Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Il punto sul campionato - La terza giornata

http://www.lospallino.com/templates/joomla333/images/header.jpg

Martedì 07 Settembre 2010 07:50 | Scritto da Diego Stocchi Carnevali | 

IL GOL. Lo “squalo bianco”, al secolo Andrea Ferretti attaccante del Pavia è in uno stato di forma spaventoso (per gli avversari). Lotta, corre, pressa costantemente sul portatore di palla, un tormento continuo per i suoi diretti marcatori. Poi, come se fosse una cosa di poco conto, tira pure in porta e, dopo aver rivendicato a gran voce l'appartenenza del gol contro la Paganese, ne infila un altro di pregevole fattura contro lo Spezia confermando la sua innata capacità balistica. Chi lo fermerà? Speriamo la difesa della Spal. PAVIA-SPEZIA 2-1

L'EPISODIO. Galeotto fu il dischetto del rigore. Una settimana fa toccava all'Alessandria battere, su penalty, la Cremonese, stavolta invece è proprio un tiro dagli undici metri a condannare i grigi in quel di Lumezzane. Almeno sul campo. Perché intanto i piemontesi hanno fatto ricorso visto che i lombardi avrebbero schierato l'attaccante Fausto Ferrari (andato in gol) nonostnte dovesse scontare una giornata di squalifica dall'anno scorso: fosse così l'Alessandria vincerebbe 3 a 0 e nelle precedenti gare il Lumezzane vedrebbe togliersi altri due punti (troppo tardi per fare ricorso). Per la serie facciamoci del male da soli. LUMEZZANE-ALESSANDRIA 1-0 (da omologare)

LA COPERTINA. Il terzo gol personale che mette a segno Giacomo Cipriani per forza, precisione e gesto atletico è un qualcosa da far vedere e rivedere agli amanti del calcio: meraviglioso il quarto punto con cui la Spal soffoca una Cremonese troppo brutta per essere vera. Semplicemente stratosferico se consideriamo che prima ne aveva messi dentro altri due per una tripletta che rimarrà nella storia della Spal. E meno male che nell'intervallo non era stato neppure bene. Tutto lo “Zini” si alza in piedi per salutarne l'impresa applaudendo a scena aperta il ragazzo con grande sportività. Anche voi da casa. Tutti in piedi. CREMONESE-SPAL 1-4

LA DELUSIONE. Dopo la straripante prestazione di Verona dal giovane Como ci si aspettava la conferma nel derby contro il Pergocrema. Invece, come nella più logica delle tradizioni quando in campo ci vanno giocatori di ventuno anni di media, ciò che regna è l'assoluta mancanza di costanza. I lariani saranno la mina vagante del torneo. COMO-PERGOCREMA 1-1

LO STADIO. La Paganese fa due su due tra le mura amiche in un “Torri” che si annuncia sin da ora come l'arma in più per la squadra di Palumbo, desiderosa di raccogliere quanti più punti possibili per salvarsi senza patemi. Nella bomboniera salernitana, gli azzurrostellati si trasformano e riescono con il solito Tortori a battere un Bassano senza quattro titolari. Vincere qui non sarà facile per nessuno. PAGANESE-BASSANO 2-1

LA FIGURACCIA. Se qualcuno si fosse diretto al campo “Italia” con l'intenzione di studiare i meccanismi difensivi di entrambe le squadre, sarebbe senz'altro uscito con l'idea di non prendere spunto da nessuna delle due contendenti. Campani che vanno in vantaggio per due volte, poi la Reggiana recupera e riesce a farne addirittura tre prima di subirne a sua volta altre due. Zeman? No, lui non c'entra, era impegnato altrove (a Lanciano e a prenderne cinque per la precisione) ma sia Simonelli sia Mangone hanno fatto di tutto per rendergli un omaggio doveroso di cui i tifosi avrebbero fatto senz'altro a meno. SORRENTO-REGGIANA 4-3

COSI' DOMENICA. Match d'alta quota al “Paolo Mazza” tra la Spal e il Pavia, due delle tre capolista (in attesa di sapere le decisioni sul Lumezzane, che intanto sarà impegnato sul non impossibile campo del Pergocrema). Chi vince regala un primo strappo in testa alla classifica; inoltre, se l'Alessandria dovesse, come probabile, ottenere la vittoria a tavolino nella gara di domenica scorsa, in caso di vittoria interna contro il Como potrebbe portarsi clamorosamente davanti a tutti. Derby in posticipo notturno tra la Salernitana e la Paganese, il Verona cerca conferme al “Bentegodi” ospitando un Sudtirol che arriva da due sconfitte consecutive, mentre lo Spezia necessita di tre punti contro il Gubbio per dimenticare in fretta l'opaca prestazione di Pavia. Trasferta complicata per il Sorrento a Bassano con i giallorossi che meritano più della posizione in classifica attuale così come quella della Cremonese a Ravenna con la squadra di Baroni che ha l'obbligo di vincere e convincere dopo la Caporetto interna contro la Spal. Chiude la giornata la sfida del “Giglio” tra la Reggiana e il Monza: sulla carta i granata sono favoriti ma i brianzoli in trasferta, grazie alla dinamicità del reparto offensivo, sono squadra molto pericolosa

fonte: lospallino.com

Pubblicato il 9/9/2010 alle 17.58 nella rubrica Generiche.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web