Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Magica rimonta della Pro Patria, Reggiana battuta 5-4, Lerda raggiante: «Cresciuti alla grande» - varesenews.it

http://www3.varesenews.it/immagini_articoli/200904/dsc_0185.jpg

Una giostra di emozioni ha permesso ai tigrotti di ribaltare il 3-0 granata grazie a una tripletta di Do Prado. 5 mila tifosi sugli spalti, ben 700 da Busto Arsizio

immagine di separazione
immagine di separazione
Una giostra di emozioni regala alla Pro Patria la vittoria contro la Reggiana. 5-4 per i tigrotti il finale, successo fondamentale per la corsa alla serie B perchè giunto in trasferta allo stadio “Giglio” e soprattutto perchè regala alla squadra di Lerda mezzo biglietto per le finali. I granata erano partiti alla grande, siglando in pochi minuti tre gol e trovando il triplo vantaggio, ma Music e compagni, guidati da Do Prado, hanno trovato la forza di reagire e la via verso la vittoria con il rigore realizzato dal brasiliano all'ultimo minuto della gara.
Una settimana agitata ha contrassegnato la preparazione alla gara dei tigrotti, prima con la partenza di Correa verso l'Argentina per stare accanto alla madre malata, poi con il nulla di fatto della prima asta.

FISCHIO D’INIZIO – Mister Lerda deve far fronte ad assenze pesanti: oltre a Correa, fuori anche Anania e Fofana, che lasciano il posto rispettivamente a Giambruno e Mosciaro. L'allenatore tigrotto schiea così un 4-3-2-1 con la mediana formata da Zappacosta, Cristiano e Dalla Bona, con Melara in panchina. Mosciaro ad agire da unica punta supportato dalla coppia Toledo-Do Prado. Formazione tipo, invece, per mister Pane.

IL PRIMO TEMPO – Ritmi alti e buone trame offensive accompagnano i primi minuti di partita, ma nessuna delle due squadre riesce a rendersi davvero pericolosa. Al 25', al primo tiro in porta, la Reggiana trova il vantaggio con il suo numero 10 Alessi, che supera Giambruno con un diagonale mancino dall'interno dell'area dopo uno scambio nello stretto con Ingari. La Pro Patria non reagisce e dopo 6' minuti concede il raddoppio ai padroni di casa con Maschio, bravo a insaccare di testa da distanza ravvicinata un cross dalla destra di Nardini. La Pro crolla e al 36' la Reggiana trova il 3-0 con Ingari che, servito da un delizioso filtrante di Alessi non può fare altro che infilare la sfera alle spalle di Giambruno. Al 39' i tigrotti hanno un sussulto d'orgoglio e trovano il gol del 3-1 con Do Prado servito da una sponda di Cristiano al limite dell'area e abile a trovare l'angolo lontano con un sinistro rasoterra. Al 42' il primo tempo ragala un altro gol alla Pro con Mosciaro che supera Tomasig al termine di un'azione costruita dei tigrotti con un destro da due passi.

LA RIPRESA – Parte meglio la Pro nel secondo tempo. Music e compagni spingono sin dai primi minuti alla ricerca del pareggio. Al 16' il “Giglio” raggela. Prima Mosciaro cerca la via della rete con un destro da dentro l'area che Tomasig mette fortunosamente in angolo, poi, dall'angolo successivo, Cristiano trova il tempo giusto per girare di testa il corner di Dalla Bona alle spalle del portiere granata per il gol del pareggio. I tigrotti volano e al 23' una ripartenza veloce e ben orchestrata regala ai biancoblu il vantaggio sul 4-3 grazie a uno stupendo tiro al volo di Do Prado su cross teso dalla destra di Melara. Il valzer di emozioni non finisce e al 27' arriva il pareggio reggiano con il gol di Stefani che di testa devia in rete una punizione dalla trequarti battuta da Grieco. Al 45' l'arbitro fischia il rigore a favore della Pro Patria dopo un contatto tra Toledo e Tomasig a frutto dell'ennesima ripartenza veloce dei tigrotti. Dal dischetto Do Prado non sbaglia e firma la sua personale tripletta.

Una partita dalle mille emozioni regala alla Pro Patria mezzo pass per le finali play off. Una vittoria importantissima, anche perchè avvenuta dopo esser stata sotto 3-0. Da sottolineare la prova di Do Prado, autore di tre gol d'autore, compreso il rigore realizzato per il definitivo 5-4. Settimana prossima allo “Speroni” la gara di ritorno, la Pro a questo punto potrebbe anche permettersi di perdere, ma Lerda e la squadra di sicuro non saranno della stessa idea.

Lerda raggiante: «Cresciuti alla grande»

Dagli spogliatoi le voci dei protagonisti. Do Prado, autore di una tripletta: "Spero di ripetermi settimana prossima"


immagine di separazione
immagine di separazione
LE INTERVISTE

Lerda non nasconde la soddisfazione per la vittoria: «È stata una partita vera. Loro sono partiti molto bene, molto aggressivi e noi lo abbiamo pagato dal punto di vista nervoso. Non riuscivamo a fermare Alessi, poi poco per volta abbiamo trovato il nostro gioco e siamo usciti alla grande. Trovare i due gol a fine primo tempo ci ha aiutati a livello mentale per rientrare con il giusto mordente. In casa cercheremo di fare ancora risultato. Non siamo una squadra che si difende e non lo faremo neanche la prossima domenica».

Pane giustifica la sconfitta e si prepara al ritorno: «Partita strana, ha vinto chi ha fatto un errore in meno. È un peccato non essere riusciti a trovare un risultato positivo, credo sia stata una gara equilibrata. Devo fare i complimenti ai miei ragazzi, non è ancora finita e a Busto ci faremo valere con lo stesso spirito e lo stesso atteggiamento di oggi. Non sarà facile perché allo “Speroni” dovremmo fare la partita. Non penso che la squadra si sia seduta dopo il 3-0, credo invece che sia uscita la Pro Patria e ci abbia messo in difficoltà grazie alla propria bravura».

Morello promuove la sua prestazione: «Non abbiamo mai mollato e questo ci ha aiutato ad ottenere il risultato. Trovarsi sotto 3-0 dopo pochi minuti non è facile, ma siamo stati bravi a reagire e ci siamo meritati la vittoria, anche se bisogna riconoscere che la Reggiana è un'ottima squadra. Per il ritorno non puntiamo a difenderci, anche perché non siamo molto bravi, dobbiamo fare la gara e non possiamo permetterci di aspettarli. Mi dispiace per Pisani che ha subito in lieve infortunio e non ha potuto continuare la sfida, ma credo di essere stato bravo a farmi trovare pronto in questo caso».

Do Prado, autore della tripletta decisiva: «Siamo partiti male, ma questo ci ha dato la forza per trovare la vittoria. Ho segnato tre gol e sono contento, ma l'importante era vincere. Ora sto bene; stare fermi per tanto tempo non è facile, ma davvero adesso posso esprimermi al meglio. Spero di ripetere questa prestazione anche domenica prossima davanti al nostro pubblico».

Reggiana - Pro Patria 4-5 (3-2)

Marcatori: 25' pt Alessi, 31' pt Maschio 36' pt Ingari, 39' pt Do Prado, 42' pt Mosciaro, 17' st Cristiano, 23' st Do Prado, 27' st Stefani, 45' st Do Prado (rigore).

Reggiana:Tomasig, Mei, Scantamburlo, Grieco, Padoin, Stefani, Ponzo (dal 4' st Arati), Maschio, Ingari (dal 40' st Dall'Acqua), Alessi, Nardini (dal 25' st Acosty) All.: Pane.
Pro Patria: Giambruno, Music, Barjie, Pisani (dal 1' st Morello), Urbano, Zappacosta (dal 14 st Melara), Cristiano (dal 33' st Migliorini), Dalla Bona, Toledo, Do Prado, Mosciaro. All.: Lerda.
Arbitro: Guida di Torre Annunziata (Salvio e Argiento)

Note: giornata nuvolosa, terreno in buone condizioni. Ammoniti: Alessi, Mei, Arati, Tomasig per la Reggiana. Dalla Bona, Do Prado e Morello per la Pro Patria. Calci d'angolo: 4-3 per la Reggiana. Spettatori: 5326 (circa 500 ospiti).

fonte:
varesenews.it

Pubblicato il 31/5/2009 alle 23.0 nella rubrica Pro Patria.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web