Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Brusca frenata in vetta alla classifica per Novara e Cremonese, Viaggia a vele spiegate verso la vetta il Benevento di Acori - RealSports.it

Calcio Sampdoria - Semioli torna in gruppo
Calcio Iª Div. A - 13ª giornata: il punto

Brusca frenata in vetta alla classifica per Novara e Cremonese che non vanno oltre il pareggio consentendo al Varese di avvicinarsi al primo posto. Viaggia a vele spiegate verso la vetta il Benevento di Acori che ottiene contro il Figline la quarta vittoria consecutiva. Solo qualche settimana fa i giallorossi erano in crisi

Fonte immagine RealSports.it

di Alessandro Maglione

Nel girone A di Prima Divisione brusca frenata in vetta alla classifica per Novara e Cremonese che non vanno oltre il pareggio consentendo al Varese di avvicinarsi al primo posto.

I grigiorossi di mister Venturato non brillano in casa contro l’Alessandria e sono costretti quasi subito a rincorrere perché al 26’ Fantini porta in vantaggio i piemontesi. L’uno ad uno della Cremonese porta successivamente la firma di Guidetti in apertura di ripresa ed a nulla servono i ripetuti attacchi della squadra di casa ben imbrigliata da un’Alessandria ben messa in campo.

Si salva a Foligno l’altra capolista Novara strappando un pareggio a sessanta secondi dal termine. Come al solito i ragazzi di Fusi (espulso nel concitato finale di partita) si dimostrano sempre temibili quando sono di scena al Blasone pagando l’unica disattenzione difensiva quando i tre punti sembrano già in cassaforte. Serve un gran gol di Cavagna alla compagine di casa per fare secco Rossini ed in seguito il Foligno regge bene al ritorno di un Novara che pareggia con Rubino ottenendo comunque un punto prezioso.

Il solito Varese cinico e compatto gioca un brutto scherzo al Viareggio espugnando il campo dei toscani con il minimo scarto. Segna Ebagua nel primo tempo ed è quanto basta per consentire ai ragazzi di mister Sannino di vincere la partita e rosicchiare due punti alle battistrada Cremonese e Novara ora a sole due lunghezze di distanza.

Succede tutto nei minuti finali del primo tempo tra Arezzo e Pro Patria: il gioco su entrambi i fronti latita ma a pochi istanti dal riposo la gara si infiamma grazie alle reti di De Oliveira e Pacilli che fissano il punteggio sull’uno ad uno. A nulla poi servono addirittura le quattro punte mandate in campo nella ripresa da Semplici con il risultato che non cambia più.

Viaggia a vele spiegate verso la vetta il Benevento di Acori che ottiene contro il Figline la quarta vittoria consecutiva. Solo qualche settimana fa i giallorossi erano in crisi nera ma grazie all’ottimo lavoro svolto dal tecnico toscano i giallorossi sono riusciti a venire fuori da questa situazione complicata e possono guardare con grande ottimismo al futuro. Conto il Figline i beneventani disputano certamente la migliore gara casalinga dell’anno creando almeno sei nitide palle gol ma paradossalmente devono dire grazie ad uno straordinario Gori che nella ripresa difende con le unghie il gol di Evacuo.

Crolla il Monza a Lumezzane sommerso da una valanga di tre reti che rilanciano le ambizioni di classifica degli uomini di Menichini. Davvero irriconoscibile la squadra ospite apparsa con poche idee e senza molta voglia di lottare ed urge un repentino cambio di rotta per non complicare una classifica tutto sommato ancora tranquilla.

Un rigore a dir poco discusso priva il Sorrento della vittoria, sorride invece il Perugia pur ottenendo solo un punticino che potrebbe comunque mettere a rischio la permanenza di mister Pagliari sulla panchina degli umbri. Solo qualche settimana fa il presidente Covarelli aveva annunciato l’intenzione di prolungare il contratto al tecnico dei biancorossi, ma i deludenti risultati hanno fatto ritornare tutto in discussione. Al campo Italia il Perugia non brilla di certo e come detto serve un penalty di Bondi ad inizio ripresa per pareggiare la rete dei campani messa a segno dal giovane attaccante Saraniti.

Importantissimo successo interno per il Lecco che batte il Pergocrema e si attesta a ridosso della zona play-off. Non basta ai lombardi la nona rete del capocannoniere Le Noci che rimedia nella ripresa al vantaggio dei locali con Sau. La sconfitta arriva a cinque minuti dal termine facendo precipitare in piena crisi un Pergocrema ora quint’ultimo.

Non bissa il successo di Monza la Paganese che si fa battere in casa dal Como. I campani vanno a mille solo nel primo quarto d’ora quando si portano in vantaggio con Izzo ma poi la luce inspiegabilmente si spegne ed un ottimo Como mette a segno tre gol conquistando tre punti importantissimi in chiave salvezza.

fonte: realsports.it

Pubblicato il 18/11/2009 alle 22.51 nella rubrica 1a Div/A.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web