Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Play-out Serie B, Mastronunzio condanna il Rimini alla Lega Pro -

(Salvatore Mastronunzio)
(AGM-DS) - 13/06/2009 22.55.18 - (AGM-DS) - Milano, 13 giugno - L’Ancona si assicura la permanenza in B superando per 1-0 il Rimini nella gara di ritorno dei play-out disputata al Neri . La compagine dorica, obbligata a vincere dal peggior piazzamento conseguito rispetto all’avversaria al termine della stagione regolare e dall’1-1 maturato nella gara d’andata al Del Conero, ribalta i pronostici sfavorevoli della vigilia imponendosi in virtù di una rete realizzata da Mastronunzio al 79’. Il Rimini abbandona dopo quattro anni la serie cadetta retrocedendo, conseguentemente, in Lega Pro Prima Divisione.

Guido Carboni che deve fare a meno dell’infortunato Bravo propone un 4-4-1-1 che davanti ad Agliardi prevede Vitiello, Sottil, Milone e Catacchini in difesa; Pagano, Basha, La Camera e Frara a centrocampo; Ricchiuti a sostegno dell’unica punta Docente. Sul fronte opposto lo squalificato Sandro Salvioni conferma dieci-undicesimi della squadra dell’andata affidandosi a Da Costa tra i pali; Turati, Rincon, Comazzi e Rizzato in difesa; Surraco, Catinali, De Falco e Miramontes a centrocampo; Colacone e Mastronunzio in attacco. Gervasoni di Mantova è il direttore di gara.

Ritmi elevati e frequenti capovolgimenti di fronte caratterizzano l’avvio di gara. Il primo tentativo a rete è dell’Ancona con Surraco che chiama in causa Agliardi con una conclusione dalla distanza. La risposta dei padroni di casa non si fa attendere: una girata di Docente costringe Da Costa ad una non facile respinta. L’Ancona torna a farsi vedere in avanti all’8’ con un’insidiosa battuta dal limite dell’area di Colacone. La compagine dorica insiste. Surraco, sugli sviluppi di un traversone dalla sinistra di Miramontes smanacciato da Agliardi, si vede al 12’ deviare in angolo da un difensore il suo tentativo a rete. L’occasione più nitida è però creata e fallita in contropiede dal Rimini: al 14’ Pagano conclude malamente sul fondo da favorevole posizione. L’Ancona, nel prosieguo della frazione manifesta una marcata supremazia a livello territoriale ma, se si esclude una punizione di poco a lato di Miramontes al 40’ generata da un fallo (probabilmente da ultimo uomo) di Milone su Mastronunzio, non si registrano particolari pericoli per la porta difesa da Agliardi. In fase di recupero, sul versante opposto, La Camera si fa apprezzare con una violenta battuta alta dalla distanza.

Alla ripresa del gioco non si segnalano variazioni nei due schieramenti. Non accade nulla di rilevante sino al 57’ quando Surraco impensierisce Agliardi con un tentativo dal limite dell’area. Un minuto più tardi il Rimini sciupa una favorevole opportunità con Ricchiuti che servito dalla sinistra da Docente conclude debolmente da pochi passi tra le braccia di De Costa. L’Ancona allo scoccare dell’ora di gioco sostituisce Colacone con Soddimo. Al 62’ primo cambio anche per Carboni che inserisce Augustyn al posto di Milone. I padroni di casa falliscono una nuova opportunità da rete al 64’ con Docente che smarcato ottimamente da Ricchiuti si vede respingere il suo tentativo a rete da distanza ravvicinata da un intervento di piede effettuato da Da Costa. Gli ospiti provvedono al 67’ ad un nuovo cambio: Eusepi rileva Miramontes. La compagine dorica va vicina al bersaglio al 68’ con un diagonale di Mastronunzio deviato in angolo da Agliardi. L’estremo difensore del Rimini viene nuovamente chiamato in causa al 70’ da una potente ma troppo centrale conclusione di Soddimo liberato a sinistra da un tocco di Mastronunzio. L’Ancona, padrona del centrocampo, va di nuovo vicinissima alla rete al 73’ con Surraco che incuneatosi abilmente in area romagnola impegna severamente Agliardi con una conclusione da distanza ravvicinata. Carboni corre ai ripari inserendo Paraschiv per Basha. Una punizione di Soddimo al 75’ è neutralizzata con sicurezza a terra da Agliardi. La pressione dell’Ancona sfocia al 79’ nella rete del vantaggio siglata di testa da Mastronunzio sugli sviluppi di un bel cross proposto dal fondo da Soddimo. La girandola dei cambi prosegue con gli inserimenti di Cipriani per Frara da una parte e di Anderson per Surraco dall’altra. Il Rimini ha un sussulto: Da Costa all’85’ si salva con i pugni su una conclusione da fuori area di La Camera. Il complesso di Carboni si spinge con generosità ma scarsa lucidità in avanti: l'Ancona legittima il successo sfiorando all'88' il 2-0 in contropiede con Eusepi.

Ancona: Salvioni "Salvezza meritata"

(AGM-DS) - 13/06/2009 23.51.15 - (AGM-DS) - Milano, 13 giugno - "I ragazzi – dichiara Salvioni - sono andati in campo con grande voglia e spirito di sacrificio meritandosi la salvezza". Il tecnico dell’Ancona, nella circostanza squalificato, individua la chiave del successo esterno conseguito nella gara di ritorno dei play-out contro il Rimini nell’atteggiamento tattico tenuto dalla squadra: "Siamo stati bravi a non aggredirli e ad aspettare il momento giusto per colpirli". Sandro Salvioni, dopo aver ringraziato la società per aver creduto in lui e i tifosi per essere accorsi numerosi e calorosi al Neri, spende belle parole per Monaco: "Questa salvezza è anche merito suo: un tecnico al quale tutta la rosa era molto legata". L'allenatore della compagine dorica preferisce non sbilanciarsi sul suo futuro: "La conferma? Questo non lo so. al mio arrivo ero stato io a rifiutare un biennale. Ora vedremo cosa succederà".
 
fonte: datasport.it

Pubblicato il 14/6/2009 alle 1.3 nella rubrica Ancona.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web