Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Prima divisione B: Benevento-Crotone 0-1 - datasport.it


(Prospero Caetano Calil, autore del gol promozione)
(AGM-DS) - 21/06/2009 19.36.45 - (AGM-DS) - Milano, 21 giugno - Nella finale di ritorno del campionato di prima divisione B i pitagorici stendono i sanniti con un gol di Caetano e salgono sull'ultimo treno per la B.

Il Crotone brinda alla promozione serie B. Mentre l'utopia del Benevento si frantuma a un passo dal diventare realtà. Da autentici squali i ragazzi di Moriero espugnano il santa Colomba e dopo due anni di purgatorio ritrovano i palcoscenici del calcio che conta. Ancora una volta, invece, le forche caudine dei play-off sono fatali ai sanniti, che come un lustro fa in semifinale vengono puniti dagli ionici. Mattatore dell’incontro il brasiliano Prospero Caetano Calil, che al 32' si inserisce indisturbato nell'area giallorossa e di testa corregge in fondo al sacco un cross con il contagiri di Galardo dalla trequarti, dopo una pregevole percussione di quest'ultimo.

A differenza di quanto avviene spesso in finali di quest'importanza, al Santa Colomba il match è vivace e avvincente sin dall'avvio. I rossoblu, nell'occasione in maglia bianca, si presentano in campo con un tridente offensivo che li rende più vivaci e intraprendenti, ma pur costruendo le trame migliori, graffiano solo all'11' con un'incursione per vie centrali di Caetano, che dalla lunetta lascia partire un'insidiosa rasoiata che sibila vicino al palo. Con il trascorrere dei minuti gli stregoni prendono le misure ai calabresi e dopo il 20' iniziano a crescere anche in fase offensiva. Tanto che 26' al sfiorano il vantaggio con un un tiro-cross dalla destra di Castaldo che colpisce il palo più lontano, con Farelli immobile. E quattro minuti più tardi fanno accapponare la pelle ai duecento tifosi ospiti presenti sugli spalti in seguito a una combinazione in velocità sulla destra tra Beueno e Caputo, con il primo che, nel cuore dell'area, controlla male e conclude debolmente. Ma nel momento migliore del Benevento nel primo tempo arriva il patatrack, con la retroguardia di casa inspiegabilmente in bambola. Al ritorno dagli spogliatoi si assiste alla metamorfosi dei campani; più aggressivi e determinati, occupano costantemente la trequarti avversaria, incalzando senza tregua gli avversari. Comincia, così, il tiro al bersaglio alla porta di Farelli. Al 50' Statella conquista palla al limite e scaglia un'improvvisa sassata rasoterra che esce di poco al lato. Al 56' il tentativo di testa di Cinelli, al termine di un'azione insistita, viene deviato in tuffo dall'estremo difensore rossoblu. I pitagorici sembrano rinunciare a costruire e si limitano ad alleggerire con sporadici lanci lunghi alla viva il parroco. Così al 69' il team di Soda sfiora il pari con Ciarcià, che in equilibrio precario, da due passi, allunga lo zampino su un cross dalla trequarti, ma Farelli risponde presente e alza in angolo. Intanto il match da maschio diventa spigoloso. Nel finale si assiste al prevedibile arrembaggio dei sanniti, che si lanciano all'assalto del fort apache. Ma la porta del Crotone appare stregata e neppure gli stregoni riescono a rompere l'incantesimo. Così Benevento rimane l'unico capoluogo di provincia campano a non aver mai avuto una squadra che nella divisione cadetta. Mentre a Crotone impazza subito la festa.

fonte: datasport.it

Pubblicato il 21/6/2009 alle 22.54 nella rubrica Crotone.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web