Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Potenza, Capuano a valanga e Galigani querela - tuttomercatoweb.com


09.10.2009 21.30 di Stefano Sica  articolo letto 2031 volte
"Siamo all'apoteosi dell'immondizia illimitata, se ha il coraggio mi venga a denunciare per quello che sto dicendo". E' un fiume in piena Eziolino Capuano che, nel corso di una trasmissione televisiva in onda su Tele Salerno Uno (Zona Cesarini), si scaglia contro il dg del Potenza Vittorio Galigani. "Quando è arrivato a Potenza, il direttore mi disse che sarebbe dovuto andare a Salerno - attacca l'ex trainer rossoblu -. Io penso che Lombardi (il presidente della Salernitana, ndr) non è ancora impazzito perché se fosse arrivato anche Galigani qui, sarebbe stata l'apoteosi del manicomio di Montelupo Fiorentino (località dove c'è un ospedale psichiatrico, ndr). A mio parere i giocatori deve sceglierli l'allenatore e non gli devono essere imposti. Noi avevamo costruito un bellissimo giocattolo, anche se da completare. Andavamo tutti d'accordo, poi la sera del ripescaggio è arrivato il signor Galigani e in quel momento ho sbagliato: ero io che dovevo andare via perché avevo avuto un precedente dieci anni fa con lui a Trapani, dove dovette scappare di notte portandosi via anche la cucina. Io li ho avvisati, dicendo loro che Galigani avrebbe distrutto il Potenza. Nella rosa c'è Tesoniero, uno dei portieri più forti che c'è in Italia, e un altro '88, Porcaro, che farà parlare di sé. I giovani li so vedere: qualche anno fa consigliai ad Aliberti di portare a Salerno Evra, che giocava nel Nizza. Evra andò al Monaco e adesso gioca nel Manchester. Da quando è arrivato Galigani non si è preso più un giocatore. Dopo essere stato eletto miglior allenatore della Lega Pro ed essere uscito da Coverciano con il massimo dei voti, mi sono fatto convincere da Pellegrino ad accettare il Potenza in Seconda Divisione, quando il presidente, persona perbene, non poteva uscire di casa dopo la retrocessione. A Potenza non voleva venire nessuno, era diventata come Kabul. Ero riuscito attraverso la mia credibilità a portare giocatori importanti anche prima del ripescaggio, poi è arrivato il signor Galligani e ha fatto di tutto per distruggere. Dovevamo prendere dei giocatori e non sono stati più presi. Galigani mi ha portato invece un ragazzo che giocava in Eccellenza (Smith, ndr): agisce come Attila ovunque passa. A Potenza c'era Michele Caso, tra i fisioterapisti più competenti che io abbia mai trovato in 20 anni di calcio. Ma è una persona di grande dignità, che ha alzato il telefono ed è andato via, perché il signor Galigani imponeva anche chi chiamare e chi non chiamare". Un lungo sfogo che non ha trovato impreparato Galigani, il quale ha fatto sapere di voler presentare querela verso il tecnico salernitano.

fonte: tuttomercatoweb.com

Pubblicato il 10/10/2009 alle 20.16 nella rubrica Potenza.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web