Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Il Cesena si prepara a festeggiare la promozione diretta in serie B, Pro Patria spera - Il Benevento vince e si avvicina alla vetta - rosaneronline.it


Il Cesena supera la Pro Patria, solo 90 minuti alla verità

La 33^ giornata di Lega Pro 1/a


CESENA-CREMONESE La squadra di Bisoli vince con la Cremonese grazie alla rete di misura di Motta e si isola di nuovo in vetta, a due punti dalla Pro Patria. Mancano solo 90' minuti per la promozione diretta che potrà andare in scena a Verona nel prossimo turno. Tornando alla cronaca della partita, i bianconeri vanno in rete subito, al 4' del primo tempo: fallo laterale di Schelotto per Djuric che prolunga per De Feudis che in rovesciata trova Motta che non sbaglia davanti al portiere. Pochi minuti dopo, il vantaggio poteva essere incrementato da Djuric che si divora un gol fatto: il tiro del bosniaco viene smorzato dal portiere, permettendo poi a Pesaresi di togliere la palla dalla porta con un acrobatica rovesciata. La squadra ospite alza allora la testa, facendosi pericolosa con due punizioni di Saverino e con due tiri su azione di Coda, bloccate tutte da un ottimo Ravaglia. Nella ripresa la squadra di casa prende nuovamente in mano il match, sbagliando parecchio: Sacillotto manda sul fondo un assist di Giaccherini al 8', poi Motta al 18' e Cusaro al 25' esaltano il portiere avversario. La vittoria sui grigio rossi è doppia per i bianconeri che hanno festeggiato pure il pari della diretta rivale, la Pro Patria.

PLAY OFF Il Cesena sarà scortato da duemila tifosi per l'ultimo turno a Verona, preparandosi a festeggiare la promozione diretta in caso di vittoria. Festa che la Pro Patria vuole negare agli uomini di Bisoli, infatti, a sole due lunghezze dalla capolista e in vantaggio in caso di pari punti per gli scontri diretti, spera nella vittoria contro il Padova e nel pareggio o nella sconfitta del Cesena. Questa situazione si è creata dopo il pareggio contro la Sambenedettese: i padroni di casa dominano un match, portandosi pure in vantaggio con Correa al 24' del secondo tempo, ma Cammarata nega la gioia della vittoria con un pari in extremis nei minuti di recupero. Lo scontro tra Reggiana e Padova al Giglio è finito 1-0 per gli ospiti: Varricchio mette la firma personale sulla quinta vittoria di fila del Padova, mettendo l'ipoteca sui Play Off. Il Ravenna dopo 13 risultati utili consecutivi perde con il Venezia, che vincendo può adesso sperare nei Play Out. I giallorossi, anche se hanno perso, sono matematicamente ai Play Off.

PLAY OUT Il Lecco rifila un tris alla Spal, intravedendo così la salvezza diretta (deve sperare di battere il Portosummaga in trasferta e che il Monza non vada oltre il pari a Lumezzane). Una brutta sconfitta per gli spallini per i quali i Play Off sono adesso a  serio rischio. Pro Sesto e Legnano, invece, perdono miseramente rispettivamente contro Pergocrema e Portosummaga. Gli undici di Discepoli dopo essere andati in vantaggio con Bertolini, si fanno riprendere e poi superare dalla doppietta personale di Sambugaro. Cuffia, invece, regala la salvezza matematica al Portosummaga con la sua rete contro la squadra di Lombardo ad un passo dalla retrocessione diretta.

Mirko Ruisi


Il Benevento vince e si avvicina alla vetta

Prima divisione B - 33^ giornata

Partita decisiva per gli uomini di mister Moriero, reduci da prestazioni poco esaltanti, che puntavano a consolidare la posizione Play Off. Nella prima frazione di gioco le due squadre si affrontano a viso aperto fin da subito. Dopo un paio di occasioni velleitarie per i padroni di casa, è il Perugia a sfiorare il vantaggio al 16': Cutolo da posizione defilata fa partire un tiro al fulmicotone che impatta sulla traversa. Intorno alla mezz'ora la prima vera occasione da rete per i calabresi: azione insistita di Calil, palla a Basso che mette in mezzo per Paponetti, l'attaccante colpisce ma Benassi è abile a fare sua la sfera. Il primo tempo finisce praticamente qua, partita al di sotto delle aspettative.

Nel secondo tempo gli uomini di Moriero appaiono più motivati ed al 50' passano in vantaggio: Calil crossa in mezzo, Paponetti spizzica per Pacciardi, il quale tira in modo preciso e la palla va dentro. Crotone 1 - Perugia 0. La partita si blocca e si gioca prevalentemente a centrocampo, ma al 74' arriva, inaspettato, il pareggio umbro: il solito Cutolo prende palla fuori area e tira un bel diagonale che sorprende Farelli. Crotone 1 - Perugia 1. Il Crotone butta il cuore oltre l'ostacolo e reagisce trascinato da un immenso Ciccio Galeoto. Proprio il terzino destro all'84' sblocca il match: dopo una delle sue solite discese fulminanti, entra in area e viene toccato da Barbagli, rigore trasformato con freddezza da Basso. Crotone 2 - Perugia 1. Il Perugia non ci sta ed ancora Cutolo, due minuti dopo, impegna Farelli in un autentico miracolo calcistico. Il furetto giallorosso prova per l'ennesima volta a ristabilire il risultato di parità, quando mancano ormai una manciata di minuti al fischio finale: riceve palla appena dentro l'area di rigore, tira a botta sicura superando Farelli in uscita, ma dal nulla arriva Figliomeni il quale spazza sulla linea. La partita finisce qua, Crotone 2 - Perugia 1. Questo il tabellino del match:

CROTONE (4-2-3-1) Farelli; Galeoto, Diniz, Pedotti, Morleo; Pacciardi, Carcuro; Aurelio (79' Orosz), Calil (88' Figliomeni), Basso; Paponetti (63' Petrilli). In panchina: Senatore, Quondamatteo, Cafiero, Triarico. All. Moriero

PERUGIA (4-4-2) Benassi; Pagani, Raimondi, Accursi, Barbagli (86' Federici); Stamilla, Gatti (51' Boldrini), Mezavilla, De Giorgio; Del Core, Cutolo. In panchina: De Marco, Zappetti, Fiorucci, Di Stani, Ubaldi. All. Pagliari

Arbitro: Vivenzi di Brescia

Note: 1500 spettatori circa

Perde terreno la capolista Gallipoli sul campo del Lanciano, una doppietta di Tisci consente agli abruzzesi di spuntarla sui giallorossi che vanno a segno con Ginestra. Il Benevento, grazie ad un rigore realizzato dal solito Clemente al 69', battendo la Cavese si trova a -2 dal vertice; a una giornata dalla fine tutto può accadere. Pareggio deludente, a reti bianche, dell'Arezzo sul campo della Paganese. Pareggia anche il Foggia, sul campo della Ternana: pugliesi in vantaggio con Salgado al 3' e gol del raddoppio di Troianello al 24'; nella ripresa gli umbri si gettano in avanti e accorciano le distanze con Concas al 62', ma trovano addirittura il gol del definitivo 2-2 al 67' con Tozzi Borsoi.

Nella parte bassa della classifica ottima vittoria della Juve Stabia sul campo del Foligno, decide il match il gol di Marino al 39'. Perdono le ultime due della graduatoria, Pistoiese e Potenza, contro rispettivamente Pescara e Taranto. Chiude la giornata il pareggio, per entrambe inutile, tra Marcianise e Sorrento.

Dario Li Vigni

fonte: rosaneronline.it

Pubblicato il 12/5/2009 alle 19.46 nella rubrica 1a Div/A.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web