Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Serie B, griglia play off, campionato equilibrato, Arezzo e Ternana, manca un punticino - amarantomagazine.it

Arezzo e Ternana, manca un punticino

Scritto da: Andrea Avato, mercoledì 13 maggio 2009
Visto: 232 volte.

Image
Croce in azione nel match di andata
Si è sempre parlato del grande equilibrio che caratterizza il campionato e i fatti lo stanno confermando. A novanta minuti dalla fine del torneo, non c'è un verdetto già scritto. Il Gallipoli non è ancora in B e il Benevento non ha ancora perso le speranze dell'aggancio in extremis, così come il Crotone non è fuori dalla lotta per il secondo posto. Da assegnare anche gli altri due posti play-off, da disegnare la griglia play-out, da stabilire la squadra che scenderà in seconda divisione. Si deciderà tutto domenica, con una lunga serie di incroci tra Potenza e Foggia, Castellammare e Pistoia, Cava dei Tirreni e Perugia. Alla fine, il Potenza è quella che rischia di più la retrocessione diretta. Pistoiese, Juve Stabia e Foligno giocheranno gli spareggi per non retrocedere. Manca la quint'ultima e intorno a questo verdetto c'è assoluta bagarre. Nella parte alta, a meno di clamorosi ribaltoni, il Gallipoli salirà in B, Benevento, Crotone e Arezzo faranno i play-off e il Foggia, ormai, si è messo un'incollatura davanti alla Cavese. Pensare che il Marcianise, già salvo, vada in Puglia a mettere i bastoni tra le ruote a Giannini, non è realistico. Il Foggia, dal canto suo, potrebbe salvare il Pescara impegnato a Cava. Se il risultato dello Zaccheria fosse chiaro fin dall'inizio, alla Cavese vincere non servirebbe a nulla, mentre per il Pescara i tre punti sarebbero fondamentali. La sensazione è che a restare invischiata nei play-out sarà una tra Pescara, Perugia e Lanciano. La Paganese, a meno che non perda, è salva. Tutto ciò mentre ad Arezzo si profilano novanta minuti un po' così. Il punto va bene sia a Cari che a Baldassarri: gli amaranto blinderebbero il quarto posto, gli umbri si garantirebbero la salvezza. E dunque non c'è da aspettarsi nulla di diverso dal pareggio. L'unica variabile è il risultato con cui si chiuderà la partita, ma per il resto sembra veramente tutto scritto. Il fine giustifica i mezzi, diceva qualcuno. E quando si trovano di fronte due squadre che hanno il medesimo interesse, la voglia di farsi male finisce in soffitta. Rispetto ai patemi d'animo delle stagioni recenti, quando l'ultima gara dell'anno era anche l'ultima spiaggia e bisognava spremersi il cervello per fare conti su differenza reti e classifica avulsa, stavolta siamo tranquilli e sereni. Prendiamo 'sto punticino e poi comincerà tutta un'altra storia.

fonte: amarantomagazine.it

Pubblicato il 13/5/2009 alle 15.59 nella rubrica Arezzo.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web