Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Sorrento, dopo le dimissioni di Simonelli, arriva Novelli - solosorrento.it

UFFICIALE: NOVELLI HA FIRMATO

Raffaele Novelli è il nuovo allenatore del Sorrento. Succede a Gianni Simonelli, dimessosi nella giornata di martedì. Ieri, Novelli, dopo i contatti dei giorni scorsi, si è incontrato con i dirigenti rossoneri a Pagani negli uffici della Gambardella Cash. Colloquio di qualche ora e poi l'accordo. Novelli è a Sorrento da stamattina: verrà presentato a stampa e tifosi alle 11 al campo Italia e poi dirigerà il suo primo allenamento. Dopo una lunga esperienza nelle giovanili della Salernitana, ha portato il Melfi ai playoff (in C2), poi prima squadra a Salerno in C1 (esonero), retrocessione in C2 col Manfredonia e poi il miracolo Foggia di un anno fa. Anche il destino ha voluto Novelli a Sorrento. Il suo storico secondo era il compianto Antonino Gargiulo, in estate tornato al club costiero per guidare la formazione Berretti e poi scomparso prematuramente qualche settimana fa.


LA CONFERENZA STAMPA DI NOVELLI

i quattro video a cura di Salvatore Russo, www.sorrentocalcio.com

 

NOVELLI: "VI SVELO IL MIO SORRENTO"

La firma, poi la presentazione, l’incontro con la squadra e il primo allenamento. Tutto in poche ore per Raffaele Novelli, il nuovo tecnico del Sorrento. È stato accolto dalla pioggia al campo Italia. “Bagnato e fortunato”. I tifosi lo sperano, la società pure. Novelli sorride perché ha sposato “un progetto serio a lunga scadenza”. Che passa dalla salvezza. Magari col bel gioco. “È gratificante stare qui – esordisce -. Sorrento è una piazza di grande cultura sportiva e sociale. Un club modello per il vivaio. Porto con entusiasmo il mio credo: organizzazione, intensità, umiltà e calcio propositivo. Da ora sono io l’unico responsabile tecnico: se ci sono problemi è tutta colpa mia”. Avrà al suo fianco Antonio Dell’Oglio. Un posto che poteva essere del suo storico secondo Antonino Gargiulo, l’allenatore di Sorrento scomparso un mese fa. “Ho tanta rabbia per quel che gli è successo – dice Novelli con gli occhi lucidi -. Ho perso un grande amico. Devo dimostrargli di essere all’altezza della squadra di cui era tifoso. Una persona dalla qualità morali uniche e che ha trasmesso i suoi valori, da sorrentino, ovunque”.

È uomo d’attacco Novelli. Il 4-3-3 è un punto fermo. “La squadra dovrà emozionare i tifosi perché la gente va al campo per divertirsi. La domenica si stacca la spina dai problemi e noi dovremo fare bene anche per questo. Il Sorrento morirà nella metà campo avversaria. Non dovrà mai avere il rimpianto di non averle provate tutte per vincere e divertire. Non potremo mai dire di essere stanchi. Lavoriamo meno di quaranta ore a settimana. Un contadino, ogni mattino, si sveglia alle cinque e si rompe la schiena”. Un vulcano di motivazioni. Novelli fa colpo. “Dovrò tirare il meglio dalla squadra. Rinforzi? Abbiamo già le qualità per salvarci. Se fosse necessario, però, la società è pronta. Ma è presto”. Ha firmato fino al termine della stagione. Sembrava dovesse farlo su un biennale ma “ho voluto così perché dovrò meritarmi la conferma con una stretta di mano – spiega -. La dignità è tutto, i soldi non cambiano la vita”. Un pensiero per il dimissionario Simonelli (“Un insegnante di calcio che stimo tanto”) e per i tifosi. “Fanno sacrifici enormi, meritano rispetto. Devono essere ripagati vedendo un Sorrento con cuore, gamba e gioco d’attacco. La C1 va difesa assieme. Le contestazioni? Le dobbiamo prendere bene perché fanno crescere”. Intanto, il ds Di Bari resta al suo posto. Nessun addio.

 

SALVATORE DARE

admin@solosorrento.itIndirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

23 ottobre ‘09
fonte: solosorrento.it

Pubblicato il 23/10/2009 alle 3.43 nella rubrica Sorrento.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web