Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Lega Pro 1/B: Il Crotone vola, il Gallipoli segue a ruota, in coda risveglio della Juve Stabia Il punto dopo la 28esima giornata - sportevai.it


lunedì 06 aprile 2009

Milano 06 Aprile 2009 - Giornata interessante nel girone B di Prima Divisione di Lega Pro, infatti, in testa alla classifica il Crotone, seppur di misura, sbanca il “Biondi”di Lanciano e resta saldamente in vetta alla classifica. Anche il Gallipoli però non rallenta la sua corsa e vincendo  contro la Ternana si mantiene nella scia dei pitagorici calabresi. Giornata, la 28esima, che offre anche il primo ”blitz” lontano dalle mura amiche per i campani del Real Marcianise che, con una doppietta di Innocenti, affondano l'Arezzo e si insediano in settima posizione. In coda si risvegliano le “vespe” della Juve Stabia che vincono, con il minimo scarto, il derby contro i “cugini” del Sorrento.

CALIL FA FELICE MORIERO - Basta il gol di Calil al 16' del primo tempo per rendere felice sia i pitagorici calabresi che il loro allenatore Francesco Moriero e sbancare così il “Biondi” di Lanciano. Gara che se per i calabresi vale ancora la vetta della classifica, per i frentani suona come un ingresso nelle paludi della zona play-out, abruzzesi che con la sconfitta rimediata tra le mura amiche restano fermi a 31 punti, entrano nella zona rossa della classifica e allungano quella crisi che li ha visti nelle ultime quattro gare racimolare un solo punto. Sull'altra sponda invece i calabresi vanno via dalle terre abruzzesi con in tasca un prezioso bottino, con la testa della classifica e con la convinzione di essere ad un passo dalla serie cadetta. Giornata emozionante anche per il mister rosso-blu Francesco Moriero che è ritornato nell'impianto che lo vide esordire da allenatore nelle serie professionistiche, il quale entra accolto dai fischi del pubblico e ne esce a testa alta e da vittorioso. 

IL GALLIPOLI DIETRO NON DEMORDE - Alla giornata di gloria di Moriero e dei suoi ragazzi risponde però la truppa giallo-rossa del “principe” Giannini. Gallipoli che per centrare la vittoria contro gli umbri della Ternana è costretta ad una prova di cuore, infatti, la squadra salentina, priva del francese Mounard, trova la vittoria di gara quasi a fine partita. Vittoria questa che è utile ai ragazzi jonici non solo per restare in scia ai calabresi del Crotone, ma anche per far dimenticare la brutta caduta della settimana scorsa occorsa a Cava de' Tirreni. Partita che si sblocca al 39' del secondo tempo con un penalty trasformato dal bomber Ginestra che oltre ad arrivare a quota 12 centri stagionali, con il penalty realizza il suo personale record che lo porta a quota 100 marcature tra i prof. Partita che termina con il risultato di uno a zero per i padroni di casa e che vede gli umbri della Ternana finire la partita in nove uomini per una doppia espulsione toccata prima a Piccioni e poi a Papini.

ZONA PLAY-OFF  - In zona play-off la situazione, dopo gli sviluppi della giornata, si inizia a delineare maggiormente, infatti, l'unica squadra che mantiene il passo delle prime due del girone è il Benevento di mister Soda che strappa tre punti pesanti in quel di Foligno e prosegue la caccia proprio al duo formato da Crotone e Gallipoli. Benevento che trova il colpo che gli permette di vincere la partita al 19' del primo tempo con Cattaneo e che poi riesce, con molta bravura, a mantenere il risultato acquisito. Risultato questo che se da un lato fa ben sperare per i sanniti dall'altro mette nei guai i bianco-azzurri umbri i quali fermi a quota 31 iniziano a sentire molto vicina la zona di classifica che fa paura. Sempre in zona play-off rallentano la loro corsa sia la Cavese che l'Arezzo, infatti, per le due squadre arrivano rispettivamente per la prima un pareggio in quel di Potenza e per la seconda una sconfitta, questa addirittura tra le mura amiche del Comunale di Arezzo. Cevese che pur pareggiando, per due a due, in casa del Potenza riesce a recuperare un punto proprio sugli amaranto toscani dell'Arezzo. Cavese che trova un pareggio d'oro grazie sia all'autorete del capitano del Potenza Cuomo che alla splendida prestazione del portiere Petruocco. Potenza che invece si deve accontentare di un punto che se da un lato fa classifica dall'altro non permette alla squadra di mister Arleo, vista la concomitante vittoria della Juve Stabia, di restare agganciati proprio alle vespe stabiesi. Giornata decisamente no, invece, per gli amaranto dell'Arezzo che vengono sconfitti in casa da un Real Marcianise cinico e spietato al punto giusto. Squadra di Luca Fusi che trova dopo 28 giornate il primo centro lontano dalle mura amiche, vittoria per la compagine casertana che arriva alla fine di una gara che li ha visti per più di un'ora giocare in dieci uomini, per l'espulsione di Romano al 30' del primo tempo e vittoria che regala tre punti pesantissimi nell'ottica della salvezza “tranquilla”. Vittoria che arriva grazie alla doppietta del bomber Riccardo Innocenti e che così fa assestare la squadra campana nella settima piazza di classifica. Arezzo che, tra le contestazioni del pubblico amico, fa karakiri ed adesso deve di nuovo guardarsi le spalle dal Foggia che ha riacceso la fiammella chiamata play-off.

IL FOGGIA RIACCENDE LE SPERANZE - E visto il “suicidio” dell'Arezzo i satanelli foggiani dopo essere passati in svantaggio, trovano la vittoria e riaccendono la fiammella speranza chiamata play-off, sulle ali dell'entusiasmo proprio allo scadere di gara. Infatti, i rosso-neri pugliesi trovano il gol partita ed i tre punti in piena zona Cesarini con il gol  che arriva al 46' del secondo tempo per mano di Mattioli, gol che da bottino pieno al Foggia e che invece condanna i grifoni umbri, i quali a loro volta restano fermi in classifica a quota 33. Foggia che in virtù di questo risultato ed a quello proveniente da Arezzo si ripropongono nuovamente come out-sider per la zona play-off.

BUIO IN CODA, SI RISVEGLIA SOLO LA JUVE STABIA - In coda al girone la giornata è avara di emozioni, infatti, oltre al pareggio del Potenza, impegnato contro la Cavese, è pari anche tra Paganese e Pescara e tra Taranto e Pistoiese. Pareggi che tutto sommato nulla mettono e nulla tolgono alle situazioni di classifica delle squadre. Chi invece trova un successo alquanto insperato è proprio quella Juve Stabia che regola con il minimo scarto possibile il derby con i “cugini” del Sorrento. Vittoria quella delle “vespe” stabiesi che oltre ad arrivare in una partita che ha visto gli uomini di Costantini lottare e sudare fino all'ultimo, mettendo in campo voglia e determinazione, arriva anche per rasserenare l'ambiente societario e vittoria che fa ben sperare per quest'ultimo scorcio di campionato. Ultimo scorcio che invece sarà da brivido per il Sorrento di Simoncelli che vista la sconfitta adesso si trova a navigare in una zona di classifica molto precaria ed instabile.
 

Giuseppe Di Fonzo


fonte: sportevai.it

Pubblicato il 6/4/2009 alle 16.38 nella rubrica 1a Div/B.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web