Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Iª Div. A - 2ª giornata: Novara e Cremonese restando da sole in vetta - Novara e Cremonese confermano quanto di buono fatto vedere all’esordio conquistando la seconda vittoria in altrettante partite - RealSports.it

Calcio Iª Div. A -  2ª giornata: il puntoNovara e Cremonese confermano quanto di buono fatto vedere all’esordio conquistando la seconda vittoria in altrettante partite restando da sole in vetta. Primo successo stagionale per il Benevento, che supera in casa il Lecco. Vittoria di misura anche per l'Arezzo. Stasera il posticopo tra Perugia e Figline


Fonte immagine RealSports.it


di Alessandro Maglione

Nel girone A di Prima Divisione Novara e Cremonese confermano quanto di buono fatto vedere all’esordio conquistando la seconda vittoria in altrettante partite restando da sole in vetta.

Al “Silvio Piola” il Novara incontra qualche difficoltà a superare un arcigno Sorrento ma alla fine i ragazzi di mister Tesser riescono a conquistare con merito i tre punti, frutto principalmente di un attacco atomico in grado di pungere in ogni momento. Il primo brivido lo regala però il Sorrento con Myrtaj che al 6’ che si presenta tutto solo davanti al portiere ma l’occasione sfuma per il grande intervento di piede dell’estremo difensore Ujkani. Due minuti più tardi è invece il Novara a farsi vivo in area del Sorrento e sul cross di Motta è Bertani a farsi trovare pronto alla deviazione vincente che beffa Marconato. I campani si reggono soprattutto sulle spalle dell’albanese Myrtaj ed è proprio l’attaccante più insidioso dei rossoneri a dare un dispiacere ai circa 3500 tifosi presenti sugli spalti realizzando alla mezz’ora il pareggio con un beffardo colpo di testa. Il Sorrento ci crede e per qualche minuto un irriconoscibile Novara sbanda paurosamente rischiando in almeno tre occasioni la rete del sorpasso. Ci pensa però Motta a due giri di lancette dal riposo a ristabilire le gerarchie in campo girando in fondo al sacco una palla vagante sugli sviluppi di un calcio d’angolo.

La ripresa, complice la forse la condizione fisica non ottimale delle squadre, in quanto ad emozioni è piuttosto avara ed i padroni di casa si limitano principalmente a gestire la gara senza affondare più di tanto il colpo. La parola fine alla contesa la mette poi di fatto un nervoso Myrtaj che si fa espellere al 38’ dopo aver rifilato un colpo al volto a Porcari.

Vince in trasferta la Cremonese rifilando tre reti ad una Paganese punita dalle incredibili disattenzioni nel reparto difensivo. Sono i locali a mostrare le cose migliori in avvio e per due volte i lombardi si salvano per il rotto della cuffia, ma al 14’ ci pensa Musetti a rendere speciale la domenica della capolista realizzando il vantaggio, complice un errore madornale di Pasquale Esposito. I padroni di casa continuano poi a complicarsi maledettamente la vita e verso la mezz’ora è ancora Musetti ad andare in gol dopo un micidiale contropiede scaturito da un pallone perso da Maisto per i locali. Nella ripresa la terza rete di Viali chiude la partita e serve a poco o nulla il gol della bandiera messo a segno da Ibekwe per una Paganese che deve solo fare mea culpa per i tantissimi svarioni soprattutto in difesa.

Non smette di stupire il Foligno che dopo aver messo ko una corazzata come il Benevento si toglie il lusso di imporre il pareggio al Pergocrema, sfiorando addirittura il clamoroso successo. I ragazzi di Fusi confermano il loro ottimo stato di forma e nel primo tempo per i locali sono dolori, complici i due gol messi a segno dagli umbri. Poi nella ripresa la gara cambia volto con il Pergocrema che guadagna metri e grazie ad uno straordinario Le Noci (nuovo capocannoniere del girone) che realizza la doppietta che riporta la situazione in parità.

Deve aspettare fino quasi ai minuti di recupero l’Alessandria per avere ragione di una Pro Patria scesa in campo per portare almeno un pareggio a casa. Gli ospiti mettono in mostra una buona organizzazione di gioco e rispondono con la rete di Ripa al vantaggio per i locali messo a segno da Rodriguez verso la metà della frazione. Nella ripresa non accade molto fino al minuto 82 quando Rodriguez calcia una punizione e Rosso si fa trovare al posto giusto bucando l’incolpevole Caglioni.

Succede tutto nel primo tempo tra Viareggio e Lumezzane che si dividono equamente la posta al termine di una gara scoppiettante già dalle prime fasi di gioco. Al 12’ i toscani sono già sul 2-0 ed i tre punti sembrano al sicuro ma le reti di Marconi e Pintori riportano la squadra di Rossi sulla terra e per il Viareggio è tutto da rifare con il risultato che non cambia più nella ripresa.

In un attesissimo derby lombardo (senza tifosi ospiti per le limitazioni imposte dal Cams) Como e Varese non vanno oltre l’1-1 ma a conti fatti può anche andare bene così. Al primo vero affondo gli ospiti si portano in vantaggio con Ebagua che sfrutta un rinvio errato di Brevi ed il Como deve poi attendere la ripresa per ottenere la rete del pareggio con Franco su calcio di rigore. Cozzolino per i locali è in grande spolvero e l’attaccante comasco ci prova fino al termine senza riuscire però a sorprendere la difesa di un Varese che ottiene un punto meritato.

Vince ma non convince a pieno il Benevento di Acori. L’ex tecnico di Rimini e Livorno dopo la figuraccia rimediata a Foligno rivoluziona in partenza la squadra facendo accomodare in panchina l’attaccante Evacuo e soprattutto La Camera, affidando a Cejas la cabina di regia. Pur senza brillare più di tanto sono comunque i giallorossi a fare la partita andando vicini al gol in almeno tre occasioni. Il Lecco bada soprattutto a non prenderle ed in una rara azione di attacco la quadra di Magoni beffa Gori ma l’arbitro annulla per un dubbio fallo di mano.

Nella ripresa servono gli innesti di Castaldo e La Camera per cambiare volto alla partita e gli stregoni pigiano il piede sull’acceleratore mettendo alle corde un Lecco in evidente affanno. Le due reti dei locali portano la firma del solito Clemente (il capocannoniere della scorsa stagione) e di La Camera ed il gran gol di Veronese per i lombardi serve solo a dare maggiore interesse ai minuti finali di una partita piacevole soprattutto nella ripresa.

Non stecca l’appuntamento con la prima vittoria in campionato l’Arezzo che deve ringraziare il suo bomber Chianese autore della rete decisiva ad otto minuti dalla fine. Sono sempre i toscani a fare la partita mentre uno spento Monza si limita ad agire prevalentemente di rimessa senza tuttavia pungere più di tanto. L’Arezzo crea invece almeno tre nitide palle gol e quando quasi nessuno ci spera più Chianese trova il guizzo giusto facendo secco Rossi grazie anche alla deviazione di Cudini.

Nel posticipo, infine, il Perugia ha battuto il Figline per 1-0. La rete e' stata segnata da Stamilla all'88.

fonte: realsports.it

Pubblicato il 1/9/2009 alle 14.22 nella rubrica 1a Div/A.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web