Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

L'Arezzo si fa sorprendere da Marcianise - amarantomagazine.it

Scritto da: Andrea Avato, domenica 05 aprile 2009
Visto: 152 volte.

Image
Daniele Croce in grande forma
Parte subito forte l’Arezzo con Baclet che sfrutta al meglio un suggerimento di Bondi, ma Fumagalli riesce a respingere il tiro dell’attaccante francese; per gli ospiti ci pensa Galizia a mettere alla prova i riflessi di Botticella, ma il suo destro a giro è bloccato con sicurezza dal numero uno amaranto. Al 7’ gli amaranto costruiscono la più nitida palla gol dei primi minuti: Baclet trova lo spazio giusto per servire Chianese che a tu per tu con Fumagalli calcia sui piedi del portiere. “Gol sbagliato, gol subìto” recita un vecchio adagio ed infatti dopo pochi minuti un cross dalla sinistra trova in area Innocenti che con un bel colpo di testa batte Botticella per l’uno a zero. Al quarto d’ora è ancora una volta Chianese ad andare vicino al gol, ma il suo colpo di testa sul calcio d’angolo di Bondi esce di poco a lato. Il Marcianise riesce a difendersi con ordine dalle incursioni degli amaranto che quest’oggi con un centrocampo particolarmente ispirato riescono ad esprimersi su dei buoni ritmi di gioco; al 23’ il forcing dei ragazzi di Ugolotti porta in dote un rigore per un fallo di mano in area, Chianese va sul dischetto e spiazza Fumagalli. L’Arezzo, come altre volte è accaduto in questo campionato, dopo aver segnato si scrolla di dosso paure e tensioni e così continua ad attuare il proprio forcing offensivo, che al 27’ costringe il Marcianise a rimanere in dieci per l’espulsione di Romano. Gli uomini di Fusi non demordono e continuano a sfruttare gli spazi che l’Arezzo concede spingendosi in avanti e alla mezz’ora è proprio un rapido capovolgimento di fronte a concedere a Innocenti la palla del raddoppio. Sul finire del primo tempo è il solito Chianese a mettere alla prova Fumagalli che sul colpo di testa dell’attaccante amaranto si supera mettendo a lato. Nella ripresa Ugolotti manda subito in campo Lauria e Cavagna riproponendo i cambi effettuati contro il Foggia, questa volta però con la volontà di recuperare il passivo. La prima occasione dei secondi 45’ è al quarto d’ora quando Bondi viene servito da Chianese in area, ma il destro del brasiliano termina alto; nonostante i cambi l’Arezzo non sembra riuscire a cambiare marcia restando così prigioniero della gabbia preparatagli dal Real Marcinise che in dieci uomini riesce comunque a tener testa agli avversari. Passano i minuti, ma l’Arezzo non giunge quasi mai alla conclusione, fatta eccezione per alcuni tentativi dalla distanza che però non chiamano mai in causa Fumagalli; Cavagna e Croce provano a dare una scossa sulla corsia di sinistra, ma i loro traversoni non trovano nessuno dei loro compagni appostati a centro area. Seconda sconfitta in quattro partite per l’Arezzo il cui cammino assomiglia sempre di più ad un ottovolante con vittorie contro le grandi seguite da sconfitte inappellabili contro le pretendenti alla salvezza.

AREZZO (4-4-2): Botticella; Bricca, Terra, Fanucci, Doga (1’ st Cavagna); Bondi (25’ st Turienzo), Beati, Matute, Croce; Chianese, Baclet (1’ st Lauria).
A disposizione: Paoletti, Ambrogioni, Conte, Vigna.
Allenatore: Guido Ugolotti.

REAL MARCIANISE (4-2-3-1): Fumagalli; Piscitelli, Porpora, Murolo, Vanacore; D'Ambrosio, Montanari; Ciano (22’ st Di Napoli), Poziello (35’ Montanari), Galizia (46’ st Della Ventura); Innocenti.
A disposizione: Mezzacapo, D’Apice, Campagnone, Tedesci.
Allenatore: Luca Fusi.

ARBITRO: Vallesi di Ascoli (Tiburzi – Costanzo).
Reti: 10’ e 32’ Innocenti, 23’ Chianese rig..
Note – Recupero: 1’ – 5’. Angoli: 8 (A) - 3 (R). Ammoniti: Bricca, Matute, Beati. Espulsi: Romano espulso per fallo di reazione al 27’.


fonte: amarantomagazine.it

Pubblicato il 5/4/2009 alle 17.46 nella rubrica Arezzo.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web