Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

La Lega Pro è allo sbando: ecco chi sono i colpevoli...

Giuseppe Padula a TLP

22.05.2011 14:00 di Nicolò Schira   articolo letto 596 volte
      
© foto di Francesco De Cicco/TuttoLegaPro.com

"Tutto deve cambiare, perchè tutto rimanga com'è". La celebre frase, presa in prestito dallo scrittore Tomasi di Lampedusa che ne fece lo slogan del suo capolavoro letterario Il Gattopardo, riassume sinotticamente il pensiero del dirigente calcistico Giuseppe Padula - l'anno scorso al Legnano dove fu un degli artefici della stagione straordinaria dei lilla che arrivarono ad un passo dalla promozione in Prima Divisione nonostante le gravi vicessitudini economiche che portarono poi al fallimento della società lombarda - sui perchè anche quest'anno molte formazioni si trovino ad un passo dallo scomparire. Quest'anno poi l'esperienza al Como, interrotta in anticipo a causa di problemi familiari. TuttoLegaPro.com ha intervistato in esclusiva, telefonicamente, Padula per scoprire meglio, da un dirigente che ha vissuto in prima persona queste vicende, i motivi che puntualmente ogni anno portano sul baratro e al fallimento dozzine di società della Lega Pro.

Lei purtroppo, essendoci passato a Legnano, conosce bene la difficoltà che anche quest'anno attanagliano moltissime squadre di Lega Pro: come mai ogni anno la terza serie vede scomparire numerosi club? Chi sono i responsabili di questi crac?

"I primi colpevoli di questi fallimenti sono i presidenti, molti dei quali si improvvisano in questo ruolo senza nè arte nè parte e soprattutto senza disporre di capitali economici per poter allestire squadre competive e pur di continuare il loro "giochino" portano molte società gloriose sul lastrico. I presidenti poi sono colpevoli nell'aver trasformato il calcio nella succursale della politica; infatti anche nel mondo del pallone cambiano le denominazioni, variano le regole, ma nelle stanze dei bottoni ormai da sedici anni ci sono sempre le stesse facce, ovvero quei personaggi che stanno affondando il mondo del calcio portandolo alla distruzione. Qualcuno mi dovrebbe spiegare come mai la Lega Pro è l'unica serie professionistica senza sponsor e in cui il merchandising è ridotto praticamente a zero. Ci vorrebbero idee innovative e radicali con l'introduzione dei numeri di maglia che portrebbero i tifosi ad acquistare la divisa ufficiale della propria squadra, però con certa classe dirigente sarà impossibile uscire da questo sfacelo, anzi prevedo per quest'estate l'ennesimo bagno di sangue con decine di società che spariranno. Inoltre è inutile lamentarsi per la mutualità visto che chi dovrebbe difendere gli interessi delle compagini di terza serie è anche vice-presidente federale: le due cariche cozzano fra di loro, lì in Federazione bisognerebbe battagliare per tutelare gli interessi della Lega Pro, non sui giornali".

Per evitare questi tracolli societari a Firenze è allo studio una riforma dei campionati, che ne pensa?

"Questa è l'ennesima barzelletta: l'anno scorso si era detto stop ai ripescaggi al fine di snellire l'organico di squadre partecipanti alla Lega Pro. Una decisione puntualmente smentita nel giro di pochi mesi. Oltretutto le fidejussion per il ripescaggio sono state anche aumentate, questo episodio la dice lunga sulla coerenza della nostra classe dirigente".

Come si può uscire da questo buco nero finanziario nel quale sta precipitando il movimento della Lega Pro?

"La ricetta è semplice: i presidenti tornino a fare i presidenti e si circondino di persone che conoscono questo sport e l'ambiente del calcio. Bisogna finirla con personaggi improvvisati che cercano i calciatori sugli album delle figurine senza conoscerli minimamente. Serve professionalità, come dice l'avvocato Di Cintio, a partire dagli stessi presidenti che se non sono in grado di adempiere alle proprie responsabilità economiche è meglio che si facciano da parte. Le racconto una cosa per farle capire a che livello è precipitato il calcio italiano...".

Dica...

"Nel calcio di oggi se non hai uno sponsor importante rimani a casa. Ci sono moltissimi direttori sportivi validi a spasso, perchè molti faccendieri-presidenti preferiscono optare per diesse meno competenti, ma che portano sponsor e cash. Addirittura negli ultimi mesi sto notando come molte società stiano anche tagliando la figura del direttore sportivo per risparmiare. Queste situazioni sono assurde così come quelle di molti genitori che "sostengono" e "spingono", a partire dai settori giovanili, le carriere dei propri figli. Non bisogna meravigliarsi se poi il calcio italiano non sforna più talenti e si è nettamente impoverito rispetto allo scorso decennio".

A tal proposito l'introduzione delle regole giovani come la valuta?

"Le regole sui giovani per ottenere i contributi sono assolutamente disastrose, perchè mettono in evidenza giocatori under, molti dei quali se non facessero guadagnare soldi alle società non verrebbero neanche presi in considerazione. Mentre giocatori di spessore, ad appena 24 anni, sono costretti a ripartire dai dilettanti o addirittura dall'eccellenza pur di trovare un contratto. Per non parlare di gente come Monticciolo che l'anno precedente era stato il miglior centrocampista della Seconda Divisione ed è stato costretto a smettere, perchè ritenuto troppo vecchio. Ma l'esperienza non è più una qualità?".

Molti suoi ex giocatori del Legnano si sono trovati proprio in questa situazione...

"Mi stavo proprio riferendo ai miei ex giocatori: ho trovato incredibile che la scorsa estate molti di loro abbiamo trovato squadra soltamente l'ultimo giorno di mercato, ma è ancor più scandaloso il fatto che gente come Cilona, Furlan, Pontarollo e Leto Colombo sia rimasta a spasso. Per non parlare di Silva che è stato costretto a scendere addirittura in eccellenza, mentre i giovani che da noi facevano panchina hanno trovato tutti squadra immediatamente anche se poi sono scesi in campo con il contagocce e solamente per far guadagnare i contributi. Finchè saranno in età una società la troveranno sempre con queste regole, però fra qualche anno poi saranno costretti ad eclissarsi: le chiedo è questo il modo di fare calcio?".

Non tocca a me giudicare, però ci saranno anche modelli virtuosi in questo mondo calcistico?

"Certamente ce ne sono diversi, ma purtroppo rappresentano l'eccezione invece che la regola. Penso al Feralpi Salò, al Renate, al Pavia, al Monza, allo Spezia e al Lecco che ha un presidente appassionato e competente come Invernizzi. Tuttavia i blucelesti rappresentano anche lo specchio del calcio attuale dato che hanno speso il triplo del Renate che grazie un diesse abile e competente come Abate farà i Playoff, mentre il Lecco è già in vacanza. Poi ci sono casi come quello dello Spezia che invece avrebbe meritato l'approdo ai Playoff, eppure è rimasto escluso poichè chi governa il calcio dà credito a squadre come la Salernitana o la Pro Patria in Seconda Divisione che sono praticamente fallite e stanno falsando il campionato. Se dall'anno prossimo vogliamo avere un campionato più regolare la prima cosa da fare sarà quella di rivedere il metodo dell penalizzazioni che quest'anno non sono state affatto afflittive".

In chiusura una battuta sul suo futuro: quando la rivedremo all'opera?

"Sono stato contattato da un paio di società di Lega Pro e il mio desiderio è quello di rimettermi in gioco quanto prima, sperando che nel frattempo ai vertici del sistema qualcosa cambi. Altrimenti saremo alle solite in cui cambiano le denominazioni, cambiano le regole, ma le facce che ci comandano sono sempre le stesse e i risultati direttamente proporzionali: fallimentari".

fonte: tuttolegapro.com

Pubblicato il 22/5/2011 alle 16.35 nella rubrica Generiche.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web