Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Testa tra Novara e Cremonese, L'Arezzo travolge il Foligno, l'Alessandria espugna Monza - RealSports.it

Calcio Iª Div. A -  8ª giornata: il punto
Calcio Iª Div. A - 8ª giornata: il punto

Continua l’appassionante testa a testa tra Novara e Cremonese e questa volta sono i lombardi a salire in vetta, superando di misura il Perugia e grazie al mezzo passo falso casalingo del piemontesi contro il Ravenna. L'Arezzo travolge il Foligno, l'Alessandria espugna Monza, mentre il Benevento vince in rimonta contro il Lumezzane. Il Figline inaugura il nuovo stadio battendo 2-1 la Pro Patria. Buon pari del Viareggio a Pagani

Fonte immagine RealSports.it

di Alessandro Maglione

Nel girone A di Prima Divisione continua l’appassionante testa a testa tra Novara e Cremonese e questa volta sono i lombardi a salire in vetta.

Contro un Perugia reduce da ben cinque vittorie consecutive i grigiorossi devono attendere il 37’ della ripresa per segnare con Guidetti la rete decisiva. La partita non riesce mai a decollare, complice soprattutto un atteggiamento eccessivamente guardingo della compagine umbra che bada soltanto a non scoprirsi. La Cremonese dal canto suo brilla solo a tratti e nel primo tempo va vicina al gol in una circostanza con un palo colpito da Guidetti. Certamente più animata la ripresa e risulta decisiva la mossa di mister Venturato di gettare nella mischia la terza punta e dopo un paio di miracoli di Benassi ad otto minuti dal termine la Cremonese trova il gol che la proietta in testa alla classifica.

Rimedia solo un pareggio in casa il Novara contro un Varese in grande forma. I ragazzi allenati da Tesser vanno in vantaggio al 24’ con Motta e poi falliscono per due volte il colpo del ko, subendo nella ripresa la rete del Varese al 15’ ad opera di Tripoli ottimamente assistito da Ebagua. Qualche mischia nel finale in area ospite ma non succede quasi più nulla.

Giornata migliore non poteva chiedere mister Semplici che in un colpo solo ottiene la prima vittoria in trasferta e salva la propria panchina, viste le voci insistenti di un suo possibile esonero. Eppure è il Foligno il primo a segnare al 23’ con Calderini ma successivamente in campo c’è solo l’Arezzo. I toscani prendono in mano il comando delle operazioni ed operano il sorpasso con Calderini e De Oliverira. Nella ripresa il protagonista assoluto è Chianese che mette la propria firma sulla partita realizzando una doppietta.

Dura solo mezz’ora o poco più il sogno del Lumezzane di fare bottino pieno al Santa Colomba di Benevento. I lombardi vanno a segno dopo appena due minuti con un colpo di testa di Pintori, lasciato colpevolmente tutto solo a due passi da Gori. Buona la reazione dei giallorossi che sfiorano immediatamente il pareggio ottenendolo al 35’ con un diagonale perfetto di D’Anna sugli sviluppi di un pregevole scambio tra Castaldo e Clemente. Dopo l’intervallo al 6’ c’è l’episodio che decide la gara: Clemente va giù in area sotto gli occhi dell’arbitro ed il signor Bolano di Livorno indica il dischetto dove lo stesso attaccante siciliano non sbaglia la realizzazione.

Bagna con un successo il ritorno nel proprio stadio il Figline che supera la Pro Patria mettendo a serio rischio la panchina di mister Manari. Si gioca davanti a circa 500 persone, tutte rigorosamente in possesso della tessera del tifoso e si tratta quindi della prima gara in Italia con queste modalità di accesso all’impianto sportivo. In campo Chiesa e soci si danno un gran da fare ed è proprio l’ex attaccante di Sampdoria e Parma a sbagliare un penalty ma è solo l’antipasto del gol che arriva al 40’ con Redomi. Nella ripresa Ripa fa uno ad uno ed a pochissimi minuti dal termine Frediano beffa Giambruno con un perfetto calcio di punizione che vale i tre punti.

Dopo una lunghissima astinenza il Como ritrova almeno la via del gol ma non basta per piegare un Pergocrema che porta a casa un meritato pareggio. Segnano Guazzo per i padroni di casa e Florean per la squadra di Rastelli che staziona sempre nei quartieri alti della classifica.

Tra Monza ed Alessandria sono i padroni di casa a fare la partita ma i tre punti prendono la strada del Piemonte soprattutto perché il forcing dei locali risulta improduttivo e si fa sentire in attacco l’assenza dello squalificato Iacopino. L’Alessandria fa davvero poco o nulla per vincere ma ha la fortuna di trovare il gol su autorete e poi stringe i denti fino al termine ottenendo un preziosissimo successo.

Si sveglia solo nella ripresa il Sorrento a Lecco dove i padroni di casa sono bravi a gestire quanto di buono seminato in precedenza difendendo senza troppi affanni la rete di Mateo. E’ sterile poi il possesso palla dei ragazzi di Simonelli che non vanno mai al tiro ed in contropiede il Lecco sfiora nel finale il raddoppio.

Deve ancora rimandare l’appuntamento con la prima vittoria una Paganese volenterosa ma poco incisiva. Per portare a casa un punto al Viareggio è sufficiente una gara ordinata e solo in un paio di occasioni i toscani devono dire grazie ai buoni interventi dell’estremo difensore Babbini.


fonte: realsports.it

Pubblicato il 13/10/2009 alle 21.45 nella rubrica 1a Div/A.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web