Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Le squadre in zona Play Off distanti non più di tre punti - rosaneronline.it


La 31^ giornata di Lega Pro 1/a

PRO PATRIA - RAVENNA Colpo grosso del Ravenna che batte la Pro Patria al Carlo Speroni. C'erano ben 1500 tifosi a sventolare le bandierine blu, distribuite all'entrata dello stadio, bandierine che dopo lo svantaggio dei padroni di casa sono state abbassate, quasi nascoste. Non è bastato ai bustocchi il quartetto Toledo, Do Prado, Correa e Fofana, il Ravenna ha impostato una trasferta perfetta, aiutata da un arbitro scandaloso. La partita inizialmente sembrava mettersi in favore peri tigrotti che erano andati in vantaggio al 10' del primo tempo con Correa. Un gran bel gol per l'argentino che dal limite spara una sassata che si infila nel sette alla destra di Brignoli. Passano solo 15 minuti e il pari non è tardato ad arrivare per i Romagnoli: Zizzarri batte di testa il portiere Anania,imbeccato da un ottimo Zecchin dal fondo. Il primo tempo oltre a dare ai tifosi due reti, regala anche una espulsione, infatti, allo scadere Toledo è stato mandato in anticipo dall'arbitro sotto la doccia, colpevole secondo costui di aver incitato il pubblico. Il secondo tempo si apre nei primi 10 minuti con un rigore in favore del Ravenna che Anania para senza problemi. Al 21' però i giallorossi, ancora una volta nelle grazie dell'arbitro, vanno in vantaggio su un colpo di testa di Ferrario messo in condizioni di segnare da un calciio d'angolo inesistente. Gli errori di Gallione non si fermano, infatti, pochi minuti dopo al posto di ammonire Pivotto (già ammonito e quindi sarebbe stato espulso, ndr), indirizza un giallo al suo compagno di squadra Roselli. Allo scadere del secondo tempo Correa, sorta di paladino dei torti subiti, prova a riequilibrare il match ma un grande Brignoli blocca l'impresa eroica, o forse giusta.

PLAY OFF In vetta si è creata una grande ammucchiata con Reggiana in testa per gli contri diretti, a pari punti troviamo la Pro Patria e il Cesena, subito dopo il Ravenna a una sola lunghezza, chiude la zona Play Off la Spal a soli 3 punti dalla prima. La capolista batte il Portosumaga, il gol di Stefani è fatale per gli ospiti. I bianconeri di Bisoli recuperano un pari in estremis con Motta al 31' del secondo tempo. Il match fino ad allora era stato deciso da un rigore di Pintori, viziato dall'arbitro, infatti, il difensore del Cesena non tocca ne la palla ne l'avversario in scivolata. Il Novara saluta la zona alta della classifica perdendo contro la Spal. Lo stadio semi-vuoto a causa mal tempo assiste a un gran gol da fuori aria di Arma.

PLAY OUT Il Lecco regala ai tifosi di casa una bella vittoria. Tre sono state le reti insaccate alle spalle di Offredi. La vittoria è doppia per i blu celesti che oltre ai 3 punti scavalcano in classifica proprio l'avversaria del campo. Inutile per gli ospiti il gol di Beretta, per la Pro Sesto è un altro k.o. Il Legnano prende un cinquina dal Verona, forte dei 500 tifosi accorsi per vedere la partita in trasferta. La difesa del Legnano è crollata sotto i colpi dei mastini che non hanno regalato niente ai padroni di casa. Finisce a reti bianche lo contro delle ultime due in classifica. Il punto diviso non serve ne al Venezia ne alla Sambenedettese, le squadre hanno giocato più per non subire gol che per farne: tanti falli, due espulsioni, partita difensiva, poche emozioni e tanti sbadigli.

Mirko Ruisi

fonte: rosaneronline.it

Pubblicato il 29/4/2009 alle 0.3 nella rubrica 1a Div/A.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web