Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

No alla tessera del tifoso Maroni bloccherà le trasferte? - repubblica.it



Se è coerente con quanto ha detto e ripetuto da ormai un anno, il ministro Roberto Maroni la prossima settimana vieterà le trasferte a chi non avrà la tessera del tifoso. Maroni si è incontrato prima coi club di A e , ieri, con quelli di B: un flop totrale. Le società, salvo poche eccezioni che vedremo più avanti, non ne vogliono sapere. "Troppo costosa", "troppa burocrazia", sostengono i club.

Tacita l'alleanza con i tifosi: la stragrande maggioranza di questa card, voluta per combattere la violenza negli stadi e dintorni, non ne vogliono proprio sapere. Molti ultrà hanno anche attaccato alcuni manifesti, "no alla tessera del tifoso". Non è certo un reato manifestare la propria opinione: in realtà i tifosi temono una ulteriore schedatura (ma in realtà chi fa l'abbonamento di fatto già è schedato...) e soprattutto non accettano che venga escluso dal possesso della tessera chi ha commesso (e magari già scontato la pena) reati da stadio negli ultimi cinque anni. Ma di modifiche alla normativa non si è parlato mai e così ecco l'irrigidimento di club e tifosi.

In serie A solo due club sinora hanno fatto la tessera del tifoso: l'Inter oltre 40.000 e il Milan oltre 150.000. Il Milan le ha spedite a casa lo scorso anno: erano sperimentali e senza foto, ma sono state ritenute valide dal club di Adriano Galliani e Maroni, tifoso doc del Milan, non ha detto assolutamente nulla. Da quest'anno il club rossonero si è messo i regola con la normativa. E gli altri club? Nelle recente riunione al Viminale, Giancarlo Abete, n.1 della Figc e commissario della Lega Calcio, aveva garantito che altri 8-9 club in serie A erano pronti a mettersi in regola per l'inizio del campionato. Si è fatta viva la Juventus, ma delle altre società non c'è traccia. La Fiorentina ha dato mandato ad una banca ma le tessere non saranno certo pronte per l'inizio del campionato. Silenzio a Napoli dove i tifosi dopo la trasferta dello scorso anno a Roma (31 agosto 2008, prima giornata) sono stati messi al bando da Maroni e non si sono più mossi da casa.

Per la verità ci sono anche problemi al San Paolo tanto che Aurelio De Laurentiis di recente ha incontrato il prefetto Pansa: troppa gente entra senza pagare, il patron del Napoli sta pensando di sostituire gli steward (di cui evidentemente si fida poco) con qualche decina di guardie giurate da lui stipendiate. Ma il caso Napoli non è stato risolto nemmeno dal nuovo questore. Un fallimento totale, insomma, la tessera del tifoso. In B silenzio come in A: la farà l'Albinoleffe e forse il Vicenza. Gli altri club anche importanti come Torino e Lecce non ne vogliono sapere.

Che farà Maroni? Il capo della polizia, Antonio Manganelli, aspetta disposizioni. Verranno bloccate tutte le trasferte a chi non ha la tessera oppure Osservatorio e Casms dediceranno di partita in partita? Qualsiasi decisione verrà presa, porterà polemiche. Ma il ministro può fare marcia indietro? A giorni sapremo.

fonte: repubblica.it

Pubblicato il 30/7/2009 alle 17.16 nella rubrica Generiche.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web