbaia ma morde poco e se la cava col minore del mali.

Teani  5,5  Alterna giocate in tutta sicurezza, soprattutto sui palloni alti, a interventi troppo “allegri” sulle palle basse. In uno di questi, all’ultimo istante combina una leggerezza colossale, ma il reggiano Dall’Acqua sembra già sotto la doccia e non schioda l’1-1.

Bacis  5,5  All’inizio stenta a trovare le giuste misure al centro della difesa, va spesso in affanno, e sul gol reggiano resta a guardare insieme ai suoi compagni.
(dal 20’ s.t.  Vicari   6   Con lui in campo, la manovra biancorossa è più convincente e continua, forse doveva essere schierato subito sulla destra, ma Sonzogni opta per la prudenza preferendo la staticità di Teani)

Puleo 6   Fino al gol reggiano fa fatica a chiudere gli spazi, poi sistema i tasselli e nella ripresa sfiora addirittura il gol, durante una rara incursione in avanti.   

Bolzan   7   Il gol del pareggio fa brillare ancora di più una prestazione notevole per quantità e qualità.  Sbaglia pochissimo, sempre attento e concentrato, corre fino all’ultimo.

Menassi 4,5    AAA cercasi capitano.  Prestazione incredibilmente negativa di Roberto, che lotta come al solito ma sbaglia anche gli appoggi più elementari e consegna agli avversari diverse opportunità di contropiede. Forse avrebbe bisogno di una sosta ai box. Strano a dirsi, ma la sensazione che ne traiamo è proprio questa ..

Pizza 5  Schierato a sorpresa come titolare da Sonzogni, il ragazzo appare come un pesce fuor d’acqua nello scacchiere di centrocampo. E’ animato da buone intenzioni, ma la disciplina tattica e i piedi buoni sono ancora “under construction”.
(dal 5’ s.t. Chianese  6,5   Il suo inserimento vivacizza e rigenera la fascia destra biancorossa e crea regolarmente scompiglio tra la maglie amaranto.

Mazzocco  6  Ritmi blandi nel primo tempo, ripartenze col freno a mano tirato, nella ripresa cambia il passo e, di conseguenza, anche la musica.

Quadri   6   Nell’insieme, la sua prestazione non delude, ma a volte sembra un po’ avulso dagli schemi della squadra, forse perché gli manca il ritmo partita. Tuttavia ha qualche buona intuizione che lascia intravedere le sue non poche potenzialità.

Rossi  6  I suoi movimenti nella metà campo avversaria creano sempre allarme, è l’unico che cerca la porta con insistenza, nel finale di partita sfiora di poco il colpo da tre punti, solo una fortuita deviazione gli nega la gioia del quinto gol in maglia biancorossa dopo il ritorno a casa.

Torri 5  Nel primo tempo segna un gol, ma lo fa in modo palesemente irregolare, con la mano. L’arbitro vede e annulla, nonostante il black-out del guardalinee. Cartellino giallo per Omar, e tutto intorno una prestazione che definire deludente è già generoso.
(dal  35’ s.t.  Samb   s.v.  Cerca di portare scompiglio negli attacchi finali, e pur coi suoi modi a metà tra l’irruento e lo scoordinato, un certo allarme riesce a crearlo fino in fondo pur senza lasciare il segno.)

fonte: sportmonza.com

Pubblicato il 23/3/2009 alle 9.25 nella rubrica Monza.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web